Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Stai bloccando le Ads!!!

Ciao, un po’ di pubblicità a te non costa nulla, a noi consente di ammortizzare almeno in parte i costi di Bloooog! e mantenerlo attivo. Per favore disattiva l’estensione che blocca gli annunci e poi ricarica la pagina.
Grazie da Bloooog!, il tuo Bar Sport.

Semifinale d’andata di Coppa ItaliaNon esiste partita tra Juventus e Inter, senza polemiche, scontri e soprattutto un gran rissone finale. E così lo striminzito 1-1, arrivato alla fine di una partita assai povera di spettacolo e di grande calcio è stato seguito da un putiferio in campo con le due squadre a darsele di santa ragione. Insomma, succede tutto nel finale: segna Cuadrado, rigore di Bremer per mani in area, fa gol Lukaku che esulta in maniera polemica contro la curva juventina che lo aveva bersagliato con cori razzisti. Espulso dall’arbitro per aver risposto facendo provocatoriamente il segno del silenzio ai tifosi avversari. E alla fine Handanovic e Cuadrado si azzuffano, espulsi anche loro. Inzaghi si lamenta: “Lukaku espulso per la sua solita maniera di esultare dopo un gol”. Non è propriamente così, e il punto è: perché devo essere espulso se reagisco contro chi mi fa buu e urla insulti razzisti?

COPPA ITALIA, SEMIFINALI DI ANDATA

(FINALE, ROMA 24 MAGGIO 2023)

Mercoledì 5 aprile 2023

Cremonese – Fiorentina 0-2 (ritorno, Fiorentina-Cremonese giovedì 27 aprile)

Attenzione, la Fiorentina è pronta per vincere un trofeo

Oggi la Fiorentina è una certezza più di quanto non lo siano Juventus e Inter. Che per la finale di Coppa Italia sono attaccate a un filo. Mentre la Fiorentina ci ha già messo un piede: il gol di Cabral e il rigore di Nico Gonzalez la ripagano con la conquista di un traguardo che fino a qualche mese fa sarebbe stato impensabile. Dopo tante sofferenze, incomprensioni, e mugugni sulla conduzione di Vincenzo Italiano, oggi la Fiorentina macina gioco e gol, e risale anche la classifica di Serie A. Cabral è una certezza, il trauma dell’addio di Vlahovic completamente assorbito e superato. Ci manca solo che la Fiorentina si metta a vincere qualcosa…

Martedì 4 aprile 2023

Juventus – Inter 1-1 (ritorno, Inter-Juve mercoledì 26 aprile)

La solita rissa e l’assurdità del caso Lukaku, vittima di cori razzisti ed espulsi

I due gol di Cuadrado e Lukaku su rigore nel finale di partita, i cori razzisti al centravanti dell’ Inter, le tre espulsioni di Lukaku, Handanovic e Cuadrado, e la generale rissa conclusiva tra Juventus-Inter, hanno riempito in una manciata di minuti il vuoto di una partita intera. Sopportate un’ora e un quarto di poverissimo calcio e il finale vi ripagherà con tante emozioni: calcio e rissa fin dentro al tunnel in un fantastico binomio. E’ lo schema abbastanza classico di una partita che è classica proprio per questi tipo di episodi che regolarmente la inquinano e la avvelenano. Si era in una semifinale d’andata di Coppa Italia, ma due settimane fa non avevamo fatto discorsi troppo diversi per il match di campionato.

  Le polveri si sono accese con il rigore nel recupero. Lukaku ha trasformato il penalty e poi ha esultato alla sua maniera portando  l’indice della mano davanti al naso, come a dire zitti, tacete, e urlando più volte non si è capito bene cosa contro la curva Juventus. Inzaghi si è lamentato del cartellino rosso, sbandierato al giocatore: “Nessuna provocazione, quella è la sua maniera di esultare. Purtroppo quei rossi mi impediranno di utilizzare Lukaku e Handanovic nel match di ritorno”. 

  I fatti non sono esattamente andati così, Lukaku ha risposto in quella maniera ai cori razzisti, al gesto ha unito parole furiose, non ben identificate ma insomma intuibili, nei confronti della curva. Non a caso tutti i compagni di squadra, a cominciare da Dzeko che era stato sostituito ed era ormai in panchina, sono andati ad abbracciarlo fortemente per impedirgli di continuare nella sua protesta contro la curva juventina, quasi a nasconderlo. Il punto insomma non è quello che dice Inzaghi, ma è un altro: se mi insultano con buu e cori razzisti,  perché devo pagare con un’espulsione per una reazione fino a quel momento abbastanza contenuta? La contraddizione del calcio oggi è questa, stare a volte clamorosamente dalla parte sbagliata.

  Chiaro che una volta visto il cartellino rosso anche Lukaku abbia perso le staffe e litigato con molti di passaggio dalle sue parti, a cominciare da Cuadrado. Che vestiva il ruolo di agente provocatore, presentandosi in tutte le zuffe. All’espulsione di Lukaku infatti a fine partita nella baraonda generale sono seguite le espulsioni di Handanovic e l’agitatissimo Cuadrado (che ha allungato anche un gancio destro al portiere).

  Abbiamo parlato di questo invece della partita che è stata solo un mero esercizio ginnico, in attesa di risolvere tutti i conti aperti al ritorno di San Siro. Le stesse squadre hanno messo tutte loro stesse nell’ultimo quarto d’ora, astenendosi invece nei precedenti 75 minuti. Il marchio di Juve-Inter appunto. Stay tuned dunque, perché oltre a capire chi passerà il turno, non è escluso che ci sia anche un seguito della rissa. Mixer, tutto quanto fa spettacolo.

***

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

SOCIAL BLOOOOG!

WHATSAPP BLOOOOG! (numero dedicato)

+39 351 7262156

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTRAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTRAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

Twitter per Bloooog!

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

***

SINTESI

Semifinale d’andata di Coppa ItaliaNon esiste partita tra Juventus e Inter, senza polemiche, scontri e soprattutto un gran rissone finale. E così lo striminzito 1-1, arrivato alla fine di una partita assai povera di spettacolo e di grande calcio è stato seguito da un putiferio in campo con le due squadre a darsele di santa ragione. Insomma, succede tutto nel finale: segna Cuadrado, rigore di Bremer per mani in area, fa gol Lukaku che esulta in maniera polemica contro la curva juventina che lo aveva bersagliato con cori razzisti. Espulso dall’arbitro per aver risposto facendo provocatoriamente il segno del silenzio ai tifosi avversari. E alla fine Handanovic e Cuadrado si azzuffano, espulsi anche loro. Inzaghi si lamenta: “Lukaku espulso per la sua solita maniera di esultare dopo un gol”. Non è propriamente così, e il punto è: perché devo essere espulso se reagisco contro chi mi fa buu e urla insulti razzisti?

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
167 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

luigi.iannelli

Intanto la Fiorentina è diventata un allevamento sui generis. Un allevamento non “di polli”, ma “per i polli” ed ora sta ingrassando Cabral che continua a segnare e per fine campionato sarà pronto per passare anche lui dalle sponde dell’Arno a quelle del Po. Peccato per Vlahovic che a Torino aveva finalmente trovato il barbiere giusto.

mario rossi

Non hai molte doti ma come umorista non ti batte nessuno

Modifica il 10 mesi fa da mario rossi
Expo

Esito a commentare sulla partita di ieri sera, ma mi lancio.
Dal punto di vista calcistico, si è visto poco calcio (inteso con gioco) e tanti calci.
Le due squadre sono molto simili (al di là dello schema di gioco adottato): non sanno più giocare a calcio, fanno possesso palla sterile con passaggetti da fermo e, nel caso della Juve, palla ai (pochi) fuoriclasse affinché creino qualcosa di diverso o, nel caso dell’Inter, palloni in mezzo a cercare il centravanti grosso, gli inserimenti dei terzini, i tuffi di Lautaro.
Il pareggio è un risultato giusto, considerato che nessuno ha fatto qualcosa per meritare la vittoria.
La Juve ha sfruttato un errore difensivo. L’Inter un rigore, non una novità: 5 degli ultimi 8 gol contro la Juventus sono arrivati su rigore, un dato statistico importante.
Per il resto, solito atteggiamento remissivo della Juve, mentre l’inter continua nella sua frenetica isteria: isterimi interisti o interismi isterici?

Dal punto di vista non calcistico (Lukaku ed episodi finali): ululati razzisti da condannare senza se e senza ma (anche se scatenati dall’entrataccia di Lukaku su Gatti), sia stata tutta la curva o solo un idiota. Indegne tutte le altre sceneggiate dei giocatori. Non so se Lukaku abbia esultato per gli ululati o gli ululati siano arrivati a causa dell’atteggiamento del belga. Mi sembra che tutti, nel calcio, dovrebbero darsi una bella calmata. Sennò, fomentano gli atteggiamenti inqualificabili dei tifosi. I giocatori (e i dirigenti) sono i primi e danno l’esempio.

PS. Leggo sulla Gazzetta dell’inchiesta sulle plusvalenze di Roma, Lazio e Salernitana. Cosa facciamo adesso? Aspettiamo le sentenze della giustizia (quale?) garantendo a tutti il diritto alla difesa, o lanciamo l’Inquisizione Sportiva a dare -15 punti anche alle romane? A questo punto, concludiamo il campionato e poi togliamo a tutti (ma veramente tutti) 15 punti.

Waters

Non sono riuscito ad andare nei ristoranti che mi avevi consigliato, ho visto solo i tendaggi della ” Parrilla Brigada – verdi – a San Telmo in occasione di un giro al mercatino rionale della domenica,tanto rudo ma anche qualche buona occasione, chiaramente visto il cambio ho fatto buoni affari, su tutti un bel monocolo dell’800….il clou gastronomico del lungo tour è stato il cordero gustato ad El Calafate,una leccornia indimenticabile, come quasi tutta la carne Argentina.

Salud.

Expo

Sará per la prossima volta. Avvisa prima che ti do qualche dritta.
Il cordero (agnello) patagonico é una specialitá, ma bisogna essere bravi a cucinarlo, perché la carne ha poco grasso e si secca subito se non si marina bene e idrata con salmuera (salamoia?) durante cottura lenta. Si cucina con una croce metallica (estaca) che si pianta sopra fiamma leggera sotto vento per 2 ore per lato.
In Patagonia (in realtá da Neuquen in giú) non esiste carne bovina, né si puó portare senza controlli seri perché é una zona non contaminata dall’afta epizootica. Per questo si sono specializzati nel cordero.

Mordechai

Fatela finita, che a pranzo ho buttato giù riso olio e parmigiano e una mela (verde).

Mordechai

Talmente buona, che usi la … maiuscola?
🙂
Ciao, ben tornato.

2010 nessuno

Ehh no Expo, qui c’è un errore da parte tua e anche grosso: il razzismo non ha bisogno di “provocazioni” è un veleno già insito nell’animo di chi l’ha voluto e coltivato e viene esternato con continuità nell’agire dei suoi adepti . Si possono capire ( ma comunque non giustificare) esternazioni sui generis, di riprovazione nei confronti di un giocatore, di seguito ad un brutto fallo nei confronti dei propri beniamini, ma in questo il razzismo non c’entra niente , con un fallo non c’entra il colore della pelle o la provenienza geografica.
Quanto al togliere punti, se c’è giustamente difesa della estraneità dai fatti della società juventina , altrettanto deve essere per altri. E se , per citare Marrow, un’accusa non è una prova, tantomeno lo è un’indagine.

luigi.iannelli

il razzismo non ha bisogno di “provocazioni” è un veleno già insito nell’animo di chi l’ha voluto e coltivato

Se sostituisci “nell’animo” con “nella cultura” credo che la tua affermazione possa essere perfetta ed universale. L’animo non è strutturato e funziona in modo random. Non a caso, noi stessi, a volte non comprendiamo certe nostre reazioni.
La cultura, invece, radica il nostro modo di pensare e di agire. Il razzismo più becero ha sempre dentro una congiunzione: “non sono razzista, ma…” oppure ” non sono razzista, però…”

Modifica il 10 mesi fa da luigi.iannelli
Expo

Caro @2010 nessuno, mai parlato di “provocazioni” e mai suggerito che possano giustificare gli ululati razzisti. Anzi, ho scritto “da condannare senza se e senza ma”.
Sui nuovi filoni di indagini sulle plusvalenze, giá si intravedono le prime differenze: nel caso della Juve la Giustizia Sportiva ha deciso subito, nel campionato in corso, e la Procura di Torino ha chiuso le indagini in fretta e furia per trasmettere gli atti alla Procura FIGC. In questo caso (cosí come negli altri filoni che riguardano Bologna, Cagliari e anche Napoli), giá si mettono le mani avanti e si aspetta la chiusura delle indagini per le quali hanno giá richiesto rinvii di 6 mesi. Quindi, possiamo aspettare comodi decisioni sul campionato in corso.

PS. se fossimo ai tempi della comicitá di Alvaro Vitali e compagnia, potrei chiosare allegramente sulla tua affermazione che “con un fallo non c’entra il colore della pelle o la provenienza geografica”. Quante barzellette sono state fatte sulle dotazioni “colored” che oggi sono irripetibili in epoca “woke”

il ghiro

CREMONESE – FIORENTINA 0 – 2
Per la seconda semifinale di Coppa Ballardini accantona Carnesecchi, Lochoshvili, Sernicola, Galdames e Dessers, giocano Sarr, Vasquez, Pickel, Benassi e Castagnetti, Italiano risponde con Barak e Nico Gonzalez, in panca Jack e Castrovilli, a casa Milenkovic e Saponara. Arbitra il laziale Mariani, al VAR il bergamasco Mazzoleni.
Sbagli in serie, prima Barak e Ikonè, poi su Tsadjout salva Terracciano, poi Cabral fuori di poco, poi dopo un corner Biraghi crossa di nuovo per la testa di Cabral che buca Sarr, 0-1. Poi grave cazzata di Meitè, ma Sarr salva su Gonzalez, tira alto Biraghi, giallo a M. Quarta.
Ripresa: Entrano Bonaiuto e Dessers, tira appena fuori Ikonè, Terracciano para su Dessers, tiraccio di Barak, entrano anche Sernicola e Felix, entra Jack, doppia parata di Sarr poi para col braccio Aiwu, rosso per lui e rigore, glaciale Nico spiazza Sarr, 0-2. Entra Lochoshvili, salva Igor su Felix, para Sarr su Martinez, entrano Jovic, Brekalo e Castrovilli, ma nulla cambia. Dominio viola.

monica

Con tutto il rispetto. Anch’io metto dei pollici giù quando non sono d’accordo su un commento. Ma metterli per un articolo di cronaca(perché questo è) mi sembra davvero ridicolo. Ma forse a qualcuno non piace che il ghiro faccia articoli di cronaca!

il ghiro

forse è vero, sul blog le cronache ci stonano, meglio leggere i giornali, o i commenti tv, ma che ci posso fare, per me è compulsione, guardo e scrivo in contemporanea.

monica

ma infatti io non dicevo a te ma a chi ti ha messo pollici giù!
io personalmente non leggo queste “cronache” perchè ho già dove leggerle,ma non vedo perchè metterti dislike!!

commentanonimo

Non sono affatto d’accordo con ConteOliver, compagno di tifo, ed altri, che la squalifica a Luaku per come sappiamo le cose vada tolta. Mi spiego, perchè non voglio minimamente dare l’idea che lo dico perchè interista o razzista. Se poi i fatti sono diversi da cosa ha detto Massa, ovvio che ritiro tutto. Punto 1, puniamo con il rosso il fallo di reazione anche se il fallo è cattivo e la reazione è meno violenta, perchè non dovremmo punire il fallo di reazione verso la curva? No, non sono d’accordo, è un ragionamento del caxxo. Punto 2, era tutta la curva a fare insulti o solo una minoranza? Gli strumenti per identificare ci sono, e personalmente se io sono in curva e non faccio ululati razzisti ed un giocatore pagato milioni mi fa un gestaccio, che sia Kean o Lukaku o mio nonno lo prenderei per le orecchie e direi ma che caxxo vuoi da me? Punto 3, ero fermo al fatto che con cori razzisti giacchetta gialla può sospendere la partita. Ora i casi sono due o Massa ha sbagliato o i cori non sono stati reputati “rilevanti”. Questo dovremmo sapere. Fatto il ragionamento, concordo che la società Juve debba eliminare questa gente dallo stadio ma starei molto attento a tollerare reazioni spropositate di un calciatore. Quando a Totò Schillaci urlavano cose orribili che non ripeto, non era forse peggio? O quando sentivo le urla “devi morire”? Giusto punire al limite la Società con la partita persa, ma se il giocatore reagisce va squalificato e punto.

Modifica il 10 mesi fa da commentanonimo
2010 nessuno

Tranquillo @commentoanonimo, siamo certi che tu non sia interista.

tamarrogigante

Non è vero che ogni partita tra Juventus e la Inter finisce in rissa, è vero invece che in ogni rissa c’è sempre presenta la inter, l’altra squadra cambia

Archivista

D’altro canto, da diversi anni Juve – Inter è una partita povera di calcio e ricca di ferro (in forma di ruggine, preferibilmente).

Grass

bhe non mi meraviglio. Guarda l’atteggiamento di giocatori e allenatore in campo. Al primo fischio subito a circondare l’arbitro in 4/5 mentre dalla panchina ci si sbraccia e grida allo scandalo. Non se ne puo’ piu’ sinceramente.

Il re è nudo

Il cosiddetto derby d’Italia: due squadre che giocano da ferme. Due gol casuali, quasi fantozziani. Urla razziste e rissa finale.
Non poteva esserci specchio più fedele del nostro calcio e della nostra società.

Maurizio

Mi chiedo solo se la governance del calcio avvallerà il paradosso di punire Lukaku subissato da cori razzisti jucentini.
Comunque sono d’accordo con te, questo calcio è lo specchio federe di una schifezza

Modifica il 10 mesi fa da Maurizio
Archivista

Il razzista è uno che la mattina si guarda allo specchio e si vergogna della persona che vede.

L’antirazzista è uno che la mattina si guarda allo specchio e si vergogna della società che vede.

Non so chi dei due è messo peggio.

Chakkko

Volevo rassicurare chi parla di faida tra i tifosi interisti e juventini: io tifo Inter e non ho nulla contro i tifosi della Juventus.

Saluti

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

E’ finita in caciara, da ingenuo fessacchiotto non mi spiego la ragione di tanta rivalità, per non dire tanto odio, dopo aver festeggiato in campo e sugli spalti come se si trattasse di una finale di Champions,anzichè di una semifinale di andata di coppa Italia, deve essere stato amaro anzichè no subire il pareggio in quel modo, anche qui nel bloog si vede quanta “simpatia” ci sia tra le due tifoserie, del resto anche da queste parti nel derby del raccordo , non è che scherziamo . Da quanto visto sembra che Lukaku abbia voluto zittire i cori razzisti o dovuti al suo fallaccio ? , comunque come ha già fatto rilevare qualcun altro, quando sono gli altri in primis ovviamente i laziali, è la tifoseria in massa che è fascista ,razzista e violenta, quando sono i nostri è soltanto qualche (sparuto ) tifoso che sbaglia, comunque se ha fatto solo quello non credo che il giocatore meriti la squalifica . La partita è stata noiosa, le squadre attaccavano facendo un passaggio avanti ,tre in orizzontale , uno indietro e un’altro avanti, effettivamente un gran spettacolo, se Inzaghi aveva le parziali giustificazioni di essere in un momento negativo, e giocare fuori casa, Allegri nemmeno quelle , comunque ogni sacco da’ il vino che ha . Il pareggio è giusto vedremo al ritorno se i tecnici avranno più coraggio o punteranno ai supplementari (una vera manna con quel popo’ di calendario delle due squadre ) o ancora meglio alla lotteria dei rigori .

molonlave

Domandina da 3°elementare: Perché se la curva intona “Deviiiii morireeeee!” (si avete capito bene, augurare la morte) ad un giocatore bianco, nessuno si scandalizza, mentre invece se la stessa curva fischia un calciatore di colore apriti cielo?
mi chiedo cosa ci sia di più atroce che augurare la morte as un calciatore avversario.

Kit Carson but can change if unappropriate

m’anfatti!11! E se dopo essermi appizzato una siga lancio il fiammifero per strada nessuno si scandalizza. se invece lo stesso fiammifero, (con la stessa intensitá di fiamma eh?) lo lanciassi, chessó, a un benzinaio mentre sta facendo il pieno… apriti cielo!

Modifica il 10 mesi fa da Kit Carson but can change if unappropriate
Mordechai

Gli altri non so, a me pure “cori” di quel genere fanno sinceramente schifo. Mi scandalizzano, appunto.

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

A me scandalizza pure chi disapprova certi commenti .

Mordechai

Cioè, amico mio?

Nicola Romano

Mi riferivo a Molonlave .

Viralata

Scusate, ma ho visto solo io il fallo (lo considero tale) di Dumfries su Kostic? Il gioco era da fermare in quel momento! O la partita doveva finire così?

Pro calcio italiano

Non è che di questi tempi altrove si giochi tanto meglio.
Ieri guardavo in contemporanea Chelsea Liverpool e pure là si è visto principalmente difesa e poco contropiede (anzi Juve – Inter mi è sembrata superiore dal punto di vista tecnico).
Non parliamo poi dell’ormai inguardabile calcio spagnolo, tolte le top due, e del calcio tedesco con le figuracce che ha appena rimediato nelle coppe Europee.
Forse le squadre stanno appena rifiatando per il finale di stagione.
Speriamo che tutte siano pronte per giocare delle belle partite la settimana prossima!

guido

bravo, sottoscrivo e propongo un gemellaggio Inter-Juve: andiamo uniti alla conquista del Portogallo

L’Avvocato (della Signora)

JUVENTUS – INTER: 1 – 2

ConteOliver

anche la società la vede come il sottoscritto

“Juventus Football Club, come sempre, sta collaborando con le forze dell’ordine per individuare i responsabili di gesti e urla razzisti verificatisi ieri sera. Anche in questo caso nei confronti dei responsabili sarà applicato il “Codice di Gradimento””.

bene così

si identifichino le bestie e siano radiati a vita dallo Stadium

guido

tanto per evitare dubbi, se mai ce ne fossero, anch’io la vedo come il soprascritto e come la Società. Senza “però”

redant

Mannaggia, al 75′ mi sono addormentato e mi sono perso il finale… ma Lukaku non era in panchina?
A quanto mi riferiscono, bello spettacolo per tornare all’ultimo post di Bocca… Tutti a casa, non solo la prossima volta, ma qualche annetto di daspo farebbe comodo a tutti quelli che, con le telecamere accese al moderno Stadium con poltroncine numerate e ben pagate, saranno già stati ben identificati… mi aspetto la lista intera degli incivili sulla Gazza già da domani.

Vipe

Juve Inter 1 – 1
E due punti di vista.

– Tutti a percurlare il “ mostro “ ( copyright Waters ) che s’ è fatto fregare Bremer . Si chiama lungimranza.

– 2010 – Nessuno capirà mai il diabolico Acciughina: se Inzaghi perdeva anche ieri sera, out subito.

Mordechai

A parte lo sciagurato fallo di mano, quali sarebbero nel dettaglio gli altri … flop del brasiliano? Da quel poco (per fortuna) che ho visto, non mi sembra che lui e pure Gatti siano stati i peggiori in campo, anzi.

Vipe

Mordechai solo cazzeggio il mio. I nostri tutto normale.
Rispettabile Gatti.

Claudio Mastino 62

Partita molto bloccata tra Juve ed Inter, direi piuttosto bruttina e noiosetta che ha avuto solo un sussulto finale prima con il goal di Cuadrado, poi con il rigore trasformato da Lukaku.
Le due reti comunque sono venute
da due marchiani errori, il vantaggio juventino da un errato posizionamento di Gosens, il pareggio interista da uno scellerato
fallo di mano di Bremer ; forse la Juve avrebbe meritato qualcosa in più ma alla fine il risultato è sostanzialmente giusto, nel calcio quello che conta è buttarla dentro,
le occasioni da rete lasciano il tempo che trovano.
Nella Juve ottima la prestazione di Gatti che ritengo un ottimo centrale difensivo, nonostante la stazza imponente è poco falloso, bravo e rapido nell’anticipo e dotato anche di una buona tecnica personale, buona quella di Perin,
portiere sempre molto affidabile così come quella di Fagioli , giovane con un futuro luminoso davanti e di Danilo, sufficiente la prova di Krosstic,( chiamato così per la sua abilità nei cross, è da un suo traversone che è scaturito il gollazzo di Cuadrado), dello stesso
Cuadrado e di Di Maria, senza infamia né lode quella di Locatelli che non ha giocato malissimo ma un suo disimpegno totalmente errato sarebbe potuto costar caro alla Juve se non ci fossero state le bocche da fuoco arrugginite degli avversari interisti, insufficiente la prestazione di Vlahovic , il centravanti serbo continua ad essere sopravvalutato oltre che dai tifosi anche dagli stessi telecronisti e giornalisti sportivi ; con il piede destro a malapena si regge in piedi, non sa difendere la palla e far
salire la squadra e di conseguenza la perde spesso, non riesce quasi mai a farsi trovare smarcato, si muove come un tricheco sulla terraferma ed anche in area riesce
a finalizzare , e non sempre per giunta , solo quando gli capitano facili occasioni. Ieri Di Magia, anch’esso mancino , nei primi minuti della gara ha sferrato un gran tiro di destro rasoterra ad incrociare all’angolino costringendo
Handanovic ad effettuare una grande parata ; questi sono i grandi giocatori stranieri, non certo quelli come il serbo in questione.
Credo proprio che Arthur Cabral, il centravanti della Fiore, sia più forte e più utile alla sua squadra di Vlahovic.
Nell’Inter, che ormai come dice Mario qui sotto non riesce più a segnare su azione da un bel po’ di tempo le colpe del suo rendimento scadente a dir poco sono da attribuire sia all’errata campagna acquisti , sia a Simone Inzaghi.
Il ritorno di Lukaku che adesso è quasi maturo per cambiare sport, per dedicarsi a tempo pieno al lancio del peso o al lancio del martello , è stato un grosso errore,
così come l’aver preso Correa, l’argentino più scarso che abbia mai visto giocare e Dumfries, altro
giocatore mediocre. Inzaghi da parte sua ha spesso sbagliato formazione titolare e le scelte dei sostituti, nella scorsa partita di campionato ha per esempio fatto partire titolari Lukaku che poi si è mangiato dei goal incredibili e Correa , i due avevano giocato insieme pochissimo prima di quella partita, ha utilizzato poco e male un certo Bellanova mettendolo, lui
che è un esterno destro , molto più forte di Dumfries, sulla fascia sinistra ed almeno una volta ha messo anche l’ottimo
esterno destro Darmian una sulla fascia sinistra ; ieri Edin Dzeko
non ha giocato male , ha toccato diversi palloni a differenza
di Lautaro che ne avrà toccati al massimo tre o quattro in tutto, perché far uscire lui e non l’argentino? Come ho già detto in un precedente commento Inzaghino è assolutamente da mandar via, per il bene dell’Inter.
Ridicola la sua intervista quando nell’ultima partita di campionato ha affermato che se Lukaku non si fosse mangiato quei goal tutti avrebbero giudicato la sua prestazione più che buona, ma ci crede veramente in quello che
dice ?

commentanonimo

Io ho visto da juventino che a) l’Inter non meritava di perdere ed ha pareggiato, b) Bremer è un pippone, c) sarebbe meglio tornare alla regola per cui il fallo di mano è punito solo se chiaramente volontario o sposta la traiettoria, d) Lukaku andava probabilmenyte espulso col fallo su Gatti e e) sia stato sempre troppo nervoso da quando è entrato, f) fino a quel momento la partita era correttissima, g) chi ha urlato urla razziste deve essere identificato e colpito, sempre e comunque. Su Cuadrado ed Handa non ho cpaito bene cosa sia successo, a a giudicare dagli insulti che volano pure qua tra interisti e juventini credo ci vada poco a capire perchè basta poco e scoppiano le risse. Chiudendo sulla seconda ammonizione a Lukaku non saprei che dire, se su un rigore un pò così, avuto per culo e non per merito all’ultimo secondo e lo segni e vai a fare quel cinema, forse non dovresti essere ammonito, ma qualcosa che non va in testa lo devi avere, vedi punto d)e): Credo Massa si sia ababstanza irritato di un comportamento molto antisportivo di Lukaku in una partita fino a quel momento corretta, non mi pare che Bremer ad esempio abbia fatto scene isteriche per quel rigore dato contro.

Mordechai

Se Bremer è un pippone, per quel che si è visto ieri sera è in buonissima compagnia.

2010 nessuno

Dunque, per risponderti comincio col dire che se fino al rigore l’Inter non aveva combinato (leggi segnato) niente non è che meritasse granché. Però siccome il calcio è anche fatto di episodi, il rigore c’era, è capitato tante volte anche ai nostri di fare falli stupidi, e Lukaku l’ha trasformato. Che poi è l’unica cosa buona che ha fatto finora in questo campionato: trasformare sempre i rigori che ha battuto, al contrario di Lautaro che ne ha sbagliati la metà . Sulla sua espulsione mi attengo, anche se a fatica, alla decisione dell’arbitro, considerando che aveva già un’ammonizione a carico, però posso capire lo sfogo dell’uomo di colore, lui come gli altri giocatori di colore, che spesso deve sentirsi insultare per tutto l’incontro, e su tutti i campi, con i “buuu” e i versi della scimmia che era un pezzo che venivano fatti, già prima del rigore, in quel modo ignobile.
Sul diverbio tra Cuadrado e Handanovic che poi è costato l’espulsione ad entrambi, neanche io ho capito bene come si è sviluppato, immagino che più avanti avremo le motivazioni dell’arbitro e dei guardalinee e forse uscirà fuori qualche foto o filmato in più che diano un quadro più chiaro.

Mordechai

Anche perchè era … solare. Il fallo da rigore, intendo.

ConteOliver

totalmente d’accordo, fino al punto e)

Massa, di gran lunga il migliore in campo fino al 95°, ha sbagliato nei confronti di Lukaku

come giustamente esaltammo Kean in quel di Cagliari 4 anni fa, che fece una roba abbastanza simile sotto la curva sarda, così – coerentemente – dobbiamo riconoscere che Lukaku non ha offeso nessuno e non ha provocato nessuno…e Massa avrebbe fatto meglio a tenere il cartellino in tasca

poi che Lukaku abbia poca serenità (in buona compagnia di Barella, oramai “fuori giri” in ogni frangente e sempre pronto a mettere le mani addosso all’arbitro) sono d’accordo

ma ciò non giustifica minimamente ciò che gli è stato fatto e ho ttrovato e trovo la sua reazione fin troppo composta

spero gli revochino la squalifica, davvero

PS: a quanto pare anche la società Juve è d’accordo con me:

Juventus Football Club, come sempre, sta collaborando con le forze dell’ordine per individuare i responsabili di gesti e urla razzisti verificatisi ieri sera. Anche in questo caso nei confronti dei responsabili sarà applicato il “Codice di Gradimento“.

Modifica il 10 mesi fa da ConteOliver
cipralex

Purtroppo Perin, per il resto ottimo, è un pochino deficitario nel fondamentale ” alta e morbida” e così l’Internazionale di Milano porta a casa un pari, per altro abbastanza meritato, va riconosciuto.

Sulla partita e il dopopartita sono sostanzialmente d’accordo con @mario rossi, per me molto godibile.

Giropalla e calcioni a cazzo va bè , ca va sans dire, però uscire “preparando una faccia per incontrare le facce che si incontrano” è proprio bella, la metto in saccoccia.

lo-lo-love me like you do (a.k.a. scusameri)

Mi fa piacere che la citazione ti piaccia, magari abbiamo gli stessi gusti letterari anche se divergiamo sul calcio.

cipralex

….beh è…..un classico !

rd1959

cipralex, per curiosità. cosa c’è di “molto godibile” in una partita con “giropalla e calcioni a cazzo”? Il calcio non dovrebbe essere questo, almeno in linea teorica…

cipralex

Ciao rd.

D’accordo la partita non è stata quella che comunemente si definisce spettacolare….è che io guardo le partite della juve da tifoso, non da amante del bel calcio.
Godo (si fa per dire) se la juve vince o, in alternativa, se non perde.

Comunque ieri sera di molto godibile c’è stato che la juve ha fatto la partita che voleva fare dall’inizio a due secondi dalla fine impedendo a una squadra tecnicamente superiore di dimostrare la sua superiorità.

Godibili anche le prestazioni di Gatti e Fagioli che lo scorso anno giocavano in B.

Godibile anche il sospiro di sollievo dei tifosi interisti che finalmente hanno avuto il fallo di mano che gli spettava ……

2010 nessuno

Caro Cipralex sicuro che sospiriamo di sollievo a vedere una partita giocata così dalla noi squadra?

2010 nessuno

Ovviamente era “nostra” squadra, accidenti sempre a sto correttore che non corregge un c….

Claudio Mastino 62

Cipralex è un grande, ma non è per tutti, purtroppo spesso i grandi non vengono capiti o quel che è peggio vengono fraintesi,
questa è la cruda realtà.

cipralex

obrigado.

Giorgio Bianchi

Confesso che neanche sapevo che ieri si giocava per la coppa italia. Stavo guardando distrattamente
qualcosa che non ricordo, quando al momento della pubblicità ho cominciato a saltare da un canale all’altro e sono capitato per caso su uno dove era appena finita la partita tra Juve ed Inter e si stavano azzuffando. Quello che è
accaduto realmente l’ho ascoltato stesso ieri sera dopo la gara ed oggi su giornali siti e blog del dottor Bocca del quale tendo a fidarmi un po di più. Che dire.Ormai la diatriba tra interisti e juventisti ha raggiunto le dimensioni di una autentica faida tra clan rivali
,con cose oscene e vergognose che accadono ogni volta che si incontrano o quasi.
Tendo a credere che abbia ragione il dottor Bocca quando sostiene che l’espulsione data a Lukaku per i motivi esposti sia una porcata perpetrata da un arbitro che, del resto, perfettamente in linea con le linee guida di una federazione che tende a considerare il razzismo un fatto gravissimo, ma solo fuori dagli stadi.
Ricordo un’ analoga espulsione a Kulibaly al Meazza per lo stesso motivo, ovvero perché aveva reagito agli insulti razzisti di tutto lo stadio, tra l’altro comminata dall’ineffabile Mazzoleni. O anche la reazione di un calciatore del quale non ricordo il nome del Messina che reagì agli insulti razzisti dei tifosi ospiti(interisti). Ma questo problema gravissimo riguarda quasi tutte le tifoserie e gli stadi di questa scalcagnata penisola. Non più tardi di qualche giorno fa sono stato ripreso da qualche utente che si è risentito perché gli ho sbattuto in faccia la sua pochezza….come impegno antirazzista.
Purtroppo, caro dottor Bocca, questo suo lodevole impegno contro razzisti e razzismo è ineluttabilmente destinato a scontrarsi con l’endemico e profondo razzismo insito nella natura stessa degli italiani che, tra l’altro, lo sono anche tra loro, nonché sulla specificità di quei “ragionamenti” che sono fatti dalla maggioranza, presente anche qui dentro,che quando sono fatti dagli altri sono gravissimi, mentre fatti dai nostri, sono pochi scemi da punire singolarmente perché oh, le responsabilità sono soggettive di ogni singolo che dubbio c’è???
Ecco caro, dottor Bocca, questi sono gli abitanti di questo stivale, del resto degnamente rappresentati dal governo che si sono scelti liberamente,
coi vari Salvini, Meloni, La Russa in primis a reggerne la bandiera.😝

Er Mobilia

non capisco perche’ lukaku si agiti tanto, dopotutto sono stati i suoi stessi tifosi a spiegargli che non e’ razzismo ma supporto alla propria squadra:

https://www.fcinter1908.it/ultimora/lettera-della-curva-nord-a-lukaku-ci-dispiace-che-tu-abbia-pensato-che-a-cagliari/

il ragazzo e’ nervoso, magari qualche giornata di riposo gli fa bene…

2010 nessuno

Non cazzeggiare Mobilia , i dileggi razzisti e fatti a quel modo poi, sono solo merda, chiunque li faccia, anzi per me interista a maggior vergogna quando li fa la tifoseria nostrana, punto.

comevolevasidimostrare

👍

EhEh
Bob Aka Utente11880

Chiedere a Pogba

rd1959

Guardando la partita fino in fondo, ieri sera, mi chiedevo come avranno fatto sei club italiani su sette ad arrivare ai quarti di finale delle coppe europee. Se non avessi avuto una pipa accesa in bocca mi sarei probabilmente addormentato, per cui quando è finita sono corso subito ad accenderne un’altra, mettendoci un tabacco più robusto…

Lo dico subito, chiaro e tondo: la penso come e . Vedo le partite giocate nelle coppe europee e, tranne poche eccezioni, tutte le squadre corrono per 95 minuti, cercano di creare pericoli per la porta avversaria, c’è chi detta il passaggio e chi prova una giocata complicata. Le partite sono talvolta spettacolari, quasi sempre abbastanza divertenti da non doversi attaccare alla pipa, come è accaduto a me ieri sera. Ieri sera ho visto due squadre che i cui giocatori erano fermi, implacabilmente fermi, nessuno dettava il passaggio, l’ormai mitologico “primo, non prendere gol” ha trionfato per 95 minuti abbondanti. Entrambe sembravano aspettare l’errore dell’avversario per piazzare la botta vincente, ma grandi azioni non se ne sono viste, nel primo tempo aveva fatto qualcosina – ina ina ina … – in più l’Inter, ma era una semifinale, era lecito oppure no aspettarsi uno spettacolo meno stitico di quello che ci è stato proposto? C’è qualcun altro in giro per l’Europa, anche tra i mediocri telecronisti oltre che alla guida tecnica delle squadre, che ripete come un mantra che queste sono partite che si giocano nell’arco di 180 minuti? Mah, questo non dovrebbe escludere che si provi a giocare un calcio minimamente propositivo anche nei primi novanta, a mio modo di vedere.

Grandi azioni non se ne sono viste, in compenso ogni volta che è stato inquadrato Barella, stava inveendo contro qualcuno o stava protestando con l’arbitro. Se questo ragazzo sperperasse una minor quantità di energie a rompere i coglioni al prossimo forse giocherebbe meglio e in modo più produttivo. Ogni volta che sono stati inquadrati Inzaghi e Allegri stavano urlando, il volto contratto in una smorfia grottesca che si vede solo nei dipinti di Francis Bacon. È un calcio isterico, e il problema è che piace pure a molti, ma non a me. Si oscilla idiotamente tra l’affermazione meno condivisibile di Gianni Brera, convinto che lo 0-0 fosse il risultato della partita perfetta perché le fasi difensive avevano trionfato sulle fasi offensive, e l’idiotismo dei vertici del calcio attuale, convinti che legando le mani dei difensori e distribuendo rigori per eventi insignificanti, le partite che finisono 4-3 siano più divertenti e spettacolari. Due cazzate, secondo me.

Ieri sera ho compreso bene quel che aveva in mente Inzaghi, per una volta, mi sfugge il motivo per cui Allegri rinunci a giocare qualsiasi squadra abbia davanti. L’Inter veniva da tre sconfitte nelle ultime quattro giornate del campionato, era evidentemente sull’orlo di una crisi di nervi, non si poteva pensare a una tattica anche minimamente meno attendista? Questo è il calcio italiano oggi, purtroppo (Napoli escluso se Spalletti non sbrocca e non fanno altre scemenze come l’altra sera): tutto chiuso, pallone che viene giostrato all’inifinito tra difensori e centrocampisti, passaggi indietro continui, e poi palla in area alla ricerca di qualcosa – una spizzata, un tiro non ribattuto, un errore avversario. Così finalmente la Juventus è passata in vantaggio: pallone giostrato lentissimamente come sempre, da sinistra a destra e da destra a sinistra, con qualche passaggio indietro naturalmente, finche il neo-entrato Gosens sbaglia completamente il posizionamento, lasciando completamente solo, sulla destra, Cuadrado. Tiro e gol quasi a botta sicura. A quel punto una squadra amministrata in modo sagace cerca di tenere il pallone e, soprattutto, cerca di tenerlo lontano dalla sua area. Non la Juve di Allegri, che arretra, permettendo all’Inter di avere sempre il pallone tra i piedi e mandarlo diverse colte in area juventina. In uno di questi traversoni perfettamente inutili Bremer è entrato in un modo così scomposto da farmi porre questa domanda: “Può un calciatore professionista, valutato una cinquantina di milioni – poco meno di 100 miliardi delle vecchie lire! – entrare in piena area in un modo così scomposto, cercando di deviare il pallone con la testa e invece toccandolo con la mano senza che ce ne fosse alcuna necessità? Così, a venti secondi dal termine, la Juventus ha regalato il pari all’Inter. Questo è il calcio italiano oggi, poi si riflette anche nel gioco della Nazionale: quasi nulla in fase di costruzione, spazi chiusi dietro, rari tiri verso la porta avversaria, che per entrare richiederebbero lo svenimento del portiere, e isteria alle stelle, io altro non ho visto. Ieri si affrontavano la seconda e la quarta in classifica, e lo spettacolo è stato quello che abbiamo visto. Ma nelle ormai rare partite di campionato che ho visto in questa stagione – mai più di una per giornata, talvolta neanche quella – gli ingredienti sono esattamente gli stessi, anche se la seconda e la quarta incontrano la sedicesima o la diciottesima in classifica.

Capitolo ridicola isteria finale. Pessimo il comportamento dei tifosi sugli spalti che, leggo, avrebbero insultato Lukaku dopo il folle e assurdo fallaccio che aveva commesso appena entrato su Gatti. Questo ai miei occhi non giustifica la scenata isterica e animalesca di Lukaku, che dopo aver segnato il gol – su rigore, non è che sia rinato dopo questo gol, perché nei minuti giocati ha fatto sincera pena, come in tutta la stagione, nella quale porta a casa una decina di milioni per aver combinato nulla – ha dato letteralmente in escandescenze senza che i compagni riuscissero a fermarlo. Giusto il secondo giallo, e quindi l’espulsione. Tutta l’istera seguente, lo scontro al calor bianco tra Handanovic e Cuadrado compreso, è roba da dimenticare. Ma, per la miseria, almeno tra noi del blog diciamolo chiaro e tondo: questo calcio italico è noiosissimo. In televisione non possono dirlo perché non venderebbero il loro prodotto, ma noi che guardiamo il calcio pagando dovremmo essere piuttosto incazzati, a mio modo di vedere.

comevolevasidimostrare

👍 🍷 👨‍✈️

pppsss….a Roma voglio bene lo sanno tutti

rd1959

Molto bene, cvd, fai il bravo! Sei sempre maggiore o sei arrivato a Tenente Colonnello, nel frattempo?

Ardingo

Oh un commento che parla di calcio e di noi tifosi. Grazie. Concordo appieno, io onestamente mi sto sempre più allontanando dal pallone, e pensare che ero così tifoso un tempo. Mai stato un Ultras, nè un impallinato che conosceva a memoria la formazione del Burkina Faso ai gironi di qualificazione dei mondiali, ma le partite mi piacevano, mi piacevano eccome. Forse è perchè sto invecchiando io? Non credo. O meglio, purtroppo credo assolutamente di stare invecchiando – eh vabbè – ma il problema è proprio il prodotto. L’ultima stagione di Allegri ho disdetto Dazn – era il primo anno mi pare – perchè mi ero francamente rotto le scatole. Un noia mortale ragazzi miei, e c’era Ronaldo in campo. Mi piazzavo sul divano e al fischio finale mi rendevo conto di non aver quasi mai staccato gli occhi dall’iPad su cui giochicchiavo mentre la TV gracchiava i soliti 4 luoghi comuni. Un giorno questo mondo ridicolo che è diventato il calcio televisivo si renderà conto che non ce lo ordina il dottore di guardare le partite, che il calcio può fare benissimo la fine della boxe per la quale un tempo la gente impazziva ed ora manco si sa chi è il Campione del Mondo. Invece di punire con calci di rigore demenziali – non quello di Bremer che è sacrosanto – chi usa le mani persino per darsi una strizzatina agli zebedei in area, forse il governo del calcio potrebbe far qualcosa di costruttivo ogni tanto?

d9d9

Anche il Milan tenta di giocare, oltre al Napoli.

Mordechai

Il Napoli ci riesce, però.

d9d9

e perde 4-0.

Mordechai

Sul serio…il Napoli è dall’inizio della stagione che gioca alla grandissima, l’unica, in A e in CL…quante volte, onestamente, il Milan ha giocato altrettanto bene? Quasi mai. Una serataccia capita a tutti, voi avete beccato pure 5 pere casalinghe dal Sassuolo, non so se mi spiego.

d9d9

D’accordo, ma io vedo il Milan tentare di giocare. Cerca di esprimere un gioco con gli interpreti che eseguono più o meno bene secondo l’avversario. Non fa un gioco sparagnino come quello della juventus. Non fa cacare come l’Inter con una rosa, sulla carta, di livello trascendentale. All’andata, il Milan, col Napoli, se ricordi, non aveva demeritato. Ha preso sberle qua e là giocando male talvolta, ma è innegabile che la partita cerca di giocarla. Non sarà il Napoli visti i risultati complessivi, ma io voglio vederla la Champions e sono sicuro che non si chiuderà in difesa. Non fará mille passaggetti da una parte all’altra. Non attenderá. Magari perde e Pioli è scarso ma come ha fatto notare Giroud provocando(male) lo scudetto sulla maglia ce l’ha ancora il Milan.

Mordechai

Ahò … siamo riusciti a non sfancularci come al solito … ma allora al mondo c’è speranza!
🙂

cipralex

Un suggerimento: occhio a mettere insieme animalesco e Lukaku……

Grande Romeo

Nonostante la buona volontà, ieri sera mi sono rotto le palle anch’io.
Il bello è che ne ero quasi certo, solo che speravo in un episodio che cambiasse faccia al match. Purtroppo è arrivato dopo 80 minuti.
Fosse entrato il tiro di Di Maria o quello di Brozovic forse avremmo visto qualcosa di diverso, chissà.

A scanso di equivoci: curare la fase difensiva non vuol dire fare la roba vista ieri sera: il Milan di Sacchi finiva i campionati con pochissimi gol subiti, Seb Rossi faceva il record di imbattibilità, ma il Milan dava spettacolo.

Mordechai

Stai mettendo a confronto un foulard di seta con uno strofinaccio da cucina.

TomCAT

Non avete menzionato le 7 gempions, non si fa così.

Mordechai

Un paio almeno risalgono al mesozoico, però. Cazzo c’entra Sacchi?

tamarrogigante

speriamo che le pantomine della inter tutta, aiutata dal circo giornalistico, facciano in modo di non squalificare il boiler per il ritorno, che scoccerebbe dover giocare contro un vero centravanti

Bob Aka Utente11880

Chiedere a Cuadrado

guido

amici interisti, avete tutte le fortune: non basta che vi regaliamo il rigore a 15 secondi dalla fine, ma vi squalificano anche Lukaku per il ritorno

il ghiro

I Casi Nostri – Vaccinare la Curva Nord
Prendendo spunto dai cori razzisti contro Lukaku di ieri sera, voglio lanciare questo mio ultimo accorato appello alla Lazio e a tutti i “veri” tifosi laziali.
Ragazzi, stavolta ci hanno graziato sospendendo il provvedimento di chiusura della Curva Nord, ma, se la Lazio non si espone in modo più deciso e coraggioso, stavolta rischiamo veramente la squalifica del campo per qualche giornata.
Perché bisogna capire che le dichiarazioni ufficiali della Società, più volte rilasciate in tutti questi anni, che prendevano le distanze dai comportamenti osceni degli ultras, ormai lasciano il tempo che trovano.
Vedete bene che quel paravento di Mourinho ha protetto la Roma da una dura penalizzazione per gli insulti “gitani” a Stankovic solo per il gesto di zittire la sua curva.
Occorre quindi un comportamento ben più energico, esplicito e risoluto da parte della nostra dirigenza, io da parte mia suggerisco le seguenti azioni:
Prima della partita Lazio- Juventus venga diffuso più volte dagli altoparlanti e dai maxischermi dell’Olimpico un filmato con l’accorato e determinato appello congiunto del nostro presidente e del nostro allenatore, che invitino tutti i tifosi laziali a fare corpo unico contro i “contro-tifosi” responsabili dei comportamenti antisportivi che ci possono far penalizzare Società e squadra.Se non bastasse, anche i più rappresentativi dei giocatori possono essere coinvolti, un filmato con i messaggi di Immobile, Romagnoli, Milinkovic e Luis Alberto potrebbe essere molto più efficace dei tanti comunicati stampa finora rilasciati.Invitate i tifosi veri a zittire fischiando e manifestando la propria forte disapprovazione, ogni volta che compaiono striscioni inutilmente offensivi o sono intonati cori razzisti, fascisti, anti-ebrei o comunque lesivi del buon nome della nostra Società. Sono sicuro che avrebbero un effetto molto più incisivo e chiarirebbero in modo inequivocabile la posizione della Lazio nei confronti degli Organi della Giustizia Sportiva.

Modifica il 10 mesi fa da il ghiro
Grande Romeo

E’ difficile. Sarebbe più facile che al cominciare di cori razzisti tutti quelli in campo, colpiti dall’offesa, prendono e escono. Per cui ai BUU se ne vanno tutti i colored, indipendentemente dalla maglia indossata, allo “zingaro di…” se ne vanno gli slavi, ecc.

Se poi gli “ariani” se ne andassero anche loro per solidarietà sarebbe bellissimo.

Ed è molto più facile che filmare di nascosto un energumeno che se se ne accorge ti mena… (se ti va bene)

Mordechai

Il buon nome della “vostra” Società, come quello di qualunque altra, credo sia l’ultimo dei problemi.

lo-lo-love me like you do (a.k.a. scusameri)

Fino a quando ho guardato, una partita squallida, un paziente eterizzato steso su una tavola verde. Purtroppo pare mi sia perso il momento migliore con la rissa alla fine, ma dopo un’ora di di passaggi e contropassaggi a susseguirsi come un argomento noioso, con l’insidioso proposito di condurmi a domande opprimenti, mi sono detto che non potevo sprecare altri momenti preziosi di questa breve vita, misurata a cucchiaini da caffè, e me ne sono uscito per certe strade semideserte di Edimburgo, preparando una faccia per incontrare le facce che si incontrano.

Ci sarà tempo, ci sarà tempo per cento analisi e contro-analisi, per cento visioni e revisioni. Questa la mia opinione per ora: prima allenatori come Inzaghi e Allegri si levano dalle palle del calcio italiano, meglio è. Sono una vergogna. Ed è una vergogna il calcio italiano che spinge bravi allenatori della nuova generazione come De Zerbi a raccogliere plausi e ammirazione all’estero, abbarbicandosi invece a questi dinosauri in decomposizione.

Modifica il 10 mesi fa da scusameri
Archivista

Come dice Gianpagliacci: bravo.

Invece, lascerei tranquilli sulle tribune i pipistrelli con le facce da bambini. Non fanno più danni lì che altrove.

Bob Aka Utente11880

Ti capisco. Alla fine del primo tempo, consumati Spritz e toast di rito, ho salutato e lasciato il bar del mio paese al suo destino: un secondo tempo sarebbe stato troppo. Uscendo ho pensato a voce alta “che squadre di pippe”.
La rissa finale, che non ho visto, rende il tutto più penoso, perchè mi ricorda le risse tra ubriachi per l’ultima nocciolina rimasta sul banco.
Forse succede anche nella bella Edinburgo (esiste ancora la McEwan ?)

lo-lo-love me like you do (a.k.a. scusameri)

certo caro Bob anche qui, con tutta quella birra che i celtici si mettono in corpo, le botte da orbi ci scappano spesso…però devo dire che invece il pubblico del rugby che vedo lungamente sfilare al sabato mentre si dirige a piedi in direzione Ovest, verso il mitico Murrayfield, una compatte massa umana con le tifoserie mischiate, è ammirevolmente tranquillo e gioviale.

Bob Aka Utente11880

Ovvio che a quelle latitudini si trinca … 40 anni fa circa con altri due disgraziati amici miei girammo la Scozia in macchina (partendo da Milano su una Ritmo 60 grigio topo): fu un viaggio indimenticabile, sia perchè fu il primo in libertà e on the road, sia per la bellezza della Scozia e l’accoglienza degli scozzesi. Un punto di riferimento giornaliero era la visita al pub di turno, e la quantità di birra che ho visto scorrere lì non l’ho vista altrove. Da qui la domanda sulla McEwan’s, perchè ne bevemmo barili … o quasi..

Mordechai

Non m’aspettavo nulla di diverso. Ho visto una quarantina di minuti in tutto (un record per me), gli ultimi dieci del primo tempo e i primi trenta del secondo, poi non ce l’ho fatta più, mi stavo addormentando e ho cambiato canale.
Che dire? Da quel che ho visto, brutta partita tra due brutte squadre che giocano, da tempo, un brutto calcio. Piuttosto sconfortante il tutto. Sul piano della spettacolarità, più o meno al livello di un’assemblea di condominio. Anche sul piano della litigiosità, peraltro. Meglio poi glissare sul teatrino finale di cui ho letto, fosse per me, manderei tutti a raccogliere pomodori nel foggiano. Che schifo.

ConteOliver

partita davvero brutta che l’Inter sicuramente non meritava di perdere, anzi, probabilmente nei 90 minuti aveva fatto meglio della Juve.

Pareggio che ci sta, quindi, anche se al 93° su rigore fa male (rigore abbastanza casuale, va detto, perché di sicuro Bremer la palla nemmeno la vede, avendola lisciata di testa ed avendo poi provato a tirare via il braccio, non appena accortosi di averla lisciata…ma le regole ormai son queste e non si guarda al “danno” ma solo al fatto che lo sfioramento vi sia stato o meno).

sul finale, sinceramente, mi sento di dissentire dai miei colleghi di tifo che ho letto qui sotto:
va bene che la contestazione a Lukaku inizia dal secondo dopo il fallaccio su Gatti (che poi, visto al rallenty, non era nemmeno troppo fallaccio), ma non è una contestazione di fischi.

Io ho da tempo il vizio di vedere le partite con l’audio dello stadio, senza le inutili lagne dei telecronisti (quasi tutti insopportabili, esaltati, inutilmente verbosi, a prescindere dalla rete televisiva): ebbene, io dal momento del fallo su Gatti ho iniziato a sentire – dalla curva o da altro settore non so dire – quei “tradizionali” UH UH UH che si fanno ai giocatori colored, che fanno il paio con quei soliti “zingaro di melma” che si fanno ai giocatori slavi.
Erano cori rivolti a Lukaku ogni volta che toccava palla.

Assurdo espellere Lukaku per un’esultanza che non insulta nessuno ma si limita a mettere il dito sulla bocca in segno di silenzio.

Quel che è poi avvenuto nel finale non lo ho capito e penso che il salomonico rosso ad entrambi ci stia: un secondo prima i due parlavano tranquillamente e poi è scattato qualcosa, un insulto, un buffetto, uno schiaffo…non so cosa; quel che è certo è che qui il rosso a tutti e due ci sta.

Quello a Lukaku nemmeno per idea.

Peccato, perché fino al 95° l’arbitro era stato il migliore in campo per distacco, ma l’espulsione di Lukaku non esiste.

Spero la cancellino perché profondamente ingiusta, sotto ogni punto di vista.

Modifica il 10 mesi fa da ConteOliver
rd1959

Concordo praticamente su tutto ma non sull’espulsione di Lukaku. Ieri sera in televisione ricordavano l’esultanza di Leao dopo aver segnato al Napoli. Per me era scema e antisportiva pure quella, ma almeno l’ha messa in atto sorridendo, per cui la si può derubricare a scemenza post-gol di un ragazzino. Ieri sera invece Lukaku ha avuto una reazione furiosa, assolutamente isterica ed estrememente aggressiva, tanto che i suoi compagni non sono riusciti a fermarlo. L’aggressività è sempre e comunque da condannare, se sei isterico fai una doccia fredda, qualunque sia stata la provocazione… Dopodiché, stiamo parlando di un professionista che guadagna 10 milioni all’anno, non può e non deve mettersi sullo stesso piano dell’ultimo coatto che si trova sugli spalti, deve ignorare quel che gli urlano, fregarsene, perché anche il comportamento rivela la maturità e la professionalità di un calciatore, secondo me. Se poi eviti, appena entrato in campo, di fare un fallaccio come quello che ha fatto Lukaku su Gatti, che dimostra come fosse già poco lucido, forse dai meno appigli agl’imbecilli della curva per insultarti…

ConteOliver

no so rd…

io quella di Leao non l’ho vista, perché non ho visto nè la partita nè gli HL, quindi mi astengo

ma quanto a Lukaku, dopo quello che ho sentito, con le mie orecchie, esser stato rivolto al giocatore ad ogni tocco di palla, sinceramente…

davvero non riesco a vedere nulla di sopra le righe nella sua esultanza, anche e soprattutto fatta in faccia a quelle merde razziste e ignoranti che mi auguro vengano individuati e dichiarati “sgraditi” dalla società allo Stadium

nella mia curva (o tribuna o quel che è), se possibile, non ce li voglio più vedere

rd1959

Di nuovo, tutto condivisibile, ConteOliver, ma non sta a Lukaku sanzionare, in un modo qualunque, cento idioti inacculturati e dunque razzisti. Io credo che avrebbe fatto meglio a richiamare l’attenzione dell’arbitro su quei cori inaccettabili, e festeggiare il pareggio all’ultimo respiro abbracciando i compagni. Perché quella furia incontrollata manifestata da Lukaku ha acceso ancor di più gli animi degli idioti della curva, e ha acceso gli animi dei calciatori in campo: Cuadrado e Handanovic che sono praticamente venuti alle mani, e in questi casi può davvero succedere di tutto, e non mi sembra il caso.

Oggi qualsiasi calciatore che gioca in modo insoddisfacente per un periodo più o meno lungo, quando segna fa gesti incivili o ringhia nei confronti di chi siede in tribuna, un nemico lo si trova sempre, volendo. Leao non segnava da undici partite, appena ha segnato è andato verso gli spalti facendo la linguaggia, portandosi le mani alle orecchie e, naturalmente, mimando il gesto del “fai silenzio, stai muto”, ai miei occhi il più ridicolo. Lukaku ha la parziale attenuante di quegli “uh uh uh!” e delle frasi razziste che gli sono state indirizzate ma, lo ripeto per maggiore chiarezza, non è lui che deve difendersi da solo, è il mondo del calcio che lo deve difendere, è chi governa il calcio che deve fare in modo che quesi quattro rincoglioniti senza arte né parte che sedevano sugli spalti non possano più comportarsi in quel modo. Non viviamo nel Far West, dove ognuno amministrava la giustizia come preferiva.

Infine, Lukaku è stato espulso per somma di amminizioni. Se fosse entrato in campo con la testa ancora attaccata alle spalle, e avesse evitato di fare un fallaccio inutile ai danni di Gatti, dopo la furia finale sarebbe stato ammonito e non ci sarebbero state altre conseguenze.

Mordechai

Concordo, mica ha fatto il gesto dell’ombrello o s’è tirato fuori il pisello dalle mutande, mi pare.
Ho visto di peggio…Cantona, per esempio, ne avrebbe presi giustamente a calci un culo almeno una decina.

Grande Romeo

Lukaku è stato ammonito (mi pare). Espulso per doppia ammonizione.
Dopo l’esultanza si era formato un capannello e lui e Cuadrado erano i più agitati. Sono stati ammoniti entrambi.
Bisogna aspettare il referto per vedere per che cosa è stata comminata l’ammonizione, perché se Lukaku e Cuadrado sono stati ammoniti per reciproche scorrettezze l’esultanza non c’entra nulla, se invece è per l’esultanza o lo ammonisci sempre (Inzaghi dice che esulta sempre così) o non lo ammonisci mai.

ConteOliver

dai Romeo, ha zittito gli ululati razzisti che gli erano sati rivolti fino a un secondo prima di calciare il rigore

ha fatto bene emalissimo ha fatto l’arbitro a sanzionarlo, giallo o rosso diretto non importa

è un messaggio sbagliato

equivale a dire, ai colored, “prendetevi gli ululati e fate finta di niente, sempre, muti e rassegnati”

io non lo accetto

Lukaku non ha offeso nessuno e ha fatto il “minimo sindacale”, spiegando a quegli animali che le bestie sono loro e solo loro

è ora di piantarla, con gli UH UH UH e con i vari “zingaro di m.”

non è tollerabile

Grande Romeo

se lo ha ammonito per la reazione verso il pubblico concordo, se lo ha ammonito per l’alterco con Cuadrado (ammonito pure lui) è un’altra roba

guido

volendo fare i pignoli, non era un rosso, ma un giallo che danno a tutti per molto meno (tipo togliere la maglia dopo il gol). Invece il fallo su Gatti era proprio un fallaccio, soprattutto nelle intenzioni vendicative, diciamo che gli è andata bene (a Lukaku)

ConteOliver

giallo o rosso non mi importa
Lukaku non ha insultato nessuno, ha zittito delle bestie ululanti

poi sul fallacico possiamo discutere, ma per me è irrilevante, credimi

non accetto queste bestialità, mai, soprattutto e a maggior ragione quando avvengono in casa nostra

sono un “genitore all’antica”, che quando il professore mi diceva che il figliolo s’era comportato male, arrivati a casa, gli mettevo il carico ulteriore, altro che giustificare

se vuoi rispetto devi imparare innanzitutto a darlo, sempre e a prescindere

non accetto certe bestialità, non ce la faccio

guido

io sono d’accordo con te, tranne sullo stupore per l’ammonizione: se è considerato provocatorio togliersi la maglia (oltre che stupido una volta che sai che ti ammoniscono), figuriamoci zittire i tifosi avversari urlandogli contro a pochi metri. Sono tutti atteggiamenti che non aiutano a rasserenare la tensione e, come dicevo, la partita di ieri e il clima tra i giocatori erano ottimi, fino a quando Lukaku, frustrato per essere finito per terra coi suoi centocinquanta chili contro Bremer, non ha voluto vendicarsi su Gatti.
Questo non giustifica niente, sul resto hai ragione. Lo ripeto per essere chiaro.
“Se vuoi rispetto devi impare innanzitutto a darlo” è una bella frase che sottoscrivo.
Tra l’altro a noi avrebbe fatto comodo avere Lukaku come centravanti avversario al ritorno.

ConteOliver

io non sono stupito dell’ammonizione, sono proprio incazzato

facciamo passare il messaggio sbagliato

gli arbitri devono capire il momento ed evitare di mandare messaggi sbagliati

uno che si ribella, anche se sbagliato nei modi, va tollerato sempre e comunque e l’arbitro non deve mai sanzionare la vittima di razzismo

mai

io sono estremista in questo, me ne rendo conto

magari sbaglio eh…

ConteOliver

guarda, per il razzismo, sinceramente, io sono per mettere il salvacondotto a beneficio di tutte le vittime

sempre e comunque, slavi o neri o altro che siano

ai tifosi ignoranti gli deve andare nel culo che la vittima di turno gli ride in faccia e se la devono tenere… e quello non deve essere neppure ammonito

Ianmisugi

La penso come te Conte. Personalmente – da Gobbo, figlio di Gobbi e padre di Gobbi – devo dire che in condizioni normali poche cose mi farebbero rodere più che prendere gol dall’Inter al 93′. Però l’idea che Lukaku abbia potuto zittire quelle merde razziste mi ha non poco consolato.

Mordechai

“probabilmente nei 90 minuti aveva fatto meglio della Juve”.
Come il 99% degli avversari incontrati finora; al netto della puttanata arbitrale finale, pure la Salernitana aveva fatto meglio, molto meglio, di questi morti di sonno.

2010 nessuno

Vabbè Mordechai tu hai le tue personali ragioni per essere così critico con la squadra per cui tifi ma io la mia non l’ho vista meglio della tua ieri sera, no, purtroppo no.

Mordechai

Compagni di sventura …
🙂

2010 nessuno

Ehh…capita 😎

guido

ma non è vero, se l’Inter e la Juve giocano così in Portogallo, passano tutte e due (magari sperando che Di Maria sia un po’ più determinato e Lukaku stia in panca a fare il tifo)

Mordechai

Se giocano così, in Portogallo passano a miglior vita.

ConteOliver

vero…purtroppo 🙁

Waters

Quello di ieri sera è stato un mero e semplice atto di razzismo, come capita in tutte le curve d’Italia, é patetico chi cerca di sminuirne l’accaduto, massima solidarietà a Lukaku ovviamente, il resto è fuffa trita e ritrita.

Salud.

ConteOliver

spero annullino la squalifica, ingiusta e che fa passare un messaggio profondamente ingiusto e sbagliato

Lukaku non ha fatto nulla di offensivo, si è limitato a zittire delle bestie ululanti

Er Mobilia

non e’ razzismo e’ supporto alla propria squadra, lo dicono i tuoi stessi co-tifosi:

https://www.fcinter1908.it/ultimora/lettera-della-curva-nord-a-lukaku-ci-dispiace-che-tu-abbia-pensato-che-a-cagliari/

PS: dov’era la tua solidarieta’ con Koulibaly beccato a S. Siro? non la ricordo ma magari e’ perché non ti leggo…

Mordechai

E’ becero razzismo. Punto. A quel coglione (non certo solitario) farei passare un paio di settimane a pulire i cessi all’hotspot di Lampedusa.
A mani nude.

Waters

Mobì, è dura sognare una curva progressista ed edulcorata, e trovarsela al risveglio maleducata e razzista come le altre.
Al tempo diedi massima solidarietà al giocatore del Napoli, ci mancherebbe, non mi leggi? Non me ne frega una mazza.

Salud.

Mordechai

Concordo.

mario rossi

Bocca so solo che l ultimo gol su azione l Inter lo ha fatto 33 (trentatre) giorni fa, di tutto il resto me ne frego ampiamente anche perché la rissa è sempre divertente e al ritorno ne vedremo un’altra di sicuro.
Bellissima partita, maschia, rovente e scorretta come è Juventus Inter (ma anche inter Juventus, il fattore campo non conta) da tradizione. Gli aspetti arbitrali, regolamentari disciplinari etc non mi interessano li lascio volentieri alle portinaie che qui abbondano.
L Inter ha buttato nel cesso 32 milioni per correa ma anche i 50 della juve per bremer sono una bella inchiappettata

Modifica il 10 mesi fa da mario rossi
Mordechai

Bellissima partita?
Dici davvero?

guido

Anche a me è piaciuta.
E’ stata pure corretta, fino a quando cicciobomba non è entrato sulle caviglie di Gatti: in un’occasione l’arbitro aveva dato la rimessa dal fondo all’Inter e un difensore, invitato da Danilo, ha ammesso di averla toccata lui.
E comunque meglio il pari per noi, se no venivamo a San Siro in cerca del pareggio

Mordechai

Guido, ti è davvero piaciuta quello strazio di partita? Ma io, allora, che cazzo ho visto ieri sera?

2010 nessuno

Esistono i mondi paralleli Mordechai 😄, non lo sapevi?

guido

non c’è bisogno di mondi paralleli, è che io capisco poco di calcio, non sono uno scienziato come te. Devi avere pazienza (pensavo che 2010 fosse per il triplete, non avevo capito che fosse invece il tuo anno di nascita, la prossima volta metto anch’io le faccine così capisci anche tu)

2010 nessuno

Da come fai l’offeso per una battuta innocente forse, seguendo il tuo commento, siamo coetanei. Neanche io , com’è evidente sono uno scienziato, invece i commenti convinti e ripetuti di Conte Oliver e Mordechai che se non sono scienziati però ne capiscono più di me e di te , ti dovrebbero dire di più.
A proposito, le faccine qualche volta le mettono pure loro, così come anche Cipralex o Come volevasi dimostrare, che facciamo? Bambini insieme?

guido

non lo so, ci lamentiamo del gioco noioso, ieri abbiamo avuto parecchie occasioni, da entrambe le parti (tanti errori è vero), ci lamentiamo che non pressiamo alti, ieri abbiamo assalito più volte il portiere. Pure i giocatori mi sembravano più corretti del solito, per esempio c’è stato un intervento su Barella in area, pulitissimo, ma un po’ rude e Barella non ha tentato nemmeno di cadere. Poi è precipitato tutto, non so nemmeno perchè. Ma a me Inter-Juve piace sempre

Tiziano

Fino a stasera ignoravo che la Lega Calcio disponesse anche dei diritti televisivi della MMA.

Modifica il 10 mesi fa da Tiziano
vista allo stadio

È il calcio italiano, bellezza.

vista allo stadio

Ero allo stadio. Il razzismo non c’entrava una cippa, Lukaku faceva cacare e non se lo era filato nessuno (come fosse invisibile) fino al momento del fallaccio gratuito su Gatti. Gli spettatori della curva e della porzione di campo vicini a Perin hanno cominciato a fischiarlo ed a insultarlo esclusivamente da quel momento e per quel solo motivo. Non ci si può inventare cose che non esistono. Anche perché quando sono esistite davvero (a suo tempo Matuidi a Bergamo e Kean a Bologna, bersagliati dagli “uh-uh” razzisti), non ne è stato nemmeno fatto cenno.
 
Partita brutta come poche, ritmo da ospizio. Ottimo tabellino comunque: tra campionati e coppette varie, decimo rigore per l’Inter negli ultimi nove derby d’Italia. Degno modo di ravvivare la morente pantomima del calcio italiano.

2010 nessuno

Ma noo Glentoran, anche in questo video siamo noi che non capiamo e vogliamo fare del vittimismo….

mozilla

infatti.tra “cori razzisti della curva” e uno stronzo, che tra l’altro grida le sue stronzate rivolto verso i suoi vicini come a chiedere approvazione, ilmio senso comune mi fa pensare che si tratti solo di uno stronzo. ora pensare invece che tra tutte quelle persone presenti allo stadio non sia possibile la presenza di uno ,due, tre stronzi non mi sembra una buona pensata.

2010 nessuno

Anche per te vedi i commenti degli addetti ai lavori sull’episodio, riportati oggi sugli organi di informazione, ma soprattutto vedi i molteplici post di un tifoso juventino serio come Conte Oliver.

Mordechai

Che poi vorrei vedere quel coglione mononeuronico, dire certe cose in faccia a Lukaku … che schifo di gente.

2010 nessuno

Ah quindi “scimmia del cazzo” non c’entra niente con il razzismo….

vista allo stadio

Ovviamente c’entra e fa schifo. Ovviamente è stata urlata da un singolo tifoso idiota e inqualificabile (che al contrario di quel che succede per i tifosi mafiosi di altre squadre, verrà con ogni probabilità individuato e punito severamente). Ovviamente è accaduto alla fine della partita. Ovviamente rispondevo al blog master che faceva pensare che l’episodio in questione risalisse a prima del fallaccio commesso su Gatti. Capisco che sia difficile leggere. In ogni caso, aspettiamo che arrivino i tuoi compagni della Curva Nord a dire che quelle schifezze di quegli idioti non sono razziste. Da parte mia e nostra solidarietà a Lukaku, in attesa della punizione dei responsabili.

2010 nessuno

Ovviamente ti devi essere perso anche i buuu e i versi della scimmia rivolti a Lukaku ben prima della fine della partita e non certo da uno solo.
Già parti male così poi scadi proprio del tutto con quel “tuoi compagni della curva Nord” , dovuto , ovviamente, al fatto che non mi hai mai letto, e , ovviamente non mi conosci, per cui parli, anzi scrivi, senza aver connesso mente a mano. Tanto per darti un’idea lo considero una ingiuria vera e propria accumunarmi a quella feccia, dato che nella mia vita sono sempre stato all’opposto di questi comportamenti e modi di vivere.

Bob Aka Utente11880

Una posizione ecomiabile espressa in un modo leggermente contorto

vista allo stadio

Mi stai dando ragione. Se hai problemi con la cronologia, consultati col blog master.

Come mostrato dal video, non c’è alcun coro – che in uno stadio significa ben altro -, ma quattro idioti che, a fine partita, urlano schifezze inqualificabili. Se qualcuno in qualsiasi momento, a fine partita (ma anche durante) si è reso responsabile di gesta e urla razziste, verrà severamente punito, come è sempre successo allo Stadium, dotatosi da tempo di una tecnologia all’avanguardia. Questo allo Stadium lo sanno tutti. Al contrario di tutti gli altri stadi italiani, dove perfino gli iniziatori di riti mafiosi vengono protetti e coccolati.

Io, ovviamente, mi riferivo al fatto che durante la partita ci fossero stati episodi organizzati contro Lukaku in quanto uomo di colore: assolutamente falso. Ripeto: è stato fischiato solamente dal momento in cui ha commesso quel brutto fallo su Gatti, prima era come trasparente (oltre che inutile). La sua esultanza non era polemica contro nessuno, ma provocatoria. Ciò, ovviamente, non giustifica quei quattro idioti. Come non giustifica chi, tendenziosamente, cerca di ribaltare la cronologia dei fatti.

Modifica il 10 mesi fa da vista allo stadio
vista allo stadio

Esattamente. Come dicevo, dopo il fallo su Gatti. Da là è iniziato tutto.
Non dovrebbe essere difficile capire quello che si legge.

Un fiorino

Puoi anche concludere il tuo ragionamento e attribuire le colpe maggiori a Lukaku. E’ chiaro che per te se non avesse la pelle nera non avrebbe provocato il pubblico che ha solo reagito a questo suo fastidioso limite. Non nasconderti non trattenerti, la società contemporanea è dalla tua parte

Modifica il 10 mesi fa da Un fiorino
vista allo stadio

Io ho solamente ricostruito la cronologia dei fatti. La mia condanna per quegli idioti è totale e credo che verranno presi e puniti. Allo stadio dove ero io non si è percepito nulla. Se provi a darmi del razzista, significa che sei un idiota e non è colpa mia se vieni pubblicato come tale. Io i razzisti li detesto e li denuncio sempre, li affronto anche per strada se è il caso, al contrario di quelli come te che li proteggono quando sono della tua curva. Anzi, come accadde contro Koulibaly in Inter-Napoli, come quando tutto lo stadio, in tutti i settori, al massimo volume vi partecipa.

Per altri in malafede che vorrebbero accodarsi, eccola risposta che ho dato sopra.

“Ovviamente c’entra Il razzismo e fa schifo. Ovviamente è stata urlata da un singolo tifoso idiota e inqualificabile (che al contrario di quel che succede per i tifosi mafiosi di altre squadre, verrà con ogni probabilità individuato e punito severamente). Ovviamente è accaduto alla fine della partita. Ovviamente rispondevo al blog master che faceva pensare che l’episodio in questione risalisse a prima del fallaccio commesso su Gatti. Capisco che sia difficile leggere. In ogni caso, aspettiamo che arrivino i tuoi compagni della Curva Nord a dire che quelle schifezze di quegli idioti non sono razziste. Da parte mia e nostra solidarietà a Lukaku, in attesa della punizione dei responsabili.”

Modifica il 10 mesi fa da vista allo stadio
tom

Bell’esempio di ipocrisia pelosa.

2010 nessuno

Se lui è un ipocrita, allora leggi quello che ha scritto e riscritto nei suoi commenti @Conte Oliver, o è fuori strada anche lui?

Mordechai

No, ha ragione.

Un fiorino

Io ero dalla parte di Zoro, dalla parte di Koulibaly, dalla parte di Kean. Tu evidentemente lo sei solo a targhe alterne

Grass

Grazie per aver chiarito

Naturalmente gran parte dei tifosi interisti non vorranno sentire queste motivazioni e giocheranno la solita parte delle vittime…solito isterismo schizzoide che parte dalla societa’ e arriva ai giocatori ( Barella ormai non e’ piu’ una persona credibile ) passando per l’allenatore ( no comment ).

Brutta partita, giocare per difendere un golletto e’ penoso…Allegri non puo’ sempre sperare di farla franca.

2010 nessuno

No guarda,siete bella nebbia più fitta, altro che chiarire.

Bob Aka Utente11880

Signor Grass, Barella è sicuramente caricato a molla ma ieri non si è arrivati all’isterismo, almeno nel primo tempo, poi ho cambiato programma.

La lista del penalizzatore

La solita partita ripugnante senza una minima idea di gioco, in attesa che una mezza palla miracolosamente schizzata in avanti accenda l’estro (?!) dell’ex-calciatore serbo (ridotto ad un relitto tecnico a soli 23 anni) o dell’anziana foca argentina (questo crede veramente alle minchiate del Penalizzatore sulle ”gio’ate decisive del ’ampione” e prova i tunnel anche al cesso): speranza vana, ovviamente. Quando non sai fare due passaggi di fila, se non casualmente o nel giro palla difensivo, ti può capitare di trasformare in gol l’unica occasione della partita su un cross sbagliato, ma ti capita anche di rimettere in vita i morti. È la legge del contrappasso dell’anticalcio. Sappiamo già cosa dirà il Penalizzatore di Livorno: ”nel finale dovevamo gestirla meglio” con il coro dei PiccoliFans a fargli da paravento. Ma se la tua squadra non è in grado di fare due passaggi di fila in 90’, perché dovrebbe riuscire a farlo nei minuti finali, seppur contro avversari sfiniti e sfiduciati? A maggior ragione la spazza a cazzo, tutto quello che ha imparato a fare con concentrazione, forza mentale ed applicazione in 22 mesi della tua gestione di uomo mediocre e propugnatore di un calcio osceno. In quel calcione a liberarsi della palla al 92’:15’’, quando erano aperte tutte le possibilità di tenerla per una volta tra i piedi, perfino quelle collaudate del famigerato retropassaggio e giropalla difensivo, c’è tutto il piccolo mondo del Penalizzatore, quello di un paese di vecchi senza speranza, fondato su frasi fatte e pagliacciate scaramantico-pedagociche da horto muso. Il dramma vero, la peggiore delle penalità, è che questa dirigenza parrebbe voler perpetuare l’errore capitale della sconclusionata gestione sportiva degli ultimi anni. Affidarsi a questa sciagura di tecnico. 

tom

Pareggio tutto sommato giusto, anche se ai punti qualcosa in più l’avrebbe meritato la Juve. Che però giocava in casa.
Lukaku si inventa o si sogna provocazioni che non ci sono, come le sogna anche il blog master (Inzaghi stesso spiega in TV che quello è il modo di esultare di Lukaku, ed è vero: lo fa sempre, e sarebbe ora che qualcuno gli dica chiaramente di finirla), e zittisce una curva che non lo ha cercato nonostante il suo fallaccio gratuito su Gatti di dieci minuti prima, fallo per il quale un Inzaghi qualsiasi sarebbero entrato in campo con le mani al cielo, fatto facce buffe, chiesto espulsione e scomunica e gridato poi al sacrilegio arbitrale. Lukaku è stato fischiato, meritatamente, e fischiare non è razzismo.
La questione razzismo è una cosa seria, giustamente da reprimere (e a Torino, grazie alla tecnologia, lo fanno meglio: vedasi caso Maignan), non rendiamola ridicola usandola come pretesto per giustificare comportamenti sbagliati e, a loro modo, irresponsabili e violenti.
Il rigore è caricaturale, e macchia la prova di Bremer fino a quel momento ottima. Forse c’era una spintina su Kostic prima, di quelle che se fosse capitata nell’altra area avrebbe scatenato ironie e recriminazioni e il bis di facce buffe e voce incongrua, ma che tutto sommato non è stato uno scandalo non punire.
Sui singoli: Fagioli per me doveva rimanere fino alla fine, e Milik provato per qualche minuto affianco a Vlahovic.
Peccato aver perso Cuadrado, mentre l’espulsione di Handanovic rafforza l’Inter.

Modifica il 10 mesi fa da tom
2010 nessuno

Hai ragione pure tu Tom, quello che si vede e sente nel video postato da Glentoran, per esempio, è frutto dell’immaginazione

tom

Le parole sono importanti. Questi non sono CORI della CURVA. Questo è un imbecille, punto. CORI RAZZISTI della curva non ce ne sono stati, ed è scorretto e pericoloso tirarli in ballo per giustificare un comportamento sbagliato.

monica

…ammazza, però,che udito sopraffino deve avere Lukaku, a sentire un singolo ululato in mezzo alla bolgia di uno stadio!!

2010 nessuno

Eppure in tanti hanno sentito e stigmatizzato questi cori, parlo prima di tutto degli addetti al mestiere presenti alla partita che poi ne hanno scritto, un paio sono nella cronaca sportiva di Repubblica, per esempio ma posso ripetermi citandoti, anche senza maiuscole, ancora i commenti di Conte Oliver che non ha dubbi a riguardo .

tom

Piano piano stanno venendo fuori maggiori dettagli. Ieri tante testimonianze, che a me sono parse sincere, negavano i cori. Tuttavia viene fuori che diversi singoli individui si sono lasciati andare con insulti razzisti e incivili, anche prima dell’espulsione. La Juve sta già collaborando, e il coro di condanna mi pare unanime.
Continuo a pensare tuttavia che Lukaku avrebbe fatto lo stesso gesto con o senza insulti (che fosse nervoso l’avevamo già capito dopo il fallaccio a Gatti), ma a questo punto la cosa perde importanza di fronte a tutto il resto. Mi sembra curioso che Cuadrado, anche lui di colore come Lukaku e talvolta bersaglio lui stesso di insulti razzisti, abbia insistito tanto nell’invitarlo a chiedere scusa: me lo spiego col fatto che lui quegli insulti non li abbia sentiti.
Di una cosa sono certo: in TV non si sono sentiti cori, i commentatori non ne hanno fatto cenno, e neanche nell’immediato post partita la cosa non è venuta fuori.

2010 nessuno

La società sportiva della Juventus per come si sta attivando di seguito a quegli episodi si dimostra sempre una Signora. I cori li ha sentiti e condannati pure il Conte Oliver, com’è? E poi se vai sulla pagina sportiva di Repubblica commenti sugli stessi vengono fatti, non ho letto tutti gli altri organi di stampa, sportivi e non , ma sono sicuro a sto punto che ne abbiamo trattato,per cui?

tom

Premesso che su 39000 persone non solo trovi un razzista, ma se cerchi bene probabilmente anche un assassino, un aguzzino, diversi simpatizzanti di Putin, qualche pedofilo, esponenti assortiti di mafie e associazioni segrete più o meno lecite, vorrei capire se il tizio dia il peggio di se (e dell’umanità) prima o dopo il gesto di Lukaku. Non perché questo lo giustifichi (non esiste giustificazione alcuna), ma soltanto per mettere in ordine le cose: Lukaku fa quel gesto perché sente una curva che lo insulta per il suo colore della pelle? No, lo fa perché è il suo modo (provocatorio) di esultare. Non lo dico io, lo dice il suo allenatore. Quando questo imbecille (che mi auguro venga identificato e daspato, cosa alquanto probabile) si esibisce in questo spettacolo iqualificabile, Lukaku era già stato espulso. Non era la curva, che Lukaku zittisce nella sua interezza, a intonare cori (CORI! davvero volete portare avanti la tesi dei CORI?) razzisti.

Modifica il 10 mesi fa da tom
Mordechai

Nel gesto di Lukaku non vedo nulla di così provocatorio, un po’ come quando qualche suo collega si mette la mano dietro l’orecchio e invita la canea urlante ad urlare ancora di più … ho visto decisamente di peggio, dico la verità.
A cosa serva, comunque, star qui a fare le pulci se l’abbia fatto prima o dopo gli insulti della curva a cosa serve?
Presumibilmente, assai presumibilmente, quello “scimmia di merda” non è stato … episodio isolato, non credo proprio.
Comunque, che pena e che squallore il tutto, se i 39.000 sugli spalti, gli 11 più le riserve in campo e pure i 2 mister (entrambi d’una tristezza infinita), se ne fossero rimasti tutti a casa a fare altro, tipo mettere a posto la cantina, fare il cambio di stagione oppure “scendere” il cane a cacare, avrebbero fatto opera meritoria, evitando di mettere in scena uno spettacolo che m’auguro venga dimenticato presto.

tom

No, scusami, non sono d’accordo. Fare le pulci serve a evitare strumentalizzazioni: se Lukaku esulta così sempre, sfidando la curva (tra l’altro dopo aver fatto un fallaccio vendicativo, in questo caso), a volte gli può andare bene, altre gli andrà male, come a tutti quelli che fanno gesti analoghi di sfida verso il pubblico.
I razzisti invece devono essere sempre condannati, ma un conto è scrivere “Lukaku che esulta in maniera polemica contro la curva juventina che lo aveva bersagliato con cori razzisti”, un altro riportare più correttamente “Lukaku che esulta in maniera polemica contro qualche idiota che lo aveva bersagliato con offese razziste”. La prima è una fake news, che condanna un’intera curva, la seconda una notizia corretta, eventualmente da verificare (vista la premessa sulla consuetudine all’esultanza provocatoria del nostro), che stigmatizza giustamente il comportamento di alcuni.

2010 nessuno

Mi dispiace Tom ma quello che emerge è proprio la prima ipotesi.

tom

Ne prendo atto e sospendo la querelle. Continuo a sentire versioni contrastanti, ma poco importa. Se “cori” ci sono stati, giusto condannarli: odio la retorica ultras, e non amo il tifo organizzato. L’ho scritto, a scanso di equivoci, nel post precedente. Prima che tutto ciò accadesse (a testimonianza della mia buona fede).

Ho le mie riserve su certi atteggiamenti, di Lukaku ma non solo (Cuadrado compreso), ma tutto ciò poco importa rispetto al resto.

Mordechai

Tom, no, la reazione di Lukaku è stata fin troppo…signorile. Punto.

tom

Compreso il fallaccio su Gatti. Dai, non esageriamo.

Mordechai

Non far finta di non capire

tom

No, guarda, ho capito benissimo. Accetto che si debba condannare senza se e senza ma, ma io la sproporzione tra questa situazione e altre analoghe non posso fare a meno di non vederla. Non ce la faccio, punto. E, bada bene, è esattamente quanto accade ogni volta che c’è di mezzo la Juve. Episodi arbitrali, plusvalenze, comportamenti scorretti e quant’altro. Devo chinare il capo e chiedere scusa e basta? Ok, va bene, faccio un passo in dietro. Ma non venitemi a dire che non capisco.

Mordechai

Mi spiego meglio : se l’arbitro avesse espulso Lukaku a causa del fallo su Gatti, nulla quaestio, la decisione sarebbe stata (presumo) accettata o meno in base al … tifo, ma non sarebbe stata scandalosa in assoluto; assolutamente errato, invece, è stato estrarre il cartellino rosso a causa di una (presunta) provocazione che io, ad esempio, proprio non ho visto. A maggior ragione se poi, come qualcuno ha scritto, quello è il modo abituale di festeggiare il gol da parte del belga. Difficicle credere che Lukaku, ogni volta che lo fa, voglia … provocare i tifosi avversari. Non mi pare sinceramente il tipo.

Chakkko

Mi devo rassegnare, evidentemente: non riuscirò mai a vedere una partita tra Juventus ed Inter che non si trasformi, per un motivo o per un altro, in una rissa. Brutte scene si sono viste anche questa sera, sul finire di una partita che stava scivolando liscia (quasi) senza polemiche ed isterismi. Ed invece anche oggi si contano espulsioni e mischie rugbistiche in cui i componenti delle rispettive panchine paiono quasi più surriscaldati di quelli che hanno giocato. 
La partita giocata non è stata granché: ad un’Inter manovriera ed ordinata più del solito, ma caratterizzata dalla consueta lentezza di testa e (a volte) anche di gambe, si è contrapposta una Juve troppo attendista ma più elettrica nelle giocate di ripartenza. Quest’atteggiamento ha prodotto poche azioni degne di nota, con i portieri inoperosi per larghi tratti della gara, e gli allenatori che, nel secondo tempo, provavano a rimescolare le carte con inserimenti vari sperando che uscisse quella giusta dal mazzo. C’è riuscito sul finire Cuadrado che, smarcato in solitaria da un pallone spizzato male da Bastoni e da un errato movimento di Gosens, trafiggeva Handanovic in uscita per il vantaggio juventino. 
Per nostra fortuna Bremer ha, bontà sua, ripagato il nostro estivo interessamento regalando ad un Lukaku troppo nervoso (come molti nerazzurri, purtroppo, e questo è forse l’appunto più grande che muovo ad Inzaghi) la palla del pareggio su rigore. Il proseguo non lo commento perché non ho ancora capito bene cosa è avvenuto.

Saluti 

P.S. Per il ritorno chiamiamo i caschi blu, che dite?

2010 nessuno

Va bene Chakkko, posta la scarsità di idee del tecnico, incapace anche di usare di più e meglio buoni giocatori di riserva quali Asllani e Bellanova quest’ultimo sembrerebbe proprio più fresco e reattivo del disastroso Dumfries, e giocatori scarsi di idee e di grinta, qualche domanda anche alla società bisognerebbe farla; per esempio Correa, ci viene a costare 32 milioni!?? E per questo niente, si va a cedere Sanchez perché ha l’ingaggio troppo oneroso!? E poi per avere questi soldi (da buttare) cediamo Pinamonti e il talentino Casadei? Ma allora non era meglio prendere Simeone prima che ci mettesse le mani sopra il Napoli? Con i soldi per Correa non lo si prendeva, o dobbiamo essere gli ennesimi coglioni che arricchiscono Lotito in cambio di niente ?

Chakkko

Secondo me, la colpa principale della società (o meglio di chi la dirige in questo momento) è stata quella di non risolvere per tempo tutte le questioni aperte tra giocatori scontenti, insoddisfatti, in scadenza e/o in attesa di rinnovo. Troppe grane da gestire per uno spogliatoio già instabile di suo come quello interista. Se poi a questo si aggiungono i veri e propri errori di mercato (l’acquisto di Correa ed il mancato arrivo di Dybala restano inspiegabili) ecco che si capiscono meglio le difficoltà di un allenatore come Inzaghi, che già non è una cima di suo.

Saluti

il ghiro

Juventus – Inter 1 – 1
Per il Derby d’Italia in coppa Allegri alterna oculatamente i petali della sua rosa, giocano Perin, Gatti e Fagioli, Inzaghi deve uscire dal gorgo in cui la sconfitta con i Viola l’ha cacciato, fuori Dumfries, de Vrij, Calha, Gosens e Lukaku, giocano D’Ambrosio, Acerbi, Miki, Dimarco e Dzeko. Arbitro il ligure Massa, al VAR l’abruzzese Di Paolo.
Nel primo tempo solo due tiri in porta, il primo di Di Maria, Handa risponde presente, poi tocca a Perin respingere un bel tiro dal limite di Brozo, che becca anche un giallo, a fine tempo D’Ambrosio tira appena alto di testa. Nella ripresa fasi di studio iniziali, tiro fuori di Miki, entrano Miretti e Chiesa per Fagioli e Di Maria, tiraccio di Brozo, entrano Gosens e Lukaku per Dimarco e Dzeko, poi esce Vlahovic per Milik, che pensa bene di papparsi un gol già fatto, giallo a Lukaku, entrano Asllani e Dumfries per Brozo e D’Ambrosio, al 83’ crossa da sx Rabiot, devia Bastoni e Cuadrado batte a rete facile (Gosens? Assente!), 1-0. Errore di Asllani, entra Correa per un Lautaro evanescente, giallo a Miretti, e al 93’ Massa fischia il rigore per fallo di mano di Bremer su cross da dx di Dumfries, batte Lukaku spiazzando Perin per un fortunoso ma meritato 1-1. Secondo giallo e rosso a Lukaku, poi rosso a Cuadrado e Handa per la zuffa finale, tutti e tre salteranno il ritorno, e per il momento si chiude qui, tutti a San Siro tra 3 settimane.