Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Stai bloccando le Ads!!!

Ciao, un po’ di pubblicità a te non costa nulla, a noi consente di ammortizzare almeno in parte i costi di Bloooog! e mantenerlo attivo. Per favore disattiva l’estensione che blocca gli annunci e poi ricarica la pagina.
Grazie da Bloooog!, il tuo Bar Sport.

Roma - Torino 3-2, tre gol di Dybala

Superbo show di Dybala all’Olimpico con i suoi tre gol al Torino. Per De Rossi “i fuoriclasse non si mettono mai in discussione” . Ma il punto è: a fronte di una serata grandiosa e indimenticabile da vero genio del pallone, quanto bisogna aspettare i fuoriclasse e quanto bisogna sopportare l’incostanza e l’insostenibile leggerezza di tante altre partite? E infine, ma come è venuto in mente alla Juve di lasciar andar via Dybala, pensate che coppia avrebbe fatto oggi con Vlahovic… 

L’INDISCUTIBILITA’ DI DYBALA SECONDO DE ROSSI

“I fuoriclasse non si discutono” dice Daniele De Rossi, ancora fresco per quanto già rinfrancante allenatore della Roma, dopo i tre gol di Paulo Dybala al Torino.

  Ma il punto è proprio questo, Dybala è invece sempre stato discutibile. Si sostiene la sua indiscutibili quando fa tre gol al Torino, appunto, oppure gli capita il giro giusto di gol, assist, dribbling, stop e numeri per cui risulta essere godibile e sublime come un Nureyev dei prati verdi. Così come ci capitava di dirlo, con lo stessa esaltazione, di Rivera o Corso, Baggio o Del Piero, Pirlo o Totti: la leggerezza fatta arte.

DYBALA, UN PESO O UN GENIO?

  Certe serate, basta anche una sola contro dieci, scacciano tutte le altre serate in cui i suoi tifosi maledicono la sua incostanza, la sua sparizione dal campo, la sua leggerezza appunto che arriva a sfiorare l’inconsistenza. Ma tant’è i giocatori come Dybala sono quelli per cui vale ancora la pena di soffermarsi su una partita di calcio, quei giocatori per cui i ragazzini vanno a giocare a pallone per strada o nei cortili incollandosi la palla al piede.

JUVENTUS, DAL TAGLIO AL RIMORSO DI DYBALA  

Quei giocatori che i tifosi, quelli della Juventus ad esempio, non vedono l’ora di lasciar andar via perché tanto non ci costruisci nulla sopra, perché gli acciacchi lo tormentano, perché la loro fragilità diventa a un certo punto insopportabile. Un handicap, un peso per tutti. E soprattutto una cifra altissima che non vale la pena di pagare. Insomma, la classica insostenibile leggerezza dell’essere.

  Per poi vederli una notte di febbraio suonare meravigliosamente l’orchestra e chiedersi che coppia oggi Dybala avrebbe fatto con Vlahovic invece che con Lukaku? Ma come ci è venuto in mente di far andar via questo qui? 

***
Open Bar, la chat diretta di Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

***

SERIE A 2023-2024

GIORNATA N. 26

Venerdì 23 febbraio 2024

Bologna – Verona 2-0

Sabato 24 febbraio 2024

Sassuolo – Empoli 2-3

Salernitana – Monza 0-2

Genoa – Udinese 2-0

Domenica 25 febbraio 2024

Juventus – Frosinone 3-2

Cagliari – Napoli 1-1

Lecce – Inter ore 0-4

Milan – Atalanta 1-1

Lunedì 26 febbraio 2025

Roma – Torino 3-0

Fiorentina – Lazio 2-1

***
CLASSIFICA DOPO 26 GIORNATE

PROSSIMO TURNO

RECUPERI GIORNATA N. 21

Mercoledì 28 febbraio 2024

Sassuolo – Napoli ore 18.0

Inter – Atalanta 20.45

***

GIORNATA N. 27

Venerdì 1 marzo 2024

Lazio – Milan 20.45

Sabato 2 marzo 2024

Udinese – Salernitana 15.00

Monza – Roma 18.00

Torino – Fiorentina 20.45

Domenica 3 marzo 2024

Verona – Sassuolo 12.30

Frosinone – Lecce 15.00

Empoli – Cagliari 15.00

Atalanta – Bologna 18.00

Napoli – Juventus 20.45

Lunedì 4 marzo 2024

Inter – Genoa 20.45

***

SOCIAL BLOOOOG!

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

***

fatti un giro dentro Bloooog!

Giovedì 6 marzo 2024

Europa League, la Roma di De Rossi dà una lezione al Brighton di De Zerbi, Milan, gol, Leao e dubbi

Mercoledì 6 febbraio 2024

Champions League, il Real Madrid di Ancelotti e il Manchester City ai quarti di finale

Martedì 5 marzo 2024

Champions League, il Bayern Monaco sbatte fuori la Lazio con i gol di Kane e Muller

Lunedì 4 marzo 2024

L’Inter batte il Genoa 2-1 e va a +15 sulla Juventus. Ma è bufera su Inter, arbitri e Var

Domenica 3 marzo 2024

Il Napoli batte la Juventus, decisivo Raspadori, e si ricorda di avere lo scudetto sul petto

Sabato 2 marzo 2024

La Roma di De Rossi continua a vincere dimostrando l’ ormai evidente “insopportabilità di Mourinho”

Venerdì 1 marzo 2024

Lazio – Milan, tre espulsi della Lazio. Lotito furioso attacca gli arbitri e la Federcalcio

Giovedì 29 febbraio 2024

Il caso Pogba, 4 anni per doping: la sua carriera finisce qui

Lunedì 26 febbraio 2024

La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà

Domenica 25 febbraio 2024

Lautaro è troppo forte, è arrivato a quota 101 gol in Serie A con l’Inter

Domenica 25 febbraio 2024

Juventus salvata da Rugani con un gol al 95′ contro il Frosinone

Giovedì 22 febbraio 2024

Milan ko a Rennes ma passa, Roma elimina Feyenoord ai rigori: qualificate a ottavi Europa League

Mercoledì 21 febbraio 2024

Champions League, Napoli – Barcellona 1-1. In gol Osimhen, esordio per il nuovo allenatore Calzona

***

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
214 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

[…] La tripletta di Dybala al Torino: la lotta di classe di un campione a metà […]

cugino di campagna

Non sono passati neanche 10 minuti, entrata di karate di Bastoni gol dell’Atalanta e l’InterVar subito entra in azione. Per la trecentesima volta, sempre e solo nella stessa direzione. Nemmeno dopo aver accumulato 10-12 punti di vantaggio riescono a ritarare la macchina dei furti.

Ah ah ah – che farsa!

Waters

Ué Stanzani, é dura ridere quando non ci sono più denti per le troppe rosicate😂

Nicola Romano

E ti pareva che la vittoria tennistica del Napoli meritava un nuovo thread , certo s e avesse perso .

Nicola Romano

Rettifico, meritasse .

Claudio Mastino 62

Ha segnato, ha segnato Osimhen, ha segnato, ha segnato Osimhen,
ha segnato, ha segnato Osimhen,
da quando è tornato ha segnato cinque reti in tre partite ed anche se il Sassuolo ha dei grossi problemi segnare una tripletta non è mai cosa da poco; è inutile sempre parlare di allenatori, il centravanti nigeriano è un fenomeno ed indipendentemente da chi siede in panca una cosa è il Napoli con Osimhen, tutt’altra senza di lui, la differenza è abissale. Come ho sempre sostenuto sono i grandi giocatori che determinano le vittorie e non gli allenatori ed anche se il Napoli ha degli ottimi giocatori è Osimhen che fa la differenza senza ombra di dubbio.

cipralex

Bocca scusi se glielo dico ma sto blog è scaduto assai.

Adesso è frequentato solo da gente che presenzia alle telefonate tra Andrea Agnelli e Allegri.

Tempo fa c’era chi presenziava alle telefonate tra Biden e Putin.

Non va bene.

Sapevatelo.

Nicola Romano

Sapevatelo ? .

Waters

É un neologismo, il Cinghialone di Fauglia è avanti…

Il Regolamento

manco le basi, proprio

rieducational.gif
carta vetrata

senza andare a sensazioni, basta usare un pò di logica.

Quattroquattronovetredue

Dato che su Dybala è stato detto tutto, aggiungo un paio di osservazioni sulla Roma, per chi può essere interessato.
La prima, e lo dico da romanista, è che fra le tante doti di De Rossi che leggo ovunque ne manca una finora determinante: il culo. Chi ha seguito le partite della Roma avrà notato, ad esempio, che il primo tempo di Frosinone è stato paro paro al primo tempo della Lazio a Firenze: entrambe le romane (vabbè, definiamo così pure quegli altri) dovevano stare sotto di un paio di gol, e invece hanno chiuso in vantaggio; la differenza nel risultato finale l’ha fatta la capacità di De Rossi di correggere in corsa una formazione squinternata, laddove Sarri ha continuato dritto fino al baratro, contento lui. Ma anche contro il Torino il primo tempo è stato proprio brutto, col pallino nei piedi granata e noi a cercare il contropiede, e ancora non ho capito il perché del ritorno alla difesa a tre; qui le castagne dal fuoco le ha tolte Dybala, se no non so proprio come sarebbe andata a finire. Insomma risultati ottimi, DDR da encomiare, però non è tutto oro quello che luccica, e il quarto posto è ancora lontano. A scanso di equivoci, nessun rimpianto per Mourinho perché era ora che se ne andasse, ma neanche una damnatio memoriae, ma anzi un ringraziamento per quello che ha portato. Se poi De Rossi ha la dote dei generali di Napoleone, ben venga.
Seconda brevissima osservazione: il nuovo Ds non si vede, ci sono stati altri licenziamenti in Società, il tecnico ha il contratto in scadenza a giugno. Niente niente, non è che gli americani fanno i trumpiani e ci lasciano da soli a combattere le strisciate? Io qualche sospetto ce l’ho.

Mordechai

Sì, ma tornando alle parole dette da DDR, ad oggi e per quello che ha fatto vedere/non vedere finora nella sua decennale carriera, Dybala può essere “catalogato” come fuoriclasse?
Per me, onestamente : no.
Buon giocatore in assoluto, ottimo in alcune fasi, poco più che mediocre in altre, comunque troppo altalenante nel rendimento per lasciare davvero una “tacca” nella storia del calcio.
Se i big assoluti, Maradona, Crujff e Pele’ (tanto per citarne alcuni) meritano un nove e mezzo alla carriera (il dieci non ha senso), il nostro amico argentino arriva massimo ad un sette più.

Claudio Mastino 62

Dopo aver parlato in modo credo piuttosto esaustivo della Lazio, di Sarri, del Presidente Lotirchio, dei giocatori, della stagione in corso e di quella precedente, supportato alla grande dalla Signora Sunako che ha perfettamente fotografato la situazione, vorrei ricordare con nostalgia un grandissimo difensore, l’olandese Jaap Stam che circa vent’anni fa ha militato nella squadra biancoceleste, forse meno glorificato di altri grandi difensori ma non per questo meno forte.
Stam, nonostante la notevole altezza ed un fisico robusto era discretamente veloce e rapido nonché dotato di una buona tecnica, arcigno e grintoso in marcatura e quindi quasi impossibile da superare ma mai troppo falloso a differenza tanto per intenderci di Sergio Ramos ed inoltre era fortissimo di testa poiché non era solo alto ma aveva anche una grande elevazione.
Poteva giocare indifferentemente sia da difensore centrale sia da terzino destro, in entrambi i ruoli si
disimpegnava benissimo.
Iniziò la sua grande carriera da professionista in Olanda per poi passare allo United dove divenne una colonna della squadra inglese allenata allora da Sir Alex Ferguson e contribuì in maniera notevole alla conquista del triplete da parte dello United e di altri successi.
Stam però ha sempre avuto un carattere fumantino e a causa di alcune controversie con l’allenatore
e con la società inglese fu venduto proprio alla Lazio.
Nel primo anno, grazie ad una condizione fisica non ottimale causata anche da qualche infortunio non rese al massimo ma in seguito divenne una colonna della difesa insieme a Sinisa Mihajlovic e contribuì alla grande
alla conquista del quarto posto in Campionato e all’approdo in semifinale di Coppa Uefa contro il Porto di Deco. Purtroppo Stam a causa di un infortunio non giocò
l’andata ad Oporto dove perdemmo per 4 a 1, con lui in campo avremmo sicuramente almeno limitato il passivo.
Al ritorno andai allo Stadio Olimpico ma purtroppo nonostante la Lazio fosse supportata dal grande tifo biancoceleste, l’Olimpico era quasi al massimo della capienza, non riuscì ad andare oltre allo zero a zero nonostante una grande occasione nella ripresa per andare in vantaggio ma Claudio Lopez fallì incredibilmente un tentativo dagli undici metri.
In seguito, dopo aver conquistato una Coppa Italia con la Lazio passò
al Milan dove sfiorò un’altra vittoria in Champions League ma la squadra rossonera perse in finale ad Istanbul ai calci di rigore poiché dopo essere stata in vantaggio per tre a zero nel primo tempo si fece recuperare tre goal nella ripresa; questo fu uno dei più grandi rammarichi della sua carriera.
Dopo l’avventura in rossonero tornò in Olanda e concluse la sua carriera nell’Ajax, squadra per cui faceva il tifo fin da bambino.

Vipe

Onorato di poter dedicare il raccontino a chi nel bloooog di classe ne ha da vendere.
Per sapere a chi dovete ( volendo ) leggere sotto.

Che poi Onorato pure il nome di battesimo del terzino destro anni ‘ 70, fuori un contadino ma pure in campo; come svelleva lui la palla dai piedi degli avversari, nessuno; perché i suoi proprio due zappe — terreno, piede, pallone — non sempre in quest’ ordine.
Girovagando ( non come le cronache di Ghiro che vanno dritte al punto ), girovagando scrivevo, ad inseguire i ricordi l’ ho trovato l’ Onorato al bar del paese in riva al Po.

Ciaoooo, Vipe quanto tempo…
E già!
Debbo scegliere: rifiuto lo stritolamento della mano ed azzardo un abbraccio, sudato ( troppo caldo il bar ) come agli abbracci dopo un gol.
Poi tutto di un fiato, quante battaglie Vipe come sta tua moglie che veniva a vederci quando appena sposati?
Domanda sorprendente, ma capirò poi, che mi riporta ad una domenica di novembre quando persi la fede; no, no sapevo che poi la partita l’ avremmo vinta. Infatti, ultimo minuto punizione dal limite, una traiettoria morbida come il soufflé preparato dalla moglie del Rada, incrocio dei pali. Gol vittoria.
A casa mi accorsi aver perso la vera, forse gi abbracci più esagerati del solito, di sicuro sudati.

Ora quel campo non c’ è più, ci sono gli orti e, lo so, avete indovinato: li coltiva Onorato.
E così, parlando, raccontandoci emozioni e malinconie scopro che qualche giorno prima, all’ altezza della tre quarti lato risaie di allora, zappando, per ortostatismo prolungato Onorato s’ è preso l’ ernia.
Ehhh il tempo per i terzi, i terzini e per tutti passa; per fortuna c’ è la classe del bloooog.

( A gentile richiesta posso raccontare dedicato a chi vorrà proporsi )
Una volta il 10 lì.

IMG_4762.jpeg
Bel-Ami

Una volta 10, sempre 10. Mi fai anche venire in mente, per il sapore, l’odore ed un certo color seppia di immagini che trasudano da pochi abbozzi, ‘i racconti del maresciallo’.

il ghiro

Mannaggia, Vipe, speravo che Onorato zappando avesse ritrovato la fede smarrita. Un’ernia spesa a vuoto, peccato!

Waters

Bravo Vipe, c’è anche Glauco Onorato,attore essenzialmente teatrale, che interpretava l’eroe Ellis nella mitica Freccia Nera, poi c’è anche un Onorato killer, quello che uccise Lima se non vado errando… ciao….

Vipe

Debbo cogliere tal erudizione condita di complimento per una sottesa richiesta di taccontino/dedica o, più semplcemente, ti sto simpatico?

Waters

Simpatico certamente😂

il radarista

Sempre grande. Imperdibili i tuoi ricordi.

il radarista

Il Napoli ha, al momento, 37 punti. Qualora stasera dovesse arrivare a 40, cosa difficilissima, tirerei un sospiro che, definire di sollievo, è poco. Non mi aspettavo che avremmo raggiunto la salvezza così presto. Un poco come quando si comincia il pranzo con un ricco antipasto e, quel che viene dopo, deve essere per forza buonissimo, altrimenti fai fatica a mangiarlo e ad apprezzarlo. perciò meglio parlare domani delle aspirazioni del Napoli e di noi tifosi.
Dedicare a De Laurentiis il mio pensiero quotidiano, fa di me un killer seriale, fortunatamente a parole.I giornali di oggi lo descrivono triste e deluso, esattamente come i calciatori che scendono in campo. Sembrano tutti a fine corsa, come se giocassero ognuno per proprio conto e aspettassero il triplice fischio liberatorio. Possibile che ci sia qualcosa che non va e che non conosciamo tra i giocatori e la Presidenza? Mah, Chissà!

Modifica il 1 mese fa da il radarista
Bob Aka Utente11880

Che ti avevo detto ? 😉 che ti sia di buon auspicio anche per domenica …

Bob Aka Utente11880

Non essere troppo pessimista, il pareggio col Barca e la quasi vittoria di Cagliari devono darvi fiducia. Magari anche per la prossima con la Juve …

carta vetrata

Stasera, tutti a tifare per i nerazzurri. L’Italia finalmente unita, come nemmeno a Garibaldi riuscì.

2010 nessunoo

Ironia?

carta vetrata

No, ecumenismo.

Mordechai

O forse ipocrisia? 😃

carta vetrata

E perchè?

Bob Aka Utente11880

no, chi pro chi contro Inda, tutti a tifare nerazzurro, immagino …

2010nessuno

BoB, quello l’avevo capito……

carta vetrata

esatto. Tifo palindromo

Bob Aka Utente11880

#Acutissimus

il ghiro

Omaggio ai cugini, anche se in ritardo e a malincuore.
ROMA – TORINO 3 – 2
Per lo scontro col Torino DDR rischiera Angeliño e Azmoun, restano fuori Spinazzola, El Shaarawi e Lukaku, ritorna finalmente Smalling, conferma per Svilar, mentre Juric, ricevuta la relazione dalla Mata Hari spedita sulle colline di Trigoria, decide di confermare la formazione che deve riscattare la prova sfortunata di mercoledì contro la Lazio, solo Gineitis per Ilic. Arbitra il maceratese Sacchi, al VAR il teramano Paterna.
Subito all’attacco i giallorossi, da Azmoun a Kristensen, che spara la palla sul palo, entra Sazonov per Lovato, giallo a Lazaro, cross di Bellanova per Ricci che la spara a lato, giallo per lui, calcione di Sazonov ad Azmoun appena in area, rigore netto che Dybala trasforma spiazzando zio Vanja, 1-0. Neanche il tempo di centrare che Bellanova crossa da dx in area e Zapata arretrando infila con una violenta testata l’angolo della porta di Svilar, 1-1. Giallo a Ndicka, Svilar bene su Vlasic.
Ripresa: attento Svilar su Lazaro, cross di Angeliño per la zuccata fuori di Mancini, poi Dybala si inventa un sx a giro da fuori area che pesca l’angolino dove zio Vanja non può arrivare, 2-1. Entra Rodriguez, Sazonov di testa spedisce fuori, DDR inserisce Spina, Bove e Lukaku, tiretto di Masina, e Dybala fa il tris, grazie all’assist perfetto di Lukaku che lo mette davanti a zio Vanja, Paulino lo beffa con un tiretto dei suoi, 3-1. Tiretto di Vlasic, entrano Huijsen, poi Linetty, Okereke e Ilic, salvataggio di Sazonov, entra Sanches, giallo a Cristante, ancora l’inesauribile Bellanova lancia Ricci, tiro deviato in rete da Huijsen, 3-2. Da D.D.R. a D.D.D., una tripletta da favola.

commentanonimo

In 11 anni di A Dybala è andato in doppia cifra 9 volte e è rimasto 2 volte sotto i 10 gol. E’ andato solo una voltra sopra i 20, ed un altra sopra i 15. In sintesi, considerato che per molti anni batteva i rigori, è un ottimo attaccante, ma non ci puoi basare sopra una squadra. A sua discolpa va però onestamente detto che quando giocava con noi veniva menato senza che giacchette gialle lo proteggessero, memorabili alcune partite contro Atalanta, Lazio ed Inter un cui lo hanno agganciato per la maglietta con giacchetta gialla che gesticolava non è nulla.

Maxx

Col Frosinone ha subito sei falli da dietro in un quarto d’ora, per non parlare dei trattamenti che gli riserva sempre l’Atalanta che tende a romperlo a inizio partita.

Purtroppo c’è l’assurda usanza di trattenere i cartellini ad inizio partita. Una sorta di benevolenza arbitrale che non viene più concessa nel secondo tempo. Il risultato è che nei primi venti minuti i “bersagli” vengono tartassati di fallacci con lo scopo evidente di metterli fuori partita. AL primo cartellino giallo si cambia la marcatura in attesa della sostituzione del difensore o del centrocampista, incaricato della persecuzione, nel secondo tempo. L’Atalanta lo fa sistematicamente.

Il Regolamento

Credo che su NESSUN giocatore si possa basare sopra una squadra, forse neanche su Messi.
Ho l’impressione che di Dybala ci siamo scordati parecchie cose, vero che è stato un po discontinuo, ma ha fatto stagioni bellissime alla Juve.
Segnare 15-20 gol da seconda punta riesce a pochi, soprattutto considerando che, appunto, la Juve non era stata costruita intorno a lui.

Modifica il 1 mese fa da Il Regolamento
guido

basterebbero quei primi dieci minuti con il Barcellona (con tanto di gol, poi seguito da un altro) per ricordarlo per sempre

Mordechai

Wiki riporta che Dybala (che non è più un pischello), in Nazionale ha giocato trentotto partite e segnato tre gol, uno ogni tredici … non è che è stato esaltato un pochetto troppo?
Anche per lui vale quel che è stato tante volte scritto di Allegri : se è veramente così bravo, com’è che nessuna delle big d’Europa abbia mai cercato (seriamente) di portarselo a casa?

rd1959

Perché in Premier, dove hanno i quattrini veri, si corre dal primo al novantacinquesimo minuto, e non prendono un calciatore che si è dimostrato molto fragile. Perfino la Juve più modesta da molti anni non gli ha rinnovato il contratto, pur avendo solo centrocampisti di quantità e nessuno veramente in grado di accendere la luce. Così è finito alla Roma, che non avrebbe mai potuto permetterselo se non fosse stato così fragile. Ma se non fosse così fragile non giocherebbe neanche nella Juve, perché è un fuoriclasse e giocherebbe altrove. Devo di re che quest’anno, quando ha giocato, ha come minimo fatto il suo, e spesso ha fatto vedere cose che, da sole, valgono il biglietto (o l’abbonamento a Dazn).

Manlio rossi

Veramente lo scambio dybala lukaku era fatto quindi il manchester lo voleva eccome. Fu lui a scegliere di rimanere alla juve nonostante (vado a braccio) un ingaggio pronto di 9 milioni di sterline all anno . E poi già la stessa juve a metà anni 10 era comunque una delle 4 big di europa

Modifica il 1 mese fa da Manlio rossi
Mordechai

“Fu lui a scegliere di rimanere alla juve nonostante (vado a braccio) un ingaggio pronto di 9 milioni di sterline all’anno”

Così come fui io a rifiutare l’invito a cena di Charlize Teron perchè ero già impegnato per una briscola con gli amici.
Ma per favore.

carta vetrata

ti invitò perchè gli andò buca con me, mica per altro. Avevo un tressette quella sera. Sfortunata quella ragazza

Mordechai

Davvero, che sfiga…

guido

Forse non volevi davvero rispondere a me. Comunque io non parlo di numeri, ma di emozioni calcistiche. Anche Baggio non ha mai vinto niente, ma quando l’hanno sostituito con Del Piero l’ho considerato un sacrilegio. Anche Cruijff non ha mai vinto una Coppa del Mondo.Anche Ibra niente Champions.
Certo Dybala non lo metto a quei livelli, ma poco sotto: a me piaceva vederlo giocare (cioè mi piace ancora, ma è diverso con un’altra maglia)

Mordechai

Dybala, quando è in giornata diverte, ma quando c’ha la luna storta è utile in campo quanto un pensionato.
Rispetto ai quattro che nomini è parecchio sotto.

Il Regolamento

In realtà ha giocato solo 16 partite da titolare, più 22 da subentrato. Vero che ha segnato pochissimi gol, ma ha anche giocato poco, una media inferiore a 40 minuti a partita. La media effettiva quindi è di un gol ogni 5,5 partite.
Purtroppo aveva davanti un certo signor Messi, e non ha mai trovato un allenatore che cercasse di farli coesistere.

Mordechai

Sempre Wiki … Lautaro Martinez (molto più giovane di Dybala) in Nazionale : ventuno gol in cinquantaquattro partite, delle quali molte giocate sì e no a metà.

Il Regolamento

Beh, dai, non paragoniamo mele con pere: Lautaro è una prima punta, ha più occasioni di segnare e soprattutto nell’Argentina ha avuto meno concorrenza.
In ogni caso è vero, Lautaro ha molti più gol e una media realizzativa molto più alta (un gol ogni 155 minuti giocati), però ha giocato molto più di Dybala: 54 partite con una media di 60 minuti a partita, totale minuti oltre il doppio di Paulo.
Il fatto che Lautaro, che comunque è fortissimo, abbia giocato il doppio di Dybala in nazionale, pur avendo tre anni in meno, ti fa capire che c’era qualche problema di concorrenza… 😉

carta vetrata

lautaro ha fatto la seconda punta per 5 anni, da partner o riserva di Icardi, Lukaku Dzeko. Questo è il primo anno da prima punta. Da seconda punta segna, da anni, oltre 20 gol all’anno. Senza rigori. L’unico attaccante veramente completo in circolazione.

Mordechai

Anche questo può esser vero.
Però, secondo te, come mai nessuna delle big … ?

2010 nessunoo

Ugo lo sai che i tuoi cotifosi non ammetteranno mai il semplice fatto che Lautaro sia un giocatore più forte di Paulo

carta vetrata

E’ un problema loro, se non lo ammettono. E mica è l’unico problema, magari fosse così. Comprano Lautaro, e tutto risolto.

Mordechai

Sono diversi, ma anche per me Martinez gli è superiore.

2010nessuno

E certo che sono dversi e Dybala volendo ha un piede più fino ma Lautaro, come visto anche stasera, è una sentenza in area di rigore, ma accidenti come calcia male i rigori…

commentanonimo

Sono ruoli diversi, ma concordo con Morde. Lautaro è al top nel suo ruolo.
Dybala come numero 10 quando abbiamo avuto i Platini, Zidane, Baggio, Del Piero, Tevez (certo anche Pogba 😥), è un pò diverso, è tecnicamente eccezionale, ma non ha mai veramente fatto il faro della squadra . Il fatto che poi messo a fianco a CR7 non abbia fatto stagioni stellari credo dica molto sul problema della inconsistenza per un top team (o presunto tale, certo).

Modifica il 1 mese fa da commentanonimo
Mordechai

È quello il punto, infatti.
Lautaro, oggi come oggi, é sicuramente nel Gotha del suo ruolo, Dybala invece no, e secondo me non lo è mai stato, manco in bianconero.

Il Regolamento

Mah, secondo me ai tempi belli Dybala qualche offerta dalle big l’avrà anche ricevuta, ma fino a due/tre anni fa la Juve giocava stabilmente la Champions e aveva l’argentino al centro del progetto tecnico, quindi immagino che stesse bene a Torino.

Mordechai

Se l’avesse ricevuta, non se ne sarebbe saputo niente?

Mordechai

Grazie della ricerchina.
🙂

Il Regolamento

😉

L'impossibile compito di Allegri

Si, non era uno da 10 gol totali (1, 4, 3, 2) alla Salernitana, 12 totali al Cagliari, altri 25 tra Benevento, Spezia, Verona, Udinese, Monza, Leccece Crotone… spesso a partite già stravinta… come alcuni celebratidsimi di adesso…

Infatti non si contano i suoi gol decisivi (spesso quelli dell’1-0, spessissimo bellissimi) con cui si sono vinti decine di Juve-Inter/Inter-Juve, Juve-Roma/Roma-Juve, Juve-Milan/Milan-Juve, Juve-Barca, Juve-Atletico, Juve-Man Utd ecc…
È il calciatore in attività che ha segnato più gol decisivi (del primo vantaggio o du quelli successivi), è stato assolutamente determinante per almeno tre scudetti della Juve e per la serie imbattuta del 2017 fino alla finale di Cardiff.

Modifica il 1 mese fa da L'impossibile compito di Allegri
2010 nessunoo

E te pareva che anche per Dybala e la sua mancata esplosione agonistica alla Juve c’era comunque una qualche colpa dell’Inter, assieme certo a qualche altro “fabbro” di altre due squadre che lo picchiavani sistematicamente in campo.
Di mancata capacità di utilizzarlo e/o appoggiarlo meglio in squadra da parte di chi lo allenava manco a parlarne magari, sempre colpa degli altri, gli arbitri, l’Inter , la Lazio, l’Atalanta….

commentanonimo

Nn ho implicato quello 2010nessuno ma ho descritto cosa ho visto, confermato da maxx credo con la Roma … Ricordo immagini vivide di magliette strappate perche’ sgusciava via con giacchetta gialla gesticolante e’ nulla e’ nulla. 🙂

2010 nessunoo

Io credo comunque che Dybala sarà stato oggetto di questi tentativi di fermarlo non solo da parte degli avversari delle altre tre squadre da te citate, ma anche e a maggior ragione dagli altri di tutte le altre squadre, soprattutto da quelli più deboli che altrimenti non riuscivano a contrastarlo o no?

commentanonimo

Probabile, io vado a memoria.

Nicola Romano

Anche se non era uno sportivo piace anche a me ricordare Ernesto Assante critico musicale di Repubblica , pace all’anima sua, la partita più importante di ieri si è giocata in Sardegna e sono contento di come sia andata ,visto anche l’insopportabile recital della premier . Venendo al calcio un grande Dybala porta al successo la Roma in piena lotta Champions , mentre le mie Lazio e Napoli ,dovranno vincerla quest’anno per riparteciparvi , per i biancazzurri sconfitta strameritata, gol a parte nulla o quasi in attacco mentre per i viola oltre ai gol ,pali, parate e un rigore sbagliato, d’altronde la Lazio è quello che è , puo’ anche azzeccare la grande partita , ma ieri tra giocatori assenti , quelli acciaccati e le partite frequenti che tanto ci piacciono era difficile che potessero fare di più , adesso andiamo verso Milan e Bayern , sarà come il tempo vuole (è una canzone dei Nomadi .)

Maxx

Tanto per sfatare il mito che Paolino sia bravo ma fragile:

Nella scorsa stagione ha collezionato 38 presenze con 2502 minuti e 18 gol;

Quest’anno ad oggi 25 presenze, 1772 minuti e 12 gol

…oh, se ne avete altri di giocatori così li prendiamo volentieri.

Poi si sa che nelle altre squadre avrebbe fatto panchina … 😀

L'impossibile compito di Allegri

Lascia stare, dovevamo vedere anche questa! Lascialo commemorare a dovere dalle suffragette (non ci si crede😂😂😂), che il loro guru, siccome era finito, gli ha preferito rottami da istant team come Di Maria e Pogba.
Incredibili!!!

guido

Quand’era alla Juve, Di Maria con l’Argentina ha giocato una finale mondiale (vinta) e per un’ora è stato il migliore in campo, trascinando la squadra nell’attesa che si svegliasse Messi. Altro che rottame (ma forse era una battuta che non ho capito)

rd1959

Di Maria ha giocato tutto il Mondiale ad altissimo livello. Il problema – te lo dico da non juventino – è che, visto da fuori, sembra aver usato la Juve per allenarsi da agosto e arrivare al massimo della forma al Mondiale, finito il quale ha praticamente smesso di giocare a pallone. Curiosamente, è esattamente quel che a Manchester rimproveravano a Pogba: infortunato o frenato quando giocava con lo united, ma in perfetta forma quando arrivava la Nazionale. Detto tra noi, trovo curioso che molti tifosi della Juventus non colgano l’assurdità di lasciar andare Dybala per prendere Pogba e Di Maria, e non avendo nessun centrocampista o mezza punta di elevata qualità.

L'impossibile compito di Allegri

Certo! Giocando nell’unico ruolo che ha SEMPRE ricoperto in carriera. Ma alla Juve c’è arrivato controvoglia, solo per allenarsi prima del mondiale… E comunque l’Inetto di Livoro lo ha messo a fare “le giocate”, messo a cazzo da seconda punta, sottopunta… da qualsiasi parte…, mentre lui è sempre esclusivamente stato un esterno di destra a piede invertito dell’attacco a tre o, al suo meglio, un esterno di centrocampo nel 4-4-2. Con la Juventus ha fatto pochissimo, quasi nulla, prima e dopo il Mondiale… a parte i 4 gol col Nantes, tredicesimo in Ligue1… (rottame era in quell’accezione: che si doveva considerare l’annata e la fine che fanno i giocatori offensivi con Allegri…) Passato al Benfica, tornato a giocare dove e come sa, è tornato a performare ai suoi livelli (età permettendo)… 14 gol e 8 assist a questo punto della stagione…

Il Regolamento

no, la società ha preferito altre scelte perché Dybala, che veniva da una stagione poco brillante e di cui non si conosceva la tenuta in prospettiva, aveva chiesto un sostanzioso aumento dell’ingaggio.
A 29 anni, dopo una stagione così, non si fa.
Al di là della scelta tecnica, che rimpiangerò per sempre, dal punto di vista societario è stata la scelta più corretta. Alla Juve resta solo chi vuole restare

Modifica il 1 mese fa da Il Regolamento
carta vetrata

Nonchè aveva cercato di ingaggiare Lukaku, a parametro zero, per poter vendere Vlahovic al miglior offerente. Ma queste manovre mica erano farina del suo sacco, era l’ovino superior a dettare la linea, nel tentativo, abortito, di salvarsi il didietro in sede consuntiva. Allegri è aziendalista. Adesso gli dicono che non c’è una lira, e quindi largo ai giovani. Mossa obbligata, nulla di strategico.

rd1959

Questa, spero mi perdonerai, è però una frase fatta. È la stessa scemenza che ripete spesso il Cinepanettonaro Impomatato, che lascia i migliori giocatori che ha – quest’anno Osimhem e Kvaratskhelia – a bagnomaria all’infinito dopo una stagione pazzesca finita con lo scudetto. È chiaro che il giorgiano, con un ingaggio mi sembra intorno al milione e mezzo, chieda un nuovo contratto… Allo stesso modo se hai in Dybala l’unico della rosa che può accenbdere la luce e inventare qualcosa cerchi di trattenerlo, invece di tenerlo a mollo per mesi per poi dirgli che può togliersi di torno, non fa più parte del progetto…

L'impossibile compito di Allegri

Che Paolino volesse rimanere lo sapevano tutti.
La società disse chiaro e tondo che non avrebbe più fatto nessuna offerta a Dybala, ne da 10 ne da 4. La delega del mercato, come di tutto il resto, era stata data al Dissennatore di Livorno. Semplicemente l’Inetto aveva già allacciato i rapporti con un calciatore Pronto Subito per vincere (Pogba). Poi avrebbe voluto anche altri due Pronti Subito, due che si sarebbero allenati prima per il mondiale e dopo avrebbero smaltito le scorie.

Maxx

Una sequela di scelte illuminate!

Tra l’altro Paredes a Roma sta facendo benissimo, mentre a Torino sembrava un cadavere ambulante. Scelta oculata e ponderata di Allegri sicuramente, che tutti amano.
L’anno prossimo Rabiot a Roma a fare sfracelli a centrocampo, da brocco ovviamente!

Maxx

Il sostanzioso aumento dell’ingaggio mi sembra un altro mito visto che a Roma non prende i soldi di cui parli. Forse bastava trovare un accordo e avere la volontà di trovarlo. Sinceramente non è credibile che un giocatore che si trova bene a Torino, che è un riferimento di quella squadra, si trasferisca ad una rivale a condizioni economiche più convenienti se non c’è una mancanza di volontà a rinnovarlo. La dirigenza juventina ultimamente si è messa in evidenza per scelte sbagliate. In primis un contratto capestro ad Allegri. Non entro nel merito del caso specifico Dybala, ma è evidente che ci sono errori di gestione alla base.

Mordechai

La Juve (Società) è nel pallone, nel vero senso della parola, da almeno 5 anni.
Di cappellate ne hanno fatte, è chiaro, ma fra queste non credo ci sia il “caso Dybala”.
Che è un buon giocatore, intendiamoci, quando gli gira bene diverte e incide, ma quando non è in giornata (cosa abbastanza frequente) diventa solo un inutile giocatollino che caracolla pigramente in giro per il campo.
Nella Juve, per alcuni anni, ha fatto vedere luci ed ombre, alla fine m’era sembrato comunque ,,, stanco dell’ambiente, cambiare aria credo gli abbia fatto bene, pure la Juve mi pare si sia fatta serenamente una ragione della sua … dipartita.

carta vetrata

giusto Mordechai, la prima fase è illuminante. Non ci sarebbe bisogno nemmeno di dettagliare le nefandezze compiute, ad ogni livello. Il (relativo) cattivo rendimento della squadra è solo una conseguenza. Anzi, Allegri ha retto la baracca senza deflettere. Impostare su di lui un rilancio mi sembra una mossa suicida, per mille motivi analghi a quelli dell’addio a Dybala, ma chiunque arrivi ha davanti un compito lungo e difficile. 5 anni buttati. Consolati,a Milano ce ne hanno messi 10, e sponda Milan non ne sono ancora usciti.

Mordechai

In realtà, sponda Milan, due anni fa hanno portato lo scudo a casa.

carta vetrata

Quello fu un regalo vero e proprio. Hanno pagato caro non averlo capito, hanno sovrastimato la cosa, scambiato il culo con le 40 ore, come dicono a Grosseto. Succede a molti.

Il Regolamento

Qui c’è una sintesi di quanto è successo, almeno a sentire Di Marzio
https://gianlucadimarzio.com/it/juve-dybala-rinnovo-retroscena-calciomercato
Dappertutto comunque si dice che, viste le condizioni fisiche di Dybala che all’epoca erano preoccupanti, la Juve aveva scelto di utilizzare i soldi per acquistare Vlahovic, proponendo all’argentino condizioni diverse da quelle ipotizzate all’inizio.
Scelta sbagliata? Col senno di poi probabilmente si, ma tu all’epoca lo sapevi?
In quanto al contratto capestro di Allegri, tu l’hai letto? Quali sono le condizioni capestro?

Maxx

Il fatto che la Juve sia condannata ad Allegri senza possibilità di rimuoverlo ti dice nulla? lo so che il teorema di voi gobbi è che i tifosi delle altre squadre sbagliano a prescindere se osano fare una critica alla dirigenza bianconera, ma che ci sia una sopportazione da parte di ambiente e tifoseria di Allegri è evidente. Però sicuramente è saggio così….contenti voi!

Il Regolamento

ti dirò, a me risulta che NESSUNA società abbia la possibilità di rimuovere l’allenatore senza pagargli il resto dell’ingaggio.
Non credo ci siano clausole particolari diverse da quelle degli altri allenatori, ma se tu sai qualcosa diccelo.
Io tendo ad essere prudente con le critiche verso persone che fanno un mestiere diverso dal mio, perché non conosco tutti i retroscena. Non ho mai mosso alcuna critica alla dirigenza di altre società, ognuno fa le scelte che ritiene migliori, a volte ci prende e a volte no.
Ti posso dire che l’acquisto di Ronaldo, col senno di poi, è stato un errore, come quello di Pogba e probabilmente anche di Vlahovic.
Ma all’epoca qualcuno lo sapeva?
In quanto a Di Maria, sono con Guido, qui sopra… quando giocava con noi evidentemente si è risparmiato per fare un mondiale stratosferico.
Attenzione, queste non sono giustificazioni per la società, perché io non sapevo che sarebbero state scelte sbagliate, ma io sono un cialtrone qualsiasi, loro sono pagati per fare le scelte giuste.

Modifica il 1 mese fa da Il Regolamento
carta vetrata

Hanno utilizzato i soldi di Dybala per acquistare Vlahovic? non risulta.

Il Regolamento
carta vetrata

e secondo te il link che hai riportato fa fede? Studia la questione, senza ricorrere a link e scorciatoie, e scoprirai da solo che la partenza di Dybala (quando, a quanto e a chi?) non ha finanziato per nulla l’acquisto di Vlahovic (quando, a quanto e da chi?). Immagino tu sia giovane, altrimenti è preoccupante questa ostinazione a trattare argomenti che ignori.

Il Regolamento

senti, ma che problema hai? Sei anche tu come quell’altro fenomeno che ha le sue fonti, che sa sempre tutto e che insulta chiunque non dica quello che vuole lui?
Io ho citato una fonte giornalistica, se hai di meglio documenta, altrimenti levati dalle palle

carta vetrata

se invece di citare fonti giornalistiche ti documenti direttamnte, visto che è possibile, eviteresti di dire stupidaggini. Dybala è stato ceduto a parametro zero, Vlahovic acquistato per molte decine di milioni. Diversi mesi prima. Con quali soldi della cessione di Dybala sarebbe stato acquistato, cipollone, cosa mescoli, di cosa parli, ignorante? Levati dalle palle dillo a te stesso, cretinetto. E studia, se vuoi dialogare

Il Regolamento

ah, poi spiegami cosa vuol dire “documenti direttamente”.
Sei andato a Vinovo a parlare con Marotta?
Sei proprio stupido

Il Regolamento

sei veramente un idiota… quello che hai scritto lo sanno tutti, quello che un cretino come te non ha capito è che i soldi che servivano per garantire un contratto faraonico a Dybala (10 milioni NETTI all’anno per cinque anni) si è preferito dirottarli sull’acquisto di Vlahovic, ovviamente insieme ad altri soldi
.
E levati dalle palle, coglione

Modifica il 1 mese fa da Il Regolamento
Mordechai

Mi spiace molto.
Lo ricordo quando, tanti anni fa, su Rockstar (chissà se esiste ancora) recensiva gli LP appena usciti, musiva meravigliosa in quegli anni, fine anni ’70 più o meno.
Tra i “recensori” lui, Guido Harari (grandissimo fotografo) e nientepopòdimenoche … Carlo Verdone.
Già, proprio lui, all’epoca un carneade.

Bob Aka Utente11880

quelli che l’autostrada del Sole l’hanno pagata loro
quelli che odiano Agnelli solo sulla Milano-Torino
quelli che lavoriamo tutti per Agnelli
quelli che tirano la prima pietra, ma anche la seconda e la terza
quelli di Roma
quelli che l’inglese bisogna impararlo sul posto
quelli che ordinano eggs and bacon

il radarista

Veramente l’Autostrada del Sole l’abbiamo pagata tutti.
In quell’occasione i nostri politici, per poter distribuire e arraffare tangenti e prebende, hanno cambiato unilateralmente il sistema metrico decimale e inventato il metro di ottantasette centimetri. Caso unico al mondo e prova inconfutabile dell’italica genialità.

Bob Aka Utente11880

Qualcosa di simile al bonus 110%, quando 1 metro cubo è diventato 3 metri cubi

inox

Buonanotte Fabrizio

Sono in zona e proverò ad andare a vedere Lecco-Como anche se con tempo proibitivo. Vediamo. Ma…..quelli di Como…..si….gli agenti che hanno ritirato la patente a un pedone perchè ubriaco, punendocosì la possibile sua intenzione di mettersi alla guida? Belli vero? Sarebbe stato il caso di sottoporre gli agenti alcol-test comunque, per analogia. domani sera ammonisco due volte e quindi poi con l’espulsione già nei corridoi degli spogliatoi Ederson, dell’Atalanta, punendo preventivamente il suo possibile gioco irruento. La Roma con De Rossi altra squadra ma allora era il “Vate” a non funzionare. La Fiorentina migliore della stagione batte la Lazio troppo sulla difensiva e pronta a giocare solo di ripartenza e questo, a fine primo tempo, ha anche funzionato. Una prima frazione che si chiude con la Lazio in vantaggio mentre il risultato più giusto sarebbe stato un tre a zero per la Viola. Il secondo tempo ricompone le cose.

Xavier

Da cuginastro Rossonero, piuttosto che con Ederson ti consiglio di farlo con Scalvini…

Modifica il 1 mese fa da Xavier
Mordechai

OT : da Acapulco (tennis) belle notizie per i nostri, Arnaldi e Cobolli hanno superato entrambi al terzo due belli tosti, rispettivamente Taylor Fritz e Auger Aliassime.
Niente male, piccoli italiani crescono.

Nicola Romano

Beh! Oltre al tennis , molto seguito qui sul blog , anche l ‘ atletica indoor per chi come me la segue ,qualche soddisfazione la sta dando .

carta vetrata

si, resta la regina degli sport.

2010 nessunoo

E che riposi in pace

Mordechai

E con tanta buona musica.

2010 nessunoo

Per quello che credo io avrà tutta la più bella musica dell’universo

carta vetrata

lei, Mordechai, ricorda per caso la rivista Il Mucchio Selvaggio, di Max Stefani? Ci scrivevano dei fenomeni. E c’era anche quel bugigattolo dietro la Termini, unico posto dove potevi trovare i dischi giusti, come si chiamava?

Bel-Ami

Millerecords.

carta vetrata

giusto, Millerecords. Un buco, ma aveva cose che potevi trovare solo lì, tipo Terry Allen

Mordechai

Esattamente, io nel ’79 mi iscritto all’università ed ho cominciato a vivere e frequentare sul serio Roma.
E Miller e cords lo ricordo bene.

Nicola Romano

Si era in una traversa di fronte alla caserma della polizia , era piccolo ma discretamente fornito, qualche soldo l’ho speso anche la’ .

il ghiro

Ragazzi, Millerecords esiste ancora, ma non sta più in via dei Mille (ecco il vero motivo del nome originale), ora sta in via Merulana, 91. Vende ancora Vini(li) doc, tutta musica d’annata, assaggio gratis, solo per amatori, esperti e sommelier…

carta vetrata

buono a sapersi, grazie

Xavier

Via dei Mille, appunto.

Xavier

Esiste ancora, col figlio Alessandro, ma da è da tanti anni in via Merulana.

Modifica il 1 mese fa da Xavier
Quattroquattronovetredue

P.s. Mi piace immaginare Juric che sussurra nell’orecchio di Orecchio: “Tu sarai il mio occhio!”.

Nicola Romano

A naso direi che occhio x occhio , abbia il dente avvelenato .

Quattroquattronovetredue

La guerra delle spie è da sempre una delle più misteriose ed intriganti, dove disinformazione e tradimento sono all’ordine del giorno: certo che anche in questo mondo si passa dal livello di le Carrè a quello del marinaio Biot che si becca una condanna a trent’anni per qualche migliaio di euro. Però il fondo viene toccato quando qualcuno invia una spia, che già si chiama Orecchio (ma come se fa’?), ad infrattarsi col binocolo fra gli scarsi arbusti di Trigoria, e questi viene ovviamente subito beccato. Si vocifera che il tizio, per salvarsi da morte certa, si sia accordato con un emissario della Roma esperto di cose torinesi (Boniek?) per fornire false informazioni ai propri mandanti, che avrebbero ricevuto un microfilm in b/n nel quale si intravede Dybala claudicante. La verità non la sapremo mai, però la testa di Juric adesso rischia grosso, Cairo potrebbe anche decidere di farlo sparire nel nulla, sempre se non diserta prima.
Misteri misteriosi…

monica

…buongiorno @bomba!!
😄😄

Bombaatomica

😂😂😂
Speravo che nessuno si facesse sentire e invece eccola la….. subito pronta a infilzare la lancia di Longino sul costato…..

Che dire? Un “incidente di percorso” 😂😂😂

Nicola Romano

Uh chi si rivede ! .

monica

…beh…stavo a cuccia,ma non per le sconfitte,ma perché non riconoscevo più la mia viola. Ieri l’ho ritrovata,anche prima del gol di bonaventura!

ConteOliver

è detonato 😉

Bob Aka Utente11880

Ma i pali non potete farli un po’ più piccoli, a Firenze ?

cipralex

Mah, pare che Dybala e Vlahovic assieme non fossero economicamente sostenibili ed hanno scelto Vlahovic.

Una cagata pazzesca, per me.

guido

in realtà Dybala l’hanno mollato per prendere Pogba. Uno dentro gratis, l’altro fuori gratis. Un ingaggio pesante per un ingaggio pesante. A me pareva una follia anche allora. Adesso ovviamente è facile

Il Regolamento

Eh, col senno di poi… io adoro e ho sempre adorato Dybala, ma tieni conto che l’anno scorso l’argentino voleva un aumento di stipendio e aveva già 29 anni.
Vlahovic è molto più giovane e l’anno scorso pareva una sicura promessa. Ti ricordi com’era partito? Con un gol in Champions al primo pallone toccato?

cipralex

Certo capisco che i bilanci hanno le loro (prioritarie) esigenze.

Io peraltro faccio fatica a governare quello di casa mia per cui non mi impiccio.

Considerando però solo “il campo” tra Dybala e Vlahovic non ho dubbi.

2010 nessunoo

Circa la preferenza tra i due questa volta sono d’ accordo con te Cipra, non ci fare l’abitudine però 😎

carta vetrata

mi sa di sì, ma c’era voglia di cambiare. Mi sembra che tu ignori che, dopo un ciclo di vittorie, c’è sempre voglia (e necessità) di cambiare, per dare continuità. E’ fisiologico. il problema Juve, se mi è consentito, è che il cambiamento lo ha gestito il più incompetente di tutti, l’ovino come lo ha definito uno qui dentro. Che ha sbagliato tutto il possibile, e anche l’impossibile, comnattendo battaglie perse o selezionando gente inadatta. Tutto nasce da lì. A cascata il resto, Dybala incluso. Tra lui e Chiesa, come talento e intelligenza calcistica, ci sono un paio di abissi. Ma Dybala aveva fatto il suo tempo alla juve, per tutti, anche per se stesso, inutile rimunginarci su.

Mordechai

Appunto.
Dybala, in bianconero, l’abbiamo visto millemila volte in campo, gli hanno dato millemila occasione per far vedere quel che sa fare.
Talento ne ha, ovvio, ma è fragile sul piano fisico, fragile sul piano mentale e, soprattutto, terribilmente incostante nel rendimento.
Pure alla Roma sbrilluccica a intermittenza, mi pare, come le lucine dell’arbitro di Natale.
A certi livelli, non basta.
Personalmente, non ne ho nessuna nostalgia.

2010 nessunoo

Caspita Ugo, ti sei fatto uno stroncatore inflessibile

Claudio Mastino 62

“ben poco tollerate a certi livelli”

Claudio Mastino 62

Proprio così Ugoline,
le caratteristiche negative di Dybala, ovvero la sua discontinuità di rendimento e la sua fragilità caratteriale e fisica sono ben poco tollerati a certi livelli, possono andar bene nell’ambiente romanista dove c’è meno pressione, dove ci si accontenta di qualche bella vittoria, soprattutto se capita nel
derby, ma non nell’ambiente juventino che è abituato a vincere spesso e volentieri, almeno in Italia.
In ogni caso ormai Paulino a Turin aveva fatto il suo tempo ed era venuta l’ora di cambiare aria.

carta vetrata

Si, è un pò una croce, come tutti i giocatori di quel tipo, Leao al Milan per un paragone recente, Recoba, o come mi sembra avviato Zirkzee, che però è molto più tosto fisicamente degli altri. Di peggio Dybala ha che è più soggetto ad infortuni. ma non tutti sono Messi. E ai tifosi piace vedere un pò del genio a sorpresa in campo. Diciamo che Dybala alla Roma sta bene a tutti, e via andare. fosse rimasto avremmo le solite litanie.

Il Regolamento

Ma sei pazzo? Non lo sai che definire Leao “una croce” è rischiosissimo??? Leao è il più grande fenomeno mai esistito sulla faccia della terra!!!

Modifica il 1 mese fa da Il Regolamento
carta vetrata

Se dobbiamo litigare con Leo62, sappiamo farlo da noi, senza suggerimenti pelosi. Resta il fatto che Leao è meglio di Kean, questa era la questione. Ed è chiusa.

Il Regolamento

Il fatto che tu dica che la questione è chiusa non mi fa né caldo né freddo, non sei tu che apri e chiudi questo blog.
La questione NON E’ se Leao è meglio di Kean, nessuno ha detto questo.
La questione è che non ho trovato NESSUNO che mi sappia spiegare, con un minimo di obiettività, PERCHE’ Leao è un fuoriclasse assoluto. Ho capito che vi piace vederlo giocare, anche a me piace, ma il fuoriclasse assoluto è un’altra cosa.
Per me, come ho scritto, fuoriclasse sono Haaland, Mbappè, Bellingham, Foden, in prospettiva Pedri ecc. ecc… non a caso tutti giocatori che hanno quotazioni di mercato ben superiori a Leao.
Fra parentesi, Pedri, per il quale sono stato perculato, a 21 anni ha già 14 presenze da titolare con la nazionale spagnola, nonostante sia stato fermo qualche mese per un paio di infortuni. Cioè, con tre anni in meno ha più presenze del portoghese in una nazionale dove la concorrenza nel ruolo è elevatissima.
QUESTI sono fuoriclasse, Leao è solo un ottimo giocatore che, per il livello basso del campionato italiano, a volte spicca.

Modifica il 1 mese fa da Il Regolamento
carta vetrata

Chiusa per me, era sottinteso. Dovevo metterci un MIAO?

Mordechai

Lui sta bene a Roma, pure la Juve senza di lui.

Mordechai

Arbitro di Natale non è male!
🙂

carta vetrata

bel lapsus. Freudiano, visto il contesto di lacrimose acrimonie.

Maxx

30 gol in una stagione e mezza….se avete altri “pesi” così dateceli!

2010 nessunoo

Chiedo venia, sarebbe “ve” lo godete voi e non “c’è” ovviamente, correggo l’ennesimo errore del correttore, non sia mai che calino subìto gli strali di qualche emerito della Crusca

2010 nessunoo

Maxx, ricordi tutti i giudizi negativi espressi al tempo anche qui, sul ragazzo dalla sua ex tifoseria? Ed eccolo qua invece, che ce lo godete voi, e questi non sono i primi gol che fa per la Roma e non saranno gli ultimi , exploit compresi

il ghiro

FIORENTINA – LAZIO 2 – 1
La Lazio va a Firenze senza Gila squalificato, Patric e Rovella fuori gioco, con gli acciaccati Hysaj, Vecino e Zaccagni, che al massimo si siedono in panca, confermato Cataldi e il trio davanti con Isaksen, Ciro e il Pipe, cercando di confermare la buona prova di Torino. I viola di Italiano schierano Kayode e Ranieri dietro, il doppio centravanti con Beltran e Belotti, sulla trequarti dentro Bonaventura e Nico Gonzalez, sempre pericoloso e imprevedibile. Arbitra il torrese Guida, al VAR il pistoiese Irrati.
Dominio territoriale viola, diluvio di corner in area laziale, Provolone accusa cefalea per i troppi palloni che volteggiano dalle sue parti, tirano male Sottil e Arthur, poi Nico cerca l’angolo lontano, Provolone devia sul palo, poi Casale salva su Sottil, sull’ennesimo angolo di Biraghi capocciata del Gallo sul palo a Provolone battuto, continuano i corner viola, ma la porta sembra stregata, e Provolone respinge tutte le palle alte, Biraghi su corner la invia ancora sul palo esterno, duri i difensori viola su Pipe e su Ciro, poi a chiusura del tempo prima (e finora unica) azione corale della Lazio, lungo rilancio di Provolone per Isaksen, palla per Ciro, che allarga a Guendouzi, assist immediato per il Mago che entra in area e piazza il suo preciso piatto dx sull’uscita di Terracciano, 0-1.
Ripresa: Fuori Marusic e Isaksen per Hysaj (ahinoi!) e Zaccagni, tiraccio del Gallo in fallo laterale, Nico invece libera un sx che sfiora la traversa, errore di Casale che tocca in corner, gran tuffo di Provolone su Ranieri, poi la Lazio canna un contropiede e si fa trovare sbilanciata in avanti, cross da sx di Belotti e Kayode liberissimo (Hysaj, dove sei?) a rimorchio la sbatte sotto la traversa, 1-1. Perde palla la Lazio al limite e Casale ostacola il Gallo in area, solita sceneggiata di Belotti, una vera Eleonora Duse, per Guida è rigore (giallo per proteste a Guendouzi), ma Nico lo spara sul palo. I viola si rifanno poco dopo, incursione di Sottil a sx, palla a Beltran, tiro violento respinto da Provolone, ma Jack è prontissimo a insaccare, 2-1. Entrano Castellanos e Pedro per Ciro e Pipe, ma la musica non cambia, malinteso Pedro-Vecino, entrano Barak, Mandragora, infine Lopez e Nzola, e la partita si chiude su una ciabattata alle stelle di Vecino. Vittoria meritata dei viola, per la Lazio l’ennesima battuta d’arresto, sarà opportuno esaminare con calma i perchè e i percome.
Le pagelle: Provedel 7; Lazzari 5, Casale 5, Romagnoli 6, Marusic 5 (Hysaj 4); Guendouzi 6,5, Cataldi 5 (Vecino 5), Luis Alberto 5,5; Isaksen 5 (Zaccagni 5), Immobile 5 (Castellanos sv), Felipe Anderson 5,5 (Pedro sv). All. Sarri 5.
Tra i viola buona prova di Biraghi, Bonaventura, ma anche del Gallo e di Nico, nonostante il rigore mancato, è sempre difficile marcarli. Anche Guida non credo sia uno strenuo tifoso biancoceleste, anche se oplontino come Immobile, stasera non ci ha certamente favorito.        

Sunako Nakahara

Ciao Ghiro. Purtroppo la Lazio è diventata una barca in cui nessuno rema nella stessa direzione. Su Lotito ho detto praticamente tutto. A suo tempo lo hanno omaggiato con un club di serie A, che ha utilizzato come “cavallo di Troia” per espandere i suoi interessi personali anche nel mondo dello sport. Interessi personali in cui ovviamente non rientra la Lazio. Credo che non sia nemmeno troppo interessato al calcio, in senso generale (probabilmente segue con un certo coinvolgimento soltanto i derby, perchè quelle sono le uniche occasioni in cui è libero di tifare la squadra per cui simpatizza).

Sin dal principio Sarri mi è sembrato la persona sbagliata nel posto sbagliato. Un allenatore con una visione monolitica del calcio, che pare essere inattuabile senza gli interpreti che il mister ritiene adeguati. Peccato che si trovi in una squadra che nell’ultimo ventennio ha sempre comprato giocatori “al chilo” e nell’orario di chiusura del mercato, senza strategie di programmazione. In poche parole, se la premessa era “comprate chi dico io, altrimenti non otterremo risultati” Sarri è finito nel peggior club in cui potesse approdare. Stupisce che non ne fosse consapevole, al momento di firmare il contratto.

La mia sensazione è che la squadra sia in una fase di “autogestione”, e che non lo segua più di tanto. Aggiungiamoci poi che molti giocatori sono arrivati a fine corsa (chi per raggiunti limiti di età, chi per problemi caratteriali, chi perchè giustamente desideroso di andare a giocare in un club dove ci sia almeno l’ambizione di provare a fare bene). Conoscendo il contesto, non mi aspetto che in estate vengano cambiati 10/12 elementi della rosa, come sarebbe necessario fare per invertire la rotta. Si sono minimizzati gli investimenti in stagioni in cui avevamo le coppe, figurarsi se il trend potrà cambiare nel caso (molto probabile) che l’anno prossimo non disputassimo nemmeno quelle.

In compenso ho già letto di proposte di rinnovo contrattuale per diversi giocatori che stanno fornendo prestazioni insufficienti dall’inizio della stagione. Questo fa capire che ci si sta muovendo ancora una volta nella direzione sbagliata, e proprio il non vedere mai “la luce in fondo al tunnel” rende la situazione decisamente frustrante.

Modifica il 1 mese fa da Sunako Nakahara
Nicola Romano

Sic stantibus rebus ( così stanno le cose ) .

Waters

Un poco di ottimismo ogni tanto non guasterebbe, un ottavo di finale in Champions tutto sommato non disperato, una semi in Coppa Italia….fra le altre cose la tiferò anche io…c’e chi sta molto peggio…

Nicola Romano

Grazie x il conforto morale .

Sunako Nakahara

L’ottimismo deve essere alimentato da fatti oggettivi. Purtroppo le dieci sconfitte già maturate in campionato sono un dato imbarazzante. E per quanto riguarda le coppe, considerando gli avversari e lo stato di forma della squadra, non penso che ci sia la possibilità di andare oltre il turno che abbiamo già raggiunto.

Diciamo che se si trattasse soltanto di un’annata negativa, che può capitare a chiunque, prenderei la cosa con maggiore filosofia. In realtà il copione sopra descritto si ripete da due decenni, e l’unico evento positivo avvenuto nel recente passato è stato l’allontanamento di Tare (che poi è anche il miglior risultato prodotto dall’avvento di Sarri). A proposito…com’è che del “migliore ds del mondo” (cit) si sono perse completamente le tracce? Non ce lo invidiavano tutti, stando a quello che si leggeva sui giornali? 😀

Nella passata stagione abbiamo raggiunto il secondo posto, peraltro a distanza siderale dalla vetta, soltanto perchè tutte le concorrenti alla zona Champions sono imprevedibilmente arrivate molto avanti nelle coppe europee (e dato che in campionato il Napoli era irraggiungibile, si sono concentrate su altri obiettivi). Se la scorsa annata avesse avuto un andamento meno anomalo, nella ventina di punti che separavano la Lazio dal primo posto si sarebbero piazzate agevolmente almeno tre o quattro squadre più attrezzate di noi, collocandoci quindi al quinto/sesto posto finale (una posizione a cui ormai siamo abbonati, e che storicamente sembra rappresentare la massima aspirazione dell’attuale dirigenza biancoceleste). That’s all, folks!!!

Quando poi leggo le dichiarazioni dell’attuale ds, sintetizzabili nel concetto astratto secondo cui abbiamo una rosa talmente forte e ben assortita che è impossibile intervenire per migliorarla, la parola “ottimismo” sparisce completamente dal mio personale dizionario. Mi vengono invece in mente altre parole, che eviterò di scrivere per rispetto del padrone di casa…

Modifica il 1 mese fa da Sunako Nakahara
Quattroquattronovetredue

Hai scritto una cosa interessante quando hai fatto notare la scomparsa di Tare, personaggio decisamente sinistro nel mondo del calcio, al di là delle eventuali qualità professionali. Io ricordo una puntata di Report nella quale Ranucci parlava anche delle attività collaterali dell’albanese e di suo fratello, ambedue con le mani in pasta con siti di scommesse diciamo chiacchierati, mi sembra di ricordare di una sede fantasma a Malta, in definitiva si accennava chiaramente a grosse attività di criminalità organizzata: premesso che le accuse erano tutte eventualmente da dimostrare, quello che mi colpì fu la totale indifferenza di tutti gli interessati, senza alcun intervento di alcun tipo di autorità, sia giudiziaria che sportiva; il ricchissimo ex-calciatore mezzasega fece un’alzata di spalle e continuò ad operare come DS della società che lo stipendiava, e Lotito, per dirla alla Jannacci, nianca una piega lu’ l’ha fatt, nianca un plisse’. Forse è anche a questo che alludevi?
Un saluto

Sunako Nakahara

Diciamo che non ho mai avuto in simpatia il personaggio. Per il suo entourage, per le modalità con cui lavorava all’interno della società, e per l’insostenibile rapporto “costi/benefici” che caratterizzava la quasi totalità delle trattative che concludeva.

Un po’ come chi lo stipendiava, mi è sempre sembrato che usasse il club in funzione dei propri interessi personali, senza impegnarsi più di tanto per produrre dei risultati sportivi accettabili (risultati che in teoria avrebbero dovuto essere la sua “mission”).

L’aspetto paradossale della questione è che, durante la sua lunghissima presenza in società, sembrava sempre esentato dal dover rendere conto del proprio operato. Anche quando l’elenco delle operazioni oggettivamente fallimentari è diventato davvero corposo.

Modifica il 1 mese fa da Sunako Nakahara
Bob Aka Utente11880

E difatti il riferimento era alla Banda dell’Ortica, sembrerebbe in tema. Solo che qui il bottino non glielo portano su a 100 Lire..

scotland16

Lazio inguardabile, sembra completamente senza forze; Castellanos nuovo Muriqi….Bomba che dici? Colpe per me a meta’ tra Lotirchio (niente mercato a gennaio, rosa corta e pochi laterali e neanche decenti) e Sarri il quale vista la situazione potrebbe anche essere meno talebano e giocare un 4-4-2 o un 5-3-2; Grande Roma come carattere e “postura”, sembra una squadra liberatasi da un masso psicologico…bravo Daniele!

Bombaatomica

Mah, un’annata strana il cui buongiorno si è praticamente visto dal mattino con due sconfitte con 2 squadre da serie B (Lecce e Genoa), proseguite con prestazioni scandalose (Salernitana in testa, ma poi Verona, Monza, Atalanta, Juventus – vabbè, li ci fu anche il furto di Mecchenni…).

Un’annata completamente storta che speriamo finisca presto.
E pensare che un po’ di acquisti erano stati fatti in estate. Certo, 15 milioni per Castellanos mi erano sembrati anche a me troppi per uno sconosciuto giocatore. Ma paragonarli a quel pippone assoluto di Muriqi, l’anticalcio, mi sembra azzardato.

Lorenzo

Se c’è una cosa che mi manca, sono le tue filippiche su Muriqi.

Mordechai

“Bomba che dici?”
Cosa vuoi che dica, Scot …

scotland16

…e’ “esploso”, con affetto

il radarista

Fa sempre piacere, in partite dagli schemi fissati dai moduli, vedere un giocatore che dà luce al campo giocando di testa sua e farlo con classe. Non solo, uno spettatore gli ha chiesto il “pallone del terzo gol” e lui glielo ha dato.
Poi c’è il Napoli e tutti si lamentano dell cambiamento di Kavaratskhelia, dimenticandosi che a Napoli c’è De Laurentiiiiiis, quello che fa suo il “faso tuto mi”. Se il bravo giornalista avesse coraggio gli chiederebbe: “Signor Presidente, come mai un giocatore così bravo prende la metà di una riserva?” E lui risponderebbe. “I contratti si rispettano fino in fondo”. Salvo poi arrabbiarsi se un giocatore, col contratto in scadenza, non vuole rinnovare alle sue condizioni.

carta vetrata

E’ un neoborbonico, il vostro presidente. Va bene nelle ristrettezze, quando serve il salvatore della patria, non più quando bisogna governare, e le cose si fanno complesse.

il radarista

Anche Masaniello aveva un teorico della rivoluzione, che però venne rapidamente allontanato da Napoli e fatto morire durante il viaggio di ritorno in Spagna.

carta vetrata

ogni rivoluzione ha i suoi martiri. Se pensiamo che Napoli nel settecento era la metropoli d’Europa, e la Repubblica napoletana, altro che l’ampolla del Po…. Masaniello un antenato dei cinquestelle, ma tragico.

Roma Roma bella

DDR 5½ (15+* punti, più l’accesso agli ottavi di EL), avanti così!

Il ½* non ve lo sto a dire, altrimenti arriva il povero fantoccio leghista analfabeta a fare la solita figuraccia.

DDR

i punti del ½* li metto io…