Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Stai bloccando le Ads!!!

Ciao, un po’ di pubblicità a te non costa nulla, a noi consente di ammortizzare almeno in parte i costi di Bloooog! e mantenerlo attivo. Per favore disattiva l’estensione che blocca gli annunci e poi ricarica la pagina.
Grazie da Bloooog!, il tuo Bar Sport.

Inter - Atletico 1-0, di Arnautovic il gol decisivo della vittoria in Champions League

Inter – Atletico 1-0, Arnautovic entra al posto di Thuram ko e segna il gol della vittoria dei nerazzurri a San Siro. Resta il rammarico per i tanti gol sprecati sotto porta da Lautaro e Arnautovic e l’ansia per un risultato troppo stretto. La squadra di Inzaghi si giocherà la qualificazione ai quarti di Champions League al ritorno a Madrid. Tutto nella notte della commozione per la morte improvvisa di Andreas Brehme. 

INTER, VITTORIA COL CRUCCIO

Inter – Atletico 1-0 non lascia i destini sospesi ma quasi. Poteva essere molto di più e fatalmente tiene un po’ tutti sulle spine. Basta, basterà? 

  Il problema è proprio questo, non lo sa nessuno. Né Inzaghi, né SimeoneArnautovic che quel gol, pur preziosissimo proprio perché unico, lo ha segnato Significa andare a giocarsi i quarti di finale di Champions League mercoledì 13 marzo al Wanda Metropolitano di Madrid nella tana dell’Atletico con un vantaggio abbastanza esiguo.

  Si giocasse la prossima settimana non sarebbe un problema, ci si toglierebbe il pensiero subito e l’Inter saprebbe la verità o di che morte deve morire. Così si resta tre settimane in sospeso a farsi delle domande e lambiccarsi il cervello sugli obiettivi interisti. Lo scudetto per carità è, come si dice, in ghiaccio però quel filo di ansia sulla gestione dell’intera stagione ti resta sempre.

LAUTARO E THURAM SPRECANO TROPPI GOL

  Non abbiamo visto l’Inter che siamo abituati a vedere. Ha sprecato troppo sotto la porta di Oblak, Thuram si è fatto male lasciando i tifosi in ansia sul suo infortunio e al suo posto è entrato Arnautovic che ha sparato troppi palloni al cielo, almeno tre, prima di azzeccare il tiro giusto. E altrettanto ha fatto Lautaro.

  Il centrocampo non è apparso irresistibile, bene Barella ma Mkhtaryan e Çalhanoğlu non sono stati travolgenti. Al di là del fatto che l’Atletico è apparso innocuo in attacco resta la sensazione di una pesca troppo povera.

L’INTER E IL RAMMARICO DI INZAGHI

  “C’è un po’ di rammarico – ha ammesso Inzaghi per quello che abbiamo fatto avremmo meritato qualcosa di più. Dobbiamo prepararci a un match di ritorno molto difficile”.

  Tralasciando per un attimo qualsiasi considerazione sul risultato e sulla potenza dell’ Inter, resta sempre quel dubbio se la minore impressione sia dovuta al salto dalla Serie A alla Champions League.
Tutto può essere, poi uno pensa che non è che si possano giocare 60 partite al 1000 per 1000 e che lo scorso anno questa stessa squadra è arrivata in finale di Champions League.

 Abbiamo tre settimane di tempo per scervellarci in tema.

***

Inter, quelle lacrime per Brehme

Andy Brehme, terzino tedesco dell'Inter scudetto 1989 con Trapattoni allenatore

Andy Brehme, terzino tedesco dell’Inter scudetto 1989 con Trapattoni allenatore

L’immediata vigilia di Inter-Atletico Madrid è stata funestata dall’improvvisa scomparsa di Andreas Brehme, morto a Monaco di Baviera per un arresto cardiaco all’età di 63 anni. Brehme, fu protagonista dell’ Inter dei record guidata da Giovanni Trapattoni, presidente Ernesto Pellegrini, e che vinse lo scudetto nel 1989,

Terzino sinistro di grande spinta, con notevoli doti d’attacco, capace di calciare e tirare indistintamente con entrambi i piedi, Brehme fu una colonna di quella grande Inter: i suoi compagni di allora, da Zenga a Bergomi, da Ferri a Matthaus sono rimasti estremamente colpiti dall’improvvisa scomparsa del giocatore.

Quel gruppo di giocatori nerazzurri è ancora fortemente legato da amicizia e alcuni hanno raccontato come Brehme e Matthaus, amanti della tradizione tedesca, avessero il permesso di conservare nelle loro stanze in ritiro adeguate scorte di birra. Brehme arrivò all’ Inter dal Bayern Monaco e vi stette 4 anni, lasciandola nel 1992. è stato una colonna del calcio tedesco e della nazionale: fu l’autore del gol su rigore che permise alla Germania Ovest di battere in finale a Italia ’90 l’Argentina di Maradona e conquistare il Mondiale.

***

Champions League, Lazio-Bayern 1-0

CHAMPIONS LEAGUE 2023-2024

OTTAVI DI FINALE ANDATA

(fate clic sulle partite per consultare tabellino e statistiche)

Martedì 13 febbraio 2024

Lipsia – Real Madrid 0-1 (rit. 6-3)

Copenhagen – Manchester City 1-3 (rit. 6-3)

Mercoledì 14 febbraio 2024

Lazio – Bayern 1-0 (rit. mar 5-3)

Paris SG – Real Sociedad 2-0 (rit. mar 5-3)

Martedì 20 febbraio 2024

Inter – Atletico Madrid 1-0 (rit. 13-3)

Psv – Borussia Dortmund 1-1 (rit. 13-3)

Mercoledì 21 febbraio 2024

Porto – Arsenal 21.00 (rit. 12-3)

Napoli – Barcellona 21.00 (rit. 12-3)

***

SOCIAL BLOOOOG!

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

***

fatti un giro dentro Bloooog!

Domenica 3 marzo 2024

Il Napoli batte la Juventus, decisivo Raspadori, e si ricorda di avere lo scudetto sul petto

Sabato 2 marzo 2024

La Roma di De Rossi continua a vincere dimostrando l’ ormai evidente “insopportabilità di Mourinho”

Venerdì 1 marzo 2024

Lazio – Milan, tre espulsi della Lazio. Lotito furioso attacca gli arbitri e la Federcalcio

Giovedì 29 febbraio 2024

Il caso Pogba, 4 anni per doping: la sua carriera finisce qui

Mercoledì 28 febbraio 2024

L’Inter è troppo forte, +12 sulla Juventus. Lo scudetto è già un dato di fatto

Lunedì 26 febbraio 2024

La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà

Domenica 25 febbraio 2024

Lautaro è troppo forte, è arrivato a quota 101 gol in Serie A con l’Inter

Domenica 25 febbraio 2024

Juventus salvata da Rugani con un gol al 95′ contro il Frosinone

Giovedì 22 febbraio 2024

Milan ko a Rennes ma passa, Roma elimina Feyenoord ai rigori: qualificate a ottavi Europa League

Mercoledì 21 febbraio 2024

Champions League, Napoli – Barcellona 1-1. In gol Osimhen, esordio per il nuovo allenatore Calzona

Martedì 20 febbraio 2024

Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League 

Lunedì 19 febbraio 2024

De Laurentiis  licenzia anche Mazzarri, il Napoli a Calzona: ex aiuto di Sarri e Spalletti

***

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
98 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

[…] Inter – Atletico Madrid 1-0, Arnautovic entra e segna il gol vittoria in Champions League  […]

comevolevasidimostrare

E’ stata veramente una bella partita di calcio vero.
I simpatici ladroni meritano in pieno in ogni dove-
Hanno ben 3 uomini squadra: il Toro il Sardo e il Turco. Quelli che mancano a noi e alle altre

Vipe

Arnautović come Churchill.

?????

Gli inglesi del primo ministro: Churchill ci ha fatto vincere la guerra, con lui abbiamo rischiato di perderla.

Gli interisti:
Il gol di Marko spalanca l’ accesso ai quarti, con lui ( errori un paio ) rischiamo grosso.

Claudio Mastino 62

Purtroppo la scorsa notte è venuto a mancare all’improvviso per un arresto cardiaco a soli 63 anni Andreas Brehme detto Andy.
Grandissimo esterno di fascia sinistra ha formato nell’Inter un trio tedesco da favola insieme al più glorificato Lothar Mattheus ed a Kataklissman che si opponeva in quei fantastici anni al grandissimo trio degli olandesi del Milan, Riccardo, Gullit e Van Basten.
Brehme iniziò la sua carriera da mediano ma poi il Trap lo spostò
sulla fascia sinistra con grandissimi risultati, diventò uno dei più grandi della Storia in quel ruolo. Andy era
dotatissimo sia tecnicamente che tatticamente nonché eccezionale nei passaggi, nei cross e nei tiri, inoltre sapeva battere le punizioni con vera maestria, era un ottimo rigorista e calciava benissimo con tutti e due i piedi che aveva allenato fin da piccolissimo, quasi non si capiva
quale fosse il suo piede naturale, un po’ come il portoghese Veloso.

Inter – Atletico Madrid 1-0

Vittoria più che meritatata dell’Inter
che sarebbe potuta essere tranquillamente più larga nel punteggio contro un Atletico ostico
tatticamente ma incapace in tutto l’arco dell’incontro di creare qualcosa nella fase offensiva, Sommer è stato praticamente uno spettatore non pagante.
La squadra nerazzurra spesso crea
tanto ma concretizza molto meno e se nel campionato italiano gli va bene considerando la differenza di valori con le altre squadre in Europa può essere pericoloso con alcune squadre fortissime tipo il City ed il Real sprecare così tante occasioni, alle volte le finali di Champions e non solo si decidono per singoli episodi.
Nell’Inter i migliori sono stati Pavard, De Vrij, Bastoni e Barella,
bene anche Darmian ed il subentrato Dumfries che anche se tecnicamente non è un granché sta giocando ottimamente negli ultimi tempi, sufficiente Zi Marco, male Miky e Calhaglonu molto imprecisi ieri nei passaggi;
ritengo il turco un buon centrocampista ma non eccezionale, è sicuramente un pò lento e se marcato ad uomo può andare in difficoltà come si è visto ieri. In attacco bene Lautaro nell’impegno e nella manovra con la squadra, male però nelle conclusioni a rete, ad un certo punto dell’incontro ha avuto una grandissima occasione per segnare ma invece di tirare di prima ha voluto stoppare prima di tirare e l’azione è così sfumata; lo stesso Arnautovic si è impegnato molto ed
ha manovrato bene con i compagni
ma anche lui come Lautaro ieri sera aveva le polveri bagnate, in un’occasione su due, la prima era obiettivamente molto difficile ma sulla seconda, quella a due metri dalla porta, poteva fare meglio.
Nell’Atletico i migliori sono stati Witsel ed Oblak che è sempre uno dei migliori portieri del mondo, bene anche Lino e Griezmann, giocatore fantastico il francese che
sa disimpegnarsi alla grande in ogni zona del campo, un po’ in ombra invece Rodrigo de Paul, altro giocatore che ammiro tantissimo.

Modifica il 4 mesi fa da Claudio Mastino 62
Waters

Fabrizio, non so se hai letto – ma credo di sì – dell’invettiva di Roger Waters, il genio creativo dei Pink Floyd, nei confronti di Bono Vox – informati meglio pezzo di m…. – in tutta onestà mi sta cominciando a stufare, anzi sono già stufo, il suo antisemitismo preconcetto.
Capisco che il nome “Waters” sia un mito nel blog e’la sua assenza potrebbe portare una notevole perdita di fatturato, ma sto seriamente pensando di cambiare Nick…che ne so “il demone di Piacenza” non sarebbe male…

Nicola Romano

Dopo Waters ci starebbe bene Townshend o Davies due altri grandi autori di musica rock .

comevolevasidimostrare

👍 🍷🍷
Godi gran buaiolo
Chissà quanto ti ricapita 👏

il radarista

Anagramma una parte del nome di Marco Gavio Apicio,(su questo blog sono di bravi enigmisti), cuoco dell’imperatore Cesare Ottaviano Augusto e autore della prima raccolta di ricette della storia. Visse una vita da gaudente e ebbe qualche stimolo suicida, mai attuato, quando si accorse di aver sperperato tutti i suoi averi alla ricerca di preziosità culinarie, anche di mondi lontani.

Modifica il 4 mesi fa da il radarista
il ghiro

Caro radar, ottimo suggerimento per Waters. Se anagrammi MARCO GAVIO APICIO, può venir fuori “O MAGARI VI PIACCIO”, che per un “piacione” come lui penso gli starebbe a pennello. Che ve ne pare?

Remoto

Ciao Ghiro. Nel tuo anagramma c’è una i in più e una o in meno. Ci sei andato vicino. Io propongo: A VOI PIACCIO MAGRO?
Potrebbe mettersi a dieta, oppure scrivere solo di venerdì…

carta vetrata

lei è un talento. Gioca con le parole come Guccini con le rime, complimenti.

il radarista

Questo è già eccezionale, bravo. Aspettiamo altre proposte, così Ricci potrà scegliere.

Bob Aka Utente11880

Mi permetto: rimanendo in zona Padana e culinaria, che ha in Tognazzi uno dei massimi esponenti, rifacendosi alla sua attività cinematografica/letteraria, scartando titoli come Rigettario e Abbuffone, “Grandebouffe” potrebbe andare ? Ha in sè i germi della grandezza e dell’eccesso nel piacere, che di questi tempi non è poco.

Modifica il 4 mesi fa da Bob Aka Utente11880
Waters

Ugo mi era simpatico, ma purtroppo era milanista…🙂

Bob Aka Utente11880

Nessuno è perfetto

Vipe

Perché non concentrare l’ attenzione sull’ ultima dote segnalata di recente circa i 50 in Italia più beneficiati?
Potresti restare riconoscibilissimo, che so, Waterone?

Pirogov

Per la verità, la millantata posizione fra i primi 50 deriva da una statistica elaborata in ambulatorio dalla moglie pediatra, professionalmente adusa a visitare neonati e fanciullini.

Waters

Solitamente il nome Andrea viene comminato quando all’uscita dell’utero il membro è invisibile e non sai se è maschio o femmina😀poi ci sono le eccezioni come nel mio caso…

Mordechai

Le eccezioni come nel tuo caso?
Ma allora te le vai a cercare!!!
🙂

Waters

Non male si si

Il Regolamento

andrei direttamente su Pisellone, tanto capiremmo tutti di chi si tratta, no?

Il Regolamento

mi rendo conto di essere stato un po’ volgare, potremmo virare su qualcosa di più “storico”

life-of-brian-03.jpg
Waters

Questa non è male,bravo…

commentanonimo

Inter tecnicamente superiore. Migliore pero’ tatticamente l’Atletico, Simeone ha limitato i danni con una squadra che non mi ha colpito per individualita’. Chala marcato quasi ad uomo non e’ quel talento spaziale poi. Barella fortissimo. Bastoni secondo me e’ molto falloso, piu’ di Chiello. Pavard molto piu’ sicuro e corretto. Attaccanti imprecisi e un po’ sfortunati. Griezmann una comparsa quasi. Il ritorno giocato con attenzione non dovrebbe avere storia.

2010 nessunoo

Ecco, magari Simeone ha limitato i danni grazie anche all’imprecisione degli attaccanti dell’Inter, nella fattispecie Arnautovic che si è mangiato due gol….che facevo anch’io
Ora Simeone avrà tratto degli insegnamenti da questa partita e al ritorno muoverà la squadra diversamente, ma anche Inzaghi ha sicuramente imparato qualcosa, anche se molto probabilmente dovrà usare Arnautovic per tutta la partita.

Claudio Mastino 62

Ciao Stefano,
Arnautovic si è mangiato la seconda occasione che ha avuto, in quel caso a pochi metri dalla porta avrebbe dovuto segnare invece di tirare alto anche se lo ha fatto con il destro che non è il suo piede migliore, ma nella prima occasione dopo un’azione da manuale dell’Inter ed un cross
a mezza altezza piuttosto forte e teso di Zi Marco se avesse segnato sarebbe stato un goal capolavoro che riesce solo poche volte visto l’alto coefficiente di difficoltà, probabilmente sarebbe stato il goal dell’anno e c’e anche da sottolineare che Arnautovic ha colpito al volo sempre con il piede destro.
Anche Lautaro, come ho scritto più sopra si è mangiato una grande occasione, una delle migliori avute dai nerazzurri.
Comunque l’austriaco è sicuramente un buon centravanti, ha doti tecniche e fisiche non da poco anche se non ha avuto una carriera esaltante, il carattere ed i frequenti infortuni lo hanno notevolmente frenato, nel Bologna si è ripreso bene ed ha disputato degli ottimi campionati
ma nell’Inter la pressione è molto più forte, giocare nella squadra emiliana non è proprio la stessa cosa che giocare nella squadra nerazzurra.
Per quanto riguarda Sanchez, ovvero l’altra punta di riserva a disposizione di Inzaghino bisogna senz’altro affermare che anche se è stato un buon attaccante è ormai arrivato alla frutta così come il laziale Pedro.

Ruggero

La prima occasione per Arnautovic (azione da manuale, cross a mezz’altezza da Dimarco) a me è sembrata tutt’altro che semplice da trasformare. Cioè, se lo fai è un gran gol, ma a volte anche un campione (che lui non è) lì te la cicca. Diverso quando ha potuto calciare comodo da 8 metri e l’ha messa alta.

Ce l’ho un po’ anche con Lautaro, che nel primo tempo riceve palla da Thuram e se la aggiusta invece di colpire di prima, lasciando a tre difensori il tempo di chiuderlo.

Poteva essere 2-0, alla fine abbiamo rischiato l’1-1. Va bene così, onestamente.

Modifica il 4 mesi fa da Ruggero
Mordechai

“La prima occasione per Arnautovic…”
Fosse finita dentro, sarebbe stato il gol dell’anno, azione a velocità supersonica, il calcio che piace a me, non lo stucchevole possesso palla che non porta a nulla …
Chapeau!

carta vetrata

esatto. Si vuole sempre il “cinismo” sotto porta, ma se Arnautovic mette dentro quella fucilata viene giù lo stadio. E ci vogliono palle anche solo a tentarlo quel tiro, molti avrebbero provato il controllo. E’ per questo che si guardano le partite, altrimenti andiamo a rivederci tutti i gol di Pippo Inzaghi, fenomenale goleador di rapina entro i sette metri, ma mai nulla di memorabile.

Claudio Mastino 62

Nulla di memorabile riguardo i goal di Pippo Inzaghi? Credo che tu abbia poca memoria, Pippo nonostante fosse un centravanti di rapina ne ha fatti diversi di goal belli e difficili da eseguire, alcuni li puoi vedere nel video di malandragem qui sotto. Per il resto hai ragione.

Mordechai

Stefano,
notato oggi lo spirito oserei dire decoubertiniano con cui stiamo commentando la partita?
E’ tutto un … ma che bravi … prego … grazie … siete bravi pure voi … ma ci mancherebbe …
Quasi quasi … non “ci” riconosco!
🙂

2010 nessunoo

Ecco, ma come vedi malandragem qui sotto è più..”ortodosso”😄

commentanonimo

Mi sembra che i numeri 10 tipo Chala di oggi 30 anni fa con la marcatura ad uomo non sarebbero esistiti. .. so che il confronto e’ assurdo ma in una delle mie Ultima frequentazioni da stadio c’era UN certo Mattheus nell’inter. Beh.. Altro che Avere UN De Paul o come si chiamava ieri quello dell’atletico…quell’altro ci dava dolori con il bollino attaccato…

Mordechai

L’Inter, che comunque ha meritato la vittoria, ha fatto fatica per il solo e semplicissimo motivo che ieri ha giocato ad un livello molto più alto rispetto allo stanco tran tran del campionato.
In serie A, spesso, le basta dare un pò di gas per portare agevolmente a casa la partita, ieri s’è trovata davanti una squadra tostissima, superabituata a questo tipo di competizione, sicuramente più della Real Sociedad che s’erano trovata di fronte nel girone.
L’uno a zero non è male, anche perchè al ritorno l’Atletico per forza di cose dovrà … scoprirsi.

Melko

Vediamo un po’. Prima di tutto, nonostante Mkhitaryan e Calhanoglu ci abbiano capito poco e punto (rispettivamente), nonostante Lautaro abbia evitato con tutte le sue forze una qualsiasi conclusione sensata (pur giocando non male), nonostante Arnautovic abbia messo il massimo impegno in tutto tranne segnare, nonostante l’Atletico abbia spesso impastoiato bene e con merito il gioco interista, alla fine pare che la squadra giri lo stesso abbastanza bene.
Buona notizia: anche quando una buona fetta di Inter non funziona a dovere contro una squadra forte (eventi non scorrelati), l’Inter gioca bene nel complesso, crea occasioni e vince con merito.
Cattiva notizia: magari sono solo io, ma mi pare che il rapporto enorme tra occasioni create e occasioni realizzate sia una costante del gioco dell’Inter, e questo è un limite notevole. In campionato forse va bene, ma in Europa questo squilibrio lo paghi, forse già alla partita di ritorno.
per @il Regolamento:
Finalmente! Ne ho visto uno! al 13′ del primo tempo, arbitro di lato (se mi ricordo bene), fallo di mano del difensore dell’Atletico in area. L’inquadratura da dietro la porta mostra un chiaro movimento della mano verso il pallone. Rigore più che fischiabile secondo me, e mi sarei aspettato che il VAR, almeno, proponesse il video incriminante, ma nulla. Sono 1/6 contento (sono queste le proporzioni per adesso)

Modifica il 4 mesi fa da Melko
2010 nessunoo

Vero che era rigore, ma qui per quello, trattandosi di fallo a favore dell’Inter non troverai riscontro. Piuttosto vedrai che se qualche nostro giocatore si sarà appena, appena strusciato ad uno spagnolo in un normale contrasto di gioco, ecco che uscirà fuori qualche catone a tuonare contro il fallo devastante e il complotto pro Inter che dilaga ….

Melko

No dai, non è sempre e comunque come dici: è vero che ci sono un sacco di “religiosi” che di mestiere trollano da entrambe le parti, e su quelli ci posso (e del resto, ci voglio) far poco, ma ci sono anche persone con cui, se ti poni in maniera educata e di ascolto, riesci ad avere un confronto.
Che poi si sia d’accordo o meno, o che a qualcuno sembri evidente qualcosa di dubbio o viceversa, ci sta tranquillamente, ma se leggi qua sotto, tutte le risposte sono comunque state date da persone che hanno ascoltato e, secondo me, pensato prima di scrivere.

Il Regolamento

Ti do un consiglio… regìstrati, così i tuoi commenti non vanno in moderazione con qualche ora di ritardo con i risultati conseguenti, tipo questo

Modifica il 4 mesi fa da Il Regolamento
carta vetrata

specie regolamento alla mano, ma una volta venute meno le speranze di contrastare l’Inter, son scemate anche le richieste di Var. Scemate nei due sensi, va chiarito. Io non l’avrei fischiato perchè ininfluente (come il 90 % di quello che fischiano rigore), ma il tocco di mano c’era e chiaro. Sul fuorigioco ininfluente di Thuram ci hanno rotto i cosiddetti. Il fallo di Sommer in uscita, sanzionato con rigore, non c’era, ma analogo “fallo” in uscita del portiere su Pavard è passato sotto silenzio. La cosa, oltre che far ridere, misura attendibilità e credibilità più di cento commenti. Il tifo, specie se contro, distorce le menti. Ieri, nessuna polemica sul rigore. Questione di stile. Dovesse passare per un nuovo stile generalizzato, non sarebbe male, si parlerebbe di calcio e non di stronzate. Il complotto pro inter esiste solo nelle menti più sprovvedute e invidiose, basta capire un pò di calcio.

Darioski

Di buono c’è l’aver dimostrato di non essere inferiori ad una delle migliori squadre spagnole seppure non giocando una delle nostre migliori partite. Di non buono l’infortunio di Thuram anche perché a chi lo sostituisce servono tre-quattro occasioni per segnare un gol. Ma è pur vero che farsi trovare in posizione per concludere a rete è già qualcosa.
Il rigore assolutamente da fischiare se il tocco di braccio avesse interrotto una traiettoria destinata ad un attaccante neroazzurro ma mi pare non sia stato questo il caso e allora giusto così .
Saluti

Attila

Non sono per i rigori facili. In Italia li fischiano, è vero. Ma quando non sono netti e, soprattutto, quando sono “inoffensivi” come quello di ieri (al massimo sarebbe stato fallo laterale), è giusto lasciar correre.

carta vetrata

esatto, occorre una misura e un buon senso nelle decisioni. Vero che l’ha presa di braccio, altrettanto vero che era ininfluente. Casomai, ma è in disuso, fischi una punizione a due in area.

Melko

In linea di principio sono d’accordo con pesare i rigori con un’interpretazione arbitrale sull’influenza o meno sull’azione, ma ti rendi conto comunque che questo, alla prima situazione veramente interpretabile, genererebbe dieci volte più discussioni su quanto e quali arbitri sono stati pagati da chi sa chi per interpretare un po’ più da una parte? E’ contrario alla moda (che mi fa un po’ impressione a dire il vero) che vuole rendere il regolamento puramente algoritmico, ma soprattutto, visto quanto si parla di complotti già ora, non siamo pronti noi, come pubblico, a una cosa del genere. Me lo immagino cosa accadrebbe in tutti i forum di calcio, ad esempio, anche solo il giorno dopo l’introduzione del concetto di “influenza”.

Modifica il 4 mesi fa da Melko
Il Regolamento

Bisognerebbe conoscere un po il regolamento, prima di commentare gli episodi arbitrali, altrimenti si incorre in sfondoni tipo questo.
Il calcio di punizione indiretto in area si fischia SOLO in caso di gioco pericoloso oppure ostruzione (senza contatto).
Il fallo di mano causa SEMPRE calcio di punizione diretto, in area o fuori. Se è in area si chiama calcio di rigore.
Regolamento, regola 12.
Ecco la differenza tra chi analizza gli episodi e chi parla di complotti.

Modifica il 4 mesi fa da Il Regolamento
carta vetrata

e quindi, ci stai dicendo che era rigore. Senza dirlo

Mordechai

Invece io il rigore l’avrei dato, quel braccino di Molina non m’è sembrato messo proprio lì … per caso.

Il Regolamento

Beh, sinceramente mi sembra un po’ forzata. Tu hai preso un episodio che, a giudicare da quanto leggo in giro su Internet, generalmente è stato giudicato corretto (la Gazzetta, Eurosport, perfino FCInterNews) e l’hai messo direttamente nel conto degli episodi SFAVOREVOLI all’Inter, nemmeno in quelli dubbi.
La richiesta infatti era quella di trovare almeno un episodio che fosse SFAVOREVOLE ai nerazzurri almeno con un ragionevole dubbio, se non con certezza.
(“L’obiettivo è quindi trovare un episodio, di una certa rilevanza, in cui la decisione presa da arbitro e VAR sia stata ERRONEAMENTE (con ragionevole dubbio) sfavorevole alla tua squadra.”)
In ogni caso, se trovi qualche video (meglio) o immagine dell’episodio la valutiamo insieme.

P.S. ma sta cosa non valeva solo per il campionato? 😉🤣 no, dai, teniamo buona anche la CL, visto che la tesi è che l’Inter è guardata con occhio di riguardo anche in Europa

Modifica il 4 mesi fa da Il Regolamento
2010 nessunoo

E come dicevo a Melko, quanto mi secca avere sempre ragione….

Il Regolamento

di cosa parli?

Melko

Bo, Regolamento, è possibilissimo che io parli con la voce del tifoso, anzi, sicuro direi 🙂
Comunque, se sopporti un minuto e passa di pubblicità, ecco qua.
Il replay è al minuto 21:10 del video.
https://www.sportmediaset.mediaset.it/video/calcio/championsleague/inter-atletico-madrid-partita-integrale_77861765-202402k.shtml

Avevamo detto, mi sembra, di includere anche l’Europa. Alcuni sostengono che l’Inter rubi ovunque, quindi perché no?

Modifica il 4 mesi fa da Melko
Il Regolamento

In effetti vedendo il replay da dietro la porta il fallo sembra abbastanza netto, posso solo pensare che l’arbitro abbia valutato l’inoffensività dell’azione.
Detto che sono d’accordo con Attila qui sopra che io un rigore del genere non lo fischierei mai, nemmeno a favore della Juve (io tornerei SEMPRE alla volontarietà, altro che “posizione congruente”), con il regolamento attuale direi che ci sta.
Bene, 1-6 e palla al centro… 😉 anche se i 6 sono riferiti solo ad errori in campionato, mancano quelli in Champions. Appena ho un attimo li cerco e aggiorno il conteggio, per tua grande gioia 🤣

carta vetrata

Il conteggio 6 a 1 cosa sarebbe, una paturnia da tifoso deluso?

Il Regolamento

Sappiamo io e Melko, se ti va aggiornati nei thread precedenti

Melko

Oh no! Maledizione! Non ci avevo pensato!!

Bob Aka Utente11880

Uhm penso dobbiate inserire un algoritmo, o rivolgervi all’IA, per tenere conto che i metri di giudizio degli arbitri/VAR internazionali sono diversi da quelli nazionali. Il parametro dovrebbe essere possibilmente tarato sulla casistica nazione per nazione.

Melko

In realtà è un giochino utile anche per misurare quanto gli occhi del tifoso modificano una situazione obiettiva (un video), finché se ne parla in tranquillità va benissimo, credo che nessuno dei due desideri raggiungere la “verità” per ciascun singolo episodio. Per quella la ricetta l’aveva già trovata Boskov

Modifica il 4 mesi fa da Melko
Bob Aka Utente11880

Si certo, anche nelle dispute tra tifosi il concetto di verità è molto fluido … 😉

carta vetrata

qualcuno sa dirmi se c’era un rigore per l’Inter?

Il Regolamento

Leggere gli altri commenti prima di scrivere il proprio generalmente è una cosa saggia

Mordechai

No, ma ci sarà presto.
🙂

Attila

Vittoria risicata per le occasioni prodotte. Peccato.
Chala insufficiente come a Istanbul. E anche Miky nel primo tempo ha sbagliato troppo. Idem Lautaro sottoporta, ma lui si sbatte sempre, se fosse anche implacabile sotto rete non sarebbe umano.
L’Inter per segnare deve creare occasioni in quantità, e questo in Champions non sempre è possibile. Al ritorno sarà dura, ma sono ottimista.
Ci mancano un paio di giocatori di livello assoluto, tipo Real, City, eccetera, per aspirare alla coppa dalle grandi orecchie, come si diceva una volta.
Con i parametri zero, dubito che riusciremo ad acquistarli.
Per ora va bene così.
Anche se io preferisco Forza Inter a Fozza Inda.

Bombaatomica

Grandissima prestazione dell’Inter ieri sera. Mi ha ricordato un po quella della LAZIO di domenica pomeriggio ma con la grande differenza che la Serpe porta a casa i 3 punti mentre noi ci lecchiamo le ferite causa sculata maxima del Bologna che dovrebbe accendere un cero a San Petronio per come si era messa la partita. Pazienza, il calcio spesso è crudele 🤷🏻‍♂️

Ma torniamo agli amici interisti.
Non ho mai visto un dominio così assoluto dei nerazzurri quest’anno. Forse solo contro la Juventus 😂😂
Lautaro ieri era in serata NO. Si è mangiato pure l’erba di San Siro.
Meno male che Argonautocic ha insaccato facendo felice l’Italia intera, in primis milanisti e juventini saliti sul carro dei vincitori 😂😂😂
L’Atletico inguardabile ma ci sarà da soffrire al Wanda Nara Metropolitano.

mario rossi

Peccato che 70.000 incivili riescano a rovinare un minuto di silenzio, che se si chiama così un motivo ci sarà

Darioski

D’accordo ma definirli incivili per aver applaudito mi sembra esagerato, forse “inopportuni” può bastare

Nicola Romano

Purtroppo c’è questa mania di applaudire come ai funerali , non ho mai capito che senso abbia,a meno che non sia morto un artista, come in televisione, basta dire che non bisogna ammazzare o fumare o che è bene aspettare tre ore prima di fare il bagno, oppure in parlamento quando qualcuno sta parlando, i suoi compagni applaudono continuamente col solo risultato di fare perdere tempo, non sarebbe meglio un’unico bell’applauso finale ? .

Chakkko

Vittoria sofferta, limitata nel risultato ma ugualmente preziosa dell’Inter perchè ottenuta contro una squadra rognosissima, dotata di grande tecnica in velocità, eppure sempre attenta e “feroce” nella fase di chiusura e di pressione. Proprio per questo i nostri centrocampisti hanno sbagliato più del solito in impostazione (soprattutto l’armeno ed il turco) ma nonostante questo siamo stati capaci di chiudere quasi tutti gli spazi per le ripartenze avversarie senza sbilanciamenti esiziali.
La squadra è riuscita a costruire diverse occasioni da gol, sia nel primo sia nel secondo tempo vanificate purtroppo dall’imprecisione dei nostri attaccanti, fino al regalo della difesa madrilena sul vantaggio attribuito ad Arnautovic (i cui errori sotto porta stanno diventando, ahinoi, una costante).

Per quanto riguarda i singoli, prestazioni superiori di Barella, di De Vrij, e di Bastoni; Lautaro impreciso ma sempre lottatore; Dimarco e Darmian ben limitati in fase di spinta ma attenti in copertura; Pavard sicuro; Sommer senza parate; degli altri centrocampisti s’è detto. Peccato per Thuram, speriamo non sia nulla di troppo grave. L’Atletico fa onore al proprio nome (hanno corso per tutta la partita) e Griezmann è uomo ovunque. Al ritorno sarà durissima.

Saluti

P.S. Il minuto di silenzio per Bhreme è stato tutto tranne che un minuto di silenzio. Peccato.

Bob Aka Utente11880

E mo’ come si fa a licenziare Arnautovic ? Manca solo che alla prossima segni Alexis …

carta vetrata

Io invece sono ottimista su Arnautovic, sarà tra quelli che l’Inter ringrazierà di più a fine anno. Si sta calando in un ruolo non facile, giocare da riserva, è un ottimo attaccante, . Arnatutovic ha doti tecniche, fisicamente c’è, vede il gioco. Molto sfigato finora, ma avercene di riserve così. Adesso che le partite si susseguono ogni 3/4 giorni, tornerà utilissimo credo. Molti più dubbi ho sul rendimento di Sanchez. Piuttosto, Dumfries è un nuovo acquisto?

Mordechai

Ma non avete in rosa anche un certo Klaassen (non so manco come si scrive)?
Ma che fine ha fatto?

carta vetrata

e quando gioca mai, con tre registi in mediana che vanno a mille? Magari torna utile più in là. Il giocatore c’è, d’altronde non fai il regista e capitano dell’Ajax per 10 anni in fila, se non sai giocare bene al calcio. Lì di scarponi non ne vogliono. All’Inter, per essere uno squadrone, però manca qualcosa, in termini di fantasia a destra. Ma magari se ce la metti, scassi tutti gli altri equilibri, e allora va già benone così, il meglio è nemico del bene. Io farei carte false per Zirkzee, uno di quelli che non sai mai cosa inventano e come prenderlo per le difese, grande tecnica, tutto di prima se appena può, sennò ti porta a spasso. Anche ieri c’erano due gol di scarto almeno, e il solito Sommer disoccupato. Certo che Inzaghi ….., è quasi tutto merito suo, lo ricordo bravino alla Lazio ma un pò sfarfalleggiante. Adesso è un top, altro che Allegri e Pioli, fra l’altro è sempre composto anche se gli fanno i chiodi. e fa crescere i giocartori eccome, Barella e Bastoni son diventati top player, fanno cento cose. Perfino Dumfries con quei piedi incommentabili, pare Maicon

Bob Aka Utente11880

Pronto a fare la sua parte 😉

Bob Aka Utente11880

Speriamo, in effetti ieri sera secondo me ha fatto un solo grosso errore, quello del tiro sopra la traversa, perchè era sottoporta e abbastanza libero al tiro, mentre le eltre non erano palle facilissime (vedi cross di Dimarco arrivato a mezza altezza), e Lautaro non ha secondo me la coscienza molto più pulita. Perchè mi chiedi di Dumfries ?

carta vetrata

perchè era desaparecido da mesi per via del mancato rinnovo del contratto. Ieri invece sembrava invasato, con tutti i suoi limiti tecnici, è una locomotiva. Se torna quello dello scorso anno, abbiamo un nuovo acquisto a destra, dove c’è molta meno creazione che a sx. Darmian è spompatissimo, dovrebbe riposare un pò. Quanto a Lautaro, sì, ieri ha sbagliato più lui di Arna, ma mica può segnare sempre, e diversi tiri son finiti in bocca al portiere, bastava inzuccare meno pulito ed entravano. Ci sta, via, poteva finire con tre gol di scarto ma è una costante dell’inter quella di sbagliarne tanti.

Bob Aka Utente11880

Concordo

2010 nessunoo

Caro BoB è probabile che al ritorno a Madrid Arnautovic ci sia dal primo minuto sperando che faccia tesoro di come ha sbagliato quei due tiri che erano gol sicuri, però quel che conta è la stagione, se non comincia a inquadrare meglio la porta non basteranno una o due gol eroici a risparmiargli la dipartita, tieni presente Taremi e Zielinski che l’Inter ha già preso…

Bob Aka Utente11880

In effetti… comunque pensiamo a questa stagione poi si vedrà

il ghiro

ITALIA – SPAGNA – Commedia in 4 Atti
Atto I
INTER – ATLETICO MADRID 1 – 0
L’Inter affronta a San Siro il Cholo e i suoi biancorossi, privi di Azpilicueta e Lemar, in panca il pericoloso Morata, lo sostituisce Llorente, ma gli altri ci sono tutti, da Griezmann a De Paul, da Koke a Witsel, da Gimenez a Oblak. Per il duello “Simone vs Simeone” Inzaghi schiera i “Magnifici 10”, manca solo Acerbi, tornano nei ranghi i panchinari che pure avevano ben meritato contro la Salernitana. Arbitra il romeno Kovacs, al VAR il tedesco Fritz.
Tiraccio del Calha, tiro a lato di Lino, pressano a tutto campo i colchoneros, errori di Miki e Calha, rigide marcature a uomo, tiraccio di Lautaro alle stelle, cross di Barella per la testa di Lautaro, troppo centrale, ruba palla Thuram, assist per Lautaro che sbuccia il tiro, altro tiretto di Thuram facile per Oblak, si fa male Thuram. Portieri inoperosi, prevalenza delle difese sugli attacchi.
Ripresa: cambi Gimenez-Savic e Thuram-Arnautovic, che subito spara alta una gran palla di Dimarco, poi di testa la manda fuori, giallo a Hermoso duro su Barella, entra Morata, che lancia a sx Lino, tiro fasullo, esce Sommer su Llorente salvando la rete, tiraccio di Koke, ancora tiraccio alto di Arnautovic, entrano Reinildo e Barrios, Dumfries e Carlos Augusto per Darmian e Dimarco, dentro anche Frattesi per Miki, anticipato Arnautovic, Oblak para la testata di Lautaro, entra Correa, contropiede Inter, scappa via Lautaro, Oblak salva deviando a sx, ma Arnautovic ribatte in rete, Lino non ci arriva, 1-0. Giallo a Savic che protesta dopo aver spianato Lautaro, poi a Morata e Frattesi che bloccano i contropiede avversari. Entra Sanchez per Lautaro, cross di Correa per la testa di Morata che manda a lato, Frattesi canna da pollo il contropiede, per la seconda volta nessuno passa la palla a dx a Dumfries solissimo, giallo a Koke e a Carlos Augusto. Kovacs fischia la fine, qualche modesta sofferenza nel finale ma vittoria pienamente meritata. Basterà per passare il turno? Chissà!!!
I migliori dell’Inter: Bastoni su tutti, poi Sommer, Pavard, Barella, Thuram, benino anche i subentrati Arnautovic, Dumfries, gli altri sottotono rispetto al proprio standard. I migliori dell’Atletico: Witsel e Lino, bene anche Gimenez, Oblak e il subentrato Morata. Ineccepibile il romeno Kovacs.   

Modifica il 4 mesi fa da il ghiro
il radarista

SDCusa se mi permetto. Conosci la musica dei Madness?

Modifica il 4 mesi fa da il radarista
Nicola Romano

Ah ! I Madness quelli che cantavano Madness .

Il Regolamento

Dall’album The Madness… no, scherzo, il pezzo è nell’album One Step Beyond.
La mia preferita comunque rimane Baggy trousers, immagino che interessi a molti

Mordechai

Gran pezzo quello dei Madness … alle feste, quando mettevano l’LP sul piatto (era mesozoica, praticamente) si scatenava l’inferno, cominciavamo tutti a zompare e dimenarci come degli ossessi.
🙂
Bel tempi, porca zozza.

Bob Aka Utente11880

Un po’ come i capannelli degli interisti attorno all’arbitro, ancora oggi: si vede erano tutti fan dei Madness

Il Regolamento

in effetti manca solo che si mettano a pogare con l’arbitro

il radarista

Anche se vedo le partite in TV, ho sempre bisogno dei tuoi commenti che sono chiarificatori, specie per i nomi dei calciatori, che poco conosco. A volte penso che la vittoria con un solo gol di vantaggio sia più preziosa di quella con due gol. La prima ti fa andare in trasferta con la paura di perdere mentre la seconda ti fa sentire troppoi sicuro e ti dà una certa vulmerabilità. Grazie sempre.

Waters

Lui pensava sempre a noi,noi penseremo sempre a lui,addio Andy.

98
0
Cosa ne pensi? Lasciami un commentox
()
x