Torino - Napoli 2-1

SERIE A, 12a giornata – ⚽ –  Il Napoli ringrazia il Torino che ha battuto il Milan e adesso è più solo in classifica: + 5 sull’Atalanta e + 6 sul rossoneri. Pioli non perdona a Leao due gol sbagliati nella prima parte della partita e lo umilia tirandolo fuori nell’intervallo. Spazzando via così il clima idilliaco che regnava al Milan. –  ⚽ – Gasperini come Spalletti: l’Atalanta al secondo posto è tornata la fabbrica di giocatori che non t’aspetti. Il nuovo idolo è Lookman. – ⚽ –  A sorpresa va ko anche la Lazio e Sarri riparte in quarta contro gli arbitraggi. – ⚽ – Attenzione raramente si vede una squadra così: il Napoli è scatenato, avanza feroce di goleada in goleada, a botte di 3/4 gol a volta, che sia campionato o Champions League non importa. E infatti domina entrambe le classifiche infischiandosene dei luoghi comuni. Niente stanchezza e gol a raffica. Stavolta è tripletta di Osimhen, assist e rete di Kvaratskhelia: insomma, i soliti fenomeni assatanati per il gol. Ma in questo straordinario boom napoletano quanto merito ha Spalletti? E questo merito gli viene riconosciuto? Lui fa finta di infischiarsene e sinceramente, finché il “narciso permaloso” che è in lui rimane sopito, tanto meglio per il Napoli… – ⚽  – La Juve dei ventenni è meglio di quella che Agnelli e Allegri avevano pensato e varato in questo micidiale  “annus horribilis” bianconero. Ma la terza vittoria in campionato (a Lecce) con gol decisivo di Fagioli alla Del Piero non cancella le nefandezze compiute in Champions League. E Allegri, che sotto sotto vagheggia la Juve del 2016 che partì malissimo e poi vinse lo scudetto, resta comunque sotto schiaffo. Il simpaticissimo Nedved lo ha battezzato e non ha smentito le voci sul possibile ritorno di Antonio Conte: “Fiducia in Allegri, ma i risultati sono quello che sono e i nomi sono destinati a uscire”. Insomma Allegria! – ⚽ – L’Inter continua nella risalita, ormai la squadra di Inzaghi è tornata quella vista fino a un anno fa. Merito anche della sferzata ottenuta dal doppio confronto col Barcellona che poi ha eliminato in Champions League. Nel cuore dell’Inter il motore di Barella che si ispira a Stankovic e assomiglia a Tardelli

SERIE A 2022-2023

GIORNATA N. 12

Sabato 29 ottobre 2022

Napoli – Sassuolo 4-0

(4′ Osimhen N, 19′ Osimhen N, 36′ Kvaratskhelia N, 77′ Osimhen N)

Lecce – Juventus 0-1

(73′ Fagioli J)

Inter – Sampdoria 3-0

(21′ De Vrij I, 44′ Barella I, 73′ Correa I)

Domenica 30 ottobre 2022

Empoli – Atalanta 0-2

(13′ Hateboer A, 59′ Lookman A)

Cremonese – Udinese 0-0

Spezia – Fiorentina 1-2

(14′ Milenkovic F, 35′ Nzola S, 90′ Cabral F)

Lazio – Salernitana 1-3

(41′ Zaccagni L, 51′ Candreva S, 68′ Fazio S, 76′ Dia S)

Torino – Milan 2-1

(35′ Djidji T, 37′ Mirančuk T, 67′ Messias M)

Lunedì 31 ottobre 18.30

Verona – Roma 1-3 (in corso)

(27′ Dawidowizc V, 45’+2′ Zaniolo R, 88′ Volpato R, 90’+2′ El Shaarawy R)

Monza – Bologna 20.45

CLASSIFICA

Napoli 32 (12), Atalanta 27 (12), Milan 26 (12), Roma 25 (12), Lazio 24 (11),  Inter 24 (12),  Juventus 22 (12), Udinese 22 (12), Torino 17 (11), Salernitana 16 (12),  Sassuolo 15 (12),  Fiorentina 13 (12), Empoli 11 (12), Bologna 10 (11), Monza 10 (11),  Spezia 9 (12), Lecce 8 (12), Sampdoria 6 (12), Verona 5 (12), Cremonese 5 (12).

PROSSIMO TURNO

GIORNATA N. 13

Venerdì 4 novembre 2022

Udinese – Lecce 20.45

Sabato 5 novembre 2022

Empoli – Sassuolo 15.00

Salernitana – Cremonese 15.00

Atalanta – Napoli 18.00

Milan – Spezia 20.45

Domenica 6 novembre 2022

Bologna – Torino 12.30

Monza – Verona 15.00

Sampdoria – Fiorentina 15.00

Roma – Lazio 18.00

Juventus – Inter 20.45

***

Lunedì 31 ottobre 2022

Mourinho verso il derby guardando Sarri dall’alto in basso

La Roma di Mourinho sale al quarto posto, scavalcando la Lazio sconfitta in casa. Per i giallorossi vittoria in casa del Verona, ultimo in classifica, soffrendo abbastanza e faticando a prevalere su un avversario addirittura ridotto in dieci per quasi un’ora. Il gol di Zaniolo sul finire del primo tempo ha permesso di rimontare quello di Dawidowicz, poi espulso per un fallaccio proprio su Zaniolo. Nel secondo tempo Mourinho ha sovraccaricato la squadra di attaccanti per evitare la figuraccia di essere fermati dall’ultima in classifica (7 sconfitte consecutive) pure con un uomo in meno.

  Le reti del giovanissimo Volpato (18 anni) ed El Shaarawy hanno permesso di raggiungere la vittoria. I tre punti permettono a Mourinho di affrontare il derby di domenica prossima guardando Sarri e la Lazio dall’alto in basso. Il suo smisurato orgoglio non gli avrebbe facilmente fatto accettare il contrario.

Domenica 30 ottobre 2022

Che brutto ko per il Milan, tra Pioli e Leao si è inquinato quel clima idilliaco

Il sabato è stato ordinario e la domenica rivoluzionaria. Del combinato disposto ne approfitta il Napoli che alla fine è più solo in classifica e porta il suo vantaggio sulla seconda (l’Atalanta) a 5 punti e sulla terza (il Milan) a 6.

  Spalletti & C ringraziano e approfittano del black out del Milan a Torino. I rossoneri all’attacco sbagliano nella prima parte di partita due clamorose occasioni con Leao, solitamente micidiale e immplacabile quest’anno, ma stavolta distratto e insofferente. Tanto da essere tirato fuori addirittura all’intervallo insieme a Brahim Diaz, che pure è ormai un giocatore cardine del Milan.

  Il Torino addirittura colpisce l’imbambolata difesa rossonera, portiere compreso, con un doppio colpo al mento in appena due minuti e il Milan finisce ko al tappeto, giusto con qualche sussulto successivo. A occhio le scelte fatte da Pioli potrebbero offuscare quel clima idilliaco su cui il Milan si stava adagiando.

Lazio-Salernitana 1-3

Sarri e la crociata anti arbitri

Non facciamo in tempo a esaltare il nuovo Sarri che va alla ricerca di gol senza prenderne, una sequenza impressionante di 4-0, a esaltare il suo nuovo gioco che non disprezza la difesa, a elogiare il tecnico che ha finalmente trovato un migliore equilibrio e gestione degli uomini tra campionato ed Europa League, che all’improvviso la Lazio ne incassa tre dalla Salernitana. Mandando al macero tutti i giudizi positivi precedenti.

  Candreva & C, martellano la Lazio nel secondo tempo decretandone anche l’alt in classifica, dopo che si erano cominciati a fare calcoli e previsioni molto al di là del realistico.

   E’ una Lazio questa che litiga molto con gli arbitri, a Manganiello viene rimproverata un’ammonizione a capocchia rifilata a Milinkovic Savic che gli farà saltare il derby della prossima settimana.

   Non è la prima volta che Sarri attacca direttamente gli arbitri in questa stagione. Dopo Lazio-Napoli aveva detto: “Gli arbitri sono prevenuti nei nostri confronti e ce lo dicono anche”. Facendo inferocire tutti i capi del settore. Adesso non manda giù quel cartellino giallo per Milinkovic: “E’ 50 anni che giro per i campi di calcio e non ho mai visto una cosa del genere. Se dico cosa penso di questo episodio mi squalificano sei mesi”. Insomma un rapporto splendido.

Empoli-Atalanta 0-2, ancora Lookman

 

L’invenzione di Ademola Lookman da parte del solito Gasperini

Ademola Lookman ha segnato 4 gol nelle ultime 5 partite,, 25 anni, inglese nato a Londra da genitori nigeriani (gioca nella Nigeria), attaccante con una buona esperienza in Premier League e anche in Germania con l’RB Lipsia. Cui l’Atalanta ha versato 15 milioni in estate per rilevarne il cartellino. L’affare è stato portato a termine con convinzione dal ds dell’Atalanta Tony D’Amico, insieme a Luca Percassi – il figlio del presidente Antonio – che si occupa della gestione sportiva del club ormai in mano americana.

  Contrariamente ai parecchi alti e bassi che hanno caratterizzato la sua carriera un po’ qui un po’ là , con Gasperini Lookman è apparso subito decisivo, molto incisivo nel gioco verticale, veloce e imprevedibile soprattutto nella posizione in campo. E soprattutto è ricorrente il suo nome ormai nei tabelloni alla voce dei gol.

  Con Lookman l’Atalanta riprende il percorso di quei giocatori d’estro, da Papu Gomez a Ilicic, che tanto hanno caratterizzato il suo gioco e costruito le fortune di questi anni. Non solo Spalletti dunque inventa e forgia nuovi giocatori, anche Gasperini lo fa ormai da anni.

***

Sabato 29 ottobre 2022

Napoli - Sassuolo 4-0, 3 gol di Osimhen e uno di Kvaratskhelia

Il Napoli produce montagne di gol, e a Spalletti non interessa molto essere apprezzato o meno. (Gli interessa, gli interessa…)

A botte di 3 o 4 gol a volta. Sarà perché è molto forte, sarà perché Osimhen e Kvaratskhelia in questo momento sono illuminati dallo spirito santo, sarà perché è una squadra molto ben allenata sotto tutti i punti di vista, tecnico e tattico, ma insomma il Napoli sta smontando molti luoghi comuni. Il primo è che campionato e Champions League sono in antitesi per cui è raro fare bene contemporaneamente – per inciso siamo alla 13a vittoria consecutiva – il secondo è che le goleade sono un’eccezione. In specie nel calcio italiano, che è solitamente avaro e pieno di pregiudizi sul gioco offensivo. Invece il Napoli è primo sia in campionato che in Champions League e le partite vinte con tre o quattro gol sono diventate addirittura la norma. Tra campionato e Champions League il Napoli ha segnato 50 gol esatti, che fanno praticamente 3 gol a partita (17 giocate in tutto).

  Il Napoli di oggi rischia ovviamente di essere il capolavoro di Luciano Spalletti in 25 anni e 533 partite di Serie A. Che alleni un gruppo di giocatori fortissimi messigli a disposizione dalla società che un anno fa aveva puntato su Osimhen e l’estate scorsa su Kvaratskhelia, azzeccando entrambi i colpi, è un dato di fatto. Che lui ne stia tirando fuori il meglio è altrettanto sicuro.

  Tanto da cominciare a sollevare un dibattito sullo spallettismo dilagante. Spalletti è un allenatore di alto livello, gioca un calcio offensivo e mai banale, è riconosciuto da tutti. Il fatto che in Italia non abbia vinto quanto meriterebbero la sua bravura e la sua professionalità è un altro dato di fatto. Basterebbe uno scudetto a consacrarlo definitivamente, forse anche al di sopra di altri più osannati e acclamati di lui. Ma nessuno gli fa una colpa particolare di questo buco presente nel suo curriculum.

  Il fatto che lui rimanga tutto sommato impassibile di fronte a chi gli chiede se si senta un allenatore sufficientemente apprezzato e se il suo merito sia riconosciuto in Italia, potrebbe essere un altro segnale della nuova freddezza e della nuova determinazione conquistata. «Non vedo quale sia il problema, ognuno merita quello che ha dimostrato” dice l’allenatore del Napoli. “In generale c’è chi usufruisce di una stampa migliore chi peggiore, dipende dai rapporti che si hanno con chi le cose le scrive. Non ho tempo disponibile per avere altri rapporti, visto che tutto il mio tempo lo impiego nel lavoro con la squadra”. Quindi un po’ del suo veleno toscano ce lo mette, a dire insomma che le “pubbliche relazioni” in qualche maniera hanno il loro peso, ma tutto sommato si contiene.

  Cioè al momento Spalletti appare indifferente alla questione e si trova in un equilibrio perfetto, tra i suoi campioni e il mondo esterno con cui non sempre si rapporta serenamente. In realtà il “narciso permaloso” che è in lui per ora è assolutamente sopito. Meglio per il Napoli, finché dura…

Lecce-Juventus 0-1, gol di Fagioli

Allegri costretto a puntare su una Juve di 20enni per cercare la svolta e salvare se stesso

Il risultato di Lecce-Juventus – vittoria dei bianconeri per 0-1 con gol decisivo alla Del Piero del 21enne Nicolò Fagioli  dovrebbe indicare la nuova strada. Puntare sui giovani, meno rendite di posizione per chi un nome già se lo è fatto, coscienza di prendere questa Juve e ricostruirla con pazienza da cima a fondo. Che a farlo sia Allegri o meno: a oggi l’allenatore della Juventus è figura più virtuale che concreta, non sappiamo se abbia un presente, né tantomeno un futuro. Ma tant’è Allegri è destinato ormai a farsi una stagione intera – posto che arrivi alla fine – in “attesa di giudizio”. E a proposito delle voci su Antonio Conte, nella saga dei ritorni a casa, abbastanza raggelanti le parole del vicepresidente Pavel Nedved nel suo perfetto affabile stile: “Allegri ha piena fiducia di tutto l’ambiente. Normale quando non raggiungi risultati come compete alla Juve che escano nomi. E ne usciranno altri ancora”.

  Non indica, la striminzita vittoria con tanto di palo del Lecce sul finale, se vedremo una Juventus degna del suo nome almeno in campionato. Il terzetto di vittorie è arrivato su squadre di piccolo e medio cabotaggio (Torino-Empoli-Lecce), con cui la vittoria è d’obbligo. Anche se oggi vincere per la Juventus è molto più aleatorio che in passato.

  Al di là del risultato abbiamo visto una Juventus ancora sofferente, in forte difficoltà nell’andare in gol, ma rivoluzionata nei titolari a causa degli infortuni, e forzatamente con qualche giovanotto in più: i 19enni Matias Soulé e Fabio Miretti in partenza, più Iling Junior (anche lui 19 anni) e l’uomo del gol decisivo Fagioli in corso di partita. Cioè, se il gioco non è piaciuto, e se il risultato è stato strappato per i capelli, stavolta la Juve ha qualche giustificazione in più delle imperdonabili prestazioni fatte in Champions League contro Maccabi Haifa e Benfica.

  Allegri vagheggia più o meno esplicitamente la  sua Juventus 2015-2016 che partì malissimo con 4 sconfitte nelle prime 10 partite e poi chiuse vincendo lo scudetto.  Non mi pare che il clima e le condizioni siano le stesse ma è liberissimo di pensarlo.

Inter - Sampdoria 3-0

Il doppio filo che unisce l’Inter a Barella, il centrocampista che si ispira a Stankovic e assomiglia a Tardelli

Non c’è dubbio che esista un nesso – tecnico, tattico o casuale che sia – che unisce Barella e l’Inter. Quando Barella gira, gira anche l’Inter. E viceversa ovviamente. Dovrebbe essere così per tutti i giocatori, particolarmente gli attaccanti che portano il fardello psicologico di fare i gol vittoria – e nello specifico dell’ Inter dunque Lukaku, Lautaro, Dzeko etc – ma Nicolò Barella si sta ormai trasformando nel pilastro della squadra di Inzaghi.

  E’ lui che dà dinamismo, che guida la partita e la innerva della sua energia, è lui che va anche in gol per sostenerla adeguatamente. Barella si è ispirato, come ruolo e come tipo di giocatore, a Dejan Stankovic, allenatore della Samp, che ha contribuito a sconfiggere. Molti ci rivedono, sia pure in proporzione, ovvio, Marco Tardelli. Lo stesso Tardelli ha sdoganato il paragone: “E’ vero mi somiglia, ma io facevo più gol”. Pare che Barella, 5 gol in 12 partite, sia su questa strada.

  Non è stato sempre in questa brillante condizione, il centrocampista che l’Inter prelevò dal Cagliari quattro anni fa con 50 milioni, investendoci dunque pesantemente sopra. Barella ha attraversato quest’anno periodi di scarsa forma e nulla ispirazione, coincisi con l’iniziale crisi dell’ Inter. Oggi la squadra di Inzaghi ha preso velocità sia in Champions League che in campionato. Quella più che ampia con la Sampdoria è la quarta vittoria consecutiva (Sassuolo, Salernitana, Fiorentina, Sampdoria), che diventano sei su sette se ci mettiamo anche la Champions League. Il doppio confronto col Barcellona si è trasformato nella svolta che ci sta facendo rivedere l’Inter dello scorso anno. Con un Barella/Tardelli trasformato.

***

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

SOCIAL BLOOOOG!

WHATSAPP BLOOOOG! (numero dedicato)

+39 351 7262156

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTRAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTRAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

Twitter per Bloooog!

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

***

SINTESI

 

SERIE A, 12a giornata – ⚽ –  Il Napoli ringrazia il Torino che ha battuto il Milan e adesso è più solo in classifica: + 5 sull’Atalanta e + 6 sul rossoneri. Pioli non perdona a Leao due gol sbagliati nella prima parte della partita e lo umilia tirandolo fuori nell’intervallo. Spazzando via così il clima idilliaco che regnava al Milan. –  ⚽ – Gasperini come Spalletti: l’Atalanta al secondo posto è tornata la fabbrica di giocatori che non t’aspetti. Il nuovo idolo è Lookman. – ⚽ –  A sorpresa va ko anche la Lazio e Sarri riparte in quarta contro gli arbitraggi. – ⚽ – Attenzione raramente si vede una squadra così: il Napoli è scatenato, avanza feroce di goleada in goleada, a botte di 3/4 gol a volta, che sia campionato o Champions League non importa. E infatti domina entrambe le classifiche infischiandosene dei luoghi comuni. Niente stanchezza e gol a raffica. Stavolta è tripletta di Osimhen, assist e rete di Kvaratskhelia: insomma, i soliti fenomeni assatanati per il gol. Ma in questo straordinario boom napoletano quanto merito ha Spalletti? E questo merito gli viene riconosciuto? Lui fa finta di infischiarsene e sinceramente, finché il “narciso permaloso” che è in lui rimane sopito, tanto meglio per il Napoli… – ⚽  – La Juve dei ventenni è meglio di quella che Agnelli e Allegri avevano pensato e varato in questo micidiale  “annus horribilis” bianconero. Ma la terza vittoria in campionato (a Lecce) con gol decisivo di Fagioli alla Del Piero non cancella le nefandezze compiute in Champions League. E Allegri, che sotto sotto vagheggia la Juve del 2016 che partì malissimo e poi vinse lo scudetto, resta comunque sotto schiaffo. Il simpaticissimo Nedved lo ha battezzato e non ha smentito le voci sul possibile ritorno di Antonio Conte: “Fiducia in Allegri, ma i risultati sono quello che sono e i nomi sono destinati a uscire”. Insomma Allegria! – ⚽ – L’Inter continua nella risalita, ormai la squadra di Inzaghi è tornata quella vista fino a un anno fa. Merito anche della sferzata ottenuta dal doppio confronto col Barcellona che poi ha eliminato in Champions League. Nel cuore dell’Inter il motore di Barella che si ispira a Stankovic e assomiglia a Tardelli

Seguimi anche su:

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
208 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

Sydneysider

Lazio.

Credo che il commento piu’ corretto sia stato quello di Claudio Mastino.
Una buona Lazio nel primo tempo che si e’ inabissata nel secondo dovuto alla fatica.
Il calcio di Sarri e’ dispendioso, non abbiamo 16 titolari.
La campagna acquisti di quest’anno e’ stata positiva ma insufficente.

Capisco la delusione (Ghiro non fare cosi’) ma ricordiamoci che l’obiettivo e’ il quarto posto e che non sara’ facile data l’agguerrita concorrenza.

NELLO MASCIA

FALLI DA DIETRO –
COMMENTI ALLA 13° GIORNATA DEL CAMPIONATO 2022-23
 
Ma quanta roba succede in questa giornata mondiale delle zucche vuote?
 
I Ceramisti fanno il loro gioco di sempre.
Per giocarsela, appunto.
 
Ma contro questo Napoli onnipotente ogni partita è ingiocabile.
 
Due fuoriclasse su tutti.
 
Il Puledro selvaggio con criniera d’oro.
 
Quello che attacca la profondità e non c’è contromossa efficace.
Quello che stoppa palloni a due metri da terra.
Quello che ne fa tre ed è capocannoniere, con un mese d’assenza rispetto alla concorrenza.
 
Il georgiano gentile.
Quello che interpreta il calcio come la Fracci interpreta un passo di danza.
Eleganza e semplicità la sua sintesi.
Imprevedibilità e gioia scugnizza da strada.
 
Napoli onnipotente.
13 vittorie consecutive. Ora è davvero fuga.
Merito al merito.
E non viviamo un sogno. A Napoli non si sogna nulla.
A Napoli siamo svegli.
E desideriamo godercela proprio tutta.
 
Due tonfi clamorosi nella notte delle zucche vuote.
 
All’Olimpico Sor Polpetta, reduce dalla lezione di perfetta bellezza di Bergamo, sbatte contro la concretezza di Davide Nicola.
 
L’imprevisto si chiama Candreva, che è anche un ex.
 
Qualche giallo di troppo. Qualche errore di troppo. Viene a galla il nervosismo.
Gli equilibri saltano.
Vince la squadra più scarsa. Che sa approfittare di tutte le occasioni sporche che capitano.
 
E’ il calcio, signori. Mistero senza fine bello.
 
Al Grande Olimpico Leao potrebbe chiuderla subito.
E invece sbaglia due occasioni colossali.
 
Allora emerge Piero Pellegri.
Reduce da un calvario durato quattro anni.
Fatto di infortuni a ripetizione che ne avevano mortificato la identità di predestinato.
 
Juric, il gitato caro a Lorca, continua il suo lavoraccio disperato.
Ha lacune in ogni reparto.
Ogni settimana non sa se ce la farà a mandarne undici in campo.
Ma quelli che sceglie sa dove disporli in campo.
Sa come motivarli.
Sa fornirli uno per uno della colt assassina per annichilire di spavento l’avversario.
 
E uno spaghetti western che sa di polvere e sudore.
Emozioni e colpi di scena.
Non c’è tempo per i pop corn.
 
Meloni: “Complimenta a Luiz Ignazio Lula da Silva”.
Ora con tutti quei nomi va a saper se chiamarlo al maschile o al femminile. 

Maxx

Il fallo su Zaniolo è da revoca della licenza da giocatore, se mai esistesse, a vita. Ora rischia di saltare il derby, che è poca cosa. Poteva finire molto peggio.

Trovo assurdo l’esaltazione che fanno le telecronache per squadre che entrano in campo soprattutto per picchiare e fare falli sistematici. Il Verona ha avuto la fortuna di non andare sotto per l’idiosincrasia di Abraham con il gol e di ritrovarsi in vantaggio al primo tiro in porta. Gol che Maresca al Var giudica regolare nonostante un giocatore in fuorigioco davanti a Rui Patricio. Da lì in poi è stato uno stillicidio di falli e di tuffi, con sceneggiate conseguenti. Nel festival delle entrate sulle caviglie spicca il fallaccio su Zaniolo che lascia il Verona in 10. Nel secondo tempo il non gioco dura sino all’80esimo, sinché alla fine il Verona crolla, dopo aver accettato un forcing continuo al limite dell’area.

Non mi dispiace la squadra che si difende, soprattutto se si tratta di una provinciale, ma squadre come il Cagliari l’anno scorso e questo Verona meritano di sparire dalla serie A. Già è difficile vedere una partita decente, se poi la premessa è dall’inizio quella di non giocare proprio, lo spettacolo non può che essere inguardabile.

gmr61

E vabbè , abbiamo perso, meritatamente.
Partita impostata per non farsi ingabbiare dal toro e superarlo in velocità/ contropiede ( Diaz Messias servivano a quello), ma se Leao non fa il Leao, il Torino prende poi spazio e non riusciamo in un contropiede che è uno, credo che Tata sia il 40.o portiere in serie A
Comunque ci sono squadre che hanno perso più partite di noi e si reputano serie candidate allo scudetto, quindi calma e ripartiamo , dopotutto se non sbagliamo due partite di seguito meglio questa che mercoledì
A proposito, a Gabbia darei ancora credito, ma Pobega titolare per favore mai più , al limite con la Lazio…😂😂😂 ( a Bò, m’avevi sorpreso il pomeriggio , causa malattia avevo visto la vostra vittoria contro l’Atalanta e mi sembravate proprio forti , poi ve siete squagliati, colpa del caldo anomalo?😱☀️)

Leo 62

Ciao Giovanni, Pobega va bene come terzo a centrocampo, ma a due proprio no. Per me due errori domenica sera: Leao fuori a fine primo tempo e Bennacer fuori ad inizio partita. Per me bisognava giocare con un centrocampo a tre e Diaz a flottare dietro Leao ed Origi. Se Pioli non l’ha fatto avrà avuto le sue ragioni, e se Leao fa il suo forse aveva ragione lui.
P.S. Le squadre che hanno perso più partite di noi e si reputano serie candidate allo scudetto, alla prossima che perdono sono già fuori.

Bombaatomica

La mazzata tra capo e collo c’è stata. Inutile negarlo. È stata talmente terrificante che mi ha messo K.O. Me so risvegliato stamattina da per terra, tutto rintronato. Me so dovuto fa tre flebo al caffè 😄

Però, analizziamo la gara a mente fredda.
Gol della LAZIO, palo, gol annullato, 478 tiri in porta e miracoli del portiere salernitano.
La Salernitana – per contro – fa tre tiri in porta e tre gol.

Ecco, avete presente quelle partite sfigate dove ti capita di tutto? Si, anche un arbitro cojone 👎 che ci ammonisce gratuitamente il Sergente? Ieri sera è successo di tutto.

Pazienza 🤷🏻‍♂️
Mi nonno lo diceva sempre: “Bombato’, ricorda che controvento c’è poi anna’, ma contro culo NO” 😄🤷🏻‍♂️

Meno male che pure er Milan scaja. La serata è stata meno amara 😂

Modifica il 1 mese fa da Bombaatomica
Carlo lll

Vabbè Saturnì, invece di sculare avete scorreggiato, ci sta😉😉

Nicola Romano

Beh anche il Liverpool ha perso in casa col Leeds che era ultimo in classifica .

ROS

…ricorda che controvento c’è poi anna’, ma contro culo NO”
Io farei un applauso al nonno!👏👏👏

d9d9

Purtroppo il Milan ha perso. Il Torino ha giocato le sue carte e Pioli ci è cascato. Una considerazione va fatta: come mai il Torino, che dalle guerre puniche non vince un derby con la juventus e anche quest’anno, con quella squadretta anonima e bollita al minimo storico, ha giocato una partita imbarazzante e penosa perdendo poi col Milan diventa leone? Come direbbe Leo, cui porto cordoglio per la Lazio, “perecottari”. Poi, a guardare la partita mi sono divertito. Uno scontro maschio di calcio vero che abbiamo, meritatamente, perduto. Vedere poi quello zingaro(nell’accezione di migrante) di Juric invasato per un rigore elargito generosamente(non rubato e guardasse la minchiata difensiva) mi fa pensare che, apriti cielo, se il Milan avesse pareggiato o addirittura vinto…mi sarei dovuto sorbire camarelle e cazzate e complottismo da Area 51.
Totalmente priva di fondamento la tesi che Leao è stato sostituito per ignavia. Lui è così: ciondolone nell’animo. Ha sbagliato e ci sta. Bennacer deve giocare sempre. Messia non salta mai l’uomo, da scambiare con cinque bustine di figurine panini. Diaz è sempre pubbirazzaru e fra una partita ottima ne alterna tre evanescenti e con squadre rocciose non deve giocare. Il Catedere(acclarato che è uno scarsone) non azzecca un passaggio e ha confusione nella testa, forse sente le voci. Orighi, si vede, ha lo sguardo spento…non può essere un buon giocatore, sembra ebete. Pobega e Gabbia sono controfigure di difensori. E il portiere? Tatarusanu sembra Garella(buonanima), ma senza piedi. Non ha capito che nell’area piccola la palla deve essere la sua sempre(così diceva mio padre che era, ahimè, juventino) e una parata sensazionale non l’ha mai fatta se non quando gliela tirano addosso.
Il mio amico interista Gianluca mi ha fracassato, simpaticamente, i cog#####. Dice di fare attenzione che i cuginastri hanno messo la freccia. Io gli invidio, francamente, solo Barella che scambierei quasi quasi con Tonali. Al contrario, il mio amico dottore intenditore che sa fare il 48 a scopone scientifico, dice che Barella è scarsissimo. Chi avrà ragione?
Forza Milan, passiamo questo turno in cempions e poi giochiamoci sto campionato al meglio che con le squadrettine miserabili come il Torino non si può perdere. Una cosa simpatica sulla juve la posto nell’ultimo tred.

Mordechai

Ma tu, senza la Juve, che vita faresti? Cazzo di Budda, ma commenta la tua squadra, o no? Avete perso col Toro, allora limitati a cianciare di questo, No, anche su una partita in cui la Juve non c’entra una fava secca, riesci a tirarcela dentro.
Mah…

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Non ho visto la partita, ma solo gli ahi Lazzie e in base a quelli posso commentare, per una volta do ragione a Sarri l’ammonizione di SMS non sta ne in cielo ne in terra , e nemmeno in mare, ciò non toglie che se vuoi lottare per la Champions, con la Salernitana in casa devi vincere, invece i campani nella ripresa sembravano il Bayern Monaco , che noi ancora ci sogniamo la notte, quando mangiamo male e digeriamo troppo . A parte le occasioni divorate dall’attacco anche la difesa ha fatto il suo, prendendo tre gol nel solo secondo tempo, dopo averne presi cinque in undici partite e mezzo, ma si sa, questi siamo . Mi aspetto un pronto riscatto in coppa , mah ! Sara’ che papa’ ci fa o carretto .

Rosario Frattini

Toro Scatenato.

6ECD1936-0DA0-4DE4-B122-200003037884.jpeg
tamarrogigante

Il napoli ni ha veramente sorpreso. Lo pensavo quarto lottando, ma alla fine arriverà facilmente terzo

Nicola Romano

Intanto siamo a 8 punti dalla salvezza .

Giorgio Bianchi

Sarà durissima invece! Ci sono almeno 5 squadre migliori, anzi 6!

Modifica il 1 mese fa da Giorgio Bianchi
Luc 68

Signori una comunicazione importante. Mi trovo al trovo al pronto soccorso di Tor bella monaca e vi scrivo per ragguagliarvi sulle condizioni del Bomba Atomica. È arrivato sull’auto di amici che schiumava dalla bocca ed in preda ad un colpo apoplettico. Biascicava parole tipo: Lhi Mrtcciii Thua, the psshan ceca.
I medici dopo aver misurato i valori fisiologici non sono riusviti a capire se era in preda a furore mistico in quanto la lingua adoperata non era sicuramente a conoscenza del Bomba (si presume aramaico antico). Dopo una forte dose di calmanti gli spasmi si sono placati e una volta trasferito in terapia intensiva importunava (chiaramente non era in se) con avance e allungamenti di mano prima i portantini, poi le infermiere due suore, il primario e per chiudere i vicini di letto. A questo punto é stato messo in isolamento e da allora canta “Si può dare di più ” del trio Morandi, Tozzi, Ruggeri.

Vi terrò informati sugli sviluppi della situazione.

Da Tor bella monaca é tutto a voi studio.

Bombaatomica

😂😂😂 👍

Voglio tranquillizzare i “taaaanti” amici preoccupati 😂😂 per le mie condizioni annunciando che sono uscito dal coma farmacologico per entrare in rianimazione 😂😂

Modifica il 1 mese fa da Bombaatomica
cipralex

La juve, con una media di sei assenti per infortunio a turno, al momento ha la miglior difesa del campionato.
Avrebbe anche due punti in più in classifica.
Perdono Lazio e Milan (attendo riposizionamento degli allenatori de noantri presenti nel blog).
…..io ho buone sensazioni…….

Waters

Bravo, adesso ti rischiaro la memoria, in Champions 6 gol dal Benfica, 3 dal Maccabi, 2 dal Psg più quelle di mercoledì, in Italia l’unica squadra decente incontrata – il Milan – due pere, ancora da incontrare Internazionale Fc Milano, Napoli,Lazio,Atalanta ed Udinese.
Ergo,ma ti piace così tanto fare figure di merda?

cipralex

Quindi è vero, sai contare ……

astainvista

La Juventus è stata tritata ai gironi di Champions ed è da vedere se accederà alla EL o se riuscirà a stare dietro anche agli israeliani. E sta a 10 punti dalla vetta in campionato, pur con il calendario più semplice possibile. E la preparazione dei muscoli ai suoi giocatori, la supervisiona Allegri.

cipralex

Ma quindi è o no la miglior difesa del campionato ad oggi ?

carlogobbo

Cipra, lo vedremo nelle prossime due settimane e dagli scontri con Inter e Lazio
Io ho sensazioni contrastanti 🙂

cipralex

😉

Il soldato Ryanair

Buondì
Il nostro padrone di casa cerca (con maestria) un incidente narrativo per dare interesse alla partitaccia storta del Milan.
I disagree, non credo si sia rotto nulla tra Pioli e Leao, e nella sostituzione non sento nessun sapor di mortificazione. Vero è che Leao pronti-via si è divorato due volte il gol del 1-0 e che per il resto della partita ha gironzolato senza incidere come al solito, ma è altrettanto vero che una partita storta può capitare a chiunque. E chiunque può essere sostituito per cercare di ottenere il meglio dalla squadra.
Il Milan era partito al doppio della velocità del toro, aveva cominciato col piglio giusto senza neanche un istante di rodaggio, e probabilmente l’aver mancato due clamorose occasione ha ringalluzzito l’avversario che, scampato il pericolo, ha preso fiducia, grinta e determinazione portando la partita sul terreno che più gli è congeniale.
E meritando la vittoria.
Non ho visto nulla di punitivo nelle sostituzioni effettuate da Pioli che, ricordiamolo, è molto abile nel leggere le partite ed effettuare correzioni in corsa. ieri la formazione di partenza prevedeva una normalissima sacrosanta rotazione dei tanti giocatori utilizzati, sicuramente in vista della partita dentro-o-fuori di mercoledì sera, ma col solito spirito di coesione che regna al Milan. Qualsiasi formazione del Milan schierata in campo avrebbe potuto giocarsela – e vincere – col Torino. Ieri si è semplicemente trattato di una partita di calcio che, come tale, prevede sempre tre risultati dei quali uno soltanto è quello che esce.
Se qualcosa è mancato, è stato quel solito e martellante lottare col coltello tra i denti fino all’ultimo istante tipico del Milan, che tante vote gli ha permesso di recuperare partite un po’ storte; ma lo trovo comprensibile, date le scadenze con cui si gioca e la testa probabilmente alla battaglia campale contro il Salisburgo.
Fuor di Milan, tranne la sorprendente (fino ad un certo punto, anche là ritmi ed assenze possono pesare) Lazio, tutto come previsto: ottimo e divertente il Napoli testimonianza di quanto il morale, il gioco e la convinzione generino in campo un’energia irrefrenabile, facile l’Inter, solita e stentata la Juve, pratica l’Atalanta.
Sarà comunque un bel campionato.
Salutoni

Giorgio Bianchi

Onestamente nemmeno nelle previsioni migliori avrei pensato che il Milan potesse perdere a Torino col Torino. E neanche che la Lazio perdesse in casa con la Salernitana.
Non ho visto nessuna delle due partite in verità, ma dagli ailaits mi sono sembrate prestazioni al di sotto delle attese da parte di entrambe e questo spiegherebbe le sconfitte. Ma mi domando se non può essere che queste prestazioni siano dipese magari dagli avversari.
In realtà la Lazio ha perso con un punteggio più largo di quello del Milan anche se forse avrebbe dovuto essere il contrario.
Certo che se uno si ricorda gli errori del “Mbappe’ ” dei navigli invece potrebbe pensare che senza quegli errori molto vistosi sarebbe stata un’altra storia. Ma dopotutto anche LUI qualche volta sbagliava, figuriamoci se non lo può tranquillamente fare il Mbappe’ nostrano.
Juve ed Inter intanto continuano a vincere e presto entreranno nella corsa al titolo.

Ps ieri allo stadio Maradona ad un certo punto
I tifosi hanno smesso per un attimo il loro costante sostegno alla squadra ed hanno cominciato a cantare: Vesuvio erutta tutta Napoli distrutta.
Mi sono guardato intorno e tutti stavano intonando quel coretto con sfavillanti sorrisi sulle labbra.
Altrove facevano altre cose.

Modifica il 1 mese fa da Giorgio Bianchi
commentanonimo

Quel coro, Vesuvio erutta tutta Napoli è distrutta, è un coro cretino per me, che poi sia cantato per sfottò (tifosi d’altra squdra) o per ironia (tifosi del Napoli) sempre da cretini rimane.

Giorgio Bianchi

Vedi, per me quel coro è ben più che cretino! E non chiamerei sfotto’ il “sentimento” che lo ispira.
Se lo cantano i napoletani al Maradona è una sublime autoironia che però , lo ammetto, non è da tutti comprendere.

Mordechai

Effettivamente è così, non è facile comprenderla.

commentanonimo

Sì incivile più che cretino e forse pure razzista. Detto questo, non è questione di comprendere la sublime autoironia. E’ il solito discorso di chi applica due pesi e due misure ad una cosa che è comunque incivile. Non è che, ad esempio, se una persona che ha un handicap si mette ad urlare qualcosa di lesivo contro le persone con un handicap, gli altri handicappati sono felici. Quindi offendi comunque la intelligenza dei napoletani a cui del calcio frega niente urlando quello. Dovresti arrivarci secondo me a capire che “l’autocoro” è incivile quanto il coro, hai mai sentito gli ebrei per autoironia ironizzare al nazismo? Più che autoironia la definerei ignoranza della curva. Saluti.

Archivista

A proposito di ironia ebraica, la prima cosa che mi viene in mente è Woody Allen che quando ascolta troppo Wagner gli viene l’impulso di invadere la Polonia.

Sublime mi pare fuori luogo, ma nei tifosi del Napoli c’è spesso una allegria ribalda e intelligente che gli altri non hanno.

Giorgio Bianchi

Che dici sottile è meglio?

Archivista

Ripensandoci: restiamo con sublime. Guardo la nebbia sulla laguna (è uno di quei giorni in cui a Venezia il non-essere ha un colore e una convessità tangibile) e penso che va bene così.

Giorgio Bianchi

Vedi che anche tu ti confondi?
Le persone che tu hai definito come handicappati di norma, da parecchio tempo, vengono definite “diversamente abili” e ormai da tempo handicappato si usa
quando si vuole offendere. Quindi tu, definendole handicappati, hai offeso tutte le persone con abilità diverse che possono essere certamente anche tra i lettori di questo blog e che sono persone spesso davvero splendide, come ci mostrano le paraolimpiadi.

L’arguzia che sta alla base di quell’autocoro è davvero sottile.
In pratica si dà dei coglioni alla gentaglia che li fa senza sporcarsi la bocca.

Ps Non mi permetterei mai di confondere la shoa con le nostre stronzate anche il sentire non è lontano

Modifica il 1 mese fa da Giorgio Bianchi
commentanonimo

Chiamiamoli diversamente abili. Giusto. Alla fine siamo giunti alla conclusione. Per te se una scemenza la dice un tuo cotifoso e’ autoironia. Per me rimane una scemenza a prescindere da chi la dice. Ai posteri la sentenza😀😀

Bob Aka Utente11880

Mi sa che questi “posteri” sono gli unici che lavorano in Italia.. 😉

Giorgio Bianchi

Beh, opinioni. La tua è tua, la mia è condivisa da almeno 60000 altri.😊
La interpretazione più vicina al vero, a parte la spiegazione che te ne ho dato io, te l’ha data Archivista più su.😉

Claudio Mastino 62

Buon primo tempo della Lazio che riesce a chiudere la prima parte della gara in vantaggio contro una Salernitana coraggiosa e messa bene in campo da Nicola ; l’autore del vantaggio laziale è di Zaccagni, il migliore dei suoi nel primo tempo,
che ben innescato da Luis Alberto
conclude con un rasoterra che passa sotto le gambe del portiere
avversario in disperata uscita e si infila in rete. Nella ripresa però il discorso cambia, la Salernitana prende ancora più coraggio ed aiutata anche da un vistoso calo dei giocatori laziali dovuto alla stanchezza e di conseguenza anche ad un certo nervosismo sempre più lampante, riesce prima
a pareggiare, poi a ribaltare il risultato ed infine addirittura a chiudere praticamente il discorso portandosi sul definitivo tre a uno in suo favore. Nella Lazio a parte Zaccagni, sicuramente il migliore, si sono salvati soltanto Romagnoli,
Cataldi e Felipe Anderson, negativa
la prova di Luis Alberto che di buono ha fatto solo l’assist per Zaccagni nel primo tempo ma poi ha sbagliato diversi passaggi filtranti e nella ripresa addirittura, con due suoi errori ha causato un paio di ripartenze degli avversari che sarebbero potute essere pericolose, fortunatamente non è successo niente ; pessima anche la prova di Vecino che all’inizio della ripresa avrebbe potuto portare la sua squadra sul due a zero ma ben
servito da un preciso colpo di testa
di Felipao si mangia letteralmente il
goal da due passi sparando il pallone addosso a Pepe e si ripete
più tardi sul punteggio di 2 a 1 per
i campani mangiandosi un goal , ancora più incredibile ed impalpabile la prestazione di Pedro, per non parlare della bruttissima prestazione di tutta la difesa, fatta eccezione per il solo Romagnoli. Scelta sbagliata a mio avviso di Sarri di far entrare SMS
che non ha certo migliorato la situazione, anzi l’ha addirittura peggiorata facendosi ammonire,(era diffidato e salterà di conseguenza il derby), e aumentando il già evidente nervosismo tra i suoi compagni di squadra ; anche l’entrata di Basic,Cancellieri e Hysaj è stata inutile, ha generato soltanto ulteriore confusione.
Nella partita vinta dal Toro per 2 a 1
sul Milan la rete dei rossoneri era da annullare per un’evidente spinta
di Messias sul difensore dei granata, spinta che ha chiaramente
sbilanciato il marcatore diretto consentendo al giocatore del Milan di poter tranquillamente battere a rete ; l’arbitro può anche non accorgersi del fallo, una svista può capitare a chiunque, ma il Var sarebbe dovuto intervenire.

Grande Romeo

SMS non si è fatto ammonire; hanno deciso di ammonirlo. Lui non aveva fatto assolutamente nulla. E’ come se lo avessero ammonito per avere sbadigliato….

Claudio Mastino 62

Puoi guardare più sotto la mia risposta a @Sunako Nakahara.

commentanonimo

Ritorno a ciò che ho scritto ieri. Onore al Napoli (ed a Spalletti che è un allenatore molto preparato che ha girato il mondo, altro che il nostro acciughino che viene da due anni di pantofole e divano, pagati pure, che la dice più su che uomo sia, sotto sotto, che le sue interviste). Il Milan è forte e come dice Leo62 c’è questa CL da afferrare e toglie energie. Noi juventini siamo un gradino sotto e non meritiamo certo di stare davanti. Ma, ma, nonostante questo il vero problema arbitrale non è la Lazio che, sebbene Sarri ieri abbia avuto ragione, mediamente ha accumulato grossi vantaggi arbitrali, numeri alla mano. E’ ciò che capita sistematicamente alla Juve a dirci che la classe arbitrale è mediocre. Non è vittimismo, ma fatti oggettivi che mi fanno incavolare. Quell’incredibile, passato in cavalleria, errore per cui senza vedere il campo ci hanno tolto due punti. La abnormità di questo errore peraltro non punito ha dell’incredibile. E anche ieri quella orribile direzione arbitrale di chiffi o come si chiama, (passata in cavalleria) nonostante fosse evidente da subito che tra il giallo dato a nonsochi su Iling (che starà fuori un mese) e quello dato a Milik c’era una differenza gigantesca nella violenza dell’intervento. In sintesi, sì, è molto fastidioso cosa dice Sarri. La classe arbitrale è scadente, e si vede. Sembra una generazione di arbitri burocrati, un pò paraculi, che decide e non decide, e quando decide sa bene che certi errori verranno enfatizzati dalla stampa e altri perdonati.

Waters
Maxx

Incomprensibile l’assegnazione del gol al Milan. Il fallo di Messiah era talmente evidente che non c’era neanche da pensarci.

Leo 62

Male su tutta la linea ieri sera, non amo mettere le mani avanti, ma quando Ambro, che è uno che ci capisce, ha detto prima della partita che un confronto del genere sarebbe stato complicato per il Milan, sia per le caratteristiche del Toro sia per il fatto che arrivava tra due partite decisive di Champions, ero del tutto d’accordo. In questo momento, anche per questioni economiche, quella qualificazione sta togliendo testa alla squadra, che non è stata capace di chiudere prima il discorso, come fatto dal Napoli che invece continua a giocare con leggerezza e consapevolezza, a questo aggiungiamo che ancora non assorbiamo bene il doppio impegno e quindi ieri tutti male, come ci capita quando non ci esprimiamo al nostro livello. Manca tremendamente Maignan in porta, con Tata che tiene sempre in apprensione i compagni che poi difendono male, male Leao che si mangia due gol ad inizio partita, ma che io non avrei tolto alla fine del primo tempo. Pioli sbaglia anche nel far entrare troppo tardi Bennacer che sarebbe stato utile sin dal primo minuto, e che oramai è fondamentale, ma diciamo che è stato travolto anche lui dalle sensazioni negative del gruppo che è sembrato come se avesse rifiutato questa partita
Adesso testa al Salisburgo per sbloccare le ansie qualificazione e poi provare a chiudere bene la fase. Il Napoli è molto avanti e si sta dimostrando più forte, ma è ancora lunga, ed il prossimo turno con tre scontri diretti attorno a noi potrebbe esserci favorevole. Magari intervenire a Gennaio per la fascia destra ed un altro secondo portiere potrebbe essere utile ma, appunto, serve qualificarsi. Speruma ben…

Bob Aka Utente11880

caro cugino, purtroppo non è sempre domenica, anche se si gioca di domenica. Peraltro a questo primo punto del campionato privilegiare l’accesso agli ottavi di CL alla raccolta di figurine gol/vittoria in campionato non mi sembra la scelta sbagliata: ci sarà tempo per recuperare. Ovviamente, se questa sconfitta vi facesse entrare in campo in CL depressi, raminghi e pii … allora sarebbe un problema, ma non credo.

Leo 62

Di solito, almeno in questi ultimi tre anni, non sbagliamo mai due partite di fila… secondo me non c’eravamo con la testa ed in qualche modo abbiamo rifiutato l’ostacolo… non siamo ancora abbastanza maturi per il doppio impegno, in questo va detto che l’Inter è più solida. Certo se dovessimo sbagliare anche in Champions ci sarebbero delle domande da farsi, ma i due risutati su tre dovrebbero aiutarci, oltre al fatto che il Salisburgo gioca aperto.

Bob Aka Utente11880

Infatti non mi aspetto sorprese, mentre mi ha sorpreso il modo in cui Leao ha calciato i due palloni incriminati a inizio partita, come in un passo di danza, ma fa sempre così ?

Leo 62

Lo fa spesso, ma all’inizio era anche peggio. Deve ancora venire avanti, è più continuo di prima, ma va preso per come è. Già così però è decisivo 8 volte su 10, le due volte che non lo è vanno messe nel conto, e se capitano nella partita sbagliata sono probemi…

Il soldato Ryanair

Col Toro sono sempre state battaglie.
Questa partita è solamente capitata nel momento sbagliato, perché giocarci contro richiede sempre un dispendio di energie fisiche e mentali superiori alla media.
Se stavolta ne abbiamo inconsciamente risparmiate un po’ per mercoledì sera, beh ci può stare.
E, detto tra noi, sono anche un tantino preoccupato.
Le sanzioni ridicole alla Redbull di Formula1, testimonianza di quanto uno sponsor così potente possa mettere in “soggezione” (chiamiamola così) chi giudica nello sport, mi inducono a cupi sospetti.
Un arbitro (in Europa da anni ce ne sono capitati di …. “pessimi”), dalla RED(bull)card facile potrebbe stroncarci la partita col SalisBULLrgo sin da subito.
Farà bene Pioli ad evidenziare questo aspetto a chi entrerà in campo.
Speriamo bene

Giorgio Bianchi

“Le sanzioni ridicole alla Red Bull di Formula 1…………….mi inducono a cupi sospetti”
Ora vorrei tanto capire perché quando queste “cose” le scrivono o dicono i tifosi delle strisciate sono sacrosante mentre quando le scrivono o dicono i tifosi a tinte unite sono cazzate. O peggio piagnonismo e vittimismo.
Per me se sono cazzate o peggio lo sono sempre.

Leo 62

E’ capitata nel momento sbagliatissimo… loro venivano dalla vittoria ad Udine ed erano rinfrancati, hanno avuto tutta la settimana per preparare la partita mentre a noi è toccata tra due partite da non sbagliare in Champions… poi se Leao butta dentro una delle due occasioni capitate ad inizio match parliamo di altro… ma, appunto, questo è il calcio, e tutto sommato ci può stare.
Quanto agli arbitri in Champions spero che per quest’anno si sia già dato…

Melko

Io due parole su questa faccenda mi sento proprio di doverle spendere.
Ho simpatia per la squadra dell’Inter.
Ma ho schifo di molti di quelli che si siedono nella loro curva, ho un dispiacere prossimo a una forma di pietà per quelli che, pensando da tifosi di andare a godersi una serata di sport, sono stati presi a calci perché hanno avuto la sventura si sedere vicino a quelli che mi fanno schifo, e infine, ho una certa comprensione per quei tifosi che adesso stanno in silenzio per la vergogna che suscita loro una società che non fa (da tempo) qualcosa di definitivo per rimediare a questa situazione.
Ma che schifo è?
E magari è vero, capita spesso e in tutte le tifoserie, ma che scusa sarebbe poi? Vorrà dire che quando capiterà ad altre tifoserie, sarà il loro turno di vergognarsi

Zenyatta Panatta

Cara Curva del Norte,
mi chiamo Jair, sono neo-disoccupato ed alla ricerca di un lavoro. Sono venuto a conoscenza di una posizione vacante come capo ultras, credo che sia un ruolo perfetto per le mie caratteristiche umane e intellettuali.
Credo che lo stipendio che offrite, 80.000 Euro al mese più parcheggio gratuito, sia adeguato, ma vi chiedo se non sia possibile un bonus lavanderia – nella nuova posizione, prevedo di spendere una fortuna per smacchiare la mia collezione di smoking bianchi.
Inoltre, chiederei cortesemente di utilizzare i vostri canali privilegiati con i media locali affinché da ora in poi, riferendosi a Lukaku e Lautaro, i due non vengano più chiamati LuLa.
Obrigado

il ghiro

Fosse di Salerno il papà di Manganiello?
 
Quando fischia la partita Manganiello
ed al VAR regna sovrano il sor Di Bello,
nella testa già mi squilla un campanello,
già mi aspettavo un impari duello,
ero sicuro che finiva in bordello,
ai laziali s’è annebbiato il cervello,
l’ex Candreva ci infila un gol gioiello,
un lob passante disegnato col pennello,
Fazio punisce e fa il gesto dell’ombrello,
e Dia conclude mettendo il suo suggello.
Ma il dramma vero è il cartellino giallo
che si guadagna il nostro Coglionnello,
certo che il Comandante, poverello,
si è evirato da solo col coltello,
lui sperava che il nostro Provedello
avesse messo alla porta il chiavistello,
ma Nicola ha trovato il grimaldello,
loro ci han preso per il culatello,
i nostri hanno giocato a tamburello,
l’intera squadra è caduta nel tranello,
il Mago ha fatto troppo il saputello,
Vecino ormai s’è fatto grandicello,
Pedro è diventato vecchierello,
Cancellieri invece è ancora sbarbatello,
prende fuoco come uno zolfanello.
Il Comandante dovrà usar il mattarello,
ma intanto noi ci attacchiamo al …baccello.

Il Ghiro

Modifica il 1 mese fa da il ghiro
Carlo lll

Che devo dire : grazie toro!

Sunako Nakahara

Lazio-Salernitana 1-3
Dopo un buon primo tempo, la Lazio ha cominciato la ripresa sbagliando un’ottima occasione per portarsi subito sul 2-0. L’inerzia del match è cambiata completamente a seguito del pari degli ospiti, arrivato pochi minuti dopo sulla loro prima vera conclusione a rete. Brava la Salernitana a capitalizzare al massimo le occasioni avute, mentre la Lazio si è disunita ed ha cominciato a giocare con confusione e frenesia. Dopo quella sopracitata Vecino ha fallito anche l’occasione del possibile 2-2, da posizione favorevole, e su questo errore sono di fatto scesi i titoli di coda. Il passo falso di oggi ha fatto riemergere alcuni nostri limiti caratteriali, e non è un buon viatico per le due partite molto complicate che ci aspettano la prossima settimana. 
ps. difficile scrivere qualcosa sull’episodio surreale dell’ammonizione di Milinkovic. Se crediamo alla malafede, allora è inutile spendere del tempo per commentare le partite. Preferisco pensare che questo arbitro sia semplicemente molto scarso. Non è l’unico in circolazione, e purtroppo stavolta toccherà a noi pagare il prezzo di aver incrociato una di queste “mine vaganti”.

Modifica il 1 mese fa da Sunako Nakahara
Claudio Mastino 62

Ciao Sunako, l’ammonizione a SMS
è giusta, il giocatore serbo se l’è andata a cercare ; all’inizio anch’io ero perplesso, rivedendo poi l’azione incriminata ho notato che SMS dopo aver allungato la gamba per calciare ha in seguito rifilato un mezzo pestone all’avversario.

Sunako Nakahara

Stamattina un commentatore radiofonico sottolineava il fatto che l’arbitro in questione è “molto pignolo e ligio alle regole”. Da questo punto di vista, l’ammonizione ci può stare. Spero però che al più presto l’AIA gli recapiti una nuova copia del regolamento, dato che in quella in suo possesso probabilmente mancano le pagine in cui si evidenzia che bloccare un avversario in ripartenza, tirandogli la maglia, o scalciarlo da tergo quando ha già passato la palla da un paio di secondi, sono anch’essi comportamenti passibili di ammonizione.
Detto questo, spero che le assenze non siano un alibi per affrontare il derby senza la giusta determinazione. L’anno scorso, nella gara di ritorno, Milinkovic ed Immobile erano disponibili (e sappiamo tutti com’è andata a finire).

Acaso

Il Napoli non deve vincere. Stanno già riproponendo la reedizione del furto del 2018.
Arbitraggio scandaloso in Torino-Milan. Vergogna.

Leo 62

Più che Acaso direi Accazzo…

Totonno58

Sono quattro anni che ripeto che dobbiamo smetterla con questa ca°°ata del furto del 2018, anche per la dignità di noi napoletani…possibile che non siamo capaci di reclamare la libertà di buttare nella munnezza un campionato?Questa, e solo questa, è la verità di quello stramaledetto finale di stagione, lo ripeterò finchè campo!

Modifica il 1 mese fa da Totonno58
Pavipollo

Potevi almeno aspettare la fine della partita del Milan prima di scrivere caxxate, no?

Acaso

Certo che Ho aspettato la fine. Ma tu sari di quelli che “signor giudice, la polizia é intervenuta prima che potessi scappare con la refutiva. Sono innocente.”
Avete perso lo stesso, ma il risultato giusto era 2 a 0.

Archivista

Chi cita Flaiano campa cent’anni.

Pavipollo

Ah, quindi le caxxate le scrivi apposta invece che acaso, bravo!

Boris

Dunque, dunque… 2017-2018… controllo rapido… cito, copio e incollo:
 
“Oppure hai solo la coscienza sporca, perché ti ricordi di Irrati che vi premiava con il rigore del decisivo 0-1 finale, per autosgambetto collettivo di Allan a Maggio?
https://www.dailymotion.com/video/x6apf2n

Ricordi:
 
l’anno del decisivo gol in fuorigioco di Mertens dello 0-1 sull’Atalanta (arbitro Orsato)
 
lo stesso anno del bagher di Mertens abbonato a Crotone sul risultato, poi finale, di 0-1 (arbitro Doveri)
https://www.youtube.com/watch?v=UqeRg3EzAwo

lo stesso anno del mancato rigore per la parata volontaria sulla linea di porta a pugno chiuso e braccio sinistro teso di Koulibaly su tiro a botta sicura di Dzemaili non ravvisata dall’arbitro di campo Mazzoleni,
https://www.youtube.com/watch?v=UP_dIpW4_Q4
 
che subito dopo concedeva il rigore per la ripugnante simulazione di Callejons su sfioramento di Masina (al Var Orsato)
https://www.youtube.com/watch?v=XRt_idjz2IE
 
lo stesso anno della tremenda mazzata di Koulibaly, non sanzionata, al malcapitato clivense che dava il via, al 93′, all’azione del gol vittoria del 2-1 in Napoli-Chievo (arbitro Manganiello)
 
Ricordi? Lo stesso anno in cui per un fallo a centrocampo di Pjanic non sanzionato con la doppia ammonizione, nacque una delle più patetiche leggende sul ‘Napoli che non deve vincere’…”

Tanti cari saluti dall’archivio.

P.S. Limitati a parlare delle cose di questo campionato, perché in quello a cui ti riferisci tu, quel testa-a-testa venne costruito con una mostruosa (tu diresti “vergognosa”) serie di errori arbitrali a senso unico di cui ho dato conto, tralasciando pure una quantità enorme di sviste (rigore farlocco al Genoa in Genoa-Juventus, mancati rigori di Mandzukic in Juventus-Roma, Torino-Juventus, Udinese-Juventus ecc ecc) a sfavore della Juventus…

Mordechai

Ma veramente andate a scartabellare cose scritte cinque anni fa? Ma chi ve lo fa fare?
Domani è un altro giorno e si vedrà!

Boris

Troppo difficile leggere “citazione dall’archivio” ( del blog)?

Mordechai

Non e difficile, ma paranoide.

Carlo lll

Noi dobbiamo essere noi, gli altri facciano quello che vogliono. Per me è uno spreco di energie.

Ps
Ho saputo pochi minuti fa il risultato di Torino casualmente in macchina..

Mordechai

Hai frenato a secco? 😀

Carlo lll

🤣🤣

Napoli nel cuore

Abisso è una sicurezza à la milanes, ma nemmeno lui, questa volta ha potuto fare tutto da solo.

ROS

…dagli immaginari confini del mondo dove solitamente ti trovi …( secondo me a ferentino) fetècchia atomica..allora a lazie? ⚽️⚽️⚽️😁

Rosario Frattini

Il Napoli è in fuga. Certo i grandi maestri che hanno narrato sublimemente il ciclismo raccomanderebbero cautela e direbbero che le grandi tappe pirenaiche o dolomitiche non sono ancora venute. Ma il dato è questo: il Napoli ha allungato.

Pavipollo

Vabbè, siamo al 70o e non so come finirà, ma se il primo gol del Milan farà la differenza allora non riuscirò più a guardare in faccia un torinista…

Archivista

Neanche per un minuto (dei dieci di gioco effettivo) del secondo tempo si poteva pensare di pareggiarla. Bastonata biblica.

È imbarazzante anche guardare in faccia Leão… passato improvvisamente da incedibile a invendibile.

Pavipollo

Leao oggi era in modalità “svogliato in pantofole”, però sono d’acordo con @Leo62 qui sopra: non lo avrei tolto perché con lui non si sa mai… Avrei invece tolto Origi, pressoché inutile, e messo subito Giroud…

Gran Torino

Uno onesto ogni tanto lo si trova.

Chissà se avresti detto lo stesso se la partita fosse finita 2-2 o 2-3… perché il tuo commento è segnalato di “2 ore fa”, e adesso sono le 01:17… quindi lo hai postato un bel pezzo dopo che la partita era finita… 🙂

Pavipollo

Problemi di lettura? Una riga e mezza e non l’hai capita? Ho scritto espressamente “siamo al 70o” e, appunto, “se il primo gol del Milan farà la differenza” quindi proprio se fosse finita 2-2 o 2-3…

Gran Torino

Mi sa che il problema di lettura è tutto tuo. Rileggi e ritenta.

– Sopra il tuo commento c’era scritto “(postato) 2 ore fa”
– io il mio commento lo postavo alle 01:17…
– ergo, il tuo NON lo potevi avre inviato al 70′, ma almeno mezz’ora dopo la fine della partita.

Però capisco, le mie erano tre righe, e tu non vai oltre una riga e mezza.

Archivista

2 ore fa resta 2 ore fa finché non diventa 3 ore fa.
2 ore e 59 minuti fa, quindi, sono ancora 2 ore fa.
Così, giusto per.

Modifica il 1 mese fa da Archivista
Leo 62

Gli stai chiedendo troppo…

Pavipollo

L’unica cosa che capisco è che tu le cose non le capisci neppure a spiegartele oppure che pensi che io abbia mentito scrivendo che era il 70o, probabilmente perché tu sei abituato a dire balle e pensi che lo facciano anche gli altri. Allora facciamo così: chiedi a Bocca quando è arrivato il mio post, che lui ha poi pubblicato con la sua solita calma.

il ghiro

LAZIO – SALERNITANA 1 – 3
Lotito ritrova la sua “vecchia” squadra, da lui portata ai fasti della Serie A e poi abbandonata nelle braccia dell’imprenditore campano Iervolino, che la sta pilotando con sapienza in questo mare periglioso. Il nocchiero Nicola si barcamena, grazie al contributo di vecchi lupi di mare come l’ex-napoletano Sepe, l’ex giallorosso Fazio, e l’ex-laziale Candreva, e giovani mozzi come lo stopperone austriaco Daniliuc o i sempre interessanti “obiettivi di mercato” Mazzocchi e Bonazzoli; assente il solo Maggiore. Nella Lazio assenti Ciro e Patric, giocano Casale, Vecino e il Mago, in panca il Sergente risparmiato per Coppa e Derby. Arbitra Manganiello da Pinerolo, tipico cognome piemontese, al VAR il pugliese Di Bello, auguriamoci niente Di Brutto.
Tiraccio di Bonazzoli, tiro alto di Zac, si stira Gyömbér, entra Bronn, va in gol il Pipe ma in f.g., tira male Candreva, tira Pedro a fil di palo, poi il Mago trova il corridoio giusto per Zac che brucia in uscita Sepe, 1-0. La Lazio riesce a congelare la palla fino al riposo, buono il recupero veloce della palla, ma rischio di narcisismo nella ripresa, la presenza del Mago è esiziale, se non affonda Zac gli altri si passano la palla all’infinito.
Ripresa: Vecino si divora il gol, salva Sepe, sbaglia Pedro 2 volte, poi Mazzocchi cerca con un lob Candreva, che piazza anche lui un pallonetto a scavalcare Provolone,1-1. Giallo a Coulibaly, sbaglia due volte il Mago, para Provolone su Coulibaly, entrano Dia e il Sergente per Bonazzoli e il Mago, para Sepe su Zac, poi palla a Mazzocchi libero che crossa, la palla finisce a Fazio che la piazza sul primo palo, 1-2. Sbaglia Radovanovic, Vecino si pappa clamorosamente il gol per la seconda volta, poi (tragedia o farsa?) scatta il Sergente, si oppone Bronn, i due si scontrano, giallo a SMS, proteste, giallo a Marusic, va via Bradaric a Casale sulla sx, cross rasoterra per Dia, che in scivolata infila il gol, 1-3. Entrano Basic e Cancellieri, fuori Cataldi e Pedro, entrano Vilhena, Bohinen e Botheim, tiraccio del Sergente, entra Hysaj per Marusic, tira due volte Vilhena para Provolone, mischia e gialli a Dia e Cancellieri. Tutti a casa.
Pessima partita della Lazio, scelte sbagliate su tutta la linea, decisioni incomprensibili da parte di Sarri, un grave errore l’ingresso in campo del Sergente, che non ha risolto la partita, e da parte di SMS, che non avrebbe mai dovuto arrischiare il contrasto nella circostanza, così si è giocato il derby. Ma soprattutto impensabile una partita così disastrosa da parte di Luis Alberto, Pedro e Vecino, scarso il Pipe, male anche i due terzini e Casale, senza grosse colpe solo Provolone, Romagnoli e Cataldi. Totalmente inutili gli ingressi in campo di Basic, Cancellieri e Hysaj, che hanno aumentato il tasso di confusione in campo. Inutili le pagelle, troppe e gravi le insufficienze dell’intera squadra, bocciata a pieni voti, media del quattro in troppe materie. Bocciato anche il Comandante, che non ha capito in anticipo che la partita si stava “accartocciando”.
Ottima la gara granata, splendido il solito ex, il malefico Candreva (non a caso era accusato di simpatie romaniste anche quando giocava con noi) e un prepotente Mazzocchi sulla fascia, sardonico l’ex giallorosso Fazio nelle dichiarazioni post-partita, molto validi anche Bradaric e Coulibaly, solidi tutti gli altri. Fiscale Manganiello, ma SMS gli fornito l’occasione per farsi ammonire, non lo avrebbe mai dovuto fare. Dedicherò presto alla partita un epicedio, un “coccodrillo” in versi.

EroAdAtene

Qualcuno rianimi il Bomba,lo stiamo perdendo… 🤣🤣🤣

Pavipollo

Ma no, sta solo facendo anche lui silenzio in onore dell’amico interista tragicamente scomparso, come la curva laziale…

Mordechai

Ostregheta,questa sì che è bella, nel derby lotitiano quelli più scrausi asfaltano di brutto i fighetti a casa loro.
Ma allora la Juve che con gli scrausi c’ha pareggiato a Torino ha fatto un capolavoro…
L’amico bombetta saprà certamente ragguagliarci a dovere.
👍

Carlo lll

La Salernitana non è più di Lotito. Per quanto riguarda Saturnino da Roccasecca ( Il vero nome di Bomba), so che di domenica và per cantine.

Mordechai

Ha fatto finta di cedera, dai retta a me, è solo un’ammuina.

Wallysan

, come va a buon umore? 😜

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Sulla Lazio non si puo’ mai fare affidamento, si sta profilando un’altro disastro come quello sulle rive del mare del nord .

OCKHAMir

Con il Lecce solito gioco stentato e solite dichiarazioni insulse post partita da parte di Allegri. Riguardo a Fagioli, autore della bella rete della vittoria, secondo quanto riportato da la Gazzetta l’allenatore si sarebbe così pronunciato: “il ragazzo ha qualità, però va corretto perché giocando qua e là si è un po’ imbastardito….Lo vedo solo come regista davanti la difesa. 
Quest’uomo non lo sopporto proprio più, nel giro di un anno, se resterà, rovinerà anche questi promettenti ragazzi, come ha rovinato Dybala. Lui ha le sue viste, o il giocatore si adegua di buon grado o non viene utilizzato in altre posizioni, magari a lui più gradite e confacenti. Mi convinco sempre di più che la conquista di 6 scudetti, con giocatori già affermati e in assenza di avversari di forte spessore, per molti tifosi (non per me) deve essere stata un abbaglio sulle sue effettive qualità.
A mio parere di calcio e di calciatori ne capisce ben poco. Ha una sua visione e una sua filosofia (speculativa) e resta ancorato testardamente a quella.

OT Tennis. Il Torneo ATP 500 di Vienna è stato vinto in tre set 4-6/6-3/6-2 da Medvedev, come da pronostico. Però Shapovalov nel primo set, da lui vinto, mi aveva impressionato sfoggiando una serie di colpi assai efficaci, di grande difficoltà ed affetto, con un atteggiamento sicuro ed aggressivo che faceva prevedere un incontro molto più combattuto ed incerto. Così non è stato perché il canadese ha poi mollato inaspettatamente sul piano fisico perdendo concentrazione, diminuendo la percentuale di prime palle del servizio e commettendo molti errori gratuiti. Il cedimento è avvenuto qualche minuto dopo avere tentato di prendere, scattando a più riprese da una parte all’altra del campo, una serie di palle profonde e molto angolate, le cosidette “palle impossibili”, a prezzo di uno sforzo tale che gli deve avere poi tolto energia e lucidità, segnando il passaggio cruciale per le sorti del match. L’esperienza gli insegnerà che queste palline bisogna tentare di prenderle solo quando si tratta di un punto decisivo per la conquista del game, sennò è meglio non muoversi e limitarsi a guardarle.
Dopo cena mi guarderò anche la registrazione della finale del torneo di Basilea tra Auger Aliassime e Rune.

Mordechai

Quadi quasi ti dico chi ha vinto…😀

astainvista

L’ Inter e i media, nuovo imbarazzante capitolo.

“SAN SIRO
Ucciso il capo degli ultrà, tifosi dell’Inter costretti con la forza a lasciare la curva nord”

Osservate bene, non…

“SAN SIRO
Ucciso il capo degli ultrà, pochi tifosi costretti con la forza a lasciare la curva nord dalla maggioranza compatta degli altri tifosi interisti organizzati”

come ci si sarebbe aspettati da un giornalismo rispettoso della verità, che tenesse conto del rapporto di forza e di numero tra i ricattatori (tantissimi interisti del tifo organizzato) e i ricattati (uno sparuto gruppo di tifosi interisti, che vedremo se porterà avanti le denunce o verrà dissuaso e “accomodato,” dalla società).

Altro capolavoro linguistico per riuscire a scagionare l’Inter e la schifosissima Curva Nord.

Cioè. Parlando del caposaldo del tifo nerazzurro, composto da migliaia e migliaia di adepti, da sempre servito e riverito dalla dirigenza dell’Inter, che agisce come un monolite uscendo da San Siro per rendere onore ad uno dei tanti delinquenti che nel sono a capo, si fa sparire l’identificazione “interista”. Che riappare magicamente per i poveri tifosi (interisti) vessati.

Incredibile, davvero pazzesco. Qui tocca dar ragione al napolista sui media à l’interes…

Modifica il 1 mese fa da astainvista
Waters

Pensa alle due pere di stasera.
Salud.

astainvista

Toh, ecco che fa di nuovo capolino l’omertoso sedicente uomo di sinistra.

Waters

Non fai l’elenco dei torti arbitrali quest’anno? 😂😂
Salud.

EroAdAtene

come con altre curve e loschi personaggi, tutto con la complicità di forze dell’ordine, sindaci e presidenti

Archaeox

Vogliamo dimenticare un ex ministro degli interni?

Modifica il 1 mese fa da Archaeox
Rosario Frattini

https://youtu.be/HDelpXsb94Q

Prese un pallone che sembrava stregato
vicino al piede rimaneva incollato
entrò in area e tirò senza guardare
ed il portiere lo fece passare

Carlo lll

Poi dicono che ce l’ho con questo paese del c@@@@!
Ieri nella curva interista si è perpetrato un fatto incredibilmente grave , che se fosse successo in una città di mia conoscenza apriti cielo. Sarebbero partite indagini socio- antropologiche sui media e i social che c’avrebbero abbuffat’ a’ wuallera per giorni.

Napoli nel cuore

Lo vedi che i media delle Camarille à la milanes ti inducono a pensare come se quello successo ieri sera non fosse solo uno degli innumerevoli episodi di violenza, razzismo e collusione con la malavita di quella tifoseria? Pensa a cosa non riescono a fare con il racconto la milanes degli episodi arbitrali post partita.

ROS

…drammaticamente vero…ma ormai so carte cúnusciute e ci fanno un baffo!😁

L'ESORCISTA

Hai perfettamente ragione, inutile fare gli ipocriti.
Passando al calcio giocato, rinnovo i complimenti al Napoli, provo un sentimento di sana invidia è proprio un bel vedere.

Modifica il 1 mese fa da L'ESORCISTA
2010 nessuno

Ironia?

Mordechai

E sai cosa? Non riesco proprio ad…avercela con loro. Strabravissimi.

Carlo lll

👍

Zenyatta Panatta

Dove sono gli interisti del blog? Anche loro “convinti” ad abbandonare in segno di rispetto per la dipartita del Lider Maximo?

2010 nessuno

Quando non hai niente di intelligente da dire, non è che devi scrivere per forza qualcosa , perché poi finisce che posti solo cretinate

Waters

Bisogna vedere se qualche interista del blog frequenta la curva, e a spanne non credo.
Per quanto mi riguarda la mia idea sull’accaduto me la tengo per me, e non lo spiattello in un blog in cui il 90% delle persone si presentano anonimamente.
Salud.

Mordechai

Perché, tu ti chiami davvero Waters?

Boris

Tu sei la quintessenza del piccolo povero ipocrita di provincia. Un pettegolo che abbassa sempre il cappello.
L’individuo perfetto che si bea dei boati di sostegno di gentaglia simile, la peggior feccia fascio-razzista malavitosa d’Italia.

Waters

Bravo Loris,ora vai a nanna e beviti una bella camomilla ai fiori di sambuco, con salsa di ortiche al pan di zucchero😀😀

Roberto

Vedi Waters tu sei di quelle persone che non accettano critiche , che guarda la gente dall’alto in basso , povero popolino , che ci sciorina tutti i menù , che la moglie è non so che cazzo e tralascio , d’altronde sei interista e a Milano gli interisti li chiamano i bauscia , in Francia sarebbero ” les grandes gueules ” ecco questo è quello che sei , une grande gueule convinto di essere un elite , contento te

Boris

Ma va là! Quello è un “personaggetto” che si è costruito con immensa fatica, ruolo che regge ormai malissimo, messo a dura prova dalla realtà.
Parliamo infatti di un meschino pettegolo di paese, uno che non perde occasione di farci capire che si è formato una personalità doppia, probabilmente, da bambino si faceva amici i mobbatori in cambio di una tranquillità che spacciava come buona condotta.

Waters

Beh Robé, ho anche origini francesi, nonna materna di Maslaq, paesino del Languedoc Roussillon.
Salud.

L'ESORCISTA

Stanno consultando il manuale degli onesti cercando di capire se questa situazione è contemplata.

Bob Aka Utente11880

Ma no, certo che no, chi abbandona cosa. Anche perché non credo che i colleghi interisti del blog siano collusi con i violenti, e per questo non vogliano farsi vedere in giro. Qui non ci sono ambiguità, è stato un atto di pura violenza, non è lo specchio di chi qui argomenta di calcio. E non è neppure un fatto di “tifo”, quello vero e sano. È un fatto di violenza metropolitana, attenzionato da chi deve combatterla, da cui è inevitabile prendere le distanze. In più, per ciò che mi riguarda, qualche giorno fa ho polemizzato con @AH per i comportamenti di una parte dei tifosi fiorentini, ora però è nel mio orticello che devo guardare.. anche se ne farei a meno.

nirula's

Gli indaisti del blog pare siano come il loro ex presidente che ieri ( coincidenze del fato) sul Corrierone ha rilasciato una intervista a tratti esilarante e a tratti insultante.
O no?

L'ESORCISTA

Incredibile oramai sta diventando come il povero Simoni, ostaggio di pennivendoli senza scrupoli che per avere un minimo di attenzione non sapendo e non riuscendo a scrivere qualcosa di decente lo tirano in ballo sapendo benissimo che dirà la solita minkiata che infiammerà i tifosi, livello bassissimo per tutti i coinvolti.

2010 nessuno

ESOR lo sai che ti stimo, quindi , ricordando che Simoni era una brava persona e di sicuro non uno stupido e che pertanto aveva diritto alle sue legittime considerazioni su fatti vissuti in prima persona, ma soprattutto ricordando che è deceduto e che in quanto tale ha diritto di essere lasciato in pace, vedi di non abbassarti al livello di quelli che non avendo un cazzo da fare, come ogni tanto capita sul bloog, finiscono per scrivere solo stronzate.

Waters

Beh dai, è un bel pò che è a un livello rasoterra, tipo Doris per esempio.

L'ESORCISTA

Non so è difficile giudicare, tu per esempio mi hai dato del poveraccio e sfigato e Bocca ti ha Spalato come un Nick qualsiasi. Fai un po’ le valutazioni e tira le somme …

Modifica il 1 mese fa da L'ESORCISTA
L'ESORCISTA

Infatti ho parlato di “ostaggi” non a caso, ostaggi di giornalisti ed editorialisti di bassa statura morale.
Tranquillo bro, con me sfondi una porta aperta.

Bob Aka Utente11880

👍

Boris

Il solito impressionante silenzio assordante della società e dirigenza più nera e collusa d’Italia di fronte all’ennesimo sfregio. Migliaia di affiliati alla Curva Nord Milano lasciano lo stadio in segno di lutto, per onorare la memoria di un plurideliquente freddato per strada. I pochi che si oppongono al diktat presi a calci e pugni fino all’obbedienza. E loro…? Gli Zhang, i Marotta, gli Antonello… muti, zitti, una tomba…
Chi nel proprio stadio rinuncia per anni (oramai quasi un lustro) al tifo organizzato pur di non cedere a ricatti e chi li accetta e li promuove col proprio vergognoso nauseabondo silenzio.

francamente

prima invece…quando i tuoi amati prendevano a schiaffi i tuoi calciatori che volevano far rispettare i contratti andava tutto bene, Vero? francamente fai venire conati.

Boris

Prima quando, piccolo, piccolissimo idiota? Quelli erano fuori dallo stadio, una frangia che insultava anche la società e, mica per niente, osannava proprio Allegri, intimandogli di “non dimettersi mai”.

Portali a processo e presentati come parte lesa e RINUNCIA AL LORO TIFO INFETTO (come hanno fatto i dirigenti della Juventus), invece di offrirgli il tuo portale per vomitare offese razziste, invece di ricevere delinquenti in sede, invece di fare scena muta su striscioni contro “negri italiani” o in onore di camerata nazisti, invece di stendere un tappeto rosso a delinquenti conclamati.
Poi ne riparliamo.

nirula's

Attendiamo anche una precisazione del dentone capellone spendaccione che ieri ha rilasciato una intervista sul Corrierone.

L'ESORCISTA

Aaaa te ne do quante ne vuoi, basta chiedere…

Screenshot_2022-10-30-10-05-26-15_a23b203fd3aafc6dcb84e438dda678b6.jpg
Maxx

Il problema fu che poi Moratti, senza più cellulare, non poté più chiamare Bergamo e la cosa si chiuse così. Non è che la strenna natalizia fosse proprio il cellulare di Moratti?

Expo

Commenti dopo Lecce-Juve:
Signor Allegri, basta di schemi tattici sghembi con giocatori che giocano fuori dal ruolo naturale.
Se si ha la formazione titolare al JMedical, basta di adattare giocatori o inventarsi schemi astrusi, che i giocatori non capiscono e non sono allenati ad interpretare.
Mettiamo i giovani nei loro ruoli, e si giocherá meglio.
Anche ieri, ennesima trovata tattica: oltre al solito Danilo centrale e Cuadrado (ormai spremuto) terzino, 4-2-3-1 con Miretti che fa da seconda punta e i laterali (Kostic, Soulé) molto schiacciati, cosí che in realtá diventa un 4-4-1-1 totalmente inefficace.
Poi, dopo il goal di Fagioli, il Vate si inventa uno 5-3-2 con: Danilo 3 centrale a sinistra, Iling-Jr non si sa dove, e Milik ad aiutare a destra. Non era meglio riportare Danilo a destra?

Altra nota su Fagioli: il ragazzo sfodera un gol fantastico, alla Del Piero, e nello standup post partita il Vate (che non lo aveva fatto giocare nemmeno un minuto fino ad ora) dice che è un regista e deve giocare basso davanti alla difesa (e non “andare a giro”).
Neanche quando ha i giocatori riesce a valorizzarli…

OCKHAM

Sottoscrivo. Sembra preda di confusione totale, muove le pedine a caso per tentare di trovare una quadra (invece che possibili….triangoli 😉 .

Giorgio Bianchi

Vedere il Napoli dal vivo, con la visione d’insieme che questo consente e la tv no, dà meglio l’idea di cosa faccia questa squadra al momento, lasciando una sensazione di forza e bellezza e gioia per i tifosi azzurri, mai provata se non ai tempi di LUI.

Ciò detto è incredibile come poi alla fine di una gara vinta 4-0, con altre numerose occasioni non concretizzate, ti accorgi che il portiere che ha fatto più parate e quelle più impegnative sia stato quello del Napoli.
A dimostrazione, se vogliamo, del fatto che il Sassuolo la gara se la è giocata al massimo delle sue possibilità.
A parte i tre fenomeni, penso che anche Lobotka vada ad affiancarli. È disarmante la facilità con la quale guida la squadra.
Per non parlare di Mario Rui.
Solo Zielinsky ed Anguissa che rientrava sono apparsi un po’ in ombra.
Ma certamente lamentarsi sarebbe da incoscienti.
A Liverpool però le distrazioni difensive di ieri costerebbero care ma spero che Spalletti che le ha notate possa rimediare.
Non so quanto potrà continuare questo momento, ma per ora ce lo godiamo e basta!

Modifica il 1 mese fa da Giorgio Bianchi
tom

Prima o poi, per la legge dei grandi numeri, uno scontro diretto dovremo pur vincerlo. Contro gli orridi, la prossima settimana, serve un solo risultato. Fossimo stati due o tre punti avanti, sarebbe bastato anche un pareggio, considerate le assenze. Ma siamo dietro, e una sconfitta ci condannerebbe all’irrilevanza totale.
Allegri, ne sono certo, la imposterà sul prima non prenderle, un punto è meglio di zero, le partite da vincere sono altre, ecc.
Spero in Danilo, Vlahovic e Milik…

Mordechai

Lor Signori scusassero i vari refusi.

2010 nessuno

Va bene, scusasseremo

Nicola Romano

Caro Mordechai non ti Sarai mica gia’ fatto uno sprizz a digiuno, come ho fatto io con mia moglie l’ anno scorso in Trentino? E poi dopo aver detto senza freni inibitori, alla barista quello che penso di Salvini, ci siamo seduti a ridere nel parco .

Archivista

Perdere i freni inibitori per finire a parlare di Salvini – sembra un po’, a prima vista, un’occasione sciupata.

Però, ad esempio – per parlare del Milan di stasera, servirebbe come minimo un barile di rum…

Mordechai

Terzo brodino di fila contro gli scappati di casa, bene, contro i pari grado andiamo forte, peccato esistano pure avversari veri che ci fanno la bue.
Peraltro, il terzo agevole clean sheet consecutivo in serie A, a fronte delle sei pere (potevano essere pure dieci) beccate negli ultimi 180 minuti in CL, dimostrano chiaramente che il livello medio del nostro campionato è più o meno su l livello di quello slovacco.
Tre punti in saccoccia e via, verso nuove avventure, next sunday contro quegli altri, cazzo…non ne ricordo mai nome.
Noto comunque che i pischelletti buttati nella mischia a Lisbona a Lecce hanno portato, se non altri, una boccata di aria pure e freschezza, dopo mesi di puzza di naftalina è già tanto.
Propongo anzi a Mister Bean, tanto a ‘sto punto…, di mettere in campo pure i pupi dell’ under 12, hai visto mai…
Saluto la blogga, più a tardi con un paio di amici (milanisti) dalle non del tutto rassicuranti propensioni alcoliche, si va a pranzo da “Sestilio”, in quel di Torrice, all’insegna della gastronomia ciociara nelle sue forme più grevi e indigeribili.
Se ne esco vivo, vi farò sapere.
Buona domenica a tutti.
😎

Leo 62

Secondo me avevi ragione quando dicevi di Fagioli e Miretti ( ed aggiungo Rovella ) secondo me se la società puntasse sui giovani ( ed aggiungo Soulé ) facendo un mix con qualche vecchia lenza ancora in grado di dare qualcosa, darebbe finalmente un’anima a questa squadra, che crescerebbe senza costi eccessivi con giovani che se fatti giocare ed hanno valori poi non ti deludono. Un centrocampo con Fagioli davanti alla difesa, Pogba e Locatelli interni e Miretti vicino a Chiesa e Valhovic ( Milik ) non farebbe tanto peggio di quelli visti ultimamente ( poi magari Paredes lo usi nelle rotazioni, come anche Rovella ). Metti Bremer e Gatti ( da rivedere ma non da bocciare ) centrali, Danilo a destra e compri un esterno sinistro ( o fai rientrare Cambiaso che credo sia in prestito ) e secondo me metti a posto i conti e vieni avanti. Poi anno dopo anno aggiungi dove ti serve senza buttare soldi al cesso. Tempo due, tre anni sei di nuovo competitivo. Da vedere se Allegri è quello giusto per una cosa del genere.

Mordechai

Allora, sono sopravvissuto e come promesso (so che ci tenete) vi faccio sapere : eravamo in quattro, si è aggiunto un altro amico, tifoso della Sampdoria, credo l’unico del frusinate.
Cinque primi, di cui due fettuccine ai porcini e tre sagne si fagioli, poi quattro secondi, di cui un coniglio alla cacciatora, una porzione di fegato con cipolle e due bistecche, poi due contorni, un’acqua, due bocce di rosso della casa, un piattone di ciambelline e crostata, tre amari ed un caffè. Il tutto per un totale di cento eurini tondi tondi, credo sia un conto onesto.
Digestione devo dire non agevolissima, c’ho ancora la panza come un tamburo Masai ma penso di farcela, d’altronde se mando giù Allegri ogni cosa è possibile.
Alla prossima.

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Con una bella passeggiata la digestione è facilitata .

2010 nessuno

Arrivando in ritardo per gli auguri del pranzo, buona digestione allora.

commentanonimo

Il caso (5 centimetri) ha deciso. 5 cm a destra e Fagioli stampava sul palo, 5 cm a sinistra e nonsochi la metteva dentro e si discuteva un 1 a 0 od un 1-1 invece che uno 0 a 1. Solita Juve senza uno straccio di gioco e atleticamente mediocre. A me è piaciuto Alex Sandro tra i vecchi, con Danilo, sarà che sono brasiliani ma si vede che loro la palla la sanno toccare. Su Fagioli sospendo il giudizio, il talento c’è ma vedremo se è continuo, si esagera sempre con le iperboli.
Irritante giacchetta gialla, pare che si arbitri sempre per eccesso contro di noi, le discussioni sul rosso a Miretti sono patetiche, gamba piegata e velocità lumachesca, il giallo a Milik da partita a calcetto a 5, in compenso sottosanzionato il fallo violento a Iling ed una svista su un mani volontario con Kostic che aveva saltato l’uomo, commentato con “aveva le mani attaccate al corpo” dai cronisti che non era affatto vero. Non voglio essere frainteso, osservo sempre i fatti e se c’è una cosa che mi ha sempre mandato in bestia è la tendenza di avere due pesi e due misure, indipendentemente da chi è coinvolto.
OT sulla politica, la Meloni ha sostenuto che abbiamo avuto tanti morti nonostante un lockdown più duro. Balla colossale, il lockdown italico è stato nella media di quelli occidentali e semmai il tasso più alto morti/infezioni lo hanno avuto i paesi dell’est che erano più lassi, a menoria (fallace) mi pare che chi sia andato peggio sia la Bulgaria.
Il Napoli lo avevo dato vincente lo scorso anno, sembrerebbe che ho solo anticipato i tempi…Saluti a tutti

Wallysan

Vai gladiatore, torna vincitore!!! 😂

Nicola Romano

Sono perfettamente d’ accordo , il fatto che Buschi malamente in terra d’ Israele e poi vinci immancabilmente in patria con le piccole, la dice lunga sul livello di queste ultime e anche su quello del tuo animus pugnandi in Europa . Poi se te piace magna’ , se po’ fa’ , purché si aiuti poi l’ organismo a digerire e consumare ciò che e’ entrato di soverchio, buon pranzo .

ROS

…AUGURI DIEGO!👏👏👏

Modifica il 1 mese fa da ROS
cipralex

Doc,se Nedved leggesse qui dentro troverebbe un sacco di nomi per sostituire Allegri credo a buon prezzo…..

tom

pochi mesi fa, in fase di definizione della rosa, scrissi che tra i giovani che si contendevano la conferma Rovella era il più pronto, Miretti il più continuo, e soprattutto Fagioli quello con più talento. Di Fagioli avevo scritto anche l’anno scorso: mi è sempre sembrato uno veloce di testa e educato di piede (da affinare ulteriormente). Quando riceve palla si vede che sa già cosa fare.
Allegri lo vede centrocampista arretrato, alla Pirlo. Non sono convinto. Per me è un numero 8 al quale per ora difetta un po’ il fisico e la gamba. Spero gli venga concesso qualche minuto in più, anche se la squadra in cui si trova a giocare potrebbe finire per danneggiarlo (in questa Juve chiunque peggiora…).
Dimenticavo di Souliè. Gode di una buona stampa, per qualche motivo, ma io non gli ho visto ancora fare niente di che. Ha bisogno di mettere su qualche muscolo e imparare a giocare a testa alta… come Fagioli sa già fare.

Modifica il 1 mese fa da tom
inox

Buongiorno Fabrizio

Il fagiolo di Bigliolo ( Aulla MS ) ha una buccia sottile e una pasta molto tenera; pertanto è estremamente digeribile e delicato. Da queste parti, un po’ in su o un po’ in giù di legumi, ce ne intendiamo. La “mesciua” è un piatto tipico spezzino a base di ceci, fagioli ecc…ecc…. . Di conseguenza è anche una parte d’Italia di gran scorreggioni. Ovvio. A proposito Fabrizio, domando: visto che il corpo umano è composto per il 62% da ossigeno quando uno scorreggia, dimagrisce? Fagioli, quello iuventino, non è rimasto digeribile per i leccesi. Delicato si digeribile, no. Fa un goal epico. Questo è bravo d’altronde, si era già visto a Cremona l’anno scorso. Fagiole, Soulè, Miretti, Iling brutta gente. Se lo #spappolafiche labronico se ne accorge potrebbero essere guai. Il Lecce dei cacasotto. Ti arriva la Juventus più squinternata di sempre e l’affronti difendendoti. Primo tempo orrido poi, la solita Juventus + Fagioli + Iling +Soulè. Miretti meno, non è il più forte fra i quattro. Il Napoli niente: altra roba. Scudetto napolista, spallettiano, delaurentiano ( quello scemo perché vende Koulibaly). La questione è che giocatori come Kim, Kvaratskhelia le vedremo ancora per poco da noi. Questi vanno via. Festa per Stankovic in Milano poi, gli rifiliamo quattro biscotti Doria. L’Inter è tornata a casa. Poi le solite belinate: Asllani via in prestito perché non pronto. Pronto per cosa? Mah! La curva interista in silenzio in segno di lutto. Certo deve trattarsi di una dipartita eccellente per tacitare tutta la “Curva Nord” della Prestigiosa, Beneamata Mai Retrocessa. Rispetto per il defunto interista. Sarei curioso di sapere chi era. Sarà mica l’autore del gesto del lancio del motorino sulle gradinate? Nel piazzale antistante lo stadio nuovo il monumento a imperitura memoria: il ragazzo, bandiera garrula nero azzurra al collo, si avvia in motorino lungo le rampe di San Siro. Ai piedi del monumento, in suffragio, candele……NGK 1098 BR7HS-10, BOSCH 0 241 235 756. Figata!

Nicola Romano

Simpatico questo commento gastronomico calcistico flatulenziale, onori a Torino Empoli e buon ultimo il Lecce che proprio non ce l’hanno fatta con questa Juventus malridotta e pure stanca e delusa dalla cempions .

Nicola Romano

Da appassionato di rock n’ roll un saluto aJerry Lee Lewis , ultimo dei grandi del genere ad andarsene .

malandragem

🎹🔥🔥🔥💔

Carlo lll

Oggi avrebbe compiuto 62 anni, ti omaggio così. Rip el dies..

https://m.youtube.com/watch?v=Yfqc96svZb8&t=27s

il ghiro

XII giornata – Un sabato x 3 (3a puntata)
Napoli e Inter giocavano in casa, la Juve invece scende nel tacco d’Italia (colpa delle +valenze?).
INTER-SAMPDORIA, 3 – 0
Inzaghi ripresenta De Vrij, in panca Acerbi, il resto invariato; mentre Dejan, al ritorno a San Siro, cambia la squadra della partita di Cremona, escono Murru, Augello, Verre e Pussetto, entrano dal 1’ Ferrari, Amione, Villar e Gabbiadini, Arbitro il molisano Massimi, al VAR il barese Nasca.
Dopo le prime schermaglie, giallo a Yepes, ma al 20’ corner del Calha sulla testa di De Vrij, fucilata nell’angolo, 1-0. Tira a lato Miki, Dimarco dal limite spizza l’incrocio, giallo a Colley, punizione lunghissima di Bastoni per Barellik che stoppa a seguire e spara di dx una bordata tremenda, 2-0.
Ripresa: Entra Vieira, Dzeko cicca il tiro solo davanti a Audero, giallo a Djuricic, entra Verre, buca l’uscita Onana, gialli a Verre, Gabbiadini, Bastoni e Vieira, entrano Pussetto, Lukaku, Acerbi e Correa, che al 73’ si mette in proprio, attraversa il campo e dal limite spara la botta vincente, 3-0. Entrano Rincon, Montevago, Bellanova e Asslani, para Audero su Bellanova e Miki, Onana salva su Pussetto e su Acerbi(!).
I migliori dell’Inter De Vrij, Bastoni, Barella, Dimarco, un bravo a Correa per il gol, nella Samp bene Amione e Djuricic, male il centrocampo e i due centrali, i peggiori la coppia di fascia Dumfries e Leris, un bel duello di pippe.

208
0
Cosa ne pensi? Lasciami un commentox
()
x