Juventus - Lazio, l'addio di Chiellini alla Juve

Nella notte della tenerezza e della commozione per gli addii a Torino del Chiellini e Dybala, la Lazio strappa il pari con Milinkovic Savic con un gol a fil di sirena. La squadra di Sarri conquista così la certezza dell’Europa League. Con Chiellini se ne va un altro pezzo della storica Juventus, un ministro della difesa, un laureato ad Harward in difesa all’italiana. 17 anni di successi e di dolori, la volontà di non esasperare il tramonto e resistere cocciutamente senza motivo a un fisico che soffre sempre di più l’impegno continuo. Per Dybala invece la chiusura è un diluvio di lacrime e i rimpianti sono di tutti…

SERIE A 2021 – 2022

Giornata n. 37

Sabato 14 maggio 2022

Empoli – Salernitana 1-1

(31′ Cutrone E, 76′ Bonazzoli S)

Verona – Torino 0-1

(19′ Brekalo T)

Udinese – Spezia 2-3

(26′ Molina U, 35′ Verde S’, 45’+3′ Gyasi S, 47′ Maggiore S, 90’+4′ Mari U)

Roma – Venezia 1-1

(1′ Okereke R, 76′ Shomurodov R)

Domenica 15 maggio 2022

Bologna – Sassuolo 1-3

(35′ Scamacca S, 75′ Berardi S, 80′ Scamacca S, 90’+2′ Orsolini rig B)

Napoli – Genoa 3-0

(32′ Osimhen N, 65′ Insigna rig. N, 81′ Lobotka N)

Milan – Atalanta 2-0

(56′ Leao M, 75′ Hernandez M)

Cagliari – Inter 1-3

(25′ Darmian I, 51′ Lautaro Martinenz I, 54′ Lykogiannis C, 84′ Lautaro Martinez I)

Lunedì 16 maggio 2022

Sampdoria – Fiorentina 4-1

(16′ Ferrari S, 30′ Quagliarella S, 61′ Thorsby S, 83′ Sabiri S, 89′ Gonzalez rig, F)

Juventus – Lazio 2-2

(10′ Vlahovic J, 36′ Morata J, 51′ Alex Sandro aut. L, 90’+6′ Milinkovic Savic L)

***

CLASSIFICA

Milan 83 (37), Inter 81 (37), Napoli 76 (37), Juventus 70 (37), Lazio 63 (37), Roma 60 (37), Fiorentina 59 (36), Atalanta 59 (37), Verona 52 (37), Torino 50 (37), Sassuolo 50 (367,  Udinese 44 (37), Bologna 43 (37), Empoli 38 (37), Sampdoria 36 (37), Spezia 36 (37), Salernitana 31 (37), Cagliari 29 (37), Genoa 28 (37), Venezia 26 (37)

***

PROSSIMO TURNO

Ultima Giornata n. 38

Venerdì 20 maggio 2022

Torino – Roma 20.45

Sabato 21 maggio 2022

Genoa – Bologna 17.15

Atalanta – Empoli 20.45

Fiorentina – Juventus 20.45

Lazio – Verona 20.45

Domenica 22 maggio

Spezia – Napoli 12.30

Inter – Sampdoria 18.00

Sassuolo – Milan 18.00

Salernitana – Udinese 21.00

Venezia – Cagliari 21.00

***

Una notte di gol e saluti. Nella grande sera di commozione dell’addio di Chiellini e Dybala alla Juve, la Lazio approfitta del clima intenerito per rimontare due gol alla Juve. Una vittoria in più alla Juve non cambiava molto, sempre quarto posto è, un pareggio in più strappato con cocciutaggine dalla squadra di Sarri con il gol di Milinkovic Savic, pochi secondi prima del fischio finale dell’arbitro, significa invece la certezza dell’Europa League.

  Dice Giorgio Chiellini che la sua immagine simbolo è quella di lui in campo con la testa fasciata. Perché a un certo punto della partita evidentemente la sua testa dura l’aveva messa a contrastare un’altra testa quando andava bene, o la suola di scarpino quando andava male. Chiellini è uno che, juventinità e profonda appartenenza bianconera a parte, tutti avrebbero voluto nella propria squadra. Per l’applicazione, la passione, il coraggio, la sua capacità di buttarsi ovunque nelle mischie più pericolose o svettare nell’area opposta alla ricerca dell’inzuccata.

  Non ha combattuto oltre misura Giorgione contro i dolori e gli acciacchi dell’età, le mille contusioni dei suoi duelli aerei, i lividi, le ginocchia e i piedi segnati dalle ferite e alla fine di ogni partita le fasciature, la borsa del ghiaccio, il ritorno a casa zoppicando, tutti i giorni dopo trascorsi trascinandosi. Questo gli fa onore e lo rende ancora più umano e simpatico.

  Giorgio Chiellini è stato ministro della difesa, Mourinho disse che Buffon, Barzagli, Bonucci e Chiellini erano “professori ad Harward di difesa all’italiana”. E’ stato un grande difensore, espressione della miglior scuola italiana, stopper o terzino sinistro come si diceva una volta. Nella miglior versione del calcio moderno, anche quello che avanza palla al piede e imposta il primo lancio: se proprio devo essere onesto, ci sono stati anni in cui si è ecceduto con l’incedere da centrale o esterno di Chiellini palla al piede. Ma indubbiamente il principale pilastro della difesa bianconera e della nazionale.

  Giorgio Chiellini segna l’ultima epoca della Juve con 17 stagioni in bianconero, 559 partite, 10 scudetti e anche della Nazionale italiana con il trionfo nell’ultimo campionato europeo vinto a Wembley un anno fa. Quando arrivò lui alla Juventus era proprio un’altra epoca: c’era Capello in panchina, e poi Buffon, Cannavaro, Thuram, Del Piero, Nedved, Marchisio, Camoranesi, Trezeguet. Il grande cruccio è non aver vinto la Champions League, ma tantissimi grandi calciatori si portano dentro la propria incompletezza che in fin dei conti li fa umani e ce li rende più vicini.

  Uomo intelligente, di grande applicazione, ha diligentemente intrapreso da calciatore studente laureato in Economia e Commercio e Business Administration, un percorso da dirigente moderno. Insomma, se tutto fila secondo i programmi, ha una poltrona prenotata accanto ad Andrea Agnelli.

  Al minuto 17 di uno Juve-Lazio già indirizzato dal gol di Vlahovic, Chiellini è uscito facendo commuovere lo stadio della Juve e anche tutto il calcio italiano cui in fin dei conti appartiene. Matthijs De Ligt è il suo erede, ma Giorgione Chiellini mancherà sicuramente alla Juve. Come pure forse la classe e il genio non sempre espresso del più giovane Dybala che ha salutato il pubblico in un diluvio di lacrime.

  Quel meraviglioso nasone storto di Chiellini, ferito e gonfio per i colpi, portato orgogliosamente come una bandiera, fa già nostalgia.

***

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

SOCIAL BLOOOOG!

WHATSAPP BLOOOOG! (numero dedicato)

+39 351 7262156

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTRAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTRAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

Twitter per Bloooog!

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

***

Seguimi anche su:

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
451 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

malandragem

Nicola Romano

Grande Otis Redding .per me il re del soul , che dopo la sua tragica dipartita, ha preso una via troppo melodica alla Marvin Gaye .

malandragem

Mi fa piacere tu condivida anche la passione per la soul music

Uno dei grandissimi sicuramente, fratello Otis, insieme a Sam Cooke, Wilson Pickett, Curtis Mayfield, Smokey Robinson e Marvin Gaye stesso che tu citi, che non era o è stato esclusivamente “melodico” (se intendi con ciò dire “ballads” o “lenti”)…dopo il ’67 si afferma anche il sound molto tirato e torrido della Stax ad esempio, si sviluppa il funk…

Di sicuro c’è stata una golden age a cavallo di quegli anni, ma la buona musica soul non è certo morta dopo Redding; piuttosto direi che ha rischiato di morire nell’imbastardimento disco del funk dalla metà dei 70’s in poi

Ermenegildo Segna

Ma quanto è bella: “A Change Is Gonna Come” di Sam Cooke

malandragem

vertici di eccellenza direi, tra melodia, orchestrazione, voce…

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Mi avanza tempo per completare la risposta, dico solo che mi pare abbia prevalso una linea più melodica alla Marvin Gaye, che ovviamente ha cantato anche brani ritmati, come la splendida Sexual healing , adire il vero non proprio scatenatissima .

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Non hai citato nessuna donna , io almeno Aretha Franklin e Etta James ce le metterei, la settimana scorsa non ho partecipato al dibattito sui grandi bluesmen , in cui non sono ferratissimo, tra questi metterei anche Ike Turner , e gli anelli di congiunzione tra Blues e Rithmn and blues (in pratica il rock’n roll ) cioe’ Big Joe Turner, Roy Brown e Winonie Harris ,tanto per citare i principali ,saluti .

malandragem

e visto che oggi sono in vena, lascio anche questo capolavoro del 1972 delle Pointer Sisters, che aiuta a capire che differenza può fare interpretare un genere piuttosto che un altro…

malandragem

hai ragione, ho citato solo nomi maschili e quanti ne ho omessi (Joe Tex, Solomon Burke, James Carr, James Brown…)

Aretha Franklin e Etta James ma anche Tina Turner, Mavis Staples, Irma Thomas, Nina Simone…e anche qui quante altre sarebbero da citare…

anacleto sarcazzo

motown sound baby <3

malandragem

♥ 🔝🔝🔝 capolavori sinfonici di composizione, arrangiamento e orchestrazioni magistrali uno via l’altro…

variante del dragone

aprop di censure, ieri ho risposto alla lenzuolata postata da Frattini con un post in cui non credo abbia scritto qualcosa di offensivo;
atteggiandomi a Pound (sarà per questo? il Censore avrà pensato che fosse un Comunicato di Casa Pound?) gli suggerivo di mantenere il testo da Menu… a LOGIN → tagliando il resto e di intitolare l’Opera The Waste Blog;

Sdenko

Ma che razza di finale….. Non c’è confronto con quella tra Villarreal e Manchester Utd dell’anno scorso, sicuramente quella di Conference sarà meglio. Gli scozzesi, improponibili ad alto livello, i tedeschi appena appena meglio, mi pare incredibile che il Lipsia non sia arrivato in finale, lo stesso la Dea, che in un’annata sfortunata ha avuto tutte le sfighe compresa quella di incontrare il Lipsia quando quella era al top. Questa finale valorizza i meriti della serie A, in Italia quest’anno si è giocato molto meglio

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Il Barcellona ha strasbancato il San Paolo, i Rangers hanno eliminato il Lipsia, Eintracht (n 11 in Bundesliga ) ha eliminato il West Ham che ha eliminato il Lione ,che ha eliminato il Porto, che ha eliminato (con onore ) la Lazio, che al mercato mio padre comprò, poi certo le improponibili sono le finaliste, bah ! .

Lazio Caput Mundi

Improponibile è il pathos del torneo, giocano come in allenamento, tranne le scartine. La differenza la vedremo a Tirana, dove il pathos non mancheràh…àh…àh…

La devono portare al Circo, nun me ponno fa’ ‘sto torto!

Mordechai

Come no proprio meglio, i risultati lo dimostrano.
I Rangers hanno messo sotto proprio il Lipsia, i tedeschi hanno sbancato Barcellona.
Cosa vuoi che sia…

TurinTurambar76

Mi sa tanto che Ramsey tornerà all’ovile

Ermenegildo Segna

7FD66757-20AD-4B54-A78B-11CCD3199298.jpeg
Ueppa

🤣🤣🤣🤣🤣🤣

ConteOliver

ti dirò che al 118°, quando l’hanno fatto entrare appositamente per battere il rigore, ho sperato che segnasse quello decisivo e, per amore romantico dell’impresa, gli scozzesi lo confermassero

poi, dopo un nanosecondo, sono tornato razionale e mi sono ricordato che stavamo parlando di un rottame che, anche nel modesto torneo scozzese, ha fatto cagare tutte le pochissime volte che è stato arruolabile

il rigore sbagliato incide zero: il “reso” era deciso da tempo e non credo che, anche avesse segnato il gol vittoria al 119°, sarebbero stati così pirla da tenerselo

Gipo

Ne sarei contento, non fosse altro che per metterlo in tribuna per un anno

astainvista

Bel colpo d’occhio sugli spalti. La cosa più interessante della partita è stato il rigido rispetto del dress code da parte dei tifosi delle due squadre. Per il resto, si era a livello di quinta serie europea. A Tirana vedremo l’ultimo stadio, anche se il paraculo portoghese senza vergogna che ha fatto sprofondare la Roma ai livelli più bui di 12-13 anni fa, si è paragonato a Carletto in finale di Champions.

Il dubbio

L’eroe del J Medical ha colpito ancora. Grandissimo.

Bombaatomica

Sto guardando con estremo disinteresse la finale di Europa Ligh tra Aintract e Rengers.
Due squadre di uno squallore unico.
La prima è 11esima nel campionato tedesco. Là seconda e’ seconda su 10 squadre, ma trattasi di un campionato di infimo livello.

Più ci penso e più mi incazzo.
Ma non ci poteva stare la LAZIO a giocarsela se fossimo stati meno cojoni?

Quest’anno, Cempions Ligh a parte, sono arrivate in finale di Coppa delle pippe immani.
Mi ricorda un po’ la finale di Coppa Campioni a Bari tra Stella Rossa e Olimpic Marsiglia (si, la Fatal Marsiglia di quando Galliani scese in campo con lo spolverino bianco facendo uscire la squadra dal terreno di gioco perché perdeva e facendo fare una figura di merda mondiale al Milan 😂😂).

Non parliamo neanche della Mitropa Cup di mercoledì prossimo. Qui stiamo proprio al livello di scapoli e ammogliati 😂😂😂

Modifica il 4 mesi fa da Bombaatomica
convenevole da prato al secolo Nicola Romano

A Bo’ nun me fa ripete tutte le squadre che ha eliminato l’Eintracht .

Bombaatomica

Fammi l’elenco e controbatto punto su punto

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

L’ho fatto sopra , adesso nun cio’ tempo che è pronta aa cena .

Bombaatomica

Eintracht? Lione? Porto? Lipsia?
E queste sarebbero le corazzate europee?
Siamo ridotti male, allora….

Porto a parte, stiamo parlando di squadre che navigano intorno al decimo posto.
E abbiamo visto come il Porto ha sculato il passaggio del turno con una LAZIO che ha preso 3 pali, 2 gol annullati, 482 tiri in porta con miracoli a ripetizione del portiere.
Aho, er giorno dopo l’hanno portato in processione a Fatima 😂😂😂😂

Modifica il 4 mesi fa da Bombaatomica
Mordechai

Bombè, siete andati a cuccia da quel dì…
Punto, tutto il resto (cantava Califano) è fuffa.

ConteOliver

da questo commento dubito fortemente tu sia veramente un laziale

i tifosi della Lazio sono mediamente intenditori di football a 360° e poco inclini alla polemica pretestuosa

la Stella Rossa, quella Stella Rossa, era una squadra semplicemente mostruosa
Stojanovic
Jugovic
Prosinecki
Mihajlovic
Pancev
Savicevic
Binic
Lukic
Tosic
Marovic
il rumeno Belodedici

e che dire dell’OM?
JPP
Chris Waddle
Abedì Pelè
Amoros
Germain
Casoni
il brasiliano Carlos Mozer

secondo me sei un interista travestito (o magari altro), ma questo commento è la prova provata che non puoi essere un laziale

Modifica il 4 mesi fa da ConteOliver
Bombaatomica

A Conte, mi parli di Pancev?!!! QUEL Darko Pancev?!!! Ma per favore…..
2/3 campioni ce l’ha pure la LAZIO ma non mi pare che arrivi in finale di Cempions.

Diciamo che fu una serie di condizioni favorevoli (o botte di culo, qualsivoglia chiamarle 😂) che si verificarono tutte insieme in quella stagione.
Un po’ come la finale di Europa Ligh di quest’anno.

Due squadruccette….

Modifica il 4 mesi fa da Bombaatomica
Mordechai

… che se beccano la Lazio, la trebbiano.

L'ESORCISTA

Voto per “l’altro”, magari trattasi di cazzarum de li castelli.
Una specie che ancora sopravvive.

Claudio Mastino 62

Caro Conte, perfettamente d’accordo con te, la Stella Rossa
ed il Marsiglia di quella finale erano due grandi squadre, piene di giocatori talentuosi, il meglio del calcio europeo all’epoca .
La squadra di Belgrado aveva il genio montenegrino, fuoriclasse assoluto, purtroppo però con i muscoli di seta, il campione croato Prosinecki ed altri giocatori fortissimi, in più un ottimo allenatore di cui al momento non ricordo il nome che sfruttava al massimo le potenzialità della squadra e le caratteristiche dei giocatori attuando un 4-4-2 con
Dejan Savicevic seconda punta e
Darko Pancev punta centrale.
Da parte sua il Marsiglia aveva un certo Chris Waddle, uno dei miei giocatori inglesi preferiti insieme a Gazza, a Scholes, a Gerrard, a Lampard ed a Rooney,
l’unico in grado di far venire il mal
di testa a Paolo Maldini quando si incontravano la nazionale inglese e quella italiana, ed aveva
anche altri ottimi giocatori.
Un saluto e non ti curar di loro ma guarda e passa.

R.T.

Ciao Conte , sai che non ricordavo tutta quella bella gente alla Stella Rossa… bravo anche l’allenatore ad assemblarli così bene.
Ancora adesso mi chiedo se Darko Pancev giocava bene e segnava tanto grazie a quei campioni o se era uno scarso che messo a giocare a Milano con altre pippe come lui,( o magari sarà stato l’ambiente metifico?) mi ha procurato momenti di divertimento che fatico a dimenticare.

Per ” par condicio”, così gli interisti si incazzano di meno , dico che anche noi B/N siamo riusciti a prendere delle buone sole in attacco (es. Jan Rush) ma comunque mai a quel livello.🤭
Buona giornata

Modifica il 4 mesi fa da R.T.
ConteOliver

secondo me un po’ di entrambe

a Belgrado era circondato da gente come Prosinecki e Savicevic, che col pallone colpivano una monetina a 50 metri, in un ambiente tendenzialmente sano

a Milano era un ricettacolo di pippe sopravvalutate (tipo Bianchi, Fontolan o i f.lli Paganin), peraltro in quell’ambientino lì, tutt’altro che sano…

😆

Mordechai

Bombè, chi ha vinto ieri ha pure messo sotto il Barcellona. A casa sua. Fatelo pure voi, poi ne riparliamo.

Bombaatomica

Questo Barcellona giusto er Napoli poteva prendere a pallonate…

Mordechai

Voi a Barcellona, manco vi fanno scendere in campo.

TurinTurambar76

Fu qualche anno dopo

e quella finale era piana di talento

ps voi festeggiate due volte una quando andate in Europa due quando uscite per risparmiare energie per il campionato

OCKHAM

Le notizie sui ventilati acquisti di Perisic, Pogba e De Maria mi stanno complicando digestioni e sonno. La Juve una RSA? Altri pensionati d’oro a spasso per Torino? Mamma mia….ma cosa ha preso A.A?

Mordechai

Pogba ha 29 anni. Non è Matusalemme, dai. Gli altri due, in effetti…

OCKHAM

Se verrà vedrai che farà il pensionato d’oro anche lui, è sovrappeso, non ha pià voglia di faticare, sennò le squadre inglesi non lo avrebbero trascurato.

Mordechai

Non è che le squadre/società inglesi siano esenti da errori…

Il dubbio

Bocca, Lei non ha ricevuto notizie sul processo a cui si era appellata l’accusa dopo aver preso la tranvata sui denti nel processo di primo grado? Si, insomma, il Processo d’Appello sul caso plusvalenze? Si ricorda il caso che stava in prima pagina un giorno si e l’altro pure con titoloni TAJ a ruota libera? Mi pare che anche Lei gli avesse dedicato un intero thread…
Io ho cercato su tutti i media RCS e associati, compreso il suo ex giornale, ma per trovare qualcosa bisogna appellarsi alla Madonna… Sa come è andata a finire?

Lo spiega Lei a @Nicola Romano, come funziona nella realtà ?

Modifica il 4 mesi fa da Il dubbio
Nicola Romano

Mamma mia che brutta aria qui dentro , ma possibile che la vita vi va così male ? .

Il dubbio

Nico’, ma quale brutta vita? Sorridi, su! Ma non vedi che anche i giornali e i programmi-TV sportivi soffrono delle tue stesse amnesie? Tu non lo sai, ma potresti presto dirigerne uno…

Bombaatomica

Avete ingrassato gli avvocati di mezza Torino, in tutti questi anni.
Aho, le statistiche indicano che la percentuale di apertura di studi legali nel capoluogo piemontese sia aumentata del 1000% dal 1897. Chissà’ perché 😂😂
Persino eminenti sociologi brancolano nel buio su questo mistero 😂😂😂

Modifica il 4 mesi fa da Bombaatomica
Il dubbio

Si aggiorni ragioniere, in realtà a Milano la concorrenza è a livello da call center…
Ossequi

L'ESORCISTA

Per Spiegare qualcosa a Nicola Romano bisogna chiamare un ipnotizzatore.
Fidati è l’unica, non sa allacciarsi nemmeno le scarpe.

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Esy ,lo sai che mi dispiace farti rimanere male ,perche non ti rispondo mai a tono, se vuoi qualche volta posso farlo, ma solo per farti piacere, ciao zanzarone .

Mordechai

Pure io, per inciso, preferisco dei pratici mocassini.

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

In effetti ha ragione, me li faccio allacciare dalla badante .

Mordechai

A chi lo dici, pure io faccio lo stesso, così occhieggio le tette nella scollatura…
🙂

Nicola Romano

Evidentemente hai una badante giovane, beato te e .

CoCa1969©

Niente, il Bloooog sta (s)cadendo ancora verso il basso, tra sbeffeggi pesanti, insulti, livori nuovi & antichi, troll…

Spero solo che, dopo l’ultima giornata, si parli un po’ più di calcio, chiunque vinca (e mi gratto ampiamente).

Saluti a tutti.

2010 nessuno

Ciao CoCa, no, non ti illudere,pure se ci mettessimo a scrivere dei raccattapalle verrebbe fuori la stessa musica

Tiziano

è tutta scena, in realtà vogliono evitare di parlare del grande ritorno del Gianpaolismo di domenica scorsa.

Nicola Romano

E a vere’ chi te sent ( sapessi chi ti ascolta, quanto ti capisco ) .

astainvista

Scusa, ma comincia tu a parlare di calcio, vieni qui solo a fare rimproveri?

A me avevi addirittura (paradossalmente) dato dell’interista solamente perché facevo notare la lunga lista Var a senso unico a favore dell’Inter, cosa che poi, alla seconda Juve-Inter farloccata, andava bene a tutti, perfino all’Utente di Qualità del Blog… Si parla di quello che c’é nel piatto, tra un po’ si parlerà solo di mercato…

CoCa1969©

Ciao, a parte che – visto quello che leggo qua dentro – penso che “fare rimproveri”, come mi dici tu, sia il minore dei mali, anche perché mi pare di non offendere nessuno; se poi ti senti chiamato in causa, tanto da rispondermi in questo modo, forse hai anche un filo di coda di paglia.

In seconda battuta, mi stupisco di aver esternato quanto mi dici e mi piacerebbe – com’è d’uso – chiederti un link, un print screen o una qualsivoglia prova di quando ti avrei dato dell’interista su una lista di errori, in quanto non solo non è mia abitudine rispondere in tal guisa ma anche perché evito, da sempre, polemiche su arbitri, VAR e quant’altro ma onestamente manco lo faccio anche perché presumo che questo thread
andrà nel mio dimenticatoio personale.

In ogni caso, proprio per quanto ho scritto, solitamente entro qua a parlare di calcio, quello giocato, cosa che faccio da anni (oltre a volte a zuzzerellare su argomenti a piacere ma che esulano dalle sterili polemiche arbitrali o VARistiche); ed è proprio per questo motivo e perché in fondo mi piace questo posto che – a volte – esterno il mio disappunto per la deriva che alcuni thread prendono.

Se da fastidio questo mio modo di esprimermi, c’è sempre la modalità “salta questo e leggi il prossimo post” per tutti: di certo, non vengo a scusarmi per quanto scrivo in quanto sono certo di non aver portato alcunché di male né di aver leso alcun senso del pudore o oltrepassato la decenza.

astainvista

Ma per me puoi fare quanti rimproveri vuoi – figurati! -, non mi dà nessun fastidio. Mi chiedevo solamente come mai, dato che tanto spesso te li ho visti fare (sullo scadimento del blog o sulle opinioni di altri utenti, ma non nel merito come sarebbe normale fare, quanto dal punto di vista formale), perché non venissi invece a parlare di calcio come reclami. Mi sono gustato tuoi divertentissimi post sui “personaggi” del blog e sulla sua “semantica” (interventi che spero replicherai, aggiornandoli), meno spesso digressioni riguardanti il calcio giocato, colpa mia se me le sono perse. La coda di paglia la puoi attaccare a tanti del blog, ma non credo a me, che semmai sono troppo diretto. Ciao

Il link che chiedevi è questo: 

CoCa1969©
 Rispondi a  astainvista
 12 giorni fa

Sei un interista e ci stai prendendo per il naso, vero?
Non si spiega altrimenti…

CoCa1969©

SONO STATO HACKERATO!
No, scherzo… in tutta onestà non ricordo quel post, probabilmente ero ironico ma se l’hai trovato offensivo ti chiedo scusa.
Non intervengo molto sul calcio giocato perché oramai vedo una partita al mese, forse, e non amo parlare senza cognizione di causa per cui mi limito a leggiucchiare un po’ qua e ci resto un po’ così quando vedo troppe “schifezze” ; probabilmente è un problema mio… Cercherò di esternarlo il meno possibile. Prometto.
Ciao

Laura

CoCa1969
Ciao Corrado, parlando un attimo di cose serie ed importanti tu per caso sei in contatto con @radarista fuori dal blog? È da un po’ che non lo leggo qui. Grazie.

Vipe

Laura manca “ho” ma si capisce uguale.

Vipe

Laura,
Non la prima volta che qui si chiedono notizie di Rada.
Glielo fatto sapere.
Occorre aspettare.

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Va bene è già qualcosa .

Laura

Grazie Vipe, spero solo che vada tutto bene. Buona giornata

Bombaatomica

Bravo Coca-Co’!!!! 👏👏👏

So du anni che lo ripeto: nel Bloooog serve gente pacata, sportiva ed equilibrata. Proprio come me, li mortacci loro 😂😂😂😂

L'ESORCISTA

Mi spiace ma dobbiamo regolare i conti, e dopo i 1000 post sul fallo di Pjanic ne farò 1000 io sulla vergogna dell’Olimpico.
Il vantaggio di non aver vinto un cazzo sta nel potersi lamentare delle ingiustizie, per nove anni ne abbiamo sentite di ogni, l’anno scorso tregua, quest’anno guerra senza quartiere.

luigi.iannelli

Sì però per 9 anni avete sempre vinto, quindi era lecito lamentarsi delle ingiustizie. Il fallo di Pjanic per esempio, se n’è già parlato?
😂😂😂

ConteOliver

non mi risulta
non mi sovviene
😆

L'ESORCISTA

🤔

TurinTurambar76

Ne dubito

L'ESORCISTA

@Bomba, quando parli tu di combine e partite rubate è come quando Totò Riina in tribunale accusava un tizio di avergli fregato le sigarette.
Dacci un taglio che l’unica squadra in Italia che avrebbe meritato la radiazione è la tua. Vi è andata sempre bene perché pure se siete quattro gatti, avete tra le vostre file gente veramente pericolosa e in Italia la paura vince sempre.

Nicola Romano

Esy hai ragione, si vocifera che sia coinvolta anche la CIA .

Bombaatomica

Dichi?
Però quando c’è stato da acchiappa’ la LAZIO e di mandarla in serie B per reati compiuti da alcuni suoi giocatori, tutti zitti, eh?
Ha pagato la Società’ per fatti non commessi.

E’ un po’ come se tu lavorassi come sturacessi alla Continassa 😂😂 Poi dai de matto, fai una rapina in banca, la Pula te se beve e, oltre a te, paga pure la Juventus.
Ti pare logico?

La LAZIO fu vittima non carnefice!

L'ESORCISTA

Bomba lascia perdere so cose complicate dda capì, vatte a magnà un panino co a porchetta e bevite na bira gelata vedrai che dopo un po’ riprenderai ad esprimerti come meglio te riesce

Rosario Frattini

Nel 2014 sul vecchio blog scrissi una serie di pezzulli dedicati ai nostri calciatori che partivano per il Brasile. La serie la chiamai una nave verso il Brasile e mi immaginai che gli avi dei nostri giocatori per un motivo o per l’ altro si trovarono a partire per il Brasile. Uno dei pezzi lo dedicai a Bakunino Chiellini, una storia di Montanari rudi ed anarchici utopisti.

Menu di navigazione
CONTENUTI PER GLI ABBONATI
GEDI SMILE
SEZIONI
Commenti
Cronaca
Cultura
Design
Economia
Esteri
Giochi
Green&Blue
Il Gusto
Londra
Moda e Beauty
Mondo Solidale
Motori
Podcast
Politica
RepTv
Rubriche
Salute
Scienze
Scuola
Repubblica@Scuola
Robinson
Serie Tv
Spettacoli
Sport
Tecnologia
Vaticano
Viaggi
Roma
Milano
Bari
Bologna
Firenze
Genova
Napoli
Palermo
Parma
Torino
SPECIALI
Oncologia
Salute Seno
Giochi senza barriere
Europa, Italia
Repubblica dei cavalli
INSERTI
Affari&Finanza
D
Il Venerdi
L’Espresso
Robinson
SERVIZI
Annunci
Aste
Giochi e Scommesse
Guida Tv
Ilmiolibro
Lavoro
Meteo
Necrologie
Oroscopo
Repubblica +
Joy.it
Consigli.it
Dizionari
Ricette
Newsletter
Redazione
Scriveteci
Skip to content
Bloooog!
Bloooog!Il Bar Sport di Repubblica.it
CIAO
LOGIN →

27 MAGGIO 2014 – 12:18
Storie azzurre, in viaggio verso il Brasile con molta fantasia. Quando gli avi di Chiellini incontrarono Bakunin…
10 commenti

Storie azzurre per Bloooog!Rosario Frattini, assiduo frequentatore di Bloooog!, ha scritto delle storie che hanno per ispirazione alcuni calciatori della nazionale ormai pronta per i Mondiali. Sono storie di assoluta fantasia che vengono molto da lontano e da tempi molto antecedenti ai nostri, ogni riferimento a cose o persone è puramente casuale.

****

di ROSARIO FRATTINI

Antefatto

A Napoli, su una bancarella di libri usati a Port’ Alba, ho trovato uno scartafaccio, molto rovinato e spesso illeggibile. Ho dovuto usare pazienza per leggerlo tutto e certe pagine le ho capite solo usando la deduzione logica che neppure Sherlock Holmes. Vi ho trovato delle storie che, come tutte le storie, sono un po’ vere, un po’ ricordate, un po’ possibili, un po’ immaginate.

CAPITOLO 1

Bakunin Chiellini

fabbri, foreste,

e un antico viaggio

in stiva in Brasile

Non si viveva bene, lì sulle montagne dove si stava noi. Poca terra da lavorare, boschi che davano poco e su quel poco c’ era sempre un marchese o un piovano che volevano la loro parte che era pure quella maggiore. Diceva il mio babbo: “ se si facesse a metà, codesti pure prenderebbero la metà più grande”. Però si poteva campare facendo i boscaioli, i carbonari, raccogliendo, andando a caccia, che era proibita però se ti sorprendevano non ti tagliavano il naso come i vecchi dicevano facessero ai tempi antichi. All’ epoca del babbo del mio babbo bene o male i gendarmi parlavano come noi, quelli delle tasse pure, anche se venivano di città, e col marchese ed il piovano di turno ci si aggiustava. Si campava di merda comunque e c’ era chi ingrassava, a spese nostre diceva il babbo. Poi vennero carabinieri, agenti delle tasse e quelli che ci mandavano a militare, che noi prima non sapevamo proprio cosa fosse, che erano di un nuovo governo e di un nuovo Re, dopo che il Granduca che stava a Firenze lo avevamo cacciato. In verità erano tutti un po’ bischeri però erano anche carogne assai.

chielliniCoi marchesi, conti e baroni si misero d’ accordo facilmente e chi continuò a prendersela nel culo fummo noi, povera gente. Diritti che i paesi avevano sui boschi, sulla raccolta, sull’ acqua se li prese il nuovo Governo che li rivendette a tre soldi ai signori e noi o si andava a giornata o un quattrino non lo vedevi: ma di giornate ce n’ era poche. Qualcosa si smosse quando cominciarono a costruire la ferrovia che tagliava la montagna e andava verso il mare, a Pisa o Livorno. Lavoro ce n’ era da fare, ma che lavoro.

In montagna, dove non c’ erano strade, bisognava portare su tutto a spalla, legno e acciaio per traversine e binari. E bisognava scavare le grotte e farle rimanere in piedi, che non sempre succedeva e crollavano perché neppure i professoroni e gli ingegneri che venivano, studiavano, e scavavano sapevano bene con che cosa avevano a che fare, e i ponti di legno non si reggevano e le gallerie crollavano e a volte le mine erano troppo potenti e oltre alla montagna spaccavano un bel po’ di cristiani. E i signori rubavano quel che potevano, al Governo, alle ferrovie, a noi morti di fame.

Il mio babbo e noi di famiglia si era fabbri ferrai e avevamo da lavorare, non molto perché tutto quello ch’ era di ferro e acciaio arrivava pronto, da fabbriche che chissà dov’ erano, però lamentarsi non era il nostro mestiere: si picchiava duro sull’ incudine e si andava avanti. Però non tutti erano così. A qualcuno gli si girarono gli zebedei a veder la gente che moriva sui cantieri a decine e gli altri che lavoravano sì tutti i giorni ma ad una paga che era più bassa dei braccianti a giornata.

Briganti da noi ce n’ era sempre stati, la montagna e il bosco erano il loro mondo. Dopo un po’ che si costruiva la ferrovia qualcuno posò il piccone e imbracciò lo schioppo e li chiamavano banditi, e i carabinieri gli stavano dietro ma se li volevano prendere dovevano comprare la loro testa da qualche altro disperato o imprigionare le donne di famiglia per farli consegnare.

Poi vennero in giro una strana specie di predicatori. Il loro capo era un tipo alto, grosso e barbuto, che chiamavano Bakunin. Come i preti dicevano che volevano verità e giustizia ma non quando si era morti che solo allora i ricchi che ingrassavano se la sarebbero vista con Nostro Signore, che poi per due messe li avrebbe pure perdonati. Noi poveracci si bestemmiava, si fornicava, si moriva di fame, ci si confessava ma all’ inferno saremmo finiti perché danari per le messe non ne avevamo. Quindi giustizia subito, e se c’ era da conquistarla con le brutte meglio, che i conti si chiudevano una volta per tutte. Anarchia lo chiamavano il mondo libero che ci dovevamo conquistare con le bombe se del caso e parlavano di rivoluzione che alla gente faceva venire in mente i giacobini. In verità alla ferrovia si cominciò con la richiesta di un soldo in più al giorno per i lavoranti e si faceva una cosa nuova che chiamavano sciopero, non si lavorava e ci si metteva davanti ai cantieri. Ma la Ferrovia, i baroni, i delegati del Governo,insomma i padroni, come si cominciava a chiamarli, ed i preti la presero peggio che se avessero cominciato subito a tirar le bombe. E furono le truppe che cominciarono a sparare sulla gente che si riuniva, su quelli che scioperavano e se c’ erano donne e bambini Carabinieri e bersaglieri se ne fregavano e sparavano lo stesso. Chi non rimaneva a terra lo vedevi portar via con le catene ai polsi e finivano agli ergastoli, magari in isole lontane e di loro si perdeva la memoria. Il mio babbo con gli anarchici ci aveva avuto a che fare, ma non era tipo da pigliar lo schioppo e andar coi banditi a continuare la lotta, no, era di sangue buono e pensava ai suoi figli. Quindi, dopo un tempo che avevamo provato la fame più nera che ci potesse essere, perché nessuno gli dava lavoro, ci portò a Livorno e ci imbarcammo su una cosa che chiamavano pure nave, la peggiore che avesse mai galleggiato dai tempi dell’ arca di Noè. Lasciamo perdere il viaggio chiusi in una stiva, a soffocare e a buttare sangue e sudore, con le donne e i bimbi che morivano di malattia e li buttavano in mare, ma arrivammo ad una terra che noi manco ci potevamo pensare che esisteva. Pensate alle nostre montagne e l’ era esattamente l’ opposto. Luce, colori, profumi, frutta che cresceva facilmente e la raccoglievi e te ne potevi saziare. Almeno questo fu quello che pensai io, bambino. Il mio babbo aveva qualche problema differente. Ci raccontò poi che per venire lì, in quella specie di Terra Promessa, aveva sottoscritto un contratto. In cambio del viaggio andava nell’ interno a lavorare, forse nelle miniere, forse nella giungla che dicevano fosse una foresta che non avevi il tempo di tagliare un albero che ne crescevano tre, forse a costruire un’ altra ferrovia. Ma il mio babbo s’ era fatto furbo e se la svignò con tutti noi. Si nascose, e l’ era bravo in questo che era stato un gran bracconiere e dopo un po’ ce n’ andammo in un’ altra città, che chiamavano Bahia. Voleva rimanere vicino al mare, lui uomo di bosco e di montagna..

Lì riprese a fare il fabbro che non è che rendesse tanto da quelle parti, però si viveva bene e mangiare era più facile. Io di tempo ne avevo molto e me ne andavo a zonzo vicino al porto dove un giorno dei marinai inglesi, che non capivo che dicevano, e loro a me ancora meno, mi presero quasi a forza e mi misero in mezzo a loro, che erano ventuno, a correre dietro ad una palla. Con la palla ci si giocava anche da noi ma non come lo facevano loro, a corrergli dietro e a colpirla poi coi piedi per farla passare in mezzo a tre pali, due in piedi ed uno di traverso su gli altri. Capii che bisognava cercare di colpire quella palla, ma non è che fossi molto buono. Mi ci buttavo su per colpirla ma dieci volte su undici pigliavo le gambe di chi ce l’ aveva fra i piedi. Ma gli inglesi non se la prendevano, anzi ridevano, dicevano: “ Gud, gud” e ricominciavano. Più o meno mi piacque e cominciavo a giocare anche quando inglesi non ce n’ erano, coi neri del posto, che invece quando li buttavo per l’ aria o gli piantavo un gomito in faccia o nelle costole si arrabbiavano. Però non litigammo mai di brutto e dopi si era tornati amici. Venne il tempo che il mio babbo finì e io volevo tornare a casa. Però decisi che me ne sarei tornato sì dalle mie parti ma vicino al mare, magari a Livorno. Un mestiere ce l’ avevo, continuavo a fare il fabbro come il mio figliolo che pure si era appassionato al pallone e giocava un po’ come me, a colpire quello che aveva davanti, palla o gambe che fossero. E a Livorno continuammo a fare i fabbri ferrai e lo sarebbero stati i figli dei nostri figli.
Bakunino Chiellini.

L'ESORCISTA

Per il pagliaccio @cuore rossazzurro, posso sapere per quale squadra tifi?

malandragem

Quella retrocessa per combine, recentemente fallita, i cui tifosi furono protagonisti di scontri in cui ci scappò il morto…

L'ESORCISTA

Aaaaaa vuoi vedere che è l’amico del Pulvi? Uno dei presidenti più indegni della storia del calcio? Se non sbaglio fu beccato in una compravendita di partite, ora si spiega perché amico dei Laziali. Inoltre come dimenticare il povero Raciti morto a causa di questi delinquenti. Quindi abbiamo dell’altra feccia da combattere senza se e senza ma.

ConteOliver

secondo me è un “elefantino” 😉

L'ESORCISTA

Fallo sapere al premio Nobel del blog, così corre a comprarsi la maglia del fallitissimo Catania.
Peccato che non potrà seguirla dai campi delle parrocchie non trasmettono le dirette.

Ianmisugi

Per me è un camouflage

L'ESORCISTA

Ottimo, ho inaugurato la censura nel nuovo blog, proprio come ai vecchi tempi, qualche verginella del blog avrà avuto da ridire e Bocca fedele al suo principio per cui solo i bianconeri possono essere diffamati, ha applicato in pieno questa regola non scritta ma che è ormai divenuta consuetudine.
Cmq io confermo tutto quanto sulle peggiori tifoserie che ho descritto.

Modifica il 4 mesi fa da L'ESORCISTA
2010 nessuno

ESOR ma quante fatine buone del cazzo ci sono volute per farti imbufalire così? Mi spiace per la censura a te considerando quello che si legge da giorni ,prima di te ci sarebbe voluto un bel ripulisti che invece non vedo, mah…….

L'ESORCISTA

Una sola, e si chiama Ladraro Martinez , ti dice nulla?
😂😘

R.T.

Per quel che può valere, massimo sostegno da parte mia. ho notato anch’io che a qualcuno è
permesso scrivere ogni tipo di nefandezza senza alcun intervento . Tu scrivi cose , magari con termini forti è vero, inoppugnabili e incontestabili e ti trovi censurato se non bannato.
Ora mi aspetto accuse di consorteria, monopolio B/N del bloooog e castronate simili.
P.S.
Questo 21-22 sta finendo senza manco una gioia per me, visto che anche la Pro Gorizia ha perso la finale playoff per la promozione in D , confido quindi in un bel pareggio a Reggio Emilia. Come ha già scritto qualcuno sarebbe bello vedere rosicare i TAJ nerazzurri : dopo triplete, mai in B ecc. sarebbero gli unici a poter vantarsi di essere primi in campionato senza vincerlo.
Sperem..

variante del dragone

ero io a sperare un finale con le milanesi appaiate;
perché manco una gioia?
io ho seguito le ragazze che mi hanno regalato una supercoppetta, uno scudetto, si sono comportate benissimo in CL e hanno la finale di coppitaglia domenica;
anche i ragazzotti si sono comportati bene: la U23 sta disputando i playoff, la primavera i playoff scudetto, nella Youth League si è fermata alla semifinale persa solo ai calci di rigore, …

laura

Buongiorno Roberto , qualcuno qui in due soli post è riuscito ad accumulare quantità di insulti personali da far impazzire l’insultometro, è riuscito persino a definire “idiota” il padrone di casa senza conseguenze. Poi è inutile dargli un ban simbolico se si ripresenta dopo due minuti con altri 6 nick (lo si individua comunque subito al secondo commento visto che ripete le stesse “perle” a prescindere). Mi ha dato molto noia che abbia offeso Vipe che è una delle persone più squisite che ci sono qui su e che non ho mai letto andare sopra le righe con nessuno. Evidentemente oltre agli scudetti di cartone ci sono anche le patenti di impunità. Buon pomeriggio.

Mordechai

L’ideale sarebbe se arrivassero secondi, pur se a pari punti.
🙂

Mordechai

Mi spiace per la Pro Gorizia, in compenso il Ceccano è secondo in classifica dietro al fortissimo Monte San Biagio, nel campionato di Promozione Lazio.
Si punta in alto, insomma!
🙂

variante del dragone

calma, rivendico il diritto di primogenitura (disposto però a trattare sulle lenticchie);

L'ESORCISTA

Diritto accordato.

TigerJack

Fuori dal GRA il Tarantolato sta portando positivamente a termine la missione per cui era stato profumatamente ingaggiato. Preso il Tottenham al nono posto l’ha portato al quarto con due punti di vantaggio sull’Arsenal e per l’ultima partita dovrà affrontare il Norwich ultimo in classifica. Se non si suicida come a Galatasaray è fatta.

Mordechai

Ha cercato di farla finita sulle sponde del Bosforo?

Calabrese Juventino

Grazie Giorgio.

Er Mobilia

Arrivederci Giorgio, addio Paulo, avete fatto la nostra storia e vi ricorderemo sempre con affetto per tutto quello che ci avete dato – sangue, sudore, bellezza, Joya.

Certo che se Giorgio avesse avuto la tecnica di Paulo, o Paulo la grinta di Giorgio…

Mordechai

E le tette della Bellucci.

ConteOliver

😆

Ueppa

Tanta roba 🤩

Mordechai

Urca! Frega ‘na ceppa a me di Chiello&Dybala.

Ueppa

E te credo, di fronte alla Bellucci il resto passa in secondo piano 😅

Grande Romeo

col silicone la grinta un ci si pole fa’, le tette sì 🙂

Mordechai

Quale silicone…quella, secondo me, è tutta roba…casereccia.
😎

Rosario Frattini

Girmay è la prova che bere champagne dopo aver fatto sport fa molto male. Soprattutto in un occhio.

Leo 62

VAbbeh non è abituato a maneggiare quelle bottiglie… meno male che non si è cavato l’occhio. Ma stamattina mi sono rivisto tutta la volata, è stata una delle volate più belle e potenti che ho visto negli ultimi anni… mai e poi mai pensavo che l’avrebbe portata a casa partendo così presto, contro MVdP poi… bellissimo il gesto dell’olandese alla fine, sportivissimo come sempre, e lui è un vero fenomeno, uno dei tanti che stanno uscendo nel ciclismo degli ultimi anni… mi ero sempre chiesto come mai la resistenza degli etiopi e degli eritrei non fosse stata impiegata nel ciclismo.

TurinTurambar76

Capitato recentemente mi sembra proprio a MVDP ma gli prese lo zigomo

Rosario Frattini

Sono anni che non seguo il ciclismo, per caso ki collego al giro e vedo questa scena da comica se non fosse per il pericolo corso dall’ atleta. Ma appena torno a Napoli cercherò la volata che per come la descrivi deve essere stata una gran cosa.

Leo 62

Guardatela Rosario, io sono rimasto sbalordito, perché reggere Van der Poel che ti rimonta ed in quel modo è semplicemente incredibile…

Il dubbio

Cerchi la volata a Napoli?

Mordechai

Certo che ti poni degli strani interrogativi, tu…
🙂

Il laureando

La versione corrente è Hogwarts, con la w.

L'ESORCISTA

Per 9 anni ogni vittoria è stata rubata
Per 9 anni ogni partita è stata vivisezionata
Per 9 anni ogni notizia vera o falsa è stata amplificata
Per 9 anni ogni sconfitta in CL è stata festeggiata come un capodanno
Per 9 anni ce ne avete dette di tutti i colori.
Adesso tocca a noi e non fate le verginelle siate uomini.
E se vi siete sentiti offesi sappiate che posso fare di meglio…

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Amico mio , si direbbe quasi un’inizio di mania di persecuzione , eppure quando si vuole bene, bene fino in fondo , è persino bello anche questo mondo .

L'ESORCISTA

Certo, ora però prendi le pilloline.

Archivista

Un rospo malevolo ha parlato con la tua bocca (non ora: quando hai tirato in ballo il codice penale, le criminologie e tutte quelle altre fesserie). Esci da questo corpo, rospo. E poi parliamo di calcio.

L'ESORCISTA

Non sono fesserie è la storia della Lazio e di tutti i processi e scandali della società, dei suoi tesserati e dei suoi tifosi.
Se tu le reputi fesserie…

laura

Aspetto il “di meglio” allora😁. Buona giornata caro Esorcista.

Nicola Romano

Che bella storia d’amore .

Calabrese Juventino

Io ne ho un po’ paura. 🙂

Laura

Magari è solo una brutta giornata. 😊

Quattroquattronovetredue

Un po’ di calcio giocato, e fanta-calciomercato. Ho appena visto il secondo tempo di Southampton-Liverpool, vinto in rimonta dai Reds con un autogol goffo e fortunoso, ma in realtà mi interessava seguire un certo Ward-Prowse, che ho notato un paio d’anni fa. Non sono un esperto, però mi era sembrato un ottimo centrocampista, sgraziato all’apparenza, ma con grande visione di gioco e piedi sopraffini, capace di calciare e crossare con grande naturalezza. Mi pare che abbia passato i 27 anni, e mi piaceva illudermi che facendo un sacrificio, sia lui che la Roma, potesse venire a costituire la spina dorsale di questa squadra, con i compaesani Abraham e Smalling. Insomma, a un certo punto il telecronista, che ne sa certo più di me, se n’esce dicendo che il ragazzo potrebbe pure cambiare squadra il prossimo anno, che Tottenham e M.U. lo prenderebbero di corsa, e che la valutazione economica è più o meno sui 65 milioni, e manco di euro, di sterline. Niente, siamo ormai la periferia dell’impero calcistico, arrivavano i Maradona, Platini e Falcao, oggi pure un tizio del genere è fuori portata, sempre che non sia Lotito a mettere mano al portafogli, e comunque stasera non ha strusciato palla, se lo possono pure tenere.
Buonanotte

TurinTurambar76

Ward Prowse era un talento a 20 anni…

io pescherei in Francia e’ pieno di centrocampisti

Mordechai

Io non pescherei, come molti fanno, sul canale di Porto Badino a Terracina, l’acqua è limpida come catrame.

Bel-Ami

Uno sforzo di scouting in Italia no? Non è cool cercare un centrocampista giovane anche in B (vedi i talenti Juve) o rischiare con la primavera? Ma certo, la mezza calzetta sicura che arricchisce i procuratori e depaupera il nostro vivaio va meglio … con le difficoltà di inserimento, poi.
Scriviamo, ci lamentiamo della Nazionale, poi al supermarket il primo Maitland-Niles che passa . Contenti voi …

TurinTurambar76

Tutta retorica

Quattroquattronovetredue

Concordo con quello che scrivi. Il senso del mio post, su un possibile acquisto ovviamente campato per aria, era che magari un bel giocatore, perché lo è, comunque non più giovanissimo, credo fuori dal giro della nazionale e in forza al Southampton, che non è uno squadrone, magari si sarebbe potuto prendere senza svenarsi tra acquisto e ingaggio, e sarebbe stato quel regista che manca. A sapere quanto lo valutano ci sono rimasto male, ma dovevo aspettarmelo ( McGuire, Grealish, etc.). Come non detto. Su Maitland-Niles sfondi una porta aperta, per fortuna è in prestito; magari l’esperienza fatta con Pastore e Nzonzi, per citarne solo due, è servita a qualcosa. E già un terzino inglese venuto a svernare ce l’abbiamo avuto: Ashley Cole, mortacci sua.
Su Mourinho so come la pensi, se ti va dopo Tirana ne parliamo un po’.
Buona giornata

Quattroquattronovetredue

Maguire, sorry.

Mordechai

Parole stra-sacrosante.

il ghiro

Ragazzi, permettetemi di festeggiare il raggiungimento dell’Europa con un racconto in versi che ricapitola un po’ di storia biancoceleste, dedicato ai pochi laziali del Bloooog, e al FaB, se ha la pazienza e il coraggio di postarlo.

Il precedente più illustre a cui mi sono riferito è addirittura di origine omerica, il famoso “Catalogo delle Navi” del II libro dell’Iliade, in cui Omero elenca ed illustra tutti i contingenti achei partecipanti alla guerra di Troia. Nel nostro caso dal νεῶν κατάλογος si passa al πυλωρῶν κατάλογος, il “Catalogo dei Portieri”.
Parafrasando il film di fantascienza della Marvel-Walt Disney del 2014, “I Guardiani della Galassia”, mi cimento in questa grande galoppata nella storia della gloriosa S.S. LAZIO, scegliendo di immortalarne i rappresentanti di un ruolo troppo spesso sottovalutato, quello dei portieri, degli estremi difensori della rete, dei grandi guardiani, che con le loro mitiche imprese hanno illustrato gli oltre cento anni della nostra società. E come si conviene ad ogni impresa gloriosa il racconto diventa verso, poema, e si entra nel M I T O.
 
LA GALASSIA DEI GUARDIANI
Per raccontare questa nostra istoria
salto il periodo della preistoria,
le foto dei signori in mutandoni
con le pagliette, gli ombrelli ed i baffoni.
Vado all’inizio della Serie A,
dal ‘29, o da poco più in là,
in porta nella Lazio c’è Ezio Sclavi,
uno dei nostri portieri più bravi,
un coraggioso e indomito guerriero
che tra i pali era forte per davvero,
lui difendeva la Lazio in ogni campo
contro chiunque ci fosse d’inciampo,
basti dir che il bellicoso pavese
sfidò a duello Eugenio Danese,
il fatto all’epoca fece notizia,
ma poi strinsero una solida amicizia.
Di rado Sclavi veniva avvicendato
dalle riserve Bonadeo e Carniato,
poco spazio lasciò ai vice-guardiani,
anche all’ultimo, il giovane Brandani.
Ma quando Sclavi si ruppe due menischi,
la Società, per non correre rischi,
andò in Friuli, terra di corazzieri,
scelse Blason tra i più forti portieri,
che rimase con noi fino al ‘40,
lui di Lazio ne conobbe tanta,
con lui si alternano diversi portierini,
Zenaro, Provera e Giovannini,
poi finalmente una notizia bella,
viene da noi il bravo Uber Gradella,
il bravissimo portiere mantovano,
che poi si alternerà con un romano,
Corrado Giubilo, fratello di altri tre,
Alberto, Sergio e Gianfranco, che
furon famosi ognuno nel suo campo,
famiglie di cui s’è ormai rotto lo stampo.
Quando Gradella attaccò i guanti al chiodo,
si riciclò nel più brillante modo,
apri un famoso negozio sportivo,
Gradella Sport è il marchio distintivo.
Escon di scena Giubilo e Gradella,
ed un altro friulano sale in sella,
il Brandolin, sembrava fosse un top,
e invece si rivela un grosso flop,
e la Lazio va dalla Juve a Torino
e riesce con un colpo sopraffino
a risolvere il problema del guardiano:
insieme con Vittorio, un gran mediano,
viene Lucidio, già famoso portiere,
assai dotato di classe e di mestiere,
della celebre famiglia Sentimenti,
del loro arrivo tutti furon contenti,
era speciale nelle uscite il grande Cochi
e tirava i rigori come pochi,
per affiancarlo comprammo anche De Fazio,
che non poteva giocar che nella Lazio.
Quando di Cochi si decise di far senza,
fu sbolognato al Lanerossi Vicenza,
per un anno ci salvò il buon Zibetti
con interventi efficaci ma imperfetti,
poi finalmente ancora una svolta,
arrivò un gentiluomo di una volta,
l’elegantissimo Roberto Lovati,
il grande Bob, tra i portieri più amati,
che poi mette le tende in società,
sarà laziale per l’eternità,
un aquilotto che ha già preso il volo,
nella Lazio ha ricoperto ogni ruolo,
da buon preparatore dei portieri
a presidente, fino all’altro ieri.
Con Bob Lovati sotto Bernardini,
alternandosi a Orlandi e Bandini,
la Lazio macchierà il suo pedigree,
scendendo per la prima volta in B.
Torna in A in due anni, tutto ok
per le prodezze del bravo Idilio Cei,
ma poi cominciano le retrocessioni,
seguite da altrettante promozioni,
in quel ruolo si alternano in tanti,
Pezzullo, Recchia, Gori e Fioravanti,
Di Vincenzo, Sulfaro, Moriggi e Bandoni,
alcuni mediocri, altri invece molto buoni.
Siamo arrivati già al ‘72,
e Lenzini ne fa una delle sue,
pesca a Novara il Pulici Felice,
che si rivela scelta assai felice,
oltre a portarci a casa uno scudetto,
si rivela anche un laziale perfetto,
come Lovati anche lui in società
avrà un ruolo di grande utilità,
ragazzo serio, preparato e intelligente,
ha qualcosa che piaceva alla gente
è forte infatti non solo tra i pali,
un galantuomo davvero senza uguali.
Lascia la porta al folle Garellik,
che è pure bravo, ma purtroppo ha un tic,
lui vuol fare il fenomeno a ogni costo;
morale, dopo un anno lascia il posto,
che è affidato a Fabio Cacciatori,
anche lui tra i portieri migliori,
però ci crea problemi per davvero
per la storia del primo Totonero.
Segue una giusta penalizzazione,
dopo la B e la resurrezione,
dopo Marigo, Nardin e Moscatelli
si spera di tornare ai tempi belli.
Ecco ragazzi come Nando Orsi,
Ielpo e Malgioglio, corsi e ricorsi,
poi Vinazzani beccato con le prove,
nuova batosta con il meno nove,
per uscire da questo “sotterraneo”
ci si affida a Giuliano Terraneo.
Di nuovo Orsi, poi “Saponetta” Fiori,
e ancora ecco arrivare da fuori
l’italo-bosniaco Silvano Martina
che prepara una comoda stradina
all’arrivo di Luca Marchegiani,
il più intelligente dei nostri guardiani
che fino allora si erano alternati
a difendere i colori beneamati.
Con lui arriva il secondo scudetto
di cui fregiarsi orgogliosi sul petto,
peccato ora dalla Lazio sia fuori,
lui è il più bravo dei commentatori,
il più serio, competente ed educato,
è di gran lunga il più preparato.
A fianco a lui ne giocano di buoni,
Mancini, Concetti ed Orlandoni,
ma il concorrente con cui Luca lotta
è uno solo, è il Marco Ballotta,
il Pelè bianco imboscato tra i pali,
palla a piede lui non conosce uguali,
il precursore della partenza da dietro
vide il futuro nella palla di vetro,
quando vedo le cappelle di oggigiorno
penso ai suoi piedi ed ai tanti perdigiorno
che vorrebbero infelici emularlo
ma purtroppo non sanno come farlo.
Dopo Luca ecco Angelo Peruzzi,
che da noi trova scogli molto aguzzi
è il momento del rischio bancarotta
e l’Angelone si ritrova in una botta
a far da balia a una saccocciata
di simpatiche pippe, una manciata
di ragazzi un po’ raccogliticci,
tra i giocatori veri ce ne sono di “posticci”,
comprati da Lotito un tanto al chilo,
vecchi decrepiti e pupetti da asilo.
Arrivano Sereni e poi Casazza,
presi solo per contentar la piazza,
infine il primo portiere straniero,
Nando Muslera, uruguagio vero,
che manda in buca il povero Carrizo
comperato per un qualche ghiribizzo
del sor Tare, ma presto archiviato
per far posto al Nando fortunato,
breve comparsa di Bizzarri e Berni,
più modesti dei portieri odierni,
e poi arriva da Cagliari Marchetti,
molto dotato ma con i suoi difetti,
per cui sotto con la coppia albanese,
scelta da Tare nel proprio paese,
prima tocca ad Etrit Berisha,
ma anche a lui non è andata tutta liscia,
poi è il turno di Thomas Strakosha,
che ancora adesso ci causa qualche angoscia,
ma devo dire che il mio amato Strakkino
nel tempo si è attrezzato per benino,
ha fatto tutte le sue brave esperienze,
dei suoi errori pagò le conseguenze,
con Pepe Reina ha vinto la battaglia,
sempre ha difeso con onore la maglia,
anche col Proto ha vinto la sfida
nonostante qualche topica suicida,
ci si ricorda sol delle cappelle,
ma di parate ne ricordo di assai belle,
al ragazzone di un metro e novantuno,
con un gesto davvero inopportuno,
la società avrebbe già fissato
che il contratto non sarà rinnovato.
Chi giocherà il prossimo anno? Il Pepe?
Meglio una figurina del Presepe!!!
Perché, con tutto il rispetto dovuto,
Reina tanto ha già dato e tanto avuto,
con lo Strakkino ha fatto l’avvoltoio,
resti pure a cementar lo spogliatoio,
io preferisco all’iberico “queso”
lo Strakkino, l’eterno incompreso.
                                     
       Il Ghiro

Bel-Ami

Complimenti per memoria e verseggiatura!

2010 nessuno

Sei sempre una delle poche simpatiche e gradevoli “voci” ghiro, mi raccomando stai qui non andare in giro.

Mordechai

Vero, così si tifa…in gamba Ghiro!
💪💪💪

Vipe

Ma chi?
Manzoni col suo mortal sospiro?
Non se ne parla
Abbiamo il nostro Ghiro!

almayer

Non sono laziale ma con i tuoi versi me la stai facendo diventare simpatica, complimenti!

Bombaatomica

Quanti bei portieri nella gloriosa storia della SS LAZIO 🦅❤️⚽️
Possibile che oggi non se ne riesce a trovare uno degno di questo nome?

Mbala Mbuta Biscotte

Eusebio Acasuzo ?

Il dubbio

Handanovic non va più bene?
Ossequi

Bombaatomica

Quello lo impieghiamo nella “Lazio B” 😂😂

Claudio Mastino 62

Non dico un portiere a livello di Lucidio Sentimenti, Felice Pulici,
Luca Marchegiani o Angelo Peruzzi, ma un portiere migliore di Strakosha non credo sia difficile trovarlo .

Mordechai

Andrebbe bene pure il vecchio Luca Marcheggiani (doppia G?).

supporter

Dispiace molto vedere andare via un buon giocatore, attaccato alla maglia, come Dybala. Nella seconda parte di campionato è parso evidente che Dybala era l’unico in grado di creare lo strappo, la superiorità numerica per arrivare al gol. L’unico che sapesse dare del tu al pallone. Non c’è niente da fare gi altri della rosa non sono all’altezza, non i Chiesa, ne i Locatelli ne lo stesso Morata. Purtroppo Dybala ha dimostrato scarsa continuità , spiccata fragilità ed ingenuità nella gestione del rapporto con la società. Ora pero’ la Juve ha un bel problema: tutto il mondo sa che deve comprare uomini di qualità e costruzione a centrocampo o sulla tre quarti perchè la rosa attuale non è all’altezza e, senza Dybala, lo è meno ancora. Tutti alzeranno i prezzi , sapendo che la Juve deve comprare. I conti non torneranno ed il tempo trascorrerà inutilmente, finchè Arrivabene dichiarerà che la rosa va bene cosi’ com’è, seguito da dichiarazioni simili di Allegri, salvo fare un piccolo acquisto riparatore a tempo scaduto da una squadra italiana di seconda fascia, pompandolo adeguatamente sui giornali. Inutile farsi illusioni: a meno che non salti fuori un campione dai giovani che Allegri non vuole utilizzare ma che sarà costretto dalla proprietà a fare, saranno anni di passione, finchè non arriverà un allenatore alla Conte in grado di moltiplicare i pani ed i pesci disponibili e farli diventare una squadra e magari un DS alla Marotta in grado di scovare i giusti profili per tempo e senza strafare, come piace alla vera proprietà, evitando gli strappi, con relativi errori di prospettiva, del Presidente.

Mbala Mbuta Biscotte

Faccio di nuovo una capatina nel bar, di passaggio tra qualche viaggio di lavoro, per omaggiare uno degli ultimi calciatori italiani della seria A conosciuti per il mondo (sarà perchè é l’ultimo che porta con naturalezza il turbante?).

Caro Fab. Bocca, non sarebbe l’occasione di lanciare una top ten degli ultimi moicani, celebri per qualcosa?
Una roba tipo (lista ovviamente non esaustiva)

10 Paul Gascoigne, l’ultimo sfegatato
9 Gianluigi Lentini, l’ultimo ruotino
8 Hugo Sanchez, l’ultimo dentista
7 Chris Waddle, l’ultima finta di ciuffo
6 Uli Stielike, l’ultimo cattivo di riporto
5 Andreas Breheme, l’ultimo cross à croissant
4 Javier Pastore, l’ultimo magro
3 Réné Higuita, l’ultimo scorpione
2 Marco Tardelli, l’ultimo grido
1 Dario Hübner, l’ultima barricata

DKz4Z9PX0AAv3OJ.jpg
Tiziano

Amore incondizionato per Gascoigne, uno dei personaggi calcistici più irresistibili di sempre.
Aggiungo Cantona, l’ultimo calciatore volante, e Robin Friday che era letteralmente una mina vagante.

cantona.jpg
Modifica il 4 mesi fa da Tiziano
Mordechai

Robin Friday? Who’s?

Aigor

Come dice la sua biografia:
“Il miglior calciatore che non avete mai visto”!

Tiziano

Uno che viene ricordato per l’enorme spreco di talento:
https://www.storiedipremier.it/robin-friday-la-stella-cadente-bruciata-troppo-in-fretta/

Mbala Mbuta Biscotte

Un vero ultimo moicano, di un’epoca che non esiste più (si faceva addirituttra passare per agente di polizia a Piccadilly Circus per sequestratre della droga per uso personale, salvo beccare un vero agente undecover…), purtroppo morto molto giovane.

Mordechai

La versione misconosciuta di George Best, in pratica.

variante del dragone

riposto, avendolo messo nel thread precedente:

oggi
21.00 Juventus U23-Padova (Playoff Serie C) – ELEVEN SPORTS, RAI PLAY e ONEFOOTBALL

domenica
14.15 Juventus Women-Roma (Finale Coppa Italia femminile) – JUVENTUS TV (visibile su DAZN), LA7 e TIMVISION

ne approfitto per informare che JuventusTV si può vedere anche con app o nel suo sito, c’è anche roba gratuita ma per le partite c’è bisogno dell’abbonamento (quelle della A sono in differita), nel scorso black friday l’ho acchiappato a 15 euro, o forse qualche spicciolo in meno, per un anno;

variante del dragone

calo fisico nel secondo tempo;
finita 0-1 con il Padova che reclamava anche un calcio di rigore che con il var sarebbe stato accordato, ma da quello che si è visto due gol di scarto sarebbero stati troppi;

variante del dragone

0-0 il primo tempo;
non vedevo la U23 dal 2019: avevo fatto l’abbonamento a eleven anche perché nello stesso girone c’era il Gozzano appena salito in C;
pregustavo di vederla allo stadio di qui ma le Potenze Supreme mi hanno scatenato contro il virus;
m’aspettavo di essere piallati avendo già quattro partite nelle gambe in questo demenziale playoff del piffero mentre il Padova scende in campo per la prima volta, ma abbiamo retto bene;
trovo interessante il 10, Matías Soulé, 19 anni, ala destra mancina che logicamente converge spesso al centro;
due belle nostre azioni da quasi gol;
nel Padova gioca Donnarumma, mi chiedevo dove fosse finito;
vediamo come va il secondo tempo, anche se i favoriti non siamo di certo noi: perso 2-0 fuori e 1-2 in casa nella stagione regolare;

EroAdAtene

Piange paolino, ma la sua preoccupazione principale è il denaro, altrimenti trattava e rimaneva. Il resto sono sceneggiate.

Bombaatomica

Confermo, Ate’ 👍

Il Pianto dirotto dell’Argentino era il classico rimorso di avere la coscienza sporca, e cioè di aver tirato troppo la corda. Si è pentito.
Lo stesso fratello, quando la Juve ha risposto al Procuratore “mavvatan’affanchiul”, ha postato un “incredibile!!!!!!”. Come per dire “ate compiuto un atto di Lesa Maestà!”.

I grandi calciatori sanno che possono chiedere quello che vogliono. Ma la Juventus, dopo l’esperienza CR7, ha giustamente chiuso i cordoni.
CR7 ha preso la Juve a pesci in faccia tra viaggi per tutta la famiglia, ville pagate, servitù della gleba, cessi in platino e carta igienica con banconote da 1000€ 😂😂😂 Mo capisco perché sono introvabili 😂😂😂

Modifica il 4 mesi fa da Bombaatomica
Tiziano

Come Insigne credo che fosse genuinamente commosso. Non lo dico per “discolparli” dalle pretese eccessive che hanno avanzato i loro procutatori ma da queste scene si capisce quanto una buona parte dei calciatori, aldilà della volontà, pendono completamente dalle decisioni dei propri agenti.

Modifica il 4 mesi fa da Tiziano
Bombaatomica

Insigne ha fatto bene.
I canadesi gli hanno offerto un contratto da 11 cucuzze all’anno. Il contratto della vita.
È chiaro che lasci Napoli, la tua squadra del cuore, e vai a giocare in un campionato simile a quello nepalese.

Se De Laurentis gli avesse garantita la stessa cifra, lo scugnizzo sarebbe rimasto. Proprio come totti….

EroAdAtene

Vero, ma i propri agenti si possono anche vaffanculare. Se voleva, trovava facilmente un accordo al “ribasso” (con un solo anno di quel “ribasso” campiamo alla grande per il resto della vita), e rimaneva. Secondo me, parte di quelle lacrime sono roprio il rimpianto per aver tenuto troppo alta la richiesta.

gab

c’era Capello in panchina, e poi Buffon, Cannavaro, Thuram, Del Piero, Nedved, Marchisio, Camoranesi, Trezeguet”

Buffon
Zambrotta
Thuram
Cannavaro
Chiellini (Balzaretti)
Camoranesi
Vieira
Emerson
Nedved
Ibrahimovic (Del Piero)
Trezeguet

guido

la finale di Berlino volevano giocarla a Villar Perosa

L’Avvocato (della Signora)

pensa che son riusciti a dire che quella Juve (quella squadra mostruosa di talenti eccezionali) rubava i campionati! 🤦‍♂️

Bombaatomica

Ti ricordo che la Fiorentina dei vari Toldo, Rui Costa, Effemberg, Edmundo, Batistuta…. è finita dritta in serie B.

Indi per cui, tutto può essere….

Modifica il 4 mesi fa da Bombaatomica
"𝐀𝐇! MA È 𝐕𝐈𝐎𝐋𝐀!" (cit)

Mi sa che lei le spara a bomba. Toldo, giovane incerto portiere del Ravenna, arrivò la stagione dopo, nell’estate del ’93, quando la Fiorentina era già in B. Rui Costa arrivò due stagioni dopo, quando la Fiorentina tornò in serie A. Edmundo in un’altra era davvero, quattro anni dopo, l’anno prima di Trapattoni. Batistuta allora era un giovane con un gran fisico, un buon fiuto del gol e un’enorme volontà, ma alla sua seconda stagione a Firenze, faticava ancora a stoppare il pallone e non era nemmen un prospetto del campione che sarebbe diventato. Effenberg era solo un maledetto piantagrane che in sette anni cambiò la bellezza di otto squadre, perché nessuno lo sopportava per più di un mese di fila. E in ogni caso, per finire in serie B, quella squadra dovette mettersi di impegno, perché Cecchi Gori pensò bene di esonerare Gigi Radice a causa dei roboanti quanto altalenanti risultati (ricordo un 7-1 all’Ancona e un 3-7 contro il Milan), che avevano in ogni caso issato i Viola al sesto posto e di sostituirlo con Sciagura Agroppi. Le cose precipitarono, finché alla sciagura si sostituì la farsa di mettere in panchina la coppia Antognoni-Chiarugi, due che non sapevano assolutamente nulla del ruolo di allenatore. All’inizio degli anni-90 retrocedevano ancora quattro squadre, finimmo a pari punti con Brescia e Udinese, ma andammo in B per via della peggior differenza reti negli scontri diretti. Ecco, lasci stare…

Modifica il 4 mesi fa da "𝐀𝐇! MA È 𝐕𝐈𝐎𝐋𝐀!" (cit)
Bombaatomica

Vabbè, ho messo nel calderone qualche giocatorucolo che arrivo’ più tardi. Quisquilie, bazzecole 😄😄
Però – ora che ho controllato – in squadra avevate Baiano, Carnasciali, Effenberg, Bryan Laudrup e Batistuta.
Una bella squadra, tant’è che alla 14esima eravate secondi in classifica.
Poi c’ha pensato Pippa Agroppi a farvi lo scherzetto 😂😂😂

Il dubbio

Non farci caso, non ha accesso a wiki, dice lui per via di un patto con staminchia al sugo. In realtà l’ha scritto dopo essersi ingozzato, quando anche la memoria è occupata nella digestione.

Il dubbio

La prima squadra a varcare la soglia dei 90 punti, quota allora inimmaginabile considerando la concorrenza… Pensa che i lugubri brigarono nei tribunali per non far arrivare a processo le intercettazioni che li avrebbero inchiodati e portati alla retrocessione e si cucirono addosso lo scudetto dell’infamia. Ma nelle loro orecchie risuona ancora la voce di Camoranesi: “La settimana prima della partita parlano e fanno parlare e tirano in ballo di tutto, poi quando scendono in campo e li guardiamo in faccia, si vede subito che si stanno cagando addosso.”.

monica

È quello il problema. Eravate fortissimi senza bisogno di moggi e triadi varie,avreste vinto a mani basse lo stesso

Il dubbio

Abbiamo vinto a mani basse.

variante del dragone

sì, ma da tempo si sa come sono andate le cose, almeno per chi fa uno sforzo per informarsi;
tu sai dirmi
1 cosa ha fatto di preciso?
2 cosa ha fatto di diverso rispetto ad altre 17 squadre?
3 per caso c’è una squadra che ha fatto di peggio?
4 la tua società per caso faceva le stesse cose?

gab

con palloni d’oro e d’argento, campioni e vicecampioni del mondo😂😂😂

guido

e Ibra

guido

un amico interista mi dice che l’eventuale scambio Perisic-Dybala gli ricorda quello Boninsegna-Anastasi.
Magari (lo dico solo per consolarmi dell’addio di Paulino)

Modifica il 4 mesi fa da guido
gab

guarda che e’ sicuramente conveniente per la Juve. Magari lo e’ anche per l’Inter, che e’ coperta da Gosens a sinistra ma se va via lautaro dybala serve come il pane…

guido

Immagino che tu abbia ragione, ma mi dispiace lo stesso.
Tu sei giovane, ma io lo ricordo lo scambio (anzi il doppio scambio, perchè andò via anche Capello per Benetti la stessa estate). Ero un bambino e mi parvea un sacrilegio, ma come Pietruzzo? e Capello che aveva segnato a Wembley.
Però la storia diede ragione a Boniperti, visto che Boninsegna e Benetti aiutarono il Trap a portare a casa la prima Coppa (Benetti fu pure protagonista in Argentina), mentre Anastasi e Capello fecero poco a Milano (poi in verità Capello si sarebbe ampiamente riscattato da Allenatore)

Il dubbio

Il primo Boniperti faceva cose molto sagge, l’ultimo, quello degli anni della traversata nel deserto post Platini, combinò un sacco di disastri, ritorno di Trapattoni e robe tipo Altobelli comprese… Il secondo Allegri rischia di essere molto peggio, le avvisaglie sono impressionanti: una stagione da licenziamento in tronco (se non fosse per l’ingaggio assurdo, sarebbe già al gabbione), la fascia di capitano promessa a Bonucci (un nuovo anno di sottomissione di de Ligt alla difesa bassissima), la chiamata in massa ai vecchi pronti subito, perché di insegnare calcio non sa nemmeno dove si cominci e, soprattutto, perché gli brucia il culo e ha paura che quella cosa che disse “E ci sarà un motivo se vincan sempre quelli più bravi, diosanto!” si riveli vera…

gab

secondo me dybala non e’ proprio all’altezza, soprattutto emotiva, quindi non parlerei di sacrilegio per lui, rispetto ai giocatori che hai nominato…importante e’ per il presidente avere le giste intuizioni, come appunto boniperti, o come la triade quando sacrifico’ zidane e inzaghi per buffon thuram e nedved…

certo il gol di dybala che ricordo con piu’ piacere e’ quello dello 0-1 alla lazio, inverno 2018…quello del gufo di alvino…

Tresca

Che paese ridicolo (italia), siete una barzelletta, stanno tutti ad osannare un paraculo argentino che frigna. Oramai il mondo si è capovolto, non esiste più dignità, decenza, empatia e capacità di autocritica in questo mondo pallonaro,c’è una completa inversione di valori. Quello che in realtà si doveva fare molto tempo fa era espellere quel perdigiorno inutile di portenho rimandandolo a pedate in quel suo paese di sinistrorsi falliti simil-venezuela(argentina), ma vi rendete conto dei soldi, delle risorse, che questa gentaccia si prende?

M1noS7e

Livello da tresca… 👍

variante del dragone

la tresca ce l’hai col cervello di Ciccillo, mi sa;

Mordechai

Da sempre, ho avuto un debole per l’Argentina, pure il nome mi piace, ed il calcio non c’entra niente. Basta la loro letteratura per fare bingo. Paese straordinario, in tutto e per tutto.
Tu, tieniti pure stretti i glutei ballonzolanti di Ipanema.

Tresca

non mi stupisce che dalla tua testa possa uscire soltanto degli stereotipi triti e ritriti. Mi tengo stretto il mio Brasile caro, e godrò come non mai quando quella fogna portenha andrà in fallimento totale, già sono in default, ci manca poco, allora voglio vedere quanto sono straordinari 🙂 Meno male che siete andati in massa da quelle parti e non dalle mie, tieniti pure la tua argentina 🙂

Mordechai

Nessuno te lo tocca il “tuo” Brasile, bello di zio.
Ora, vai pure al sambodromo a giorcare con le macchinine.

Tresca

molto ludico, ma non fa al caso mio. Ora, vada a fare una partita di bocce per tenersi allenato.

Mordechai

Non ne ho bisogno, mi sa tanto che sto più in forma di te, ragazzo di Ipanema.
70 chili spalmati su uno stratosferico metro e 73.
Anni di tennis a livello agonistico mi hanno forgiato come un bronzetto di Riace.
Unico segno del tempo che passa, una capigliatura florida e lussureggiante come il deserto dei Gobi (con una sola B).
Sti cazzi, comunque, c’ho ‘na bella capoccia lustra come una … boccia.
🙂

M1noS7e

Sei un jenio! Luciano Hang da lavoro a tanti grazie ai prestiti statali che beneficiano solo lui e poi gli toglie vitto, alloggio coi suoi e tuoi amichetti Bozonaro e Guedes… Sei pagliaccio e truculento quanto hai la sindrome do pintinho… uguale a tutti i minions…

Tresca

Pesante sei … non perderò tempo dietro alle tue fallacie, non ho voglia di imbastire nessun dialogo o confronto con te, già il tuo nick, ” nick omens” vuol dire tutto M1NO di minorato 🙂 sparisci!

M1noS7e

Sapessi tu la pesantezza di sopportare in Brasile e pure in Italia un jumento che spara merda sull’Italia e pure sul Brasile facendo pubblicità al miliciano Bolsonaro e ai suoi amichetti… fregandosene mentre una nazione ha sofferto i numeri mostruosi della pandemia per l’inazione del governo e la fame per un’inflazione a doppia cifra che favorisce i ruralistas… ma tu che ne capisci occupato a giocare col cambio, le bocce e il pintinho…

Modifica il 4 mesi fa da M1noS7e
Tresca

TI dai troppa importanza, sei scontato, banale e peggio non sei credibile – “jumento” lo dici a tua sorella o a tua madre che ti ha partorito – un topo di fogna molto bravo a insultare via rete, ma che non reggerebbe il confronto ne dialettico ne fisico se mi trovassi faccia a faccia. Ti ripeto, conti come un Kazzo moscio, sparisci e non interagire con me. Sei troppo feccia, non hai notato che non rispondo in merito alle boiate che scrivi?

Modifica il 4 mesi fa da Tresca
Gianpagliacci

Inter – Milan: partita inspiegabilmente valida per l’assegnazione dello scudetto 2021/22

La partita si gioca nel varcellese, per l’esattezza a Varcelli, in Piemonte (per chi non lo sapesse).
Lo stadio, poco capiente, ospita esclusivamente gli ultras delle due squadre, separati da un cartongesso per motivi di sicurezza e disordine pubblico.
Ai cancelli sono stati effettuati meticolosi controlli per evitare l’ingresso di armi da fuoco, sono ammessi solo coltelli, spranghe, fionde e mazze da baseball.
Le formazioni delle due squadre saranno tenute segrete fino al fischio finale, vista la posta in palio.
Il pacchetto arbitrale è formato dai due allenatori e dai loro vice, al Var ci sarà un tecnico che ha contratto la varicella coadiuvato da un assistente con le vene varicose.
Il tempo è variabile, ma la partita dovrebbe comunque svolgersi irregolarmente come sempre.
La videocronaca è a cura di Dazn che per l’occasione ha aumentato il prezzo del pay per view del 700% e già che c’erano Enel gas ed elettricità hanno triplicato le bollette, a prescindere.
Fair play è la parola d’ordine dell’importantissimo match che assegnerà lo scudetto 2021/22, ed infatti i due allenatori hanno dato l’esempio scambiandosi degli affettuosi calci in culo e qualche schiaffone, a testimoniare la reciproca simpatia e sportività.
Il calcio d’inizio è fissato per le tre di mattina, per motivi di fuso orario, poichè sono collegate le TV di mezzo sistema solare abbronzante.
Continua…
p.s. Ghiro, lasciami finire di commentarla, per una volta, grazie.

il ghiro

Ma certo, amico boreale, vai pure avanti…

anacleto sarcazzo