Milan, Maldini, Gazidis

Tutto a posto e niente in ordine nel Milan campione d’Italia. 1300 milioni di business a parte, l’operazione che sta portando il Milan da Elliott a RedBird è al momento un grande caos. Sono rimasti tutti al posto loro, ma Maldini e Massara che sono i costruttori, dal punto di vista tecnico, della squadra scudetto hanno le mani legate. Oltre la questione contratto rinnovato solo all’ultimo giorno prima della scadenza, sono i rapporti di forza interni, le strategie e il budget che non sono definiti. Anzi una questione aperta e pure velenosa. Maldini è in sintonia col nuovo proprietario americano Jerry Cardinale, ma di fatto la gestione e il potere decisionale sono ancora tutti in mano a Ivan Gazidis, con cui i rapporti sono ai invece minimi termini e il dissidio totale. Ne va di mezzo il mercato e la programmazione per la prossima stagione in cui il Milan dovrà difendere il titolo e cercare di fare una bella Champions League. Insomma è una questione di gelosia, il Milan in mano a Fratelli Coltelli…

Tutto a posto e niente in ordine. Vincere lo scudetto e fermarsi lì. Anzi tornare un po’ indietro. La paura, forse solo una sensazione sbagliata ma a oggi la fotografia è questa, è che il Milan stia perdendo colpi proprio nel momento in cui si pensava che stesse per spiccare il volo. Il successo in campionato, il cambio di proprietà percepito come rafforzamento economico del club, l’ottima struttura della guida tecnica della squadra: Pioli-Massara-Maldini. Eppure proprio in un momento del genere si percepiscono tensioni e segnali di instabilità che investono preoccupantemente Paolo Maldini, storica bandiera del club.

  Il Milan è in una complessa e strana fase di passaggio da un fondo americano a un altro, da Elliot a Jerry Cardinale – operazione da 1300 milioni in cui l’acquirente si è fatto finanziare una quota, al momento pare circa 300 milioni, dal venditore stesso -, in cui tutto per ora è rimasto immutato, a cominciare dal presidente Paolo Scaroni e dall’ad Ivan Gazidis (potrebbe però uscire in autunno) per finire all’allenatore Stefano Pioli, ma con il responsabile della gestione sportiva Paolo Maldini e il suo braccio destro Ricky Massara sospesi nel limbo, il contratto rinnovato solo all’ultimo giorno prima della scadenza al 30 giugno, e in difficoltà sul calciomercato proprio perché contratti, budget, strategie, rapporti di forza interni non sono definiti. Anzi per dirla brevemente e fuor di metafora in questo momento sono un gran casino.

  E dunque il Milan attualmente sta perdendo colpi (sfumati gli ingaggi del difensore olandese del Lille, Sven Botman che alla fine ha preferito al Milan il Newcastle, e probabilmente anche il centrocampista portoghese sempre del Lille Renato Sanches, che per ora ha detto no ai rossoneri ed è in ascolto delle sirene del Psg), l’idillio scudetto, culminato il 22 maggio col trionfo contro il Sassuolo a Reggio Emila e i due giorni di festa per le vie di Milano, già dimenticato.

  Da giocatore di livello mondiale a dirigente che ha saputo ricavarsi un ruolo decisivo. Paolo Maldini è il volto e il simbolo del Milan, e forse proprio questo è il problema: non gli viene perdonato. A Ivan Gazids, uomo ombra dietro le quinte rossonere ma nella stanza dei bottoni del Milan, supermanager strapagato come un centravanti da 20 gol (4 milioni a stagione) perché proveniente dalla Premier League, non è mai andato giù che sia Maldini il riferimento e l’immagine appunto del Milan.

  Non dimentichiamo che quando il Milan aderì all’improvvido progetto della Superlega (aprile 2021) e si scatenò  la bufera con tanto di rivolta dei tifosi in Inghilterra, Maldini fu tenuto all’oscuro di tutto, dichiarò apertamente di non essere d’accordo, si adoperò perché il Milan uscisse dal cartello dei superclub scissionisti dall’ Uefa, e chiese addirittura scusa in tv. Non proprio di comune accordo il lavoro dei due.

  Non c’è alcun segreto, è una spaccatura ufficiale, tale attrito tra Maldini e il club è stato anche portato alla luce con un’intervista dello stesso alla Gazzetta dello Sport in cui ne ha avute un po’ per tutti, da Elliott a Gazidis appunto. Che il problema siano anche le ambizioni di Maldini, che l’ex campione ambisca a qualcosa di più che essere praticamente un semplice direttore sportivo, che abbia voluto un contratto più sostanzioso (due milioni lordì a stagione, per due anni più opzione per il terzo), e che di fatto voglia diventare, come ruolo,  il pari grado dell’osannatissimo dirimpettaio Beppe Marotta all’Inter non è affatto escluso. E forse forse, nel nuovo assetto rossonero, c’è in ballo anche la poltrona del presidente, che magari Maldini vorrebbe avere, con abito però non di semplice rappresentanza, ma operativo vero.

  La situazione è totalmente fluida e molto complessa. Dietro tutto questo, tra l’altro, c’è soprattutto l’affare stadio, da mettere ancora completamente in piedi, con l’opzione di abbandono di San Siro e costruzione a Sesto San Giovanni tuttora validissima. Affare  che rappresenta uno dei core business del nuovo Milan americano, e il cui valore è tra i 1200 e i 1500 milioni.

  Maldini ha un rapporto diretto col nuovo boss Jerry Cardinale, però Gazidis, emanazione diretta di Elliot che di fatto è ancora dentro al Milan, è, tuttora il padrone di casa. E dunque fino a quando non ci sarà un chiarimento vero – se mai un chiarimento definitivo tra i due possa esserci – e l’operazione di passaggio del management non completata, tutto rischia di rimanere così come ora, in sospeso. Con 1300 milioni di Milan spaccati a metà per questioni di gelosia.

***

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

SOCIAL BLOOOOG!

WHATSAPP BLOOOOG! (numero dedicato)

+39 351 7262156

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTRAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTRAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

Twitter per Bloooog!

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

 

Seguimi anche su:

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
68 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

Leo 62

Dopo aver letto sin blog specializzati ma anche qua dentro che Carlos Alcaraz era un’altra categoria rispetto a Sinner e destinato a diventare presto imbattibile, oltre a paragoni insensati e da denuncia penale con i big three, registro che al loro primo match veramente importante Sinner ha piallato senza pietà Alcaraz, e poteva anche chiuderla in 3 set senza problemi. Superiorità assoluta…
Per me c’erano ancora due anni perché Sinner arrivasse senza problemi ai livelli del precoce Alcaraz e come al solito sono stato troppo prudente… in realtà già ci siamo…
6-1 6-4 6-7 6-3 e così sia…

Apolide dell'orda

“Alcaraz è forte ma presto Sinner lo batterà”, dicesti. “Leo stavolta mi pare un po’ troppo ottimista”, pensai. Ma ieri a fine incontro il mio primo pensiero è stato per te, ci hai preso. Anche se, più che presto, l’ha battuto prestissimo. Speriamo che il nostro ragazzo si possa ripetere e continui a crescere con costanza.

Leo 62

Eh si Apolide, lo ha fatto prima di quello che mi aspettassi, ma come dici tu speriamo che continui a crescere, perché ha limiti inesplorati e francamente non ho mai capito chi ne vedeva dei difetti non eliminabili.
Grazie del pensiero…

il ghiro

La Filastrocca dei Portieri
        Piano A
Ambarabaciccicoccò,
il portiere non ce l’ho,
non arriva Carnesecchi,
gli altri tutti troppo vecchi,
pure Reina torna in Spagna
(e il bilancio ci guadagna),
se il Percassi offre Gollini
non ci bastano i quattrini,
ogni tanto sul più bel
torna a galla Provedel,
può arrivare Terracciano
o l’ignoto Maximiano,
ci sarebbe anche Meret
se non costa quanto un jet,
a sorpresa poi però
ti riciccia Montipò,
forse Audero oppur Falcone,
che sarebbe un’occasione,
Kepa, Rico, il buon Perin,
è una giostra senza fin.
Adriàn dal Liverpool
o Karius? Ma vaffankool!!!
Forza, sotto con Vicario,
pare sia straordinario,
se Sirigu gli fa il vice,
siamo messi a burro e alice.
                * * *
Piano B
Tare e Sarri in piena angoscia
ricontrattano Strakosha,
per Thomas è una vittoria
per poter finire in gloria,
dalla sua adorata Lazio
il commiato fu uno strazio,
quando a maggio ha salutato
e piangendo se n’è andato,
i tifosi hanno capito
che il ragazzo era avvilito
e lasciava con tristezza
ed un pieno di amarezza
questa Lazio, che lui ha amato,
ma che lo ha sottostimato.
Viva sempre il mio Strakkino,
l’adorato portierino,
ogni tanto una cappella
ci torceva le budella,
scarso nei rinvii da terra,
ogni volta era una guerra,
non usciva mai di porta,
forse c’ha la vista corta,
non chiamava mai la palla,
la difesa ahimè traballa,
ma per me rimane il meglio,
dei papabili è il più sveglio,
qui qualcun mi dà del matto,
ma gli rifarei il contratto.
                              Il Ghiro

comevolevasidimostrare

 👍

gmr61

Ho visto che qua sotto qualcuno, anche amico, rosica ancora, io parto da un detto semplice “ chi vince festeggia ( e Perculeggia un pó aggiungo…) , chi perde spiega”….e la finirei qua.
MM hanno rinnovato e tutto fa pensare, anche dopo la cordiale chiaccherata con Vescovo ( anzi, Cardinale, conta di più…..😃😂😂) che da novembre potremmo avere , se non un nuovo AD, almeno maggiore autonomia per Maldini.
come dice Leo Botman era un lusso ( validissimo), ma forse con Diallo potremmo sistemare il rincalzo che ci serviva . Sanches a centrocampo lo vedo difficile per le richieste di stipendio alte del giocatore, forse più facile un giovane emergente ( e qui lo scouting é fondamentale ), io spero invece in zyech e CdK quello si che sarebbe un colpo gobbo , vedremo…., intanto popcorn, patatine e, per gli amanti un fantastico aperitivo trovato alla Coop chiamato “ Eppi Auar”😂😂😂 costo modesto e sapore gradevole, poi gustato dalla mia terrazza all’Argentario da cui si vedono entrambe le lagune é ancora meglio ….( non per fare lo sborone, ma é dedicata a un amico nordemiliano dal tifo sbagliato…..😜)

Luc 68

Water …. dove seiiii!!!???

monica

OT tennis.
Scusate io non me ne intendo e chiedo lumi a chi ne sa di più.
Forse sonego poteva fare di più,certo è che l’altro è un mostro.
Però non si può vedere che una volta che l’avversario-inferiore- fa un gran break e giustamente esulta (tra l’altro sonego non mi sembra neanche particolarmente sguaiato) , te gli vai a fare la ramanzina da maestrina??…ma dai!…
Sbaglio io?

Luc 68

Non ho visto il match ma se strilli troppo mentre giochi ….. rompi le scatole a chiunque … la cara Monica Seles una delle prime e più famose urlatrici venne spesso ripresa se non ammonita. Un altro utlatore era Thomas Muster …. in campo puoi fare tutto tranne che disturbare l’avversario …. semplicemente non é leale. Bene ha fatto Nadal a far notare al nostro Sonego ciò. D’altronde Nadal non ha poi subito tutto questo handicap e se permettete se Nadal fa notare a me qualcosa e ha ragione chiedo scusa e pedalare …. stiamo parlando di una leggenda che cammina … Sonego lo potrà raccontare a i pronipoti di essere stato cazziato da Nadal 😂😂😂😂

Leo 62

Sonego e Nadal non fanno lo stesso sport, e Sonego urla troppo a palla in viaggio, il che fa rodere il chiccherone a quasi tutti i suoi avversari, tempo fa Rublev gli stava piantando una pallina in gola… detto questo Nadal ha esagerato e si è anche scusato dopo…

monica

Ok,in effetti quando ho scritto non aveva ancora effettuato l’intervista! Però è innegabile che gli effetti della ramanzina si siano visti,non che avesse speranze,ma quantomeno aveva cominciato a giocare,magari un set poteva provare a vincerlo!

Leo 62

Che Nadal sia stato arrogante non ci sono dubbi, e la reazione in campo di Sonego è stata chiara ed in qualche modo è stata una contro-cazziata che lo spagnolo ha subito. Ma è stato bravo a scusarsi lo stesso dopo.
Comunque con quello che è successo tra Kyrgios e Tsitsipas dopo, questo è stato un confronto tra gentlemen.

Modifica il 2 mesi fa da Leo 62
nirula's

Meteo Torino: alla fine della prossima settimana sono previsti abbondanti assists.
O no?

2010 nessuno

Ma su Bocca ,queste sono bazzecole in fondo, non ha visto l’ultima notizia? Tra due anni, massimo tre il campionato lo vince il Palermo city 😎

Giorgio Bianchi

Se facessero come in Premier, non solo uno, ma farebbero un filotto da far paura. E allora vorrei vedere quanti siciliani continuerebbero a tifare per le strisciate.

EroAdAtene

sono indeciso: 1) augurare che Dybala vada al Milan e faccia il miracolo del secondo scudetto consecutivo, con conseguenti reflussi gastrico interisti. 2) augurare al Milan di non prendere un mezzo bidone.

Bob Aka Utente11880

Auguro ai cugini tutto il meglio ma questa operazione mi sembra Mr Lì 2

Leo 62

Grazie cugino, ma Red Bird di fatto è un socio che si aggiunge ad Elliott e con il tempo passa in maggioranza. Fare le cose per gradi e stare attenti a quello che spendi è sempre buon segno, significa avere un progetto e non campare alla giornata, anno dopo anno…

Bob Aka Utente11880

un socio che per farsi socio si fa prestare a ufo i soldi dal socio, che socio è ?

Leo 62

Un socio di minoranza che con il tempo, se ce la fa diventa di maggioranza… e poi a ufo non direi, ci paga gli interessi… se ci pensi bene è un’operazione che non è una buona notizia per gli avversari. Ma sono tre anni che dico che dal Milan arrivano cattive notizie per gli avversari, e non sono finite…

Bob Aka Utente11880

caro cugino, ho il sospetto che il socio di minoranza in realtà sia, più che un investitore, un’utile sponda a Elliot per iniziare a tirarsene fuori (come un fondo naturalmente fa dopo qualche anno) e in più confermare che il valore della società Milan è un milione di milioni, da far valere al prossimo giro, che sicuramente non mancherà,,,

Leo 62

Ed anche questa è una cattiva notizia per gli altri se ci pensi… perché uno che comprasse, diciamo a stadio fatto, pagherebbe a quel punto non meno di 1.8 Miliardi, anche 2…. e non credo che sarebbe uno squattrinato. Nel frattempo avremo vinto uno scudetto, forse anche due se non tre, e l’Inter magari sta ancora aspettando che Zhang la venda… dando via ogni anno un pezzo grosso.

Bob Aka Utente11880

ancora peggio: gli interessi !

EhEh

Un para…socio.

Leo 62

Mah, insomma, Gazidis va via a Novembre e Paolino ha firmato con questa prospettiva. Botman è saltato perché il Newcastle degli sceicchi ha offerto 35 e noi eravamo fermi a 27, e poi in difesa non serviva il colpo, quello serve sulla trequarti e vediamo che succede, in quella logica anche Renato Sanches sarebbe un lusso, sulla mediania siamo completi, sulla trequarti servono specialisti e non adattati, come sarebbe lui, se il PSG gli fa l’offertona lui va da loro e lo capisco pure. Non credo a Zyech ed Asensio che prendono troppo, farei all-in su de Ketelaere prima che arrivi qualche altro sceicco e prenderei uno tipo Traorè… insisterei sullo scouting insomma… in difesa uno giovane da far crescere.
Ma oggi si parla di milanisti in altro senso, impresona di Sinner a Wimbledon che fa fuori in 3 lo specialista Isner e si qualifica agli ottavi, più giovane italiano di sempre ad averlo fatto, ed a venti anni già negli ottavi di tutti gli Slam… ora la sfida del futuro contro Alcaraz, favorito lo spagnolo, ma non è persa del tutto, non sull’erba. Impressionante anche l’olandese Van Rijthoven, sorpresa della stagione, da me ribattezzato Van Beethoven.

Wallysan

Caro Bocca,
dico la mia da non milanista.

Anni fa si diceva: per risollevare il Milan ci vuole uno come Maldini, che di calcio ne capisce; io avevo qualche dubbio, perché essere il miglior terzino della storia è un conto, essere un ottimo dirigente è altra cosa.
Invece l’anno scorso gli hanno dato in mano la gestione tecnica e BUM! Colpo centrato!
Sicuramente il Milan ha avuto anche qualche episodio fortunato, ma quasi in ogni competizione chi vince ce l’ha avuto.
Quindi grandi meriti a Paolino, ha dimostrato di essere un top anche in questo.

Ora, è evidente che se con Gazidis prima il Milan raggiungeva risultati mediocri, e poi con il duo M+M’s i risultati sono arrivati (oltre pronostico), il merito è loro.
E in un’azienda normale, viene premiato chi porta risultati.

Quindi concordo con lei, purtroppo si tratta solo di gelosia; verso una bandiera del calcio mondiale, ma soprattutto verso un dirigente emergente estremamente capace.

Sarebbe vitale per il Milan risolvere in fretta la questione, anche in modo “brutale”, per non bucare la finestra estiva, col rischio di fare un anno di purgatorio (vedi già la perdita di Sanches). Purtroppo però con la spartizione della preda e del potere ancora in corso, la vedo dura.

Da appassionato di calcio spererei che si tornasse un giorno ad una proprietà italiana, o comunque appassionata di calcio, o comunque non un’entità astratta come un fondo finanziario; non ci sarebbero più questo tipo di dubbi.

tom

L’argomento mi appassiona poco, ma sul Milan mi astengo dal fare previsioni. L’anno scorso lo vedevo quarto, e invece ha vinto lo scudetto.
L’anno prossimo vedremo. Difficile, molto difficile bissare, ma se l’Inter si ferma a Lukaku, e al contempo perde Skinriar, se il Napoli ne perde un paio senza tirare fuori il coniglio dal cilindro, e se la Juve rimane la squadra piena di bidoni dallo stipendio stratosferico quale è adesso… magari il miracolo ricapita.

Modifica il 2 mesi fa da tom
Giorgio Bianchi

Credo, anzi sono certo che sia il turno della Juve. Solo se dovesse rimanere ferma com’è rivincerebbe il Milan.

Bob Aka Utente11880

Beh Lukaku è già qualcosa

Leo 62

Per come stanno tutti adesso non sarebbe un miracolo, soprattutto se poi alla fine prendiamo i due davanti che ci servono…

2010 nessuno

Beh l’Inter non è fermo a Lukaku,ha già preso Mikhitarian o come si scrive,Asslani e Bellanova, e se deve cedere Skriniar, spero possa prendere Bremer o qualcun altro altrettanto forte e chi se ne frega dì Dybala poi.

Mordechai

Ciao a tutti, passo solo per un breve e … fuggevole saluto … in gamba, banda di cialtroni, che l’estate sia con voi!
Ma che caldo boia sta facendo? Io, cazzarola, mi sto sciogliendo come un cero votivo …
Ariciao!
🙂

Giorgio Bianchi

Ciao. Vai al mare.😉

2010 nessuno

Ciao Mordechai
Vai nelle isole britanniche, lì almeno piove e andando su in Scozia fa anche freddo

.

il ghiro

O.T. Chiedo perdono al nostro FaB per l’uso frequente del O.T., ma non credo di potermi aspettare un thread dedicato al mercato estivo della Lazio, i pochi tifosi biancazzurri del Bloooog devono contentarsi delle mie estemporanee cazzatelle estive in prosa o in rima.

I Casi Nostri – CacioMercato ter
1.)   ‘Non aprite quella Porta’
La porta della Lazio ricorda la nota sequenza di film horror, occuparne il ruolo di portiere diventa un dramma per chiunque osi anche soltanto avvicinarsi. Il destino si è accanito duramente sul bravissimo  Carnesecchi, non appena è stato ventilato il suo acquisto come possibile sostituto dell’uscente Strakosha; in un allenamento della U21 il povero portierino romagnolo si è lussato la spalla sx, capsuloplastica e stop di 3-4 mesi per il suo completo recupero. A questo punto se la Lazio per soddisfare i desiderata di Sarri lo vuole comunque acquistare, deve pagare lui e anche un suo sostituto, almeno per le prime giornate di campionato e di coppa; il quarantenne Reina non dà sufficienti garanzie di tenuta, Furlanetto, Alia e Adamonis non hanno l’esperienza necessaria. Ma ecco arrivare Faccia di Cu…oio, alias Fali Ramadani, l’agente di Sarri, che estrae dal cilindro la soluzione: dall’ampio mazzo dei suoi assistiti pesca l’unico portiere della combriccola, il lungo Wladimiro Falcone, vice di Audero alla Samp. Il gigantesco portiere romano, alternandosi al Pepe, potrebbe essere una valida soluzione-ponte, è un discreto pararigori, anche se in B e C le sue squadre sono sempre retrocesse. A Lotito può piacere la soluzione ‘ad-interim’ e a basso costo, un Falcone non impegna il Borsellino.  E poi il Falcone è sempre della famiglia dei rapaci, proprio come la nostra aquila Olimpia.
2.)    Gila il Mostro
Pare che arrivi anche lo stopper di dx scelto da Tare e forse gradito anche al Comandante, scovato dal D.T. nella cantera del Real, ma catalano di nascita, trattasi di tale Mario Gila, un giovanottone alto e grosso che si sta ben comportando nel Real Castilla.  Lui forse preferiva la Masia del Barca, ecco perché lascia senza grandi rimpianti i blancos, vediamo ora cosa Igli Tare riesce a spuntare come prezzo e come contratto. Il cognome Gila mi ricorda una visita a mia figlia in Arizona 20 anni fa, feci il bagno nel fiume Gila e stetti molto attento a non capitare a tiro ad un pericolosissimo e velenoso lucertolone colorato, detto “Gila monster”. Se ce lo compriamo, al posto del Casale, diretto oggi verso altri lidi (pare Monza o Napoli), mi auguro che Mario Gila sia anche lui un ‘mostro’ nel braccare e bloccare l’avversario, un po’ come faceva Luiz Felipe, si spera solo meno impulsivo e falloso del brasiliano. Aoh, non sarà Sergio Ramos, non sarà Piquè o Pujol, ma di sicuro è meglio di Wallace S…Fortuna, che ci addolorò per tre anni di fila.
3.)   Da Mattia a Matteo
Finalmente gli stretti e frequenti colloqui tra Setti e Lotito stanno dando i loro frutti, dopo l’acquisto di Zaccagni lo scorso anno, che aveva dato un ottimo risultato, il Presidente ci prova di nuovo, stavolta l’obiettivo si è appuntato su un ragazzo molto promettente, Matteo Cancellieri, un romano ex-romanista, già adocchiato dal C.T. Mancini e fatto esordire per pochi minuti in Nazionale contro la Germania al posto di Scamacca. Oggi non rimpiango di avere perso due anni fa Kumbulla, se lo scambio tra Hellas e Roma ha liberato Matteo, che oggi può attraversare il Tevere senza danni. Avendolo visto giocare con i veronesi, mi ha impressionato assai favorevolmente, ottimo dribbling, discreta visione di gioco, aveva un gran senso del gol da ragazzino, tutto da verificare oggigiorno in Serie A con ben altri avversari. Può sostituire il Pipe, Zac o Pedro sulle fasce, in alternativa a Moro e Romero, tanto Cabral non sarà riscattato, Sarri non sa cosa farsene.

Maxx

Già giocarla la Champion sarebbe un passo avanti

Leo 62

Dai che fra qualche anno ci riuscirete anche voi… forse…

Giorgio Bianchi

Lo riposto anche qui visto che si tratta di imprese fantastiche.
OT Ieri sera nella piscina dell’isola Margherita di Budapest è andata in scena la sfida dell’Italia campione del mondo ai padroni di casa i maestri ungheresi 9 volte campioni olimpici.
Erano solo i quarti di finale, peccato, questa sfida meritava di essere la finale. I 4 volte campioni del mondo hanno battuto i 9 volte campioni olimpici per 11 a 10 ma molto più nettamente poiché a 3 minuti dal termine l’Italia era avanti di 4 reti e da quel momento si è limitata a gestire.
Ora ci attende in semifinale la sfida con la Grecia e se come si spera dovessimo superarli avremmo in finale Croazia o Spagna. Con la spagna sarebbe la ripetizione della finale scorsa. Con la Croazia la ripetizione di una finale olimpica.
Nella pallanuoto siamo da sempre ai vertici anche dopo la sentenza Bosman perché la FIN intelligentemente ha posto l’obbligo per le squadre di schierare un minimo di 4 giocatori autoctoni. Insomma, nella pallanuoto non potrebbe succedere che una squadra scenda in campo con nessun giocatore locale come purtroppo accade nel baraccone calcistico.
Nota a margine Impresa fantascientifica di Paltrinieri ed Acerenza primo e secondo nel mondiale di fondo(10km) con Paltrinieri che dopo aver annichilito tutti nella gara dei 1500 mt in vasca si è ripetuto in acque libere.
Mostruoso!

Modifica il 2 mesi fa da Giorgio Bianchi
monica

a me sembrava già un’impresona fare 10 km in acqua,ma quel ragazzo che ne ha fatti (e vinti) 25 è un extraterrestre!!

Giorgio Bianchi

Una volta c’era la Capri Napoli che valeva come mondiale di nuoto in acque libere. 18 miglia nautiche che potevano anche aumentare a causa delle rotte che prendevano i nuotatori in base alle correnti.
Anche quelle erano sfide da ET.😊

Giorgio Bianchi

Ps l’ET dei 25 km è Verani ed è italiano.

monica

Certo,lo so. Non mi ricordavo il nome,ma che era italiano sì,capperi!!

Waters

Fabrizio se ben ricordi all’inizio dell’anno dissi che Lukaku sarebbe tornato all’Internazionale Fc Milano, e Maldini e Dybala non avrebbero rinnovato.. forse Maldini rinnoverà ma come sempre ho azzeccato quasi tutto.
Per quanto concerne il Milan, lo scudetto di qualche mese fa – oltre al gentile omaggio di Radu e Devrii – è paragonabile all’Europeo dell’Italia, una gran botta di ❤cuore, per il prossimo passeranno molti anni ancora…ma chi è Jerry Cardinale poi?

Salud.

Leo 62

Io fossi in voi Andrea penserei più ai gentili omaggi del VAR che vi hanno permesso di non arrivare quarti, perché quello valevate… e Maldini e Massara hanno rinnovato, non forse… io più che altro non so quando vedrete voi un altro scudetto, con quell’allenatore che vi ritrovate, che lui si ha rinnovato… a 5 Milioni l’anno, una specie di assicurazione ma per le altre…
Ciaoooo

Modifica il 2 mesi fa da Leo 62
variante del dragone

quasi tutto, cioè quasi niente;
ora, se passeranno molti anni prima del prossimo scudetto della prima squadra di Milano, stai affermando che quello del 2022-23 sarà della seconda squadra di Milano?

mario rossi

Conosco Claudia Cardinale…conosco Cardinale Martini e conosco anche scampi alla cardinale ma Jerry no, non l’ho mai sentito.

2010 nessuno

Io conoscevo Jerry Lewis, ma anche Jerry Lee Lewis e Jerry Calà e perfino Jerry Scotti, contano? 😄😄

Simodium

Senza la papera di radu avreste pareggiato

Luc 68

Sommo Ciufolo
E basta lascia in pace i cugini. D’altronde già qualcun’altro dovrebbe fare esercizio di modestia e umiltà per non essersi ripetuto. Dare poi le colpe a qualcun’altro invece ti si addice…. a si è vero é per l’Inter che si recrimina …. allora tutto torna 😎😎😎😎 buona estate rilassati.

monica

cit. “oltre al gentile omaggio di Radu e Devrii”
…e di terracciano! 🙁

68
0
Cosa ne pensi? Lasciami un commentox
()
x