Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Stai bloccando le Ads!!!

Ciao, un po’ di pubblicità a te non costa nulla, a noi consente di ammortizzare almeno in parte i costi di Bloooog! e mantenerlo attivo. Per favore disattiva l’estensione che blocca gli annunci e poi ricarica la pagina.
Grazie da Bloooog!, il tuo Bar Sport.

Frosinone - Lazio 2-3, la Lazio senza Sarri torna alla vittoria con Martusciello in panchina. Ora tocca a Tudor

La Lazio desarrizzata è tutta un batticuore. Torna a vincere e il suo uomo ora è Castellanos, che entra al posto di Immobile, incivilmente perseguitato e minacciato dai tifosi, e fa i due gol decisivi. E adesso si ricomincerà con Igor Tudor. Se qualcuno pensa che ora rispetto a Sarri sia tutta un’altra musica e si possa sopportare meglio il compito, beh si sbaglia di grosso. Tudor è il classico, rude sergente di ferro…

LAZIO SENZA SARRI, ASPETTANDO TUDOR

Desarrizzata. La Lazio senza Sarri ha cominciato la sua opera di restauro o meglio di restaurazione del vecchio calcio. Fallito o quantomeno illusorio il salto nel sarrismo, un secondo posto poi rivelatosi fin troppo vanesio, ci si appresta al salto nel mondo di Tudor.
Che di Sarri potremmo considerare l’estremo opposto, nessuna concessione allo spettacolo, essenza pura, massima attenzione alla difesa e ovviamente anche uno schema di gioco diverso e assai più prudente. A noi comuni mortali 4-3-3 o 3-5-2 pare più o meno la stessa cosa, sempre 10 di somma fa, portata la questione sul campo della teoretica degli allenatori fa tutta la differenza di questo mondo.

LAZIO SENZA SARRI, ECCO IL SERGENTE DI FERRO  

E per chi con Sarri aveva un rapporto umano non soddisfacente perché freddo o distaccato, o eccessivamente autoritario, beh non pensi che con Igor Tudor si torni alla spensieratezza del liceo e siano tutte battute e pacche sulle spalle. Il nostro rientra nella categoria dei sergenti di ferro, che ebbe tra i progenitori, com’è noto, il buon Eugenio Bersellini.

LAZIO SENZA SARRI, DA IMMOBILE A CASTELLANOS 

Detto che la Lazio di Sarri faceva acqua sia a prua che a poppa e cioè da entrambi gli estremi, in linea di massima la soluzione rimarrà sempre la stessa da che calcio è calcio. E cioè prendere meno gol – con una squadra più chiusa – e produrne di più possibilmente con Immobile e Castellanos. Che di Immobile ora non è più soltanto la riserva visto che a Frosinone ad esempio è stato decisivo entrando proprio al suo posto.

  I prossimi mesi serviranno a preparare la separazione da Immobile, capitano e leader biancoceleste, che già da gennaio scorso parlava dei tanti milioni dell’Arabia Saudita. Si tratta ora di trovare un posto adeguato per la pensione dorata.

  I tifosi incivili lo hanno già individuato come il colpevole principale di tutta la crisi biancoceleste e ne hanno avvelenato – vigliacchi – la vita privata. Si spera che il conto per intero lo paghi gentaglia del genere.

***
Open Bar, la chat diretta di Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

***

SERIE A 2023-2024

GIORNATA N. 29

Venerdì 15 marzo 2024

Empoli – Bologna 0-1

Sabato 16 marzo 2024

Udinese – Torino 0-2

Monza – Cagliari 1-0

Salernitana – Lecce 0-1

Frosinone – Lazio 2-3

Domenica 17 marzo 2024

Juventus – Genoa 0-0

Verona – Milan 1-3

Roma – Sassuolo 1-0

Atalanta – Fiorentina rinv.

Inter – Napoli 20.45

***

CLASSIFICA DOPO 28 GIORNATE

PROSSIMO TURNO

GIORNATA N. 30

Sabato 30 marzo 2024

Napoli – Atalanta12.30

Genoa – Frosinone 15.00

Torino – Monza  18.00

Lazio – Juventus 18.00

Fiorentina – Milan 20.45 

Lunedì 1 aprile 2024

Bologna – Salernitana 12.30

Cagliari – Verona 15.00

Sassuolo – Udinese 15.00

Lecce – Roma 18.00

Inter – Empoli 20.45

***

SOCIAL BLOOOOG!

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

***

fatti un giro dentro Bloooog!

Giovedì 21 marzo 2024

A chi frega di questa Nazionale? Ricostruire un sentimento in vista degli Europei

Mercoledì 20 marzo 2024

Le nubi sullo scidetto dell’Inter: il prestito Oaktree e la sparizione del presidente Zhang

Martedì 19 marzo 2024

Non è una Juve per Max. Allegri e la Juventus: non si sta insieme solo per contratto

Martedì 19 marzo 2024

Fuori campo: 32 sfumature di Pablo Daniel Osvaldo

Domenica 17 marzo 2024

Inter-Napoli, esplode il caso Acerbi: insulti razzisti a Juan Jesus. Nella giornata dedicata all’antirazzismo

Domenica 17 marzo 2024

Il Milan di Pioli secondo nel campionato di consolazione, ha solo un punto in meno di quando vinse lo scudetto

Domenica 17 marzo 2024

Juventus in crisi, tra caso Vlahovic e caso Allegri. L’allenatore perde il controllo di se stesso. E della Juve…

Sabato 16 marzo 2024

La Lazio desarrizzata torna a vincere, e adesso il sergente di ferro Tudor

Venerdì 15 marzo 2024

Malissimo il sorteggio di Europa League: il derby Milan-Roma e il Liverpool per l’Atalanta

Venerdì 15 marzo 2024

In Champions League tutte fuori, in Europa e Conference League tutte avanti: consoliamoci così…

Giovedì 14 marzo 2024

Revenge Porn, stupro: sessismo e patriarcato nel calcio

Mercoledì 13 marzo 2024

Va fuori anche l’Inter, eliminata dall’Atletico Madrid. Nessuna squadra italiana in Champions League

***

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
33 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

[…] La Lazio desarrizzata torna a vincere, e adesso il sergente di ferro Tudor […]

[…] La Lazio desarrizzata torna a vincere, e adesso il sergente di ferro Tudor […]

[…] La Lazio desarrizzata torna a vincere, e adesso il sergente di ferro Tudor […]

[…] La Lazio desarrizzata torna a vincere, e adesso il sergente di ferro Tudor […]

[…] La Lazio desarrizzata torna a vincere, e adesso il sergente di ferro Tudor […]

Waters

Fabrizio, stasera tutti sintonizzati su Eurosport alle 18, 10 per assistere al probabilissimo – quasi certo – trionfo della biatleta sappadina Lisa Vittozzi, da ex biatleta sono invero molto emozionato, basta un undicesimo posto nella mass start odierna in caso di vittoria della sua rivale, la norvegese Tandrevold, in ogni caso difficilissima, altrimenti un piazzamento anche inferiore, ricordo che corrono solo 30 biatlete…

Salud

PAOLO68

eh già, la passione x il biatlhon ci accomuna, questa estate ritorno ad Anterselva a girare con gli skiroller.
Lisa dai Mondiali è la più costante e di gran lunga la migliore al tiro. (combinando le percentuali a terra e in piedi).
Coppa del mondo avportata di mano, oggi l’unica incognita sarà il caldo (?previsti 15 gradi a 1500 metri di quota).
Mi soni già commosso ieri sera, oggi mi sa che farò il bis.

Cmq anche alle 22.00 la gara maschile sarà interessante x vedere i progressi del nostro Giacomel e x registrare l’ennesimo record di “Giovannino” Boe.
Emozionante sarà anche il probabile annuncio del ritiro di suo fratello.

Waters

Certo, un poco di suspense c’è stata, ma la Tandrevold proprio non c’era – stupendo e sentito l’abbraccio finale fra le due – e nonostante il 75% al tiro, lei che ha chiuso con un pazzesco 93,10, è andato tutto liscio.
Giovannino ieri illegale, mamma mia se spara così da un minuto a tutti.
Io ho fatto il militare a Vipiteno corpo alpini, il mio capitano era un patito del biathlon e tutte le domeniche mattina andava a correre a Rasun Anterselva e chi voleva andava con lui, eravamo sempre in due o tre che andavamo ed era bellissimo, qualche anno fa mi sono preso lo sfizio di fare un ora di lezione da Willy Pallhuber – un bel centino😊-ma è stata una esperienza notevole, fra le altre cose è molto simpatico ed abbiamo pranzato assieme lì nel baretto del circuito..
Ciao.

carta vetrata

Waters, una gallinella da 4 kg. come andrebbe trattata, oltre la solita zuppa di pesce?

Waters

Credo che il forno sia la morte sua come i pesci di quella pezzatura, altrimenti fai dei filetti….. Ciaoo

carta vetrata

La vitozzi se lo merita proprio, per quello che ha passato negli anni scorsi con l’ostracismo delle primadonna Wierer. Bravissima anche lei, per carità, però quest’anno la Wierer dopo le prime gare in cui era distaccata dalla Vittozzi, per ani sua delfina, ha abbandonato le gare. Non un bel modo, tipico delle primedonne, che non tollerano rivali in casa. Ma il tempo passa per tutti, a non volerlo accettare si finisce panchinati. Totti, Del Piero, Ibra, ecc. han tutti creato difficoltà ai loro allenatori al calare delle prestazioni, pretendendo uno status. Platini, se ricordo bene, invece uscì di scena alla grande.

grillo afono

Mi sa che non ricordi bene la storia di Del Piero. Fu panchinato da Capello, che diceva che così gli avrebbe allungato la carriera, come se fosse un anziano. Poche polemiche e l’anno dopo capocannoniere in B; quello successivo capocannoniere in A. L’ultimo anno con Conte non ricordo grandi polemiche e segnò pure qualche gol importante. Non aveva voglia di smettere, ma non ha mai preteso nessuno status.

carta vetrata

infatti ricordo bene, fu panchinato da Capello con la motivazione che gli allungava la carriera. Una presa per i fondelli per panchinarlo, visto che giocava ormai quasi da fermo proteggendo la palla in attesa della spinta del difensore per cadere a terra. Solo che del Piero è meno naif e più educato di Totti e non reagì. Pubblicamente. Non aveva voglia di smettere, certo, ma aveva ragione Capello. Come aveva ragione Spalletti. Nessuno ha voglia di smettere, ma quando il tuo tempo finisce, devi capire.

Dove sta Zazza

Non ricordi tutto e non leggi nemmeno bene la replica che ti è arrivata.

Le 2 stagioni successive a Capello con in panca Deschamps e poi Ranieri fu capocannoniere in serie B e poi in serie A, fece 2 gol al Bernabeu al Real e 3 anni dopo col primo Conte fece gol decisivi x lo scudetto entrando nei secondi tempi. (2-1 con la lazio).

e x dirla tutta nel frattempo dette anche il suo contributo x vincere il mondiale 2006. Gol in semifinale e rigore in Finale nonostante un minutaggio (comprensibilmente limitato, esterno destro giocava Camoranesi con Toni/Gilardino + Totti di punta)

Lasciò Torino nel 2011 con un gol scudetto all’atalanta.
Capello aveva le sue idee, giocava con Ibra e Trezeguet normale gestire un Del Piero ultratrentenne.

Il tifo ottenebra la ragione, si sa.

carta vetrata

avevo citato tre/quattro esempi, mica solo Del Piero, e si parlava della Wierer, per dire che il campione divrebe conoscere il momento di ritirarsi. Non ricordo tutto, certo, ma che Del Piero non reggeva più certi ritmi lo ricordo bene. Questo discorso del “normale” panchinare un giocatore ultratrentenne per “gestirlo” non valeva per i vari Chiellini ecc. ultratrentacinquenni? Il tifo ottenebra la ragione, vero, non la mia mi pare.

PAOLO68

se hai Ibra Trezeguet e Camoranesi e se giochi 442 ci sta che Del Piero 33enne non al massimo faccia panchina.
È ragionevole.
Meno lo è dimenticare che per anni poi è tornato ad essere decisivo con allenatori e in contesti diversi. Ai campioni veri, capita.
Evidente quindi che nel 2004-2005-2006 (le stagioni di Capello) era presto x smettere per Del Piero.

Per quanto riguarda Chiellini non aveva gran concorrenza nel suo ruolo. Presero De Ligt ma il rendimento dell’olandese non fu all’altezza mi pare di poter dire.Provarono a mollare Bonucci, ma fecero l’errore di riprenderlo.
Chi doveva giocare Rugani? (onesto difensore x carità)
E anche Chiellini-Bonucci hanno avuto meriti nella vittoria dell’Europa 2021?
Erano entrambi 34/35 enni ?

E cmq fare il centrale difensivo e l’attaccante
sono ruoli diversi come dispendio atletico.
Pepe a 40 anni ancora fa il suo nel Porto.
Ma la lista di difensori “esperti” ad alto livello è lunga tra le top in Europa. Varane Acerbi Van Djk…

Tornando al Biatlhon anche la Vittozzi ha una storia di rinascita.
Wierer? L’idea di smettere c’è l’ha da tempo, quest’anno si è gestita tra malanni e infortuni ha gareggiato pochissimo.
In staffetta ha dato un gran contributo.
Le fanno pressioni x arrivare alle Olimpiadi 26 che si disputeranno nella sua Anterselva.
Quest’estate farà da commentatrice televisiva x Eurosport alle Olimpiadi.

Su Platinì la penso come te, il suo addio fu giusto e intelligente. Non aveva più voglia, gli piaceva fumare mangiare e godersela.
Eppoi dopo l’Heysel qualcosa si era rotto.
Ha onorato il contratto e portato la Francia in semifinale ai mondiali 86, dopo aver vinto europei 84 praticamente da solo. (9 gol in 7 partite).

Un saluto all’amico Zazzà.

Nicola Romano

Quando gioca contro il Frosinone Castellanos e ‘ veramente forte .

inox

Buonanotte Fabrizio

Dov’è il cinese? La Lazio ha vinto una partita che poteva anche perdere. Per lunghi tratti sono sembrati dei ricchissimi ragazzi che si ritrovano dopo anni di liceo (si va beh! diciamo la scuola dell’obbligo) e organizzano una partitella e poi, dopo, caviale di Ravenna, olive di Ciaculli roastbeef di Imperia (Cozzolino) e vino delle quattro terre (Carli, come l’olio, ma questo è suo zio e fa il vino. A volte lo mesciano insieme e fanno l’olvino). Ieri sera, alla fine, apoteosi di baci e abbracci ai quali non crede nessuno. Una soap opera venuta male più che soap, dust (polvere). Polvere infilata sotto il tappeto in attesa del nuovo cameriere. Intanto un Uomo se ne andato e questi non lo so, usare il termine mafia è troppo e mafia è troppo grave, lo capisco…..diciamo……solo abbracci fra spocchiosi, tronfi. Ieri sono stato a Firenze alla manifestazione contro il nuovo piano pandemico nazionale. Te, Fabrizio, sei andato? No…non a Firenze, sono organizzate in molte città anche se non se ne parla e quindi non ci sono mai state. A Firenze molto partecipata. In pratica è in arrivo una nuova pandemia molto più virulenta del covid anche se ancora non sappiamo cos’è ma tranquilli, abbiamo già il vaccino e poi a seguire mascherine, chiusure, distanziamenti anche, questa volta, preventivi (!). Nel rientrare ho pensato all’Inter e alla partita con il Napoli e sono felice di tifare la Prestigiosa e la vita di noi interisti è apoteosi di luce risplendente il cielo con tutte le stelle e fra miliardi, le nostre due “Stelle” (oh! metto le mani avanti. A oggi) La radio, radio uno, almeno quella che trasmette nella mia macchina, blatera belinate nell’intervallo delle partite: giornale radio. Le elezioni in Russia una farsa e altre amenità sui seggi e che non ci va nessuno e chi ci va è obbligato e bla…bla… . Quelle che si svolgono in Usa solitamente limpide come il bottino. Ma tant’è. Alla manifestazione ho parlato con un tifoso Viola sull’episodio del ragazzo respinto all’ingresso perchè aveva la bandiera Palestinese in Fiorentina-innominabili. Le elezioni e la Bandiera impedita e la nuova, sconosciuta malattia in arrivo di qui a breve uno dei variegati piatti che ci servono. Proviamo a metterci i piedi e sputarci. Dov’è il cinese?

Mordechai

Mi spiace per il ragazzo con la bandiera palestinese, ma due parole due sulla ragazza che (in Toscana?) é stata cacciata a male parole dalla manifestazione perché “invitava” a riflettere anche sulla triste sorte riservata alle tante donne picchiate e violate dagli animali di Hamas dopo l’eroico “blitz” del 7 ottobre, proprio non riesci a trovarle?
Strano, in genere te ne escono a fiotti dalla tastiera.

Gennaro C

Io sto con Inox e questo dibattito tra chi ha ragione o torto è vergognoso oltre che offensivo nei confronti delle oltre 30000 (trentamila) vittime prevalentementi donne, bambini e anziani palestinesi. Peggio mi sento quando il dibattito verte sul significato della parola “genocidio”. Il medioevo prossimo venturi è diventato tristemente il presente.
Auguri morde

Modifica il 27 giorni fa da Gennaro C
Mordechai

Sì, ciao.

carta vetrata

cosa vuoi farci, diceva Brecht che tocca sedersi dalla parte del torto perchè gli altri posti son tutti occupati. Gli ebrei son perseguitati da sempre, ma ora pare che i nazisti siano diventati loro, e il 7 ottobre fosse “nelle cose”. Mi viene difficile, anche da sinistra, negare il diritto degli Israeliani a difendersi. Cosa dovrebbero fare, lasciarsi sterminare, avviare una nuova diaspora, cosa? Eccessi da una parte e dall’altra, si vede, ma nessuno si pone la questione fondamentale del diritto o meno all’esistenza di Israele, senza sciogliere quel nodo, non se ne esce. A provare a scioglierlo, o ad allentarlo, si vine fatti secchi. Cmq, storia infinita, tenuta in piedi perchè l’umano è naturalmente belligerante

Fandango

Si certo, poverelli questi novelli Davide (nome non casuale) che combattono con miseri caccia e carri armati e missili contro i Golia imberbi, armati di fame.
Si sa mai che diventino tra 20 anni forse terroristi.
Meglio sterminarli, che è più o meno la stessa idea che aveva il loro peggior incubo.
Questo che diritto è, giusto per curiosità.

carta vetrata

A proposito di diritto: ha Israele diritto all’esistenza, o no?

Mordechai

La risposta l’hanno data più volte gli iraniani, i veri “manovratori” della faccenda : no.

Mordechai

Concordo.

carta vetrata

Se concordi, ti becchi due pollicioni versi. Io ne ho tre di default, più options.🤷‍♂️

Mordechai

Sti cazzi, mio caro.
Buonanotte

Sunako Nakahara

Frosinone-Lazio 2-3

Anche se la prestazione dei biancocelesti non è stata memorabile, diversi indizi sembrano confermare l’impressione che Sarri fosse ormai poco tollerato dal gruppo. Adesso vedremo se Tudor riuscirà ad entrare in sintonia con l’ambiente. Conoscendo il carattere del personaggio, mi aspetto comunque che qualche ulteriore “attrito” sarà inevitabile.
Al nuovo allenatore voglio soltanto suggerire di prestare una particolare attenzione alla suscettibilità di alcuni elementi della nostra rosa. Non importa se qualcuno gioca da titolare tutte le partite della stagione, se poi due volte l’anno viene sostituito al 96esimo minuto (mentre sta boccheggiando in debito di ossigeno). È chiaro che così si sente messo in discussione, pensa di essere finito ai margini del progetto tecnico…e non riesce a fare nemmeno le cose più elementari.

il ghiro

FROSINONE – LAZIO 2 – 3
Derby laziale in Ciociaria, Sabini contro Volsci, ci vorrebbe un Virgilio per mettere in rima la pugna tra le due schiere di armati agguerritissimi. In casa Lazio Martusciello scalda la panca per il nuovo allenatore, il croato Igor Tudor, che sostituisce il suo principale, il Comandante. Per la serata scelte obbligate: ancora assenti Patric e Rovella, giocano Mandas per lo sconocchiato Provedel, Casale per Gila, Pellegrini per Hysaj, rientrano dalla squalifica anche Marusic e Guendouzi, conferma per Cataldi, prova del fuoco per tutti dopo le feroci polemiche della settimana in corso. Di Francesco schiera la sua formazione migliore, inclusi i due juventini Barrenechea e Soulè, fuori il futuro laziale Valeri. Auguri a Martusciello, che lasci almeno un buon ricordo, la prima l’aveva “cannata”. Arbitra Rapuano, al VAR Abisso.
Tiretto di Mazzitelli, ciociari grintosi nel pressing, laziali nervosi e imprecisi, al 12′ su un lungo cross da sx gran testata di Lirola che pesca l’angolo, Mandas non ci arriva, 1-0. Rovesciata alta di Cheddira, che poi sparacchia alto ma c’era f.g., assist del Pipe a Ciro che controlla male e tira a lato, svarione clamoroso di Marusic che “lancia” Cheddira, recuperato prima del tiro. Si storce Pellegrini, ma rientra, al 38′ da Pipe al Mago che allarga a Guendouzi, cross per il tocco ravvicinato di Zac che buca Turati, ok del VAR, 1-1. Ciro si “impiccia” due volte davanti a Turati, Cataldi finalmente tira da fuori, ma troppo largo, contropiede ciociaro ma Lirola spara fuori.
Ripresa: esce l’azzoppato Pellegrini, entra Lazzari che crossa ma Ciro liscia, Mandas para un tiretto di Soulè, giallo a Barrenechea duro su Zac, entrano Vecino e il Taty per Cataldi e Ciro, punizione del Mago sulla testa del Taty che infila la porta di Turati, 1-2. Tiro di Soulè deviato fuori da Cheddira, Turati salva sul tiro a volo del Taty e sulla stoccata da fuori del Mago, entra Seck, corner del Mago respinto, Romagnoli tira sul palo ma Taty ribatte in rete, 1-3. Corner da dx, Okoli di testa la ributta in area e Cheddira in semirovesciata imbuca da pochi metri, imparabile per Mandas, 2-3. Segna ancora il Frosinone su nostro clamoroso pasticcio difensivo, per fortuna in f.g., Cheddira ci prova ancora, tiro sull’esterno della rete, dentro Valeri e Kaio Jorge, tra Pipe, Taty e il Mago si divorano un gol fatto, grande parata di Turati, entra Isaksen per il Pipe, poi anche Kamada per Zac, giallo a Lazzari, contropiede laziale dal Mago a Lazzari che canna il tiro vergognosamente, entrano Reinier e Cuni, giallo al Taty duro su Kaio Jorge, Kamada si esibisce in un passaggio al portiere avversario, anche il Taty ci mette del suo, ma per fortuna la partita finisce qui. Abbracci e commozione tra i biancocelesti, neanche avessimo vinto lo scudetto!!!
Le pagelle: Mandas 6,5; Marusic 5,5, Casale 6, Romagnoli 6, Lu. Pellegrini 6 (Lazzari 5); Guendouzi 6,5, Cataldi 6 (Vecino 6), Luis Alberto 7; Felipe Anderson 6,5 (Isaksen 6), Immobile 5 (Castellanos 6,5), Zaccagni 6,5 (Kamada 5). All.: Martusciello 6.
Nel Frosinone ottimo Turati, buoni Okoli, Mazzitelli, Soulè, troppo discontinui Cheddira e Seck, discreta prova di Rapuano, preciso e presente.

Modifica il 27 giorni fa da il ghiro
33
0
Cosa ne pensi? Lasciami un commentox
()
x