Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Stai bloccando le Ads!!!

Ciao, un po’ di pubblicità a te non costa nulla, a noi consente di ammortizzare almeno in parte i costi di Bloooog! e mantenerlo attivo. Per favore disattiva l’estensione che blocca gli annunci e poi ricarica la pagina.
Grazie da Bloooog!, il tuo Bar Sport.

SERIE A, 35a giornata – ⚽ – Dopo lo scudetto al Napoli s’apre la “questione settentrionale” di Milano e della fu capitale del calcio italiano. Il Milan campione d’Italia va a picco, in campionato la corsa per il posto in Champions si fa sempre più faticosa,  mentre la speranza di ribaltare il derby di semifinale di Champions League in queste condizioni è veramente ridotta al lumicino. Il tutto mentre gli ultrà si prendono il diritto di umiliare la squadra e l’allenatore convocandola e processandola pubblicamente sotto la curva, alla presenza dell’allenatore. Che si sottopone a una gogna assai poco dignitosa. – ⚽ – E intanto l’Inter di Inzaghi ha rovesciato completamente il tavolo e adesso vola, se il Napoli lo scudetto non l’avesse già vinto chissà…  E’ ritornata la Lula, Lukaku ha ripreso a fare gol e su Inzaghi, già scaricato da tutti (me compreso…)  si assiste a clamorose strambate della critica che nemmeno ai tempi di Luna Rosa e Paul Cayard: Simone resta con noi, t’abbiamo sempre voluto bene!  – ⚽ – Alla Lazio si assiste a un momento di crisi nella vocazione sarrista, la fede nel guru toscano non è più così incrollabile. Ma alla fine il puntarello della Lazio guadagnato contro il Lecce con le batoste prese da Atalanta e Milan appare perfino una grande conquista. Insomma tra l’empireo del metodo sarrista e il fango dei risultati non si è tenuto conto del Fattore C. Che alla fine è il più determinante di tutti… 

SERIE A 2022-2023

GIORNATA N. 35

Venerdì 12 maggio 2023

Lazio-Lecce 2-2

(34′ Immobile La, 45’+2′ Oudin Le, 51′ Oudin Le, 90’+4′ Milinkovic Savic La)

Sabato 13 maggio 2023

Salernitana – Atalanta 1-0

(90’+3′ Candreva S)

Spezia – Milan 2-0

(75′ Wiśniewski S, 85′ Esposito S)

Inter – Sassuolo 4-2

(41′ Lukaku I, 55′ Tressoldi aut. I, 58′ Lautaro Martinez I, 63′ Henrique S, 77′ Frattesi I, 89′ Lukaku I)

Domenica 14 maggio 2023

Verona – Torino 0-1

(29′ Vlašić T)

Monza – Napoli 2-0

(18′ Mota M, 54′ Petagna N)

Fiorentina – Udinese 2-0

(7′ Castrovilli F, 90′ Bonaventura F)

Bologna – Roma 0-0

Juventus – Cremonese 2-0

(55′ Paredes J, 79′ Bremer J)

Lunedì 15 maggio 2023

Sampdoria – Empoli 20.45

***

CLASSIFICA

Napoli 83 (35), Juventus 69 (35), Inter 66 (35), Lazio 65 (35),  Milan 61 (35), Atalanta 58 (35), Roma 59 (35),  Fiorentina 49 (35), Monza 49 (35), Torino 49 (35), Bologna 47 (35), Udinese 46 (35), Sassuolo 44 (35), Empoli 38 (34), Salernitana 38 (35), Lecce 32 (35), Spezia 30 (35), Verona 30 (35),  Cremonese 24 (35), Sampdoria 17 (34).

PROSSIMO TURNO

GIORNATA N. 36

Venerdì 19 maggio 2023

Sassuolo – Monza 20.45

Sabato 20 maggio 2023

Cremonese – Bologna 15.00

Atalanta – Verona 18.00

Milan – Sampdoria 20.45

Domenica 14 maggio 2023

Lecce – Spezia 12.30

Torino – Fiorentina 15.00

Napoli – Inter 18.00

Udinese – Lazio 20.45

Lunedì 22 maggio 2023

Roma – Salernitana 18.30

Empoli – Juventus 20.45

***

Il Milan e la questione settentrionale

Milano è la grande questione dell’anno. Da una parte esplode di opulenza e dall’altra ne soffoca. Succede anche a San Siro o comunque, in senso più lato, nel calcio. E se vince pure il Napoli, la questione non è più meridionale, ma settentrionale.  Con MilanoMilan e Inter intendo – non ci ha capito niente nessuno. E l’incomprensione continua. La stessa semifinale di Champions League è un mistero cui giriamo intorno, una specie di buco nero sospeso nello spazio che risucchia all’interno tutte le considerazioni, gli entusiasmi, le maledizioni, i pronostici sballati.

  Sono domande che mi faccio mentre osservo il Milan penare contro squadre di bassa classifica, pareggiare con la Cremonese e perdere addirittura contro lo Spezia. Cercare una maniera di preservarsi per il derby di ritorno in Champions e rimontare quei due gol di Dzeko e Mkhtaryan all’andata, darsi la speranza di non uscire dalla Champions League proprio sul più bello e all’ultima partita prima della finale, e al tempo stesso preoccuparsi per cercare almeno di ritornarci il prossimo anno in Champions. Sono due cose che fanno a pugni nel cervello di Pioli. 

 Pochissimi milanisti mi attraggono veramente – Maignan, Leao ma non sempre e comunque troppo vanitoso, Giroud il mio preferito ma spremuto come un limone, e vorrei tanto dire Ibrahimovic ma a 41 anni gli si è rotto il suo personale autoritratto di Dorian Gray per cui giace vecchio e scassato in tribuna -, nonostante sia, tutto sommato, la squadra che ha vinto lo scudetto precedente al Napoli. Quella ventina di punti di differenza sono inquietanti e se ci aggiungiamo anche i sette di differenza tra il Milan campione e il Napoli terzo un anno fa, più che un sorpasso è stato un umiliante doppiaggio in pista. Il Milan degli ultimi due anni è stato una specie di apparizione della “Signora in Rosso”, balla in maniera ultra sexy sulla grata dell’aria condizionata facendo intravedere una meraviglia, ma poi sparisce e diventa di fatto irraggiungibile.

Il rito tribale del processo ultra’

  Della sbandata del Milan mi indigna più di tutto quell’andare della squadra a capo chino sotto la curva dei tifosi in trasferta a sentirsi fare la ramanzina da certi ceffi che governano a modo loro la tifoseria. Il processo pubblico e immediato è la nuova conquista del potere giudiziario da parte tifosi. Sono loro che giudicano, dettano la linea, condannano, si sostituiscono in certi casi al potere legittimo.

  E’ inutile arrovellarci sulle questioni della violenza, della prepotenza e del razzismo se poi sono i club stessi ad attribuire alla tifoseria più estremista una tale importanza. Il diritto cioè di giudicare giocatori e in questo caso perfoino lo stesso Pioli. Vedere anche lui sotto la curva ad ascoltare in silenzio il tribuno del momento è stato un momento assai basso e per niente dignitoso.

  Il processo pubblico è un rito mafioso che segna la regressione del calcio a livello tribale.

 

 

 

LA STRAMBATA SULL’INTER DI INZAGHI e lukaku

Nella questione Milano rientra l’enorme imbarazzo per il singolare caso Inzaghi. Già scaricato nell’indifferenza e nell’indifferenziata e poi prontamente recuperato una volta accortisi che l’allenatore non era affatto scaduto, ma anzi perfettamente commestibile e pure assai buono. Come e perché l’Inter sia stata inguardabile e deludente per buona parte della stagione e adesso sembri solida a tal punto da poter addirittura tener testa al Napoli (ma è troppo tardi…) e conquistare perfino la finale di Champions League contro quei mostri sacri del Real Madrid di Ancelotti e del Manchester City di Guardiola non sappiamo. Obnubilamento di Inzaghi superato? Scarsa pazienza e crudele indulgenza dei critici? L’inaspettato ritorno di Lukaku anche lui gettato troppo in anticipo tra gli scarti di questa indecifrabile stagione? Come che sia, qui l’Inter ora vola, cinque vittorie una dietro l’altra in campionato con una raffica di 18 gol, si rivede la tanto amata Lula di Lukaku e Lautaro.

Ohibò il mondo sottosopra, tracolla Pioli col suo Milan, ora più che mai attaccato all’esile filo del derby di Champions League, ritorna prepotentemente l’Inter e l’allenatore che l’ha raccolta dopo l’abbandono di Antonio Conte. Inzaghi e Lukaku hanno completamente rovesciato il tavolo dei critici e ora sono loro a chiedere giustizia e pubblica gogna per chi li aveva così prematuramente scaricati.

  Chiedo venia nel mio piccolo, ma vigliaccamente mi riparo nella moltitudine di coloro che hanno scagliato – tutti insieme – la prima pietra. Alla potentissima Gazzetta dello Sport, autorevole house horgan dello sport italiano, e portabandiera della fu capitale del calcio, hanno dato il via a una spettacolare strambata che manco ai tempi di Luna Rossa e Paul Cayard. Simone resta con noi, t’abbiamo sempre voluto bene!

Sarrismo e Fattore C

Se il Sarrismo è una religione, i risultati sono la tentazione del demonio. Il Sarrismo vola alto e i risultati negativi (tre sconfitte con Torino, Inter e Milan, una vittoria col Sassuolo e un pareggio faticosissimo col Lecce) lo riportano verso il basso, nel fango della classifica. E’ inevitabile, il Sacchismo è stato anch’esso fede e religione pura, ma non sarebbe esistito se quel Milan non avesse vinto due Coppe dei Campioni. Se le avesse perse nessuno ricorderebbe la meraviglia di quel gioco. Anche se Sacchi provava a negarlo, dicendo che dei Mondiali del 1974 si ricordava più l’Olanda di Rinus Michels e Johann Cruyff che li avevano persi della Germania Ovest di Schoen e Beckenbauer che li avevano vinti.

  Maurizio Sarri ha risposto così a chi gli domandava se ritenesse un fallimento non portare la Lazio tra le prime quattro, dopo essere stata addirittura seconda dietro il Napoli: “Te fai parte di quella categoria di giornalisti, che nella griglia di inizio anno ti mette settimo e se poi arrivi quinto parla di fallimento. Se arriva fuori dalla Champions qualcun altro può essere un fallimento, noi no. La realtà è questa, poi se qualcuno dice cazzate, non mi riguardano”. Ma anche il Sarrismo esiste perché a Napoli ha sfiorato lo scudetto ed è arrivato due volte secondo. E il Sarrismo oggi resiste perché se la Lazio pareggia con il Lecce, l’Atalanta perde con la Salernitana e il Milan perde con lo Spezia. Cioè tra l’empireo del Sarrismo e il fango dei risultati, esiste quell’ampia terra di nessuno del Fattore C che nessuno governa ed è spesso determinante. 

***

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

SOCIAL BLOOOOG!

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTRAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTRAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

Twitter per Bloooog!

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

***

SINTESI

SERIE A, 35a giornata – ⚽ – Dopo lo scudetto al Napoli s’apre la “questione settentrionale” di Milano e della fu capitale del calcio italiano. Il Milan campione d’Italia va a picco, in campionato la corsa per il posto in Champions si fa sempre più faticosa,  mentre la speranza di ribaltare il derby di semifinale di Champions League in queste condizioni è veramente ridotta al lumicino. Il tutto mentre gli ultrà si prendono il diritto di umiliare la squadra e l’allenatore convocandola e processandola pubblicamente sotto la curva, alla presenza dell’allenatore. Che si sottopone a una gogna assai poco dignitosa. – ⚽ – E intanto l’Inter di Inzaghi ha rovesciato completamente il tavolo e adesso vola, se il Napoli lo scudetto non l’avesse già vinto chissà…  E’ ritornata la Lula, Lukaku ha ripreso a fare gol e su Inzaghi, già scaricato da tutti (me compreso…)  si assiste a clamorose strambate della critica che nemmeno ai tempi di Luna Rosa e Paul Cayard: Simone resta con noi, t’abbiamo sempre voluto bene!  – ⚽ – Alla Lazio si assiste a un momento di crisi nella vocazione sarrista, la fede nel guru toscano non è più così incrollabile. Ma alla fine il puntarello della Lazio guadagnato contro il Lecce con le batoste prese da Atalanta e Milan appare perfino una grande conquista. Insomma tra l’empireo del metodo sarrista e il fango dei risultati non si è tenuto conto del Fattore C. Che alla fine è il più determinante di tutti… 

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
83 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

ROS

…sembravano scolaretti che ascoltavano il maestro.Invece son milionari che accettano la parte come attori da parte di squallidi personaggi.

Bob Aka Utente11880

Quindi fatemi capire: tutti giocano con le squadre B per non rischiare infortuni in vista dei ritorni di coppe e voi vi giocate e fumate Pogba con la Cremonese?

alberto_ol

Se non si faceva male ieri si sarebbe fatto male in allenamento o cin il siviglia e magari sarebbe stato peggio, costringendoti a un cambio forzato nella partita più importante.

Tenerlo a casa sul divano pagato parecchi milioni non mi sembra un alternativa sensata.

L’errore, con il senno di poi, è stato prenderlo anche se a parametro 0.

Il resto sono chiacchiere inutili.

Bob Aka Utente11880

In effetti, a posteriori, il rischio evidentemente c’era

Nathan

Sempre più inspiegabile il comportamento del Milan in campo,come se la semifinale contro l’Inter abbia di colpo prosciugato le energie nervose della squadra, ancor prima di scendere in campo.
Continuando su questa strada i rossoneri rischiano seriamente il piazzamento Champions.
Il Barone (non Liedholm),a fine gara, avrà sicuramente toccato le corde giuste per motivare i calciatori in vista delle prossime partite.

Modifica il 1 anno fa da Nathan
M1nos7e

Giocatori spremuti… e seconde linee con pochi o nessun minuto nelle gambe…

Tersa

Ultras = delinquenti organizzati
Finché non si realizzerà che gli ultras sono dei delinquenti della peggiore specie e non si prenderanno i dovuti provvedimenti ne vedremo sempre di peggio. Questi delinquenti mirano a “controllare” gli stadi per gestire e lucrare sui propri affari malavitosi.

ConteOliver

Purtroppo hai ragione al 100%

Purtroppo…

commentanonimo

Bocca…mi fai pensare. Ti dico una cosa pero’. Se da scienziato fallisco e chi mi da’ i soldi mi fa un c…o quadro, intendo i finanziatori, non chi mi paga lo stipendio, non lo trovo poi cosi’ vergognoso. Rifraso, gioco, faccio pena e la curva che mi segue, mi fa il mazzo. Non cosi’ terribile come la fai te.

kit carson

non è la curva, è un gruppo di imbecilli di una curva, se vuole manifestare dissenso ha tanti altri modi piú civli per esprimerlo.

e non credo che se fallisci al lavoro vengono a minacciarti sotto casa, insomma non mi pare la stessa cosa.

Modifica il 1 anno fa da kit carson
Luc10 Dalla

Non è proprio così, questi sono mafiosi, è bene chiamarli col loro nome, mafiosi (e in quanto tali anche fascisti, per giunta).

Anni fa la curva del Genoa fece andare la scuadra sotto la curva e gli intimarono di levarsi la maglia perchè non la onoravano, l’unico che ebbe le palle di non togliersela fu Sculli, ma solo perchè poi si rivelò essere veramente un mafioso.
Dobbiamo lasciare gli stadi in balia di ‘sta feccia?

commentanonimo

Sì, ho inquadrato male il problema, lo ammetto. La sconfitta è parte dell’evento sportivo e non è giustificabile minacciare chi perde. Rileggendo con calma le dinamiche dell’evento, concordo. Inaccettabile.

Luc10 Dalla

👍😘

Modifica il 1 anno fa da Luc10 Dalla
Antonio Trilussa

Mi sembra proprio un ragionamento scientifico…
Gruppo Ultrà Einstein

Quattroquattronovetredue

In tiepida attesa, e sottolineo tiepida, di Bologna-Roma, vi sottopongo un quiz di cultura generale.
Come si chiama il nunzio apostolico a Kiev?
1 Klauditius Lotitevicius
2 Visvaldas Kulbokas
3 Ayeye Brazov

Bombaatomica

Io avrei più ragionato sulla differenza tra un asino e la Torre degli Asinelli 😂😂😂

inox

Buongiorno Fabrizio

Il 3 maggio 1938, Benito Mussolini, Galeazzo Ciano e il re Vittorio Emanuele II di Savoia accolgono, alla stazione Ostiense di Roma, Adolf Hitler. 85 (ottantacinque) anni e qualche giorno dopo, passati attraverso una guerra mondiale e la conseguente definitiva occupazione anglo americana dell’Italia, un nazista in visita in Italia accolto dal Papa, dal Presidente e dal Presidente del Consiglio. No. Non è il mio paese questo paese. A proposito: l’armocromista della Meloni ha vita facile. Giorgia va dal Papa? Bene. Vestita completo bianco. Giorgia va da Zelensky? Nessun problema: vestita completo nero. E’ vero? Fabrizio Maestro; Giorgia, bianco confetto ripieno di Selg-Esse 1000, non convince. Vince con il colore completo nero. Inutile: un completo cucitole addosso. A proposito di “vince”. Torniamo un peletto su Spezia-Milan 2/0: partita rocciosa e applicata dei liguri. Partita preparata male e finita peggio milanista responsabile, uno scarso Pioli. Allora: gioca Pobega ancora una volta fuori posizione. Pobega deve giocare tre quartista anche per meglio sfruttare il suo discreto tiro. Non per nulla, una delle poche conclusioni in porta, è di Pobega che gioca male non perché è un brocco ma perché fuori ruolo. Origi alto a sinistra non si può vedere. Nel Liverpool solo dietro la prima punta. Adli  entra e non fa nemmeno così malaccio ma allora perché non inserirlo molti mesi prima? Fuori Hernandez inspiegabile. La partita era ancora in divenire. Giroud è scoppiato? Non hai una punta giovane? Perché hai dato in prestito Lazetic? E’ così scarso? Tutta sta manfrina per raccontare come è in pezzi il Milan. Allora noi, in vista di martedì p.v. e vista la partita contro il Sassuolo e il ritorno del figliol prodigo belga, pensiamo: è fatta! Siamo in finale! Prenoto in anticipo il biglietto per Instambul. ERRORE! No, no, no, no, no, no, no, sbagliato. Il tifoso può anche pensarlo ma non i giocatori. Il Milan, quando si ritrova nell’angolo o se volete nel fondo del barile, trova sempre il modo per l’ultima spinta e salvarsi nonostante Pioli. Quindi insisto, buco del culetto stretto, stretto, stretto che manco un abbozzo di progetto di peto trova scampo nell’uscita. Mi raccomando. Intervistato, Calabria, dichiara: eh! sti cazzi! Dzeko è grosso ma Nzola, anche di più. Poi….così scuro scuro… quasi si mimetizzava col nero della nostra maglia. Poi sotto la curva insieme agli altri fra rimbrotti e incoraggiamenti. Così, a braccio, dalle foto, i capi ultras reduci simil guardia del corpo di Zelensky. E tutti zitti. Va beh! un Calabria, direte voi, passi. Ma questi rimbrotterebbero anche il Mito Maldini. Ste rumente. Roba da matti.

RM28

Usare le parole a sproposito fa perdere loro di significato, e impoverisce tutti.
Il nazista è colui che non accetta la forza del diritto ma fa prevalere la propria, di forza, e considera la sua visione del mondo come l’unica possibile.
Per questo rimuove tutti gli ostacoli che trova sul suo cammino per raggiungere i suoi obiettivi, noncurante di quello che pensano gli altri.
Il nazista è populista, razzista e soprattutto totalitarista. E’ totalitarista perché per i suoi scopi è disposto a invadere territori non suoi, razzista perché considera gli abitanti di quei territori inferiori a lui, e populista perché giustifica il tutto con “la difesa della Patria”.
Hanno capito tutti, in questa partita, chi è il nazista.
Siete rimasti, tu e l’altro fenomeno, ultimi giapponesi nella giungla.

Leo 62

Vabbeh non ci hai capito una minchia… da questo punto di vista sei una sicurezza Carlé… sembra la storia della poltica americana degli ultimi 70 anni dalla Corea in poi…

Archaeox

Panzane: l’aggressore neocolonialista e neoimperialista è Putin.
E semmai è la sua Russia ad essere fascista.
Con il suo regime reazionario, aggressivo, machista e violento.
Con la sua repressione contro qualsiasi opposizione o dissenso (in continuità con il regime zarista prima e quello sovietico poi) e i soliti sproloqui di tutti i clerico fascismi contro la democrazia, la “corruzione” dell’Occidente, le plutocrazie.
A Kiev vannno date tutte le armi e tutto il sostegno economico affinchè la Russia in Ucraina faccia la fine che fecero gli USA in Vietnam: a casa con la coda tra le gambe

Modifica il 1 anno fa da Archaeox
Bombaatomica

Resto allibito di come tu possa aver ricevuto 6 pollici versi…..

Per carità, libertà di parola e di opinione ma definire Zelensky un nazista e Putin (di riflesso) un eroe, la dice lunga sulla disinformazione in questo Paese è sui perché abbiamo avuto il Fascismo in Italia….

Leo 62

Bomba, dopo la sociologia lascia perdere pure questo… la vittima della disinformazione sei tu e quall’altro fenomeno più sopra… nei fatti si tratta proprio di una fascista che ha accolto un nazista corrotto e cocainomane, con la benedizione degli USA,che quando si tratta di nazisti e fascisti ( e pure di cocainomani ) ci sguazzano, dai tempi dei golpe in sudamerica e della gente buttata nell’oceano dagli aerei, ma anche da molto prima, considerato che la NASA l’hanno messa in piedi con la tecnologia e gli scienziati nazisti… i russi stanno solo cercando di evitare che la NATO gli metta i missili a 5 minuti da Mosca e gli Ukro-Nazi, in odio atavico verso i russi, stanno facendosi massacrare per permetterlo. Fossi nel popolo ucraino a Zelensky gli farei fare la stessa fine di Mussolini, perché quella si merita… e prima o poi…

Modifica il 1 anno fa da Leo 62
Bombaatomica

Leo, parla di Milan e di Spezia, che è meglio….
Eviti ridicolaggini e stupidaggini populiste.

Parlami piuttosto dell’appecoronamento dei tuoi beniamini al cospetto dei boiardi, membri del Politburo soviet-milanista 😂😂

Leo 62

Bomba statti bonino che tu non capisca come stanno le cosa mi sembra il minimo… ma non ce rintignà che poi è peggio… pensa a pulì i branzini piuttosto, che quello è il tuo.

Gipo

E comunque Sleepy Joe, o il suo staff, sono dei geni di politica estera…
Stanno riuscendo a fare cose impensabili senza neanche sporcarsi troppo le mani…

Leo 62

Sleepy Joe va benissimo perché serve appunto uno abbastanza rincoglionito da non essere troppo attaccabile… chi decide sono altri, e la logica appunto è quella di distruggere per ricostruire, e nel frattempo dividere l’Europa… se la carne la portano gli ucraini tanto meglio, però il problema adesso è che non sanno come fermarli.

Mordechai

Cosa ti fa credere che quel nano malefico di Vladimir Putin sia meno nazista e più presentabile dell’altro Vladimir, anzi Volodymir?
Ste rumente. Roba da matti.

Il mattino ha loro in Bocca

👍 …stavolta te la firmo.

mario rossi

Bocca scusi tutti siamo eroi a parole ma questi ceffi sanno dove metti la macchina, dove abiti e anche dove vanno a scuola i tuoi figli. Sono malavitosi veri non teppisti da strada per cui massima solidarietà a pioli & company, se si sono sottoposti a queste forche caudine forse erano anche preoccupati e magari hanno già ricevuto intimidazioni varie.

convenevole da prato al secolo Nicola Romanoo

Pienamente d’accordo , io dovrei fare l’eroe, mentre il governo che dovrebbe tutelarmi pensa alla sostituzione etnica, alle vignette e ai discorsi del fisico Rovelli al concertone del primo maggio , io avrei paura, voi di sotto pensatela come volete .

ConteOliver

E si, è certamente colpa del governo

Del resto questi gruppi sono nati appena 8 mesi fa, in uno col governo meloni

Possibile che nessuno se ne sia accorto?

Intanto anche cosa nostra e ndrangheta imperversano…

E al governo?
Muuuuuuuuti

2econdo me

Appunto, fintanto che lì dove si ha l’autorità per farlo qualcuno non deciderà di SCIOGLIERE queste organizzazioni del tutto simili a clan mafiosi assisteremo ancora e ancora a queste scene, ai cori finto-razzisti usati come armi di ricatto etc.

Le curve vengano restituite alle famiglie, ai cittadini che vanno allo stadio per assistere ad una competizione sportiva. Il diritto a manifestare il dissenso c’è sempre e non ha nulla a che vedere con queste brutte immagini.

Modifica il 1 anno fa da 2econdo me
Archaeox

D’accordo sui tutto, tranne che sui cori, che di “finzione” non hanno proprio nulla.

Bob Aka Utente11880

Io invece non sottovaluterei l’ipotesi del sig. Rossi.

2010 nessuno

No mario, no, se abbozziamo sempre quando ce ne liberiamo? Avere la possibilità di seguire e praticare in pace lo sport, il calcio nel caso, esige un prezzo da pagare ed un’attenzione costante per non perderla, e Bocca , qui sotto, ha ragione eccome.

L’Avvocato (della Signora)

tutto giusto @Bocca, ma credo @mario rossi intendesse sottolineare un lato umano di quella sottomissione (sul cui significato mafioso e intimidante tutti siamo d’accordo) e la difficoltà tutta umana di resistervi. il fatto che qualcuno l’abbia fatto non condanna ulteriormente chi ha paura, cioè chi vi si piega, ma certamente ingrandisce chi non ne ha o non ne ha avuta (tipo Maldini). è difficile resistere alla violenza, superare la paura. la verità è che le istituzioni dovrebbero liberare le società sportive e la società italiana da questi delinquenti. se non lo fanno i poteri pubblici, quelli dotati del monopolio dell’uso della violenza, delle armi e delle leggi, come possiamo aspettarci che privati cittadini lo facciano?

convenevole da prato al secolo Nicola Romanoo

A giudicare dai pollici sono al momento l’unico codardo del bloog, ovviamente l’inazione di cui parlavo sopra vale anche per i governi precedenti .

L’Avvocato (della Signora)

gli ultras sono delinquenti comuni, ma basta che non organizzino dei rave…

convenevole da prato al secolo Nicola Romanoo

E che si sposino tra sessi diversi , secondo il rito di Santa Romana Chiesa , in modo indissolubile come fatto dai tre capi ( Giorgia , Matteo e Silvio .

cipralex

Mah, io tutta sta sorpresa non ce la vedo.

Sono 3 anni che, con la complicità di Paratici, l’Internazionale di Milano ha la rosa di gran lunga più forte del campionato italiano (quale giocatore del Milan della juve o dello stesso Napoli sarebbe titolare nell’Inter ?).

E’ riuscita a perdere due scudetti, la sorpresa è questa.

Per il resto io sono trent’anni che ho smesso di andare allo stadio quando, con mia figlia, cercando di andare a vedere un Padova-Juve, ho incrociato gli ultrà di quest’ultima marciare in formazione paramilitare con passamontagna d’ordinanza…….

Mordechai

Sulla partita che dire? Nulla, non vale la pena.
Ma sulla terrificante scenetta dei giocatori a capo chino…una tristezza infinita, poi ci stupiamo dei buuu, dei devi morire, delle banane lanciate in campo…
Che schifo.
Buona domenica (qui da me, piovosa) a tutti.
😊

convenevole da prato al secolo Nicola Romanoo

Qui a Nettuno invece il sole un pò c’è ,un pò si nasconde dietro le nuvole, eppure non siamo lontani, buona domenica anche a te , e mi raccomando non eccedere con le libagioni che hai una certa età .

Mordechai

Oggi ho pranzato a casa, coniglio e patate,, tutto buonissimo. In realtà, quasi mai a tavola…mi lascio andare, sto abbastanza attento insomma.

Bob Aka Utente11880

L’unico output di ieri sono i 3 punti che ci siamo guadagnati, che ci staccano dalla quinta.
Non rischierei altre letture, sia per noi che per i cugini, in vista di martedì, vedremo come andrà.

Leo 62

Per fortuna non ho avuto modo di vederla, e non è che mi aspettassi molto, sia perché lo Spezia oramai ha sostituito il Verona come nostra bestia nera, sia perché le partite attorno alle sfide di Champions le giochiamo sempre male. E’ forse questo il nostro preciso limite su cui bisognerà lavorare, non reggiamo il doppio impegno, e peggio ancora lo reggiamo se il nostro allenatore gestisce così male la rosa a disposizione durante la stagione. L’anno scorso l’eliminazione al primo turno è stata la premessa per andare a prenderci lo scudetto, insieme al fatto che l’Inter avesse fatto un turno in più, quest’anno avere dato il massimo nella Champions ci ha portato a perdere molti punti in campionato, con il rischio di non portare a casa nulla, visto che al di là di uscire dall’Inter in semifinale ( cosa che mi sembra quasi sicura, considerato il differente stato di forma ) non avremmo di sicuro potuto nulla contro City o Real in Finale ( va bene i miracoli, ma c’è un limite a tutto…).
Ora per entrare nella quattro di Champions dobbiamo reggere Atalanta e Roma ( grazie Salernitana e forza Bologna… ) e pensare di prendere una Lazio che è a tòcchi come noi in questo finale di stagione, e nel caso non prendessimo la Lazio, contare sulla penalizzazione della Juventus ( che non sarebbe nemmeno giusto… ).
Direi che se alla fine ce la facessimo in questo modo sarebbe lo stesso un mezzo fallimento.
Quindi, specialista del bicchiere mezzo pieno, lo voglio vedere anche questa volta e spero che questo finale di stagione ( sufficiente nel complesso solo per la Semi di Champions ) convinca la proprietà a ringraziare Pioli per i begli anni passati assieme, in cui si è arrivati a risultati superiori al prevedibile, e trovare un allenatore in grado di dare qualcosa di più, soprattutto in termini di saper difendere sulle palle da fermo avversarie ( un mezzo scandalo quest’anno ) e di schemi di attacco ( che non si possono annullare se ti manca un solo giocatore…).

Sergiod

Certo Leo, magari sostituendo Kessie e Chalanoglu in modo adeguato, investendo su giocatori fisici di cui necessita il calcio moderno, attrezzando l’attacco come fanno tanti altri club ed evitando i tanti infortuni, specie muscolari, che hanno caratterizzato le ultime due stagioni.
Non si può essere competitivi con 11-12 giocatori soltanto, ci vuole una rosa adeguata è competitiva soprattutto a livello tecnico.
Sei sicuro che Carletto, giusto per citare un nome, avrebbe fatto meglio di Pioli con questo gruppo a disposizione? Io proprio no.

Leo 62

Kessié non doveva essere lasciato andare, o sostituito meglio Sergio, non ci sono dubbi,…ma non puoi dire che abbiamo solo 12 giocatori, ne abbiamo almeno 16 all’altezza della situazione, altrimenti l’anno scorso non avremmo vinto lo scudetto, ed altri due che Pioli ha fatto giocare troppo poco anche solo per sapere se lo fossero.
Con questo gruppo, gestito meglio e dando più opportunità ai vari Origi, De Ketelaere, Ballo Touré, Adli, Vranckx, Thiaw e Pobega sono molti gli allenatori che avrebbero fatto meglio, penso ad esempio a Sarri che sta facendo i miracoli con una rosa veramente scarsa come quella della Lazio. Per me Pioli il suo al Milan l’ha dato… e non è stato poco… tante grazie, ma passiamo ad altro.

Pavipollo

Avendo spento la TV, schifato, al fischio finale non avevo visto la scena della “andata a rapporto” quando ho scritto il mio precedente commento. Ora leggo e vedo le foto: che tristezza. In tutti gli anni che seguo e tifo Milan, neppure quando siamo scesi in B (“una volta pagando e l’altra gratis” come diceva quel grande nemico, la cui arguzia era difficile da non apprezzare nonostante, appunto, la diversa fede), neppure dopo la mitica sconfitta in B contro la Cavese (posso dire “io c’ero”j, neppure allora avevo visto il Milan andare a Canossa dai tifosi… Anzi, no, non dai tifosi ma dalla curva! Mala tempora currunt.

Bombaatomica

Ohhhhhhh, e così anche il Sor Bocca – parlando di fattore C – torna a Canossa in ginocchio sui ceci 😂😂😂

Nulla di nuovo 🤷🏻‍♂️
Adesso anche i negazionisti hanno capito perché la LAZIO ha perso lo scudetto 2022/2023. Buttare via punti con le piccole (Lecce 4 punti, Salernitana 3, Empoli 2, Sampdoria 2, Verona 2, Torino 4, Fiorentina 2 Juventus 3 😂) è stata la terribile costante di quest’anno.
Non siamo pronti per il grande salto di qualità.

La giornata è meno amara Grazie alla sconfitta dell’Atalanta a Salernitana e der Milan a Speziaaaaa ahahah 😂😂😂
Che ho dicevo?
Questi peracottari col tridente e corna fanno tanto i galletti quando incontrano la LAZIO. Non so perché, ma fanno sempre la partita del secolo. Poi però giocano con Cremonese e Spezia e prendono gli schiaffi 😂😂
Bene così 👍

L’Inter vince. Ci sta.
E ce monta sopra 🤷🏻‍♂️
Ci siamo giocati tutti i bonus: nelle ultime 5 gare, 3 sconfitte, un pari (ma è come una sconfitta) e una vittoria.
Ce l’avete tirata, eh?

Mordechai

Arrivate quinti, Ciccio.

2econdo me

Vedo che molti sono più preoccupati del gioco del Milan che schifati da quell’immagine vergognosa che immortala squadra e allenatore sull’attenti al cospetto di quattro teste (vuote) rasate

Modifica il 1 anno fa da 2econdo me
dif1956

sbaglio o i giocatori alla fine applaudono? Nessuno di loro ha il coraggio di dire quello che (spero) pensa veramente?

Sergiod

Hai ragione, ieri in tarda serata ho visto quelle immagini.
Che il Milan è in difficoltà con una rosa inadeguata, giocatori stanchi e gioco quasi inesistente ci può stare, è umano.
E’ vergognoso che le curve abbiano potere e prepotenza e si sentano padrone , alla fine nessuno vuole o può prendere provvedimenti.
Non penso che i giocatori, che fanno certo parte di una categoria privilegiata, sono lavativi o vigliacchi e fa davvero male vedere scene che si ripetono e si intensificano in una società nella quale molto spesso chi delinque sembra più protetto di chi si comporta civilmente.
E per i media questi sono i tifosi..come dice Capello il calcio italiano è sotto scacco degli ultras, incredibile ma è così.

Chakkko

Vittoria importantissima ma assai difficoltosa per un’Inter rimaneggiata per esigenze di turn-over di fronte ad un Sassuolo pieno di giocatori dai piedi buoni che quando giocano a San Siro si trasformano in una succursale del Real Madrid. Difficoltoso l’approccio, lenta la carburazione (soprattutto del vero motore di questa squadra, Brozovic) mentre i neroverdi si presentavano ripetutamente davanti ad Handanovic con la loro manovra avvolgente ed i guizzi di un ispirato Berardi. C’è voluto un movimento di Lukaku simile a quelli di tre anni fa per bucare una difesa attenta a giocare sempre sull’anticipo ed a non lasciare spazi.

Nella ripresa ci troviamo in vantaggio di tre gol quasi senza capire come (comiche le due deviazioni di Tressoldi) anche se l’approccio è stato migliore, grazie anche alla presenza di Lautaro entrato al posto del “solito” Correa. Ma il Sassuolo non si scompone e, a differenza dell’Inter, continua a giocare bussando due volte a rete senza essere contrastato adeguatamente dai giocatori nerazzurri, sull’orlo di una bambola completa. Per fortuna una ripartenza di Brozovic col Sassuolo sbilanciato fa arrivare al solito Lukaku la palla del gol della sicurezza. Bene la vittoria, certo non la “strizza” finale.

Per i singoli, Lukaku finalmente al centro della scena stasera; Brozovic croce e delizia (nel senso che la squadra cresce o cala di pari passo con la sua prestazione); difesa rivedibile nei singoli; Bellanova ha mostrato buoni spunti. Maluccio Aslani.
Nel Sassuolo bene la manovra davanti, con un Frattesi sugli scudi; rivedibile dietro (oggi Consigli non era tanto in giornata).

Saluti

Tersa

Sadness, sadness. Vedere il Milan, la squadra con la Champions nel DNA, andare a rapporto (compreso Pioli) sotto la curva dagli ultras con le teste rasate, dopo la sconfitta per 2-0 contro lo Spezia, è stato miserevole. Una scena, purtroppo, non inusuale nel calcio italiano.

il ghiro

Un Sabato Italiano
Comincia bene questo sabato con una sorprendente vittoria dei granata salernitani sulla Dea, grazie alla splendida stoccata in pieno recupero del nostro vecchio amico Antonio Candreva, passo avanti dei campani sulla permanenza in A, passo indietro dei nerazzurri verso la qualificazione europea.
Continua bene a Spezia con la sorpresona della sconfitta per 2-0 dei diavoli a La Spezia. Il Milan di don Pioli schiera una squadra molto ritoccata, senza Leao, Bennacer e Krunic, dentro Kalulu, Pobega, Rebic e Origi. Ma questo non giustifica la secca sconfitta dei diavoli in terra ligure, solo due pali colpiti dai rossoneri con Tonali e Diaz sono il bilancio complessivo dei tanti attacchi alla porta del Drago polacco, invece arrivano i due gol spezzini, prima segna su corner lo stopperone polacco Wisniewski, poi ci pensa “Presbitero” Esposito con una magistrale punizione nel sette che beffa Maignan, l’entrata dalla panchina di Ballo-Tourè, CdK, Adli, Giroud e Calabria non sposta di una virgola gli equilibri in campo.
Il turnover di Inzaghi è ancora più sanguinoso, si salvano solo Acerbi, Dimarco, Brozo e Miki, gli altri titolari vanno tutti in panca a tenergli compagnia, il Sassuolo è invece in formazione tipo, fuori solo G.M. Ferrari e l’ex Pinamonti. Si comincia con due gol annullati per f.g., uno di Berardi su perfetto assist di Laurientè, uno di Correa con una fucilata che piega le mani di Consigli. Ma il primo gol valido è di Lukaku che riceve palla, si libera di Tressoldi con una culata e spara una bastonata di sx dal limite che fa secco Consigli. Poi arriva un primo clamoroso autogol di Tressoldi su cross rasoterra di Bellanova, un secondo altrettanto clamoroso autogol dello sfigatissimo Tressoldi su tiro di Lautaro, una rete di testa di Henrique su perfetto assist da dx di Berardi, un gol fotocopia con assist da sx di Rogerio per il colpo di testa di Frattesi, e la chiude Romelu Lukaku col solito sx nell’angolino sull’uscita di Consigli, per un perentorio anche se sofferto 4-2.

Modifica il 1 anno fa da il ghiro
Bob Aka Utente11880

Un importante passo verso il vero onesto obiettivo di quest’anno, il terzo posto, onde evitare sorpese.

ConteOliver

In realtà, buon vecchio Bob, voi puntate da sempre il terzo posto, storicamente

e non per evitare sorprese, bensì per farle … 😆

Bob Aka Utente11880

Ovviamente caro Conte (a te non la si fa ..)

Antonio Trilussa

Fanno tutti gara a perdere, tanto c’è la Juve con -15…
Oh, la Juve è ingombrante quanto la cattiva coscienza di tutti gli altri, ma libera un posto solo!

Tersa

Il fato si sta riprendendo dal Milan tutto quello che gli ha elargito in abbondanza (insieme a tanti arbitri compiacenti) fino ai quarti di Champions. C’è la concreta eventualità che rimanga meritatamente fuori dalla prossima Champions, troppi giocatori con comportamenti “lunatici” e forse anche troppa presunzione dei dirigenti e dell’allenatore.

Leo 62

Qualcuno ha un rimedio per i bruciori di stomaco?… il ragazzo qui ne ha bisogno…

convenevole da prato al secolo Nicola Romanoo

Eppure si direbbe che ha riscosso una discreta approvazione .

I Bruciori di stomaco dopo il Quarto di Finale Champions sono un problema diffuso in varie tifoserie…

inox

Buongiorno Fabrizio

Eh! ma gli manca Leao. Ma dov’è Leao? Leao rinnova. Leao e pitipò. Leao e pitipì. Allo Spezia, da mesi, mancano: Holm, Sala, Moutinho. Nzola spesso infortunato. Oggi Agudelo, squalifcato. Eh! si, ma vuoi mettere Leao? Si, vuoi mettere che sarà per la sua assenza ma il Milan non fa un tiro in porta. Leao. All’Inter manca Skriniar così, per dire. Visto l’arrivo in La Spezia dei due pullman griffati Milan. Uno per i giocatori, uno per Doveri e il suo mazzo di corna. Doveroso parlare di Doveri. Spinta in area dello Spezia di Esposito su Diaz. Per Doveri, giustamente, non c’è nulla, Diaz si incazza e protesta intanto l’azione si sviluppa e in contropiede gli Aquilotti in tre passaggi sono in area milanista. Doveri ferma l’azione per ammonire Diaz per proteste. Di solito si fa finire l’azione e solo dopo si ammonisce. Giroud pugnetto come una pugnetta tuttavia, sempre di sega si tratta, a Nicolau. Niente. Un rimbrotto e basta. Ma per favore! Grande Spezia. piccolo Milan. Non vuole dire: qui ci ha perso anche l’Inter e vinto il Monza. Comunque tre punti PESANTISSIMI. Ora un occhio al Sassuolo e principio di orifizio anale serrato. Due ultime cose: ma con che foga gioca la Salernitana? Tantissima roba. Bella squadra. La Lazio è scoppiata come una bolla di sapone nelle mani del Maestro Sarri alla fiera del patrono.

Luc 68

Aaaahhh lo Scansuolo 😂😂😂😂

Bob Aka Utente11880

Beh 3-2 non era proprio uno scansamento.. e comunque vogliamo parlare dell’ultima dello scorso campionato ?

Luc 68

Come avevo anticipato Milan e Atalanta hanno perso …. ma che per caso tutto ciò serve a garantire il secondo posto all’inter per motivi pubblicitari? Perchè si sa alla Juve ridaranno i -15 con gli interessi 😂😂😂

Sergiod

Sopraffatto dal mio pessimismo cronico e dalla mia visione di calcio ignorante ho preferito seguire una appassionante gara di playout serie C femminile dì pallavolo invece di stare davanti alla tv per una gara speziale.
Ho fatto bene? Penso di sì, sono naturalmente dispiaciuto per il brutto risultato , vediamo se martedì il Milan saprà almeno disputare una gara dignitosa.
I conti si fanno alla fine, se per noi rossoneri non è già finita.

Pavipollo

Non ho più aggettivi (pubblicabili) per descrivere il gioco del Milan. Quanto alle scelte di Pioli ho perso ogni speranza di capirle: se avesse messo le riserve (scarse) perdendo una marea di punti, tanti che riusciremo a non qualificarci per la CL nemmeno se alla Juve dessero 50 punti di penalizzazione (ed io spero che non gliene siano neanche uno), per avere poi 11 leoni nella semifinale avrei anche potuto capire, ma con l’Inter sono andati in campo 11 che con “leoni” facevano solo rima (iniziando con “cogl…”)!

Antonio Trilussa

Povero Diavolo.
A Napoli si mangiano le mani.

2econdo me

Invece di mangiarsi le mani ora potevano provare a vincere allora. Eliminazione che abbassa drasticamente il voto della stagione del Napoli

Festa permanente

Napoli dopo aver appreso del tuo voto drasticamente abbassato

napoli.jpg
Luc10 Dalla

Oh ma se non volete andare in champion bastava dirlo un pò prima che non regalavamo punti a verona ed empoli 😜

Pavipollo

Su, dài, fate il vostro oggi così dopo averci aiutato a vincere lo scudo l’anno scorso ci date ancora una mano ad arrivare in CL quest’anno…

Modifica il 1 anno fa da Pavipollo
Lorenzo

Lo dicevo dopo aver visto di sfuggita lo Zwischenstand con l’Empoli, 2-0 nel giro di venti minuti se non ricordo male: sono incominciati i saldi di fine stagione. Squadre carenti in classifica, per qualche milionata mandiamo in campo Krejci, Mbaye e Skov Olsen. Risultato garantito! Peccato perché con la possibile esclusione dalle coppe della Juve, l’ottavo posto non farebbe schifo.

Luc10 Dalla

Col Bologna è così da sempre…tra ottavo e dodicesimo posto non ci cambia la vita, qualche milioncino magari sì. Bisognerebbe incontrare tutte le scuadre bisognose nelle prime giornate del girone di ritorno 😉

83
0
Cosa ne pensi? Lasciami un commentox
()
x