Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Stai bloccando le Ads!!!

Ciao, un po’ di pubblicità a te non costa nulla, a noi consente di ammortizzare almeno in parte i costi di Bloooog! e mantenerlo attivo. Per favore disattiva l’estensione che blocca gli annunci e poi ricarica la pagina.
Grazie da Bloooog!, il tuo Bar Sport.

Berlusconi, il calcio e l’origine della grande illusione

Per uno che vince la Coppa Campioni, anzi ne vince addirittura cinque, tanto da autocelebrarsi a lungo come presidente più vincente della storia del calcio, sarà uno scherzo non solo guidare l’Italia, ma addirittura trasformarla, farla progredire in un paese nuovo, prosperoso, giusto, lanciato verso il futuro. Questo è il punto, il nocciolo del grande black hole berlusconiano, l’hard disk del più facile e illusorio dei populismi.

  Parlo di quel momento in cui dal calcio si passa alla politica. Non a caso da tutti definito: la discesa in campo. Con evidente riferimento all’attività più popolare e più in vetrina di Silvio Berlusconi. Anche più della Tv perché nel calcio le vittorie danno una precisa quantificazione della tua forza e del tuo valore. Mentre intanto pure Forza Italia e l’azzurro sono praticamente uno scippo dei simboli della Nazionale.

  Tutto il resto in fin dei conti è contorno: il calcio è il genitore di tutto quanto, precede Mani Pulite, il bunga bunga e l’infinita sociologia de fenomeno, la sconvolgente e a volte pure comica cronaca dell’epopea berlusconiana.

   Prendo solo questo micro dettaglio nell’oceano di immagini e parole per dire che lo sport e il calcio sono stati, il veicolo della più grande suggestione collettiva del dopoguerra. Pensare che il calcio potesse essere la cartina al tornasole, la vetrina del buon governo e della buona politica. Che fosse il calcio dunque a scegliere, tutto sommato, un partito e un uomo di governo. Pensare che tutto si potesse ricondurre allo stesso colpo di genio di prendere Sacchi o Van Basten e automaticamente vincere la partita. Al di là del giudizio politico si è capito fin da subito che l’equazione far gol = governare bene è stata una sciagurata suggestione, l’arma nucleare della propaganda.

Sembra assurdo, eppure è andata così. 

***

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canai social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

SOCIAL BLOOOOG!

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTRAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTRAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

Twitter per Bloooog!

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
162 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

Waters

Sono venuto a seppellire Cesare, non ad elogiarlo.
Il male che gli uomini compiono si prolunga oltre la loro vita, mentre il bene sovente viene sepolto assieme alle ossa.

Il monologo di Marco Antonio dal Giulio Cesare di W. Shakespeare..

Salud.

Esterofilo and proud

Ciao vecchio catorcio romano di merda. Tranquillo, quando tocca a te terremo tutti la bandiera a mezz’asta per una settimana

Modifica il 9 mesi fa da Esterofilo and proud
mario rossi

Stai a buckingham palace?

TurinTurambar76

Questo e’ lo spirito giusto

inox

Buongiorno Fabrizio

Meglio sarebbe buonanotte e buona fortuna. Sta scivolando via questa giornata di lutto nazionale. La bandiera a mezza asta sotto la quale ci ritroviamo a breve, viene  avvolta sull’asta e riposta dove normalmente sta: nella parte inferiore del tronco detta inelegantemente dell’ano. Si Fabrizio, perché di questo si tratta. *Siamo un popolo di astuzia fine, molto abile nel fare i proprî interessi e nel nascondere le proprie intenzioni.  Puoi essere di qualsiasi colore, fattezze, latitudine ma si rimane da sempre e per sempre un popolo di astuzia fine, molto abile nel fare i proprî interessi e nel nascondere le proprie intenzioni. Istituiscono una giornata così importante e significativa per Silvio Berlusconi e al contempo forniscono armi a coloro che lo volevano morto e sicuramente, in questi momenti, brindano. Lascia perdere la questione centrale e qualche dettaglio: non abbiamo ruspe per gli alluvionati e terremotati ne esercito in grado di intervenire loro in aiuto per di più in un Paese che scivola via come su una buccia di banana. Il punto, oggi, è un altro. Siamo e saremo per sempre persone di astuzia fine, molto abile nel fare i proprî interessi e nel nascondere le proprie intenzioni.

*paraculi

Leo 62

Talmente astuti che gli forniamo armi che in gran parte sono fasulle e gli fanno solo danno.

Laura

Personalmente ho 368 milioni di motivi per non sentirmi in “lutto nazionale” oggi. La pietas che si deve ad un morto è un conto, la rimozione e stravolgimento della realtà è un altro.

2010 nessuno

Non potrei essere più d’accordo, a parte il senso di nausea che mi dà vedere buona parte del paese, a cominciare dalla Rai, così prona al personaggio,neanche a Canale 5 avevo mai sentito tanto leccaggio.

Leo 62

A me ha fatto impressione Mattarella presente ai Funerali, lui che ha avuto un fratello vittima di Mafia… è proprio vero che quando sei nel potere sei in una gabbia e tutti fanno parte dello stesso giro… ma proprio tutti…

Bob Aka Utente11880

Si chiamano compiti o doveri istituzionali

Nicola Romano

Vi aspettavate qualcosa di diverso ? .

Claudio Mastino 62

È morto All’età di 68 anni l’attore pratese Francesco Nuti , uno dei migliori attori italiani degli anni ottanta. Iniziò da giovanissimo a scrivere monologhi , poi verso la fine degli anni settanta entrò a far parte dei Giancattivi, gruppo creato da un altro grande attore toscano, Alessandro Benvenuti.
Raggiunse la notorietà e l’apice del successo negli anni ottanta,
tra i suoi maggiori successi possiamo elencare ” Tutta colpa del Paradiso”, “Caruso Pascoski “, “Madonna che silenzio c’è stasera”.
Altri due film di buon successo in quegli anni sono ” Io Chiara e lo Scuro” e ” Casablanca, Casablanca”,
dove uno degli attori protagonisti è
Marcello Lotti, nove volte campione italiano di biliardo , detto
lo Scuro per la sua espressione sempre cupa ed imbronciata. Nelle prove del primo di questi due film Lotti insegna a Nuti,
grande appassionato di biliardo,
un colpo difficilissimo da eseguire,
l’ottavina reale, (colpo che è riuscito anche alla Juve quando ha
vinto l’ottavo scudetto), e da grande maestro qual’è gli riesce al primo tentativo .
Lo Scuro era conosciuto anche a Chiusi, ogni tanto andava a giocare
a biliardo in un bar di fronte alla Stazione di Chiusi Scalo.
Agli inizi degli anni novanta però inizia la sua parabola discendente
con il film “OcchioPinocchio”, che
si rivela un autentico flop ; questo fatto è un autentico smacco per Nuti che cade in depressione ed inizia a fare abuso di bevande alcoliche , prova a lottare ma i successivi film, ” Il Signor Quindicipalle “ed un altro paio non riscuotono il successo che aveva avuto in precedenza e nel 2006 è vittima di un grave incidente domestico cadendo dalle scale, incidente che lo costringerà alla sedia a rotelle per il resto dei suoi giorni.

Modifica il 9 mesi fa da Claudio Mastino 62
Maddai che Sguup

Tutte notizie di prima mano e sconosciute ai più…

Nicola Romano

Anche se non erano segreti di stato e’ sempre bene ricordare e omaggiare chi lo merita .

Claudio Mastino 62

Certo Nicola , tutto giusto quello che dici , ma il problema è che a colui che ha risposto ironicamente al mio articolo non devi toccargli il Milan , in caso contrario ti fai un nemico.

Modifica il 9 mesi fa da Claudio Mastino 62
comevolevasidimostrare

👍

Onestà interista

Il gestore sarà sicuramente juventino e deve sperare che non scopra chi è, altrimenti gli manderò i nas che gli faranno chiudere il locale perchè sicuramente fuorilegge. Lo sanno tutti che Lukaku è ancora scosso dagli ululati ricevuti dai razzisti bianconeri e per questo ha sbagliato un gol già fatto e si è messo come un paracarro davanti alla zuccata vincente di eleganza Di Marco. Non come noi nerazzurri che oltre ad essere onesti non siamo mai stati razzisti come dimostra la nostra storia e comunicati come questo: https://www.eurosport.it/calcio/serie-a/2019-2020/il-caso-lukaku-e-il-delirio-della-curva-nord-ora-basta-il-razzismo-non-ammette-distinguo_sto7442268/story.shtml

Lulaku.jpeg
Obizzo da Montegarullo

Da interista: chapeau! 🙂

Mark Renton

Leccate di fondoschiena stratosferiche al punto che da ogni televisore è colata saliva.

Stiamo assistendo alla beatificato del Male.

Solo in Italia.

Solo in Italia poteva accadere.

Mordechai

Vargas Llosa e/o Garcia Marquez, avrebbero saputo ben “commentare” il tutto.

Leo 62

Secondo me ci vorrebbe un Turgenev… e comunque era incredibile vedere la sfilata di nullità a cui ha fatto fare una carriera incredibile, tutte disperate… e sul serio… lasciando perdere le femmine a proposito delle quali si finirebbe sul trivio, tra i maschietti uno particolarmente votato all’incontrario, che aveva la possibilità al massimo di fare il capo ufficio ad un Ministero, è diventato addirittura ministro e prima ancora Presidente del Parlamento Europeo… e si parla pure di lui come futuro Presidente della Repubblica… tutto made in Silvio… non ci sarebbe riuscito nemmeno Sant’Antonio da Padova a fare un miracolo del genere…

Mordechai

E forse in Paraguay e/o Belize.
Fa molto sud/centro america tutto ‘sto ambaradam.

Leo 62

Peraltro Ugo se ci fai caso, lui emerge da semplice palazzinaro dopo un periodo in cui banchieri cattolici si scoprono in combutta con la mafia con la mediazione di Servizi Segreti e Massonerie e fanno pure una brutta fine. La Banda della Magliana fa il lavoro sporco con lui e per recapitare avvertimenti in VAticano su denaro da restituire a chi di dovere. Il VAticano ( MArcinkus che era americano ) riceve tutto il sostegno possibile dagli USA per far cadere il regime polacco e quindi pure i soldi da restituire ( e chi ci è andato di mezzo ci è andato di mezzo…).
Di quel sistema il gran ciambellano internazionale in Italia era Andreotti. Poi salta il sistema perché saltato pure il muro a Berlino non erano più necessari quei referenti, la Mafia manda avvertimenti pesanti perché non ha più referenti nello Stato e chi è che emerge?, proprio l’unico che per “motivi di famiglia” poteva essere accettato come garante.
Quindi non è incredibile che B sia emerso avendo quel passato, è emerso prorpio perché aveva quel passato e servizi segreti e massoneria erano garanti. Poi ti spieghi perché i suoi ambasciatori erano da una parte Dell’Utri e dall’altra Gianni Letta, proprio perché quelli erano i pilastri dell’accordo ( ricordati Sindona…).
Ed infatti poi sono finiti gli attentati.
La cosa più clamorosa però, e che spiega anche il suo ruolo internazionale ed anche il rispetto dei suoi avversari ora che è tutto finito, è che tutto questo era sigillato a livello di accordi internazionali, che vedevano presenti Servizi di paesi stranieri che si servivano e si servono delle stesse mafie con cui era necessario fare patti in Italia. Fare quei patti significava fare patti con un sistema internazionale. Ed è questo che secondo me avevano scoperto FAlcone e Borsellino, ed è per questo che quando Borsellino viene a sapere che era arrivato l’esplosivo per lui sa che non può farci niente, e tutti e due sapevano che erano condannati… non era solo Mafia, era un sistema internazionale, erano degli Stati, era affare di Stato.
Per questo ieri ci sono stati Funerali di Stato, lui era un garante rispettato che evidentemente ha lavorato per l’interesse di tutti ( oltre che, spudoratamente suo, già che c’era…) e tutti sapevano che di lui sulle cose importanti ci si poteva fidare., compresi i suoi vecchi nemici che ora ne parlano bene, a partire da De Benedetti e D’Alema.
Se ieri c’era Mattarella, che avrebbe avuto tutti i motivi familiari per non doverci stare, era perché ci doveva stare per rappresentare il sistema internazionale, lo stesso che lo ha messo a fare il Presidente della Repubblica.
Prima ci si ammazza e poi si fanno i patti.
In un certo senso pur venendo da sponde contrapposte B ed M sono due garanti dei patti che hanno concluso lo scontro. Ieri era tutto dentro il Duomo.
Si Ugo, ci vorrebbe un romanziere di quelli bravi…

Modifica il 9 mesi fa da Leo 62
Tiziano

Riccardo Mannelli la tocca pianissimo

349840622_2691494630992730_1815925760955919105_n.jpg
Luc 68

Che dire …..

IMG-20230613-WA0008.jpg
scotland16

Stupenda, riassume perfettamente il paese in cui viviamo

comevolevasidimostrare

Devo dire, con onestà e senso di sollievo, che il Caimano non è molto benvoluto qui nell’osteria del nostro Fabrizio. Mancano, more solito, i commenti dei napolisti ancor intenti a festeggiare e del popolo del GRA ancora incredulo e biascicante: “E mo che famo mo?”
Personalmente mi sento disgustato da questo leccume trasversale. Era e rimarrà per sempre uno spregiudicato-pregiudicato
O.T.
Un abbraccio di affettuosa stima a Claudio Ranieri e al suo Cagliari

Mordechai

A chi lo dici…
Certo, il peso (politico) specifico dei due non è manco lontanamente paragonabile, ma se solo ripenso alla discrezione ed alla “naturalezza” con cui si è reagito alla scomparsa di David Sassoli …

Nicola Romano

Napoletanista.

Nicola Romano

Il mio commento da napoletanità non e’ mancato .

Gianpagliacci

A questo punto non capisco perchè non si celebri il funerale in Vaticano, nella basilica di S.Pietro, con Francesco ad officiare la cerimonia, le Orgettine a cantare i cori del Bunga Bunga con Apicella all’organo, lo stato maggiore della mafia siciliana a sorreggere il feretro, i nani e le ballerine truccati da pagliacci tristi, Fascina che prende improvvisamente fuoco, Feltri che si infeltrisce e Vespa che incappa in una racchetta elettrica che lo incenerisce.
Le Feccie tricolori che sganciano delle bombe a grappolo sui politici accorsi a rendere omaggio allo statista scomparso mentre Mattarella prende a mattarellate l’aria, giusto per spettinare gli avvoltoi e i maiali volanti.
Alla fine una rissa colossale e le forze dell’ordine che devono intervenire per riportare ordine e disciplina.

Ma poi, il terzo giorno risorge?

Bel-Ami

Conosco la sua storia, per motivi familiari, fin dai primordi della banca Rasini. Approfitto del tuo salace commento per esprimere l’umana pietas per un defunto, l’umano disprezzo per il circo – non solo mediatico – apprestato. L’attualità politica (…) non ci induce a sperare di liberarci presto da questa persistente nube tossica.

Archivista

In un paese di pagliacci seri e preparati, tu mi insegni, sì che risorgerebbe…

L’Avvocato (della Signora)

straordinario! 👏

Obizzo da Montegarullo

“Orgettine”… 🙂

Giorgio Bianchi

Un paese che proclama una giornata di lutto nazionale e che decide di fare un funerale di stato in onore di un pregiudicato si squalifica da solo!!!!
Uno che ha fatto i danni che ha fatto B. A questo paese, danni che forse fra tre o quattro generazioni potranno essere cancellati, FORSE perché questo comunque rimane un paese che non è un paese, ma un accrocco di miserabile memoria e che sta in larga misura omaggiando in maniera vergognosa un pregiudicato!!!

PS non sono d’accordo con chi si perplime per gli attacchi che sta avendo B. La morte non redime tutti.
Altrimenti non dovremmo parlare male persino nemmeno di Hitler 🤬🤮

Modifica il 9 mesi fa da Giorgio Bianchi
Il mattino ha loro in Bocca

su questo almeno siamo d’accordo.

Optimumpotor

Il testamento ha le pagine tutte appiccicate. Cit

Pincopallo

Tutto ampiamente detto ed anticipato dal maggiore visionarlo della storia che fu Federico Fellini 35 anni fa in Ginger e Fred all’italiana. Sia su Berlusconi che sul nostro Paese… all’italiana per l’appunto.

Pincopallo

La nuova stagione inaugurata da Berlusconi nel calcio fu quella di farne saltare il banco, salvo rimanerne vittime luì stesso, da chi anni più tardi aveva più disponibilità di lui. La nuova stagione inaugurata da Berlusconi in politica fu quella di tutelare le sue aziende, salvo rimanerne vittima lui stesso, al punto di doversi dimettere da Presidente del Consiglio, per tutelare le sue aziende che rischiavano di affondare com li Paese che lui aveva portato sull’orlo del baratro. La nuova stagione inaugurata nel mondo della televisione portò un cambio nei costumi di un Paese, salvo rimanerne vittima anni più tardi con il Bunga, Bunga e le Olgettine. Tutto ciò che fece lo fece pensando ad un ritorno personale, che con il tempo gli ritorse contro. Se non avesse venduto il Milan non avrebbe avuto la liquidità per contrastare l’opa Vivendi. Se non avesse lasciato la guida del Paese, le sue aziende sarebbero affondate con il fallimento dell’Italia.

Bob Aka Utente11880

Ma neanche un milanista che voglia ricordare quanto Berlusconi li ha fatti godere da presidentissimo del Milan ?

gmr61

io si, l’ho detto sotto, però mi ricordo anche il declino con la vendita farlocca al cinese

monica

Evidentemente non basta quello per dargli “buoni voti”,neanche al tifoso più accanito

Leo 62

Fatto io più sotto…

Il mattino ha loro in Bocca

…un paese senza dignità…nient’altro. Un paese che, in meno di un secolo, è capace di mandare al potere due personaggi come Mussolini e Berlusconi.
Un paese dove o Francia o Spagna purchè se magna…nient’altro.
Dice: in questo momento, solo cordoglio, dopo…avete cominciato prima voi con gli strombazzamenti…il lutto portatelo voi.

mario rossi

Scusa perchè non emigri?

RM28

In effetti all’estero sarebbe più difficile incontrare gente come te, ci penso

Mozilla

Non sarebbe meglio che emigrassero tutti quelli che in questi giorni piangono e cantano le lodi di un pregiudicato?

Nicola Romano

A volte verrebbe davvero voglia di emigrare, ma ad una certa eta’ non e’ così facile .

Il mattino ha loro in Bocca

domanda molto intelligente, quanto hai dovuto pensare prima di partorirla?

abbasso la maggioranza

Vai avanti tu che cosi staremo un po’ meglio.

2010 nessuno

Voi chi? E chi lo vuole? Umana compassione si, lutto, nazionale poi, una vergogna per un paese da tempo senza vergogna.

Il mattino ha loro in Bocca

…appunto…quindi hai capito, l’italiano non è poi così difficile.

TurinTurambar76

Mi manca solo un altro sogno

IMG_1555.jpeg
Leo 62

E’ decisamente il momento dei Serbi…

TurinTurambar76

Puah questa solita beatificazione di un pessimo politico che ha fatto cose da ergastolo succede solo da noi.
rispetto per la morte e condoglianze alla famiglia ma il resto è semplicemente vergognoso.

Expo

Quanti danni ha fatto all’Italia! Dopo l’esperienza da palazzinaro meneghino, con le televisioni ha generalizzato la pubblicitá e l’Italia piaciona, lo yuppismo rampante e la cultura del maneggio (non equino, nonostante Mangano).
Poi, la scesa “in campo” ha di fatto interrotto la ventata di rinnovamento politico dopo il crollo della DC e del socialismo con Mani Pulite.
Ovviamente, non c’era la garanzia che l’operazione rinnovamente avesse successo e che il ricambio si sarebbe completato.
Ma il suo operato ha bloccato qualunque parvenza di ricambio politico, ha “recuperato” i fascisti e tutto il becerume che oggi occupa gli stadi. E la cultura del non “pagare le tasse” ha ridotto l’Italia nello stato in cui é oggi: stagnazione, con un popolo “vecchio” e con intense tensioni sociali con i flussi migratori.
Insomma, un santo da beatificare.

Il mattino ha loro in Bocca

…non poteva che finire così, d’altronde, in Italia le Rivoluzioni si fanno, sempre, stando dalla parte del potere.

L’Avvocato (della Signora)

hai colpito nel segno. (benché non abbiamo prove di come sarebbe andata in caso contrario) possiamo affermare che il 1993 è stato l’anno della svolta politica, anzi, ancora una volta un anno di NON svolta politica: invece di permettere il cambio politico, sospinto dall’ondata d’indignazione antimafiosa (delitti e stragi) e anticorruzione (tangentopoli), invece di far entrare nelle stanze del potere il progressismo, la discesa in campo di B. ha permesso gattopardianamente di cambiare tutto affinché non cambiasse nulla.
B. è stato la rivoluzione della restaurazione: a) come nuovo referente politico, B. ha garantito alla Mafia i suoi interessi, indebolendo l’amministrazione della giustizia e di fatto disinnescando la strategia antimafia; b) come “nuovo” soggetto politico, B. ha tenuto lontano dal potere il progressismo e la Sinistra, una sinistra europea e liberale, che già aveva ampiamente abiurato il Sovietismo, in una fase storica già segnata dalla caduta del Muro di Berlino.
il timore eccessivo e spesso paranoico di B. nei confornti della Sinistra, si spiega solo se si comprende che quella Sinistra era portatrice di valori morali, ideologici e politici incompatibili con il modo di vita di B., con il suo modo di fare economia, e con il modello di Paese deregolato cui aspirava lui e cui aspiravano i mafiosi che B. ha servito (i mafiosi hanno sempre temuto e contrastato i Comunisti, senza virgolette ed i “Comunisti” con le virgolette, cioè quelli che già non erano più tali, ma che si facevano portatori di alcune delle idee dei Comunisti, quali solidarietà, giustizia, democrazia, legalità, etc., idee ovviamente invise alla Mafia).
per riuscire nel suo intento restaurazionista, B. ha persino recuperato il Fascismo, permettendo ai Missini (ed a tutta la loro eredità fascista mai abiurata) di ritrovare aria, senza neanche ripulirsi, dopo che erano stati giustamente condannati all’insignifcanza politica, in quanto eredi del Governo che portò in Italia distruzione, fame, sofferenza, guerra, morte e razzismo.
invece di permettere un rinnovamento morale del Paese, la sua discesa in campo come soggetto “nuovo”, come “novità”, ha mascherato la restaurazione, ha fermato il progresso ed il progressismo e frenato lo sviluppo del Paese, che infatti si è avviluppato su se stesso, trascinatovi dalle politiche antiprogressiste di B., dagli interessi particolari dei gruppi che l’hanno sostenuto, dall’egotismo e dall’egoismo di B., il quale ha diviso il Paese secondo narrazioni nelle quali LUI era sempre il centro, il campione, l’eroe o la vittima.
avendo fatto coincidere le sorti del Pese con le sue proprie, ed essendo un delinquente, B. ha costruito un discorso dell’impunità e quindi dell’illegalità, dell’egoismo, del’arrivismo, che ha nociuto e continua a nuocere terribilmente al Paese.
per questo motivo B. non può essere perdonato sol perché è morto e lo spettacolo che il Governo sta dando in questi gironi è più penoso di quello che stanno dando i vari lacchè (nani e ballerine) della sua corte dei miracoli. d’altronde questi qui al Governo ci stanno proprio grazie a B. ed “alla nipote di Mubarack”.
B. è stato una iattura per l’Italia da vivo e lo è tuttora da morto.

Modifica il 9 mesi fa da L’Avvocato (della Signora)
Nicola Romano

Grande .

Il mattino ha loro in Bocca

👏 👏 👏 👏 👏 👏 …perfetto.

Chakkko

A vedere quel che passa la tv in questi giorni, possiamo dire che non siamo più un Paese da “codardo oltraggio”; ci rimane solo il “servo encomio”. Almeno Feltri è stato sincero nel ricordare i motivi della sua gratitudine a Berlusconi.

Saluti

Onestà interista

Gli juventini sono incredibili, adesso polemizzano con il grande presidente Fifa, Infantino che ha manifestato per l’ennesima volta il suo grande amore per la mia Inter. Loro si sarebbero nascosti dopo la sconfitta in finale, invece Infantino con sprezzo del pericolo si è professato di nuovo e per sempre interista, sia nelle vittorie che, come in questo caso, nelle sconfitte a testa alta. Perchè noi quando perdiamo lo facciamo sempre a testa alta. I soliti antisportivi e invidiosi, nessuno di loro diventerà presidente Fifa e sfogano la loro frustrazione su un grande uomo che ama il calcio e non si è mai piegato ai voleri di emiri che imponevano far giocare i mondiali nel deserto e in periodi assurdi dell’anno, magari costruendo stadi senza il rispetto dei minimi criteri di sicurezza. Lui ha detto no. Hombre vertical come tanti nella gloriosa storia interista.

Optimumpotor

Ma veramente? A testa alta? Brucia ancora vero? Neanche con il tifo del presidente della Fifa, massimo organo mondiale del calcio riuscite a vincere non dico la Champion ma almeno l’Europa League. Brucia tantissimo vero? Com’era? Ah! Fino al confine con un miliardo di debiti

RM28

In effetti l’ironia non era così semplice da cogliere, ma il riferimento ai mondiali in Qatar ha chiarito tutto

Antonio Trilussa

È uno scherzo?!

Bob Aka Utente11880

Un burlesque

Expo

Non ha messo il /s

Mozilla

Ironia?

malandragem

Beh, non c’erano barzellette migliori da abbinare a quelle di Berlusconi grande statista e brava persona, no?!

Credo il senso fosse quello

gmr61

In questo Bar siamo spesso divisi, dal calcio, dagli eventi, nella SS ho visto ” botte da orbi”, ma su SB c’è un accordo di fondo, e dove li ha presi allora tutti quei voti, quel consenso? Qui siamo messi quasi peggio che ai tempi della vecchia DC, nessuno la sopportava , ma poi arrivava quasi al 40%
Da milanista non berlusconiano ho sempre visto la sua grande capacità di incantatore, grandi intuizioni imprenditoriali certo, ma partiva ” leggermente ” avvantaggiato ( è stato detto, banca Rasini, finanziamenti mafiosi e quant’altro) e quindi sicuramente la sua spregiudicatezza era aiutata fin troppo.
Ricordo ancora come a una cena, primi anni 2000, un medico lombardo trasferitosi qua in toscana mi raccontava di come il padre , fornitore della Standa, fosse stato fatto fallire negli anni 70/80 per le politiche di dumping che il buon Silvio effettuava, ma credo che di esempi simili ce ne sarebbero migliaia
Non sto a ripetere tutto quello che è stato correttamente sintetizzato fin ora, forse certi cambiamenti in politica sarebbero avvenuti lo stesso, ha sempre fornito l’alibi alla sinistra per mantenere le sue rendite di posizione usandolo come scudo e nemico a prescindere, di sicuro ha rappresentato l’italiano nei suoi eccessi e nelle sue bassezze, forse per questo veniva votato a prescindere, di certo ha cambiato il calcio in italia quasi rendendo fin troppo banali i nostri successi e di questo non posso che essergliene grato, per il resto…anche no
Invece un caro RIP va a Francesco Nuti, alla sua genialità surreale, il suo ” o si va nì Perù o si sposta il Domo di Prato”, ad avermi fatto conoscere lo Scuro ( l’Ottavino di Dio sono anche riuscito a tirarlo qualche volta), negli anni 80, studente universitario, ho giocato all’Accademia del Biliardo posseduta dal Lotti ( lo Scuro), la sua comicità malinconica era bellissima, fai tu ridere davvero lassù….non c’è bisogno di raccontare barzellette sporche

monica

“O tu sposti la chiesa,o tu vinci a i’totocalcio,o tu vai ni’peru’ “

Modifica il 9 mesi fa da monica
Nicola81

Quando ho appreso la notizia la prima cosa che mi è venuta in mente, chissà perché, è una cena tra ex compagni di liceo di parecchi anni fa (mi pare fosse il 2005) in cui una mia amica che conosceva e condivideva la mia opinione sul personaggio in questione mi disse che, per ragioni anagrafiche, io e lei prima o poi avremmo sicuramente assistito alla sua dipartita, al che io macabramente risposi: “Sì, però darebbe gusto adesso!”
In effetti la scomparsa di un Berlusconi ormai sul viale del tramonto mi ha colpito assai meno di quanto sarebbe accaduto con lui ancora in auge, e non nascondo che mi ha suscitato anche un’inattesa compassione. Poi è cominciata la beatificazione a media unificati, e allora ecco che i buoni propositi rischiano di andare a farsi benedire, perché va bene essere rispettosi di fronte alla morte, ma non fino al punto di sorvolare su chi è stato veramente Silvio Berlusconi. Non starò a ripetere l’elenco delle sue malefatte, che altri utenti hanno già ben sviluppato, e che sono innumerevoli.
Come imprenditore ha sicuramente dei meriti (anche se quella dell’uomo che si è fatto da solo è una barzelletta quasi analoga a quelle che raccontava lui), come presidente del Milan neppure a parlarne (pur essendo juventino non potevo non ammirare quella squadra), ma con la sua entrata in politica e con le sue TV commerciali nel senso più deteriore del termine è stato il principale artefice del degrado etico, morale, culturale e naturalmente politico di questo paese. E non lo dico io, lo dice la storia. E la storia è un giudice che non fa mai sconti a nessuno.
Comunque sia auguro a lui di riposare in pace, e a noi italiani di non doverlo un giorno rimpiangere, perché con la classe politica che ci ritroviamo attualmente (peraltro in gran parte figlia sua) non è un’eventualità da scartare a priori…

malandragem

“il principale artefice del degrado etico, morale, culturale e naturalmente politico di questo paese”

Temo sia anche peggio, l’ha rappresentato quel degrado – sicuramente fomentandolo, certo – e ne è stato espressione più che crearlo dal nulla di persona

Bob Aka Utente11880

Un cordoglio veramente trasversale, addirittura insospettabile

20230613_160640.jpg
malandragem
2010 nessuno

Perché io invece non sono sorpreso BoB?

Il mattino ha loro in Bocca

anch’io, per esempio, non sono sorpreso che tu non sia sorpreso.

2010 nessuno

Non avevo dubbi @il mattino, ma poi sai c’è invece un’altra cosa, che quella si mi ha sorpreso: apprendere chi aveva incoraggiato e organizzato l’incontro tra Berlusconi e Urbani, altro cofondatore di Forza Italia e stretto collaboratore politico del caimano dei primi tempi.
No francamente non me lo aspettavo…

Mozilla

Perché?? Perché??

Onestà interista

Qualcuno nei tempi passati affermava che Berlusconi volesse comprare l’Inter e non il milan, certamente per il prestigio immensamente superiore della beneamata rispetto alla squadraccia rossonera. Per fortuna non è successo, perchè noi interisti siamo sempre stati tutti di specchiata onestà e per niente ambigui, come Oriali.

Leo 62

Da notare il tempismo della scomparsa di Silvio… due giorni dopo la Finale di Champions persa dall’Inter… ed uno dopo il 23° Slam di Nole… aveva visto tutto quello che c’era da vedere.

Quattroquattronovetredue

O.t. Attacco terroristico a Nottingham. Lo Sceriffo: sospetti su un arciere e un frate.

rusticano

Cioè, fai un OT per scrivere una battuta su un attentato in cui sono morte tre persone, di cui due ragazzi di 19 anni?
Davvero? Non ti vergogni neanche un po’?

Tiziano

è dai tempi di Brian Clough che non arrivavano notizie degne di nota da Nottingham.

Cuore ross-azzurro

Scusatemi, non mi sarei mai messo a discutere del mafioso pappone corrotto e corruttore, perché non me ne frega minimamente della sua morte, se non che è arrivata troppo tardi. Ma vedo che qui c’è troppo cattolicesimo pronto a perdonare e dimenticare tutto e addirittura qualcuno che chiede cordoglio, quindi mi preme fare un excursus storico in ordine cronologico per rinfrescare la memoria ai “dimenticoni”: Luigi Berlusconi (il padre), era funzionario, in seguito con ruolo direttivo della banca Rasini, una piccola banca milanese, famosa perchè i suoi clienti principali erano i criminali Pippo Calò, Totò Riina, Bernardo Provenzano nonché fondata sui capitali dell’uomo di fiducia di Giulio Andreotti, Giuseppe Azzetto.
In seguito a un operazione di polizia chiamata “San. Valentino”, si scoprì che la banca Rasini riciclava denaro della Mafia.
La Banca Rasini risulta anche nella lista di banche ed istituti di credito che gestirono il passaggio dei finanziamenti di 113 miliardi di lire (equivalenti ad oltre 300 milioni di euro nel 2006) che ricevette la Fininvest, il gruppo finanziario e televisivo di Berlusconi, tra il 1978 ed il 1983. Fonte tutt’oggi ignota. Il tutto passava attraverso ventitré holding registrata da Berlusconi, figlio, come negozi di parrucchiere ed estetista!!

Nel frattempo,in seguito alla legge Mammì, donata ad hoc dal suo amico e compagno di massoneria Craxi, gli consente, violando tutte le regole, di costruire un impero mediatico mai visto, impedendolo al contempo a tutti gli altri concorrenti.

Berlusconi crea società offshore ad hoc per finanziare giudici e altre cariche dello stato. Nei numerosi processi su fondi neri, falso in bilancio, evasione fiscale e corruzione (ha passato in rassegna l’intero codice penale), è stato condannato in via definitiva, più volte, amnistiato o prosciolto per raggiunta prescrizione (e quindi non assolto), in alcuni casi grazie alle leggi ad personam cucite su misura dalla sua maggioranza asservita e priva di un benché minimo senso dello Stato.

Ma i rapporti con la mafia non si limitano ai finanziamenti iniziali (ricordate che berlusconi si è sempre rifiutato di rispondere alle domande sulle origini della sua immensa fortuna).

Nel 1994 fonda forza Italia assieme a Marcello Dell’Utri, condannato a 7 anni di reclusione per concorso in associazione mafiosa. Nella sua villa di Arcore, proprio grazie a Dell’Utri, berlusconi ha avuto al suo servizio il pluriomicida Vittorio Mangano col ruolo ufficiale di stalliere. Per il giudice Borsellino, questi più che uno stalliere era la “testa di ponte dell’organizzazione mafiosa nel Nord Italia”. Ma berlusconi non ne sapeva nulla, così come non sapeva che la Fininvest finanziò Cosa Nostra in cambio di protezione della mafia. Diciamo un simpatico do ut des.

Una volta raggiunto il suo obiettivo (la vittoria alle elezioni), questo “imprenditore di successo” (con questi “aiuti” lo potremmo diventare tutti) ha asservito l’intera macchina dello Stato per la salvaguardia dei propri interessi personali. La sua maggioranza è giunta persino a votare sulla telefonata alla questura di Milano per il rilascio di Ruby Rubacuori – famosa per la frase: “Noemi è la pupilla, io sono il culo” – sostenendo che fosse la nipote di Mubarak. E poi le olgettine, lo scandalo di Genova 2001, la crisi di credibilità dello stato con lo spread alle stelle, grazie alla sua totale incapacità politica, che ha reso necessario mettere Monti a capo del governo. Insomma berlusconi ha rappresentato la pagina più indecorosa, della nostra intera storia repubblicana. Come si può avere il coraggio di pedonargli tutto?

Modifica il 10 mesi fa da Cuore ross-azzurro
Obizzo da Montegarullo

Non dimenticherei come ha ottenuto il controllo della Mondadori: corrompendo a suon di milioni (400 dell’epoca, fine anni ’80) il giudice Metta. I processi furono due e finirono entrambi in Cassazione con relative condanne:
Nel 2006 (IMI-SIR)
Previti – 6 anni
Pacifico – 6 anni
Metta – 6 anni
Nel 2007 (Lodo Mondadori)
Previti, Pacifico e Acampora – 1 anno e 6 mesi
Metta – 2 anni e 9 mesi
Come si vede non si tratta solo di chiacchiere e pure di cose relativamente recenti…
Da notare che mandava avanti gli avvocati (Previti, Pacifico, Acampora), molto probabilmente incentivati, si fa per dire, a prendersi ogni responsabilità per sgravare il capo.

Luc 68

Sono d’accordo su tutto e mi sembra che qualcosa ti sia sfuggita, tipo la questione Fazio e Biagi (incredibile Fazio epurato due volte). Vorrei sottolineare che comunque di fronte ad un morto si porta comunque rispetto chiunque esso sia.
Piottosto si sta in silenzio.
Non mi abbassero mai al livello di coloro che infangano un morto.
Il morto si sotterra … punto.
Sono quasi contrario a i commenti positivi per chi lo merita perché li considero un inutile piaggeria nei confronti dei parenti.
Le belle parole si dovrebbero dire in vita …. punto

Mozilla

Se tu avessi ragione sarebbe allora buona cosa scrivere non ora ma dopo, sulla sua tomba, tutte le sue malefatte, queste si che lo infangano.

Obizzo da Montegarullo

Avremmo potuto stare in silenzio, ma l’enormità del lutto nazionale, del parlamento chiuso 7 (sette!) giorni e soprattutto gli irritanti fiumi di bava dovevano pur trovare un argine.
Non mi sembra si manchi di rispetto ad un morto, se ne elencano solo le gesta. Che quelle sono eh….

Modifica il 9 mesi fa da Obizzo da Montegarullo
commentanonimo

A malincuore concordo al 100% con te. Per i funerali di stato, il peggior premier del dopoguerra, divisivo, condannato, prescritto, e primo ex-premier che ne avrà il beneficio nella storia della Repubblica, su scelta di una presidenza del consiglio sicuramente lontana dall’essere imparziale. Altro che rispetto, sono totalmente disgustato. Gravissimo poi bloccare il senato per 7 giorni. Sono disgustato. Come dice Cipralex camcellare Dazn è stato molto più facile

Modifica il 10 mesi fa da commentanonimo
2010 nessuno

sono d’accordo

R.T.

Per una volta d’accordo con te!

Mordechai

Concordo, ma non è … farina del tuo sacco.
🙂

Cuore ross-azzurro

Sono semplici informazioni che si trovano online

Mordechai

Più che altro, è un commento che, pari pari, ho letto altrove.

Tiziano

“L’Italia è il paese che chiavo.”
In sintesi questo è stato.

Modifica il 10 mesi fa da Tiziano
mario rossi

C’è un po’ di berlusconi in tutti gli italiani (e le italiane). Alcuni ne sono orgogliosi e sono quelli che lo hanno amato, altri se ne vergognano e sono coloro che lo hanno detestato. Ma personifica il nostro meglio e il nostro peggio, shakerati in un calderone indistinguibile.

RM28

No, mi spiace, non è il mio caso

Cuore ross-azzurro

Il nostro meglio sicuramente no, il nostro peggio c’è tutto.

monica

non mi ricordo chi diceva “non mi spaventa il berlusconismo in sè.
mi spaventa il berlusconismo in me”

Nicola Romano

Giorgio Gaber .

cipralex

Disconnettermi da DAZN in quanto juventino dopo l’operato della “giustizia” sportiva è stato facile.

Sarà più complicato disconnettermi da un Paese che onora con una giornata di lutto nazionale la morte di un puttaniere, mentitore seriale, corruttore ed evasore fiscale,
ma ce la posso fare…..

2010 nessuno

Da ” Sarà più complicato…..” a fine post, obiettivamente, ben detto.

inox

Buongiorno Fabrizio

Meglio, Buonanotte Fabrizio. Normalmente chiunque abbia una malattia come quella di Berlusconi è un uomo morto tuttavia, per Silvio, la notizia della sua dipartita ci coglie quasi di sorpresa come a ritenerlo immortale. Evidentemente il trapasso non è negoziabile. Questo capitalista nostrano è stato l’alibi perfetto per una sinistra in disarmo spiaggiata da tempo sulle rive dell’impero. Dopo la caduta del “Muro”, scomparso il comunismo, rimane solo un diffuso capitalismo. Più o meno. Capitalismo. Inizialmente Silvio dava garanzie tuttavia, piano piano viste le amicizie frequentate, il soggetto difficilmente controllabile nel 2011, l’impero, decide di farlo fuori “cambiandolo” con un più “usato sicuro”: Monti. La tipologia del soggetto ottima per l’inizio, piano piano diventa fonte di preoccupazione. Le rumente, ancora una volta, avevano ragione. Berlusconi è stato l’unico leader di spicco europeo a dire che non è stato Putin a volere la guerra ma che bisogna andare a vedere i fatti precedenti. L’encomio fattogli da Putin in suo ricordo gli fa grande onore come onore gli fa l’infamante pagina dal sito ucraino “Peacemaker” La foto di Silvio Berlusconi e la sovrascritta in cirillico ‘liquidato’. È questo quanto oggi compare nelle pagine di Myrotvoretz, il sito considerato vicino ai servizi dell’Ucraina che aggiorna una lista di proscrizione, nella quale vengono resi pubblici i nomi e i dati di politici, giornalisti e personaggi pubblici di tutto il mondo, considerati nemici di Kiev, per il presunto appoggio a Putin. Oggi spunta la scritta rossa ‘liquidato’ sulla foto di Silvio Berlusconi, che finì nel mirino dei nazionalisti per la sua trasferta in Crimea nel 2015 assieme a Putin, una visita che venne vista come una legittimazione di fatto dell’occupazione russa, in seguito al quale fu dichiarato persona indesiderata a Kiev. Sul sito Myrotvorets comparve anche la scheda del fotoreporter Andrea Rocchelli, ucciso in Donbass nel maggio del 2014: anche nel suo caso comparve la scritta rossa liquidato. Non lo so Fabrizio cosa sia migliore: essere ricordato come Silvio o rimanere nell’indifferenza per sempre come lo sarà un Crosetto qualsiasi a sproloquiare baggianate in la Spezia o la Meloni a rimangiarsi tutto e anche di più (risentite il suo intervento sulla Crimea anno 2015). O un Conte, chi? O Speranza, chi? Salvati dal regime per i servigi resi in pandemia. Occhio a Renzi è ciò che resta di FI: El Condor Pasa.

Leo 62

Gli Ucraini sono pezzi di merda, ma lo sappiamo da tempo…

Mordechai

Sheva faceva eccezione, nevvè?
🙂

Leo 62

C’è sempre l’eccezione che conferma la regola… 😉
Piaciuto Nole? che dici vince Wimbledon?…

Mordechai

Non mi stupirei, il “vecchiaccio” è veramente in condizioni scintillanti.
Non vedo, francamente, chi possa mettergli … ansia sull’erba, di sicuro non il duo Alcaraz/Rune. Pure Medvedev e Tsitsipas li vedo poco, Zverev è ancora in officina, probabilmente arriverà in finale un outsider alla Berrettini.

2010 nessuno

Ma che sta succedendo a Berrettini piuttosto? Dopo la sconfitta con Sonego addirittura le lacrime….

Leo 62

Deve recuperare una forma decente dopo i troppi infortuni e deve recuperare una testa decente dopo aver pensato troppo in fretta di essere arrivato… il Tennis non perdona più di altri sport. A questo aggiungi che sta per perdere molti punti e presto scenderà sotto i primi quaranta ritrovandosi con tabelloni difficili dal primo turno…

Mordechai

“L’encomio fattogli da Putin in suo ricordo gli fa grande onore”
Vuoi mettere? Roba da non stare nella pelle.
Ciao a tutti.

Bob Aka Utente11880

Su di lui ogni italiano ha un’opinione, maturata nei lunghi anni della sua centralità imprenditoriale, sportiva e politica, questo è il momento del cordoglio e del rispetto.

Bob Aka Utente11880

Colleghi scusate ! nel copia e incolla è saltato il riferimento: queste sono parole del sindaco di Milano, Beppe Sala, area Dem, vedi qui sotto … mi sembrava un punto di vista interessante.

Sala_Berlusconi.jpg
Mozilla

Si rispettano le persone oneste.

commentanonimo

Il vero rispetto te lo guadagni da cosa fai nella vita, diceva mio nonno, e non dalla pena che fai da morto.

Modifica il 10 mesi fa da commentanonimo
2010 nessuno

Anche qui concordo

Tiziano

Dissento. Se va bene la canonizzazione caricaturale che stanno montando i media è altrettanto giusta la critica spietata a uno dei personaggi più biechi della storia politica e imprenditoriale italiana.

Modifica il 10 mesi fa da Tiziano
Trebaffetti

Se non fosse in atto un tentativo di beatificazione smemorata con annessi funerali di stato potrei anche essere d’accordo, ma per come stanno andando le cose su quasi tutta la stampa da ieri mattina è invece fondamentale ricordare gli infiniti danni che ha fatto a tutti noi. Non ricordiamocelo solo come nonno cringe, è stato una vera calamità.

Cuore ross-azzurro

A questo punto non mi meraviglierei se avrai un momento del cordoglio e del rispetto anche quando morirà Salvatore Riina..

Bob Aka Utente11880

Chiedi a Sala, non a me

Mordechai

Della sana indifferenza all’evento, proprio no?
Ciao, riscappo via come un furetto ubriaco.
🙂

2010 nessuno

Perché i furetti si ubriacano pure?

Mordechai

A Ceccano non trovano di meglio.
🙂

2010 nessuno

Ahh sta provincia sempre piena di sorprese…😄😄

Obizzo da Montegarullo

Bah…

Luc10 Dalla

Volevo scrivere un bel coccodrillo per Silvio ma non sapevo se farlo sul presidente del Milan o sul prestanome dei Graviano…non so, averlo visto con quell’agnellino in braccio mi ha fatto evaporare di colpo tutta la rabbia accumulata in quasi 30 anni

2econdo me

è sceso in campo per alcuni suoi ‘problemucci’ personali, decaduta la politica che l’appoggiava ha dovuto provvedere da solo. D’altronde quale posto migliore per badare ai suoi affari se non lì dove le leggi si decidono? Ha capito che bastava fare quello che faceva sulle navi, sorridere e intrattenere, dopo aver soppesato le capacità di analisi e l’impegno di milioni e milioni di italiani. Cioè zero.

Li ha messi davanti a uno schermo convincendoli che il mondo che volevano era quello lì dentro e che lui glielo avrebbe dato. Ha provato fino a pochi mesi fa a raggiungere l’ultimo suo obiettivo, la Presidenza della Repubblica, nel modo in cui ha sempre ottenuto le cose ed il favore delle persone: comprandole.

Se il calcio è la rappresentazione di un rito sacro, come diceva Pasolini, Berlusconi si è intromesso come un messia per sfruttarne l’enorme capacità di generare consenso in un’epoca in cui il suo patrimonio (oggi spiccioli in confronto a quello degli sceicchi) riusciva ad attrarre i migliori giocatori del mondo, creando così il mito dell’uomo capace di trasformare una nazione in una squadra di calcio vincente.

Non è stato difficile in un Paese dove le piazze si affollano di migliaia e migliaia di persone per festeggiare scudetti e coppe ma non se ti tagliano lo stipendio, ti licenziano o se aumentano i prezzi dei carburanti.

Non mi mancherà nulla di lui.

Modifica il 10 mesi fa da 2econdo me
Giuseppe Pellegrino

Parole sante, caro dr. Bocca! Purtroppo sono tantissimi gli individui che sono stati beneficati, senza merito alcuno, dal Caimano. Imbroglioni, ladri, sgualdrine, fascisti vari, un circo di nani e ballerine. Questo Circo oggi gli rende penosamente omaggio. Basta leggere i titoli dei vari giornali mainstream. Vergogna!

Mozilla

Sarebbe stato meglio se si fosse dedicato solo al calcio. Per l’Italia solo una rovina, politica e culturale.

commentanonimo

Grande intervento Bocca, questo è un momento di retorica in cui approffittando della scarsa memoria storica e del buonismo si definisce persona indegna chiunque esprima qualche perplessità su questo eccesso agiografico. Viene tacciato di crudeltà chi osa esprimere una critica sul personaggio, come se non fossero i suoi sostenitori ad avere in realtà trasformato un triste evento, la morte di un anziano malato da tempo, in una celebrazione di sforzi di sacrificio e successi per l’Italia che l’individuo non ha mai avuto e nè, probabilmente, gli è mai fregato di avere, altrimenti qualcosa lo avrebbe fatto per la Nazione con la N maiuscola. Ero per caso al Quirinale per la giornata AIRC quando Napolitano nel 2011, teso e disturbato, tentava di trovare una soluzione al problema Berlusconi, fallimentare, attaccato al potere fino all’ultimo secondo, nel totale disinteresse della Nazione. Sarò sincero Bocca, mi ha sempre disturbato molto meno l’uomo Berlusconi, leggibilissimo nei suoi obbiettivi personali, che la stuola di servitori che si è ritagliato negli anni.

Modifica il 10 mesi fa da commentanonimo
antonio@ammendola

Se ne va un pezzo della storia italiana, nel bene e nel male, del fare politica in maniera estremamente popolare. Un genio, una persona che ha realizzato tutto quello che si poteva realizzare nel nostro paese: dal calcio( oltre al Milan ha portato il Monza per la prima volta in Serie A che si è salvato quest’anno con estrema tranquillità!!) all’edilizia passando per l’editoria, il successo delle sue tv, e la fondazione di un partito e, di una coalizione che ha trovato stabilità grazie soprattutto alla sua forte personalità. Insieme a lui se ne vanno anni d’opposizione della sinistra( per me la vera opposizione: forse perché l’ho vissuta..) una sinistra che perde tanto, appunto, senza la figura di SB. Poi le sue chiacchierate diplomatiche, le amicizie con i Bush e Putin( e non solo!), un Putin difeso o, meglio, un’ Ucraina richiamata che, secondo Berlusconi, poteva evitare questa guerra, aprendo molto prima “gli occhi”. Con Vauro che su questa questione applaudì SB: almeno in quell’occasione in questo inverno. Insieme a Berlinguer e, Craxi ha dato una reale alternativa all’Italia per non perdersi sempre e costantemente nella DC. NO WAR! Punto. 

RM28

Un genio? Ma sei serio?

Cuore ross-azzurro

Il suo partito era un ricettacolo di ex dc e psi. Che alternativa sarebbe? Ma veramente dimenticate così in fretta???

Nathan

L’ottimista nasce in piedi, di 7 mesi o poco prima, ha la camicia lunga già stirata e la mascella volitiva.
È un ottimista, dall’aria vagamente socialista e poi non sbaglia mai, yeah.
Ha uno sguardo serio e corrucciato, quando parla a lungo dello Stato ma poi si illumina d’immenso quando viene l’ora di pranzo, è un ottimista, dall’aria vagamente socialista e poi non sbaglia mai yeah, non sbaglia mai yeah.
E Gesù lo vide camminare, sulle acque azzurre del suo mare, gli disse amico non so chi tu sia ma giù le zampe almeno questa acqua è mia.
Personalmente mai avuto in simpatia Berlusconi e mai votato, lascia scorie che l’Italia, già inguaiata di suo, difficilmente potrà superare.
Non mi sono mai sentito rappresentato da lui e la sua cricca di potere, leghisti e fascisti inclusi.
Spiace molto più per Francesco Nuti, dalla comicità sottile ed arguta.
RIP Francesco 🙏

Modifica il 10 mesi fa da Nathan
Bob Aka Utente11880
Mozilla

Come si usa dire: anche il ducce ha fatto cose buone, anche Pol pot, anche berlusca. Il totale dice che tutti e tre era meglio non esistessero.

quello malato sul serio

come ho scritto spesso è stato la perfetta incarnazione delle poche virtù e dei molti vizi di noi italioti;
penso che la sua opera sia stata positiva per pochi e negativa per quasi tutti, lascia un Paese peggiore di quello che aveva trovato senza aver realizzato nulla di quello che propagandava, come il suo “contratto con gli italiani” o il liberalismo sbandierato che ha portato al potere i postfascisti;

convenevole da prato al secolo Nicola Romanoo

Da idealista comodo come sono , penso che con tutto il potere che aveva avrebbe potuto fare tanto per il paese, invece ha fatto solo per lui come gli altri , peggio degli altri, riposi in pace , ma temo che qualche peccato dovrà scontarlo . Quanto a Francesco Nuti “anima fragile” credo che i suoi peccati li abbia già scontati e quindi a maggior ragione riposi in pace anche lui .

Leo 62

Sotto sotto pensavo fosse immortale… chi l’ha conosciuto, anche se da posizioni opposte, ne ha parlato sempre bene dal punto di vista della “persona”. Indubbio affabulatore: una specie di D’Annunzio senza cultura e senza talento artistico, ma con in più del vate la capacità di trarre sempre vantaggio anche dalla situazione più apparentemente compromessa. Edonista, piacione, desideroso dell’approvazione altrui, specchio dell’Italia, non solo del periodo che l’ha visto protagonista, potrebbe sembrare la trasposizione favolistica dell’italiano medio di Alberto Sordi assurto al potere, ma la realtà è sempre peggio del racconto. Per molti aspetti è stata la riproposizione del principe alla Vincenzo Gonzaga, con cui condivideva la fissazione per il bel sesso e per circondarsi di gente di cultura, che lui non aveva ( certo gli mancava uno alla Torquato Tasso… ).
Gli dobbiamo la barbarie assoluta della televisione commerciale, l’adozione di modelli americani deteriori, l’indebolimento della funzione culturale della RAI, la spregiudicatezza politica elevata a sistema, il mignottesimo portato a livelli satrapici e condiviso con altri capi di stato, ed una serie di figure di merda a livello internazionale che ancora rimbombano.
Ma gli dobbiamo anche la sconfitta della “Gioiosa macchina da guerra di Ochetto” e la sua sparizione politica prematura, e da milanisti gli dobbiamo un’era irripetibile di trofei ( per cui gli perdoniamo il triste repuscolo degli ultimi anni ).
La Sinistra lo ha contrastato poco e male, soprattutto tramite una magistratura che si è armata contro di lui per generazioni, ma nel riconoscerlo come avversario si è data un senso che spesso non aveva, ed alla fine, nel suo rincorrerlo sul voto dei moderati si è dissolta come entità politica. Che lo abbia potuto fare un costruttore milanese, un po’ ( tanto ) puttaniere, e molto spregiudicato, con la mania di raccontare barzellette che non facevano ridere, cresciuto all’ombra della MIlano da bere è una specie di List der Vernunft.
Immagino che ora stia dandosi da fare per sedere alla destra del padre…
RIP Silvio ma stai buono con le mani…

il ghiro

Complimenti Fab, parole sante, veramente non avrei saputo scriverle meglio, condivido fino all’ultima riga.
Io e mia moglie una prima volta lo abbiamo anche votato, esattamente come per Renzi. Due seduttori da una botta e via.

Sergiod

La tesi di Fabrizio può essere veritiera, ogni opinione va rispettata.
Io non so se l’ Italia era già populista prima dell’avvento di Berlusconi o se lui sia persino riuscito a trasformarla così come la desiderava.
Non so neppure se a differenza di altri magnati del calcio abbia puramente utilizzato il calcio unicamente come strumento dei suoi intenti politici.
Io sono cresciuto nell’ epoca della trasformazione del Paese , dalle grandi proteste degli studenti e dei lavoratori in poi, ho le mie idee sulla storia italiana in cui ho vissuto.

Preferisco però parlare del Milan che mi ha fatto sognare e divertire, a volte persino esagerato in alcuni anni di quel periodo d’oro.
Credo che non si possa negare che grazie a quel Milan iil calcio italiano sia cambiato, soprattutto in Europa, grazie all’atteggiamento meno difensivo e prudente che lo caratterizzava.
Tutto il resto, l’amore, il disprezzo, addirittura l’odio per una persona che in ogni caso ha portato tanti cambiamenti lo lascio a chi conosce la politica e l’economia, a chi capisce e conosce la storia dì Silvio Berlusconi.

Mozilla

Se non conosci la storia di Berlusconi probabilmente vivi in un altro mondo.

Bombaatomica

Uomo di indubbie qualità imprenditoriali e manageriali, Berlusconi è stato un incantatore di serpenti, un grande affabulatore.
Chi lo ha conosciuto di persona lo definisce un uomo magnifico. E non stento a crederlo. Persona sicuramente brillante e di compagnia. Le sue barzellette, poi, avrebbero rivaleggiato con quelle di Bramieri o di Marrufello 😂😂
L’ho conosciuto anche io, ma in altri contesti. Mi è rimasto impressa la sua statura (uomo bassino), i suoi capelli ramati in simil plastica e la sua dialettica ed eloquenza. Indubbiamente affascinante 👍

Ha avuto la grande intuizione di puntate sul mezzo televisivo, spezzando il monopolio RAI, e gliene va dato atto. Ha portato all’Italia una ventata di aria fresca, di novità, con nuovi programmi e lanciando nuovi volti televisivi.

Col Milan…. vabbè… purtroppo ha vinto tutto 😂 ‘cci sua…

In Politica lo conosciamo meglio.
4 volte Presidente del Consiglio, spesso una macchietta che ha imbarazzato l’Italia.
Grande perculatore, faccendiere, implicato in decine di processi, ha candidato gente impresentabile, grande amico del latitante Craxi, corruttore, leggi ad personam, scivoloni politici a iosa (la “grande furbata” del trattato di Dublino), e poi le Olgettine e il Bunga Bunga (pare copiato da Gheddafi), accuse indicibili per concorso in associazione mafiosa e chi più ne ha ne metta.
Perseguitato politico? Forse.
Ma indubbiamente ne ha fatte più lui della Juventus 😂😂😂

Sarebbe stata meglio l’Italia senza la “discesa in campo” di Berlusconi?
Chissà! Nessuno può dirlo 🤷🏻‍♂️
Certo che pure la Sinistra…. era ed è “sinistra”….
Nel bene e nel male il Cavaliere ha rappresentato un pezzo d’Italia, un po’ lo specchio di noi italiani.

Modifica il 10 mesi fa da Bombaatomica
gmr61

Questa segnala : sono d’accordo con te…..

Xavier

A Bo’, ‘o sai che c’è? Che stavolta me tocca da esse’ d’accordo co’ te!
Mannaggia…

Cuore ross-azzurro

Uomo di indubbie qualità imprenditoriali????Ma stai scherzando, vero??? Senza i soldi rubati dal padre, senza gli immensi finanziamenti mafiosi e senza l’appoggio incondizionato di Craxi sarebbe rimasto un cantante pedofilo qualunque da piano bar. Ma veramente c’è gente che ancora crede alla favoletta dell’uomo fatto da sé? Ma dove ca…o avete vissuto negli anni 80? O è solo la potenza della televisione che vi fa dimenticare tutto?

Bombaatomica

Trovami un imprenditore che non ha scheletri nell’armadio….
Come si suol dire, il più pulito c’ha la rogna 😂😂😂

2010 nessuno

Bomba ricordati però che l’incantatore di serpenti ha giocato facile per molto tempo perché la musica che suonava era quella che i “serpenti” cioè il popolo italiano o comunque una buona parte dello stesso, voleva sentire

monica

stavolto ti approvo!

Bombaatomica

Perché, quando parlo della Viola non approvi? 😂😂😂

monica

😀

quello malato sul serio

caro mortaretto comico, il suo senso dell’umorismo era al tuo livello: fare le corna e cucù;
le barzellette gliele scrivevano ma le sapeva narrare, questo sì;
concordo che ci ha rispecchiato perfettamente e che la sinistra si è rivelata proprio sinistra: mi è quasi venuta l’ulcera a vedere persino la rete rai comunista tirargli la volata per mesi con servizi su servizi per indagare se sarebbe “sceso in campo” quando era già a palleggiare e tirare in porta;

Leo 62

Maddai Bomba veniva a prendere il pesce da te?…

Bombaatomica

No, compagni di Bunga Bunga 🤣🤣🤣

Vipe

Giocavo ancora a calcio io, e su Canale 5 guardavo il “ Mundialito “ E già mi stava simpatico.
Gli anni della Milano da bere, circondato da amici fedeli, belle donne soprattutto e l’ intuizione a raccontare storie che piacevano a tutti.
La comunicazione il suo cavallo di battaglia, la voglia di andare avanti, oltre, finalmente la proposta di qualcosa di nuovo a suscitare ricordi ammirati.
Ci ha lasciato ed è tutta colpa del Paradiso che l’ ha chiamato a sé.

R.I.P. Francesco Nuti.

Obizzo da Montegarullo

A volte devo dire che ti trovo un po’ compiaciuto della tua scrittura, oggi no, questo è un epitaffio perfetto!

Vipe

Questa volta una cosa seria.
Le altre solo chiacchiere per tifosi.

2010 nessuno

Si per lui si Vipe, per Francesco Nuti, un caro ed eterno ricordo.

Vipe

Francesco Nuti ha finito di tribolare.
Noi ci vorrà molto tempo.

Luc10 Dalla

😁🤭Sei un grande!

162
0
Cosa ne pensi? Lasciami un commentox
()
x