Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Stai bloccando le Ads!!!

Ciao, un po’ di pubblicità a te non costa nulla, a noi consente di ammortizzare almeno in parte i costi di Bloooog! e mantenerlo attivo. Per favore disattiva l’estensione che blocca gli annunci e poi ricarica la pagina.
Grazie da Bloooog!, il tuo Bar Sport.

Guardiola, Manchester City

Povero Guardiola, così grande e così triste. C’è sempre un’ombra sul suo genio, e il Manchester City rischia davvero di perdere tutto… -🎙️ IL PODCAST

Ascolta “Bufera Manchester City, Guardiola pronto all’addio (ep. 27, 8 dic 2023)” su Spreaker.

Forse sono davvero troppo pochi 53 anni per dire che siamo al tramonto della stella di Pep Guardiola. Evento più simile a una catastrofe astronomica da film americano che a una comprensibile scelta di vita di uno degli uomini più significativi nell’evoluzione del calcio moderno. Però potrebbe accadere, semplicemente perché è un’eventualità che il grande Pep ha preso in considerazione, per non dire minacciato. Guardate, che mi avete stufato e potrei lasciarvi.

Pep Guardiola makes shock claim that he will retire (Daily Mail)

  Non esistono allenatori che non attraversino prima o poi un momento di crisi, di smarrimento, di stress. E comunque è quello che sta capitando oggi al miglior allenatore del mondo, primato che Guardiola si gioca a suon di trionfi e di Champions League conquistate con Carletto Ancelotti, deus ex machina del Real Madrid. 

  Non sempre si può vincere, però, direbbe il filosofo Shell Shapiro, per cui Guardiola, sconsolato e anche un po’ incazzato con quelli che osano criticarlo, preso da giorni di sconforto per il momento no del City, ha già accennato all’ipotesi di un possibile definitivo addio al calcio.

  Anche se sarebbe un abbandono alla sua maniera, decisamente trionfale e con i fuochi artificiali: “Se dovessi vincere un’altra volta il triplete col Manchester City basta, mi ritiro” ha proprio detto Pep. E dunque, qualora accadesse, bisognerebbe essere passati prima ancora da un nuovo filotto di altre Champions League, Premier League ed FA Cup col City.

  Club che ormai è la sua casa di adozione, anche ben più dell’amato e originario Barcellona, 8 anni tra vittorie, calcio spettacolo e investimenti faraonici: si calcola che da quando c’è Guardiola, il City dello sceicco emiratino Mansour abbia speso sul calciomercato, da De Bruyne a Haaland, ben più di un miliardo di euro. Anche se lo pensiamo tutti, risparmiatevi la battuta: eh, così sono capaci tutti!

  Il grande cruccio di Guardiola è quella di dover esser sempre debitore di qualcuno per la sua grandezza: a Barcellona dicevano che vincesse per Messi, col City tutti dicono che sono solo gli smisurati tesori dello sceicco a determinarne i trionfi.

Manchester City, Premier League charges (Sky Sports)

  Su Pep Guardiola e sul City all’improvviso si è accumulata una grande nuvola di burrasca. La sconfitta con l’Aston Villa, arrivata anche dopo 3 pareggi consecutivi, ha buttato il City giù in classifica. Pep si ritrova circondato da critici e in tv ha cominciato a dar fuori di matto in stile Mourinho, contrattaccando chi non gli perdona nulla. “Forse Gary Neville, Jamie Carragher e Micah Richards hanno vinto quanto ho vinto io?”. Che non è una frase propriamente nello stile di Guardiola, che di solito su queste cose sorvola e passa. Ma intanto l’ha detto e la frattura pubblica è causata, nonostante i trionfi e il personaggio di dimensioni universali. Davvero è possibile un tale addio col botto?

  La realtà è che i soldi possono comprare grandi calciatori e fare ricchi tutti quelli che vengono a contatto con la realtà di un club dalla potenza tanto smisurata, dalle vittorie a ripetizione e dagli orizzonti illimitati, ma non comprano la felicità e rendono spesso la vita più complicata.

  E forse Pep ne ha abbastanza, il nuovo contratto che ha firmato col City, che scadrà nel 2025 e vale circa 25 milioni di euro a stagione, pare abbia molte vie di fuga da una e dall’altra parte.

  Un po’ come la Juve lo scorso anno, ma con una storia ancor più enorme e complessa da indagare, il City è da febbraio 2023 sotto inchiesta della Premier League e presumibilmente a ottobre 2024 comincerà un procedimento che lo chiamerà a rispondere di 115 violazioni delle regole finanziarie che riguardano sponsorizzazioni, compravendita calciatori, retribuzioni di manager e giocatori.
Considerato che per l’Everton sono stati chiesti 12 punti di penalizzazione per violazioni certamente inferiori, ci si può immaginare cosa rischi di Manchester City nell’immediato futuro. E quali siano i rischi per tutti i trofei che Guardiola ha conquistato a Manchester. Qualcuno parla già di retrocessione in Serie C.

  Povero Pep, praticamente dal paradiso siamo passati a un film horror.

***

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canai social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

SOCIAL BLOOOOG!

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTRAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

***

SINTESI

Povero Guardiola, così grande e così triste. C’è sempre un’ombra sul suo genio, e il Manchester City rischia davvero di perdere tutto… -🎙️ IL PODCAST

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
41 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

mario rossi

Bocca scusi a 53 anni pep va già in pensione? Ma nemmeno i baby pensionati ai tempi di craxi de mita!

Modifica il 2 mesi fa da mario rossi
Nicola Romano

Veramente la moglie di Bossi e ‘ andata in pensione intorno a 40 anni .

a-hum

parliamo seriamente della partita che fra mezz’ora inizia;
una sconfitta della Juve segnerebbe la lotta per lo scudetto noiosa come lo è stato per l’ultimo;
purtroppo Napoli e Milan sono troppe lontane per poter competere;
da parte mia il risultato non cambierebbe nulla: non mi illudo di poter vincere lo scudetto ed entrare in CL rimane alla portata;
vo a piratare;

il ghiro

I Casi Loro – Calcio & A.I.
1.) Josè, Thiago e il C.A.N. per l’A.I.A.
Molto si è parlato della bizzarra scelta di Mourinho di iniziare la sua intervista di fine-partita con la stampa parlando nella sua madrelingua, il portoghese. Si è giustificato spiegando che il suo italiano poteva essere frainteso o distorto; questa la sua tesi dopo le sconcertanti dichiarazioni contro l’arbitro Marcenaro e la discussa vittoria col Sassuolo. Anche l’allenatore italo-brasiliano Thiago Motta si è molto lamentato per il comportamento della coppia arbitrale Doveri/Nasca, l’uno in campo, l’altro al VAR, responsabili a suo giudizio di avere danneggiato la sua squadra, accordando un rigoretto quantomeno dubbio al 100′ di gioco che il leccese Piccoli trasformava. Si suggerisce anche a lui di affrontare d’ora in poi i giornalisti rispondendo in lingua lusitana a eventuali domande sull’arbitraggio, per evitare sanzioni e deferimenti. In generale si raccomanda a tutti gli allenatori-piangina di prendere lezioni di lingua straniera dai propri calciatori brasiliani e portoghesi, per commentare senza problemi il prossimo errore arbitrale.   
2.) Arriva la Body Cam
Il preriscaldamento della Juventus prima della partita con il Napoli andrà in onda su DAZN grazie alla adozione di apposite bodycam fatte indossare ai calciatori bianconeri nelle fasi immediatamente precedenti il match. Questa bella trovata è stata escogitata da due guru della tecnologia calcistica del calibro di Stefano Azzi, CEO di DAZN, e di Luigi De Siervo, Amministratore Delegato della Lega Serie A. Potremo così ammirare dal vivo e a distanza di cm. i guantoni di C.F., i bicipiti di Gatti, la “tartaruga” di Bremer, le braghe di Danilo, il sospensorio di Cambiaso, gli slip di McK, le cavigliere di Locatelli, il laccio per il codino di Rabiot, i parastinchi di Kostic, la maglia già strapazzata di Chiesa e gli scarpini di Vlahovic. Ma non è tutto qui, grazie all’audio si sentiranno in diretta i grugniti e le urla dei giocatori, ma anche gli incitamenti, i consigli nonchè i vaffankulo in perfetto dialetto livornese pronunciati da quel maestro di buone maniere che risponde al nome di Max Allegri. E tutto questo “grazie alle immagini in live-action con una qualità in alta risoluzione grazie all’HD e le telecamere AI.” Mancheranno solo gli acri odori del sudore e dell’olio canforato!!!
3.) Film in MeloniRama
Il recente incontro tra la nostra premier Giorgia Meloni e il gigantesco premier albanese Edi Rama ha aperto nuove prospettive a Lucianone Spalletti e alla sua Nazionale in merito al possibile passaggio del turno alle fasi finali del prossimo Europeo. Pare infatti che tra i punti affrontati nel corso dei colloqui bilaterali tra i più controversi nelle aspre discussioni vi fossero i sei punti in palio negli incontri diretti tra le due rappresentative calcistiche. La nostra Giorgia, feroce nazionalista, pare abbia minacciato di spegnere i ripetitori di tutte le TV in lingua italiana orientati verso Tirana, se la squadra allenata dal brasiliano Sjlvinho non rispetterà la tradizione che la vede soccombere sempre negli incontri con l’Italia. La nostra opposizione si è invece dimostrata assai insoddisfatta dell’accordo raggiunto, Schlein, Conte, Renzi e Calenda avrebbero preteso che gli albanesi si impegnassero a strappare a Spagna e Croazia almeno 6-7 punti per garantirci la testa del Girone B. Ci voleva Crosetto per lo scontro  ciclopico tra i due Carnera, pesi massimi della politica europea, ma il nostro buon Elio era già impegnato a combattere contro le “toghe rosse” e non ha potuto intervenire. Peccato, stavolta ce la dovremo cavare da soli!!!

a-hum

basta! abbandono il bloggo!
per almeno due minuti, giurin giurello;

a-hum

a prop di Coppitaglia, ma Fiorentina-Parma non è proprio la partita che auspicano i laudatori del Bel Gioco o Gioco Europeo?
manco una riga dai bloggaroli?

Waters

Nonostante abbia paventato propositi di abbandono rientro momentaneamente perché l’argomento è interessante.
Devo anche dire che i grandi e sinceri elogi che ho ricevuto mi hanno commosso,grazie a tutti.
Quando è iniziata la crisi del City?
Ovviamente il giorno dopo la finale vinta con demerito contro l’Internazionale Fc Milano, devo essere sincero mi sta bruciando adesso più del 10 giugno, dove eravamo sulla carta nettamente inferiori, solo sulla carta come si è visto.
Mentre noi siamo in grande spolvero e abbiamo tratto grande forza da quelle partite, il City è crollato.
Bastava che ci fosse il grande Thu Thu Thuram in luogo del sopravvalutato Lukaku ed era la quarta Champions.
Ci rifaremo al prossimo giugno.

guido

“grandi e sinceri elogi”
quasi “come avevo predetto”, parlando di Sinner

Luc10 Dalla

Mi raccomando, torna anche dopo Bologna-Inter 🤣😘

Mozilla

Oggi digiuno digiuno dell’Immacolata?

albertp_ol

Bentornato sommo.
Si è sentita la tua mancanza.

commentanonimo

Se ti brucia più oggi che mesi fa significa che all’inizio ha prevalso la soddisfazione di essere in finale, probabilmente.

Mordechai

Elogi? Mah…

a-hum

momentaneamente è riferito al tuo abbandono, vero?
quali grandi e sinceri elogi? vabbè, uno che è convinto di essere uno scienziato del calcio può autoconvincersi di tutto;
però, siete talmente potenti che manderanno in B il City e vi assegneranno lo scudetto anglico, chapeau;

Vipe

Lo scudetto anglico no di sicuro.
Piuttosto la Champion 2023 non ipotesi remota se accertano le malefatte.
Ma probabile risulti non assegnata perché anche il Real Madrid sconfitto in semifinale potrebbe accampare diritti e quella dei quarti ecc ecc?

R.T.

Zenyatta Sinner ha vinto la scommessa… del resto era facile😇

a-hum

purtroppo era data a 0,0000000001;

Zenyatta Sinner

Ma non ho neanche giocato, non ho fatto in tempo..

guido

bellissima questa

commentanonimo

Chissa’ perche’ ma le vicende del Pep mi hanno lasciato sempre indifferente. La mia fidanzata non sa neppure chi sia. Mia madre mi ha chiesto se e’ il custode della casa. Quindi chissene se VA in pensione.

a-hum

in pensione non ci andranno i nostri figli o nipoti;
male che vada andrà a prendere una carrettata di soldi in Arabia Esaudita;

commentanonimo

Già. Purtroppo hai pure ragione.

inox

Buongiorno Fabrizio

In attesa della partita più importante apprestiamoci a vedere Juventus-Napoli. Forza Napoli. Avete diritto a un risarcimento. Pretendetelo già questa sera. Lo so, non è facile rubare in casa dei ladri: provateci. Intanto un comodo e utile accessorio da oggi compone il kit napolista. Questi, zeppi di soldi sparsi per ogni dove, non ti permettono manco l’acqua calda.

borsa.jpg
a-hum

questa sì che è sportività: pretendi un risarcimento per il danno subito dal Napoli a causa della tua squadra facendolo pagare, guarda un po’, all’immediata inseguitrice;
davvero la faccia di bronzo non basta, ce ne vuole una di acciaio inossidabile;

però devo farti i complimenti, pensavo che come spasso fosse insuperabile il post di Godella che ci suggeriva di scrivere di calcio giocato, lui che non ne ha mai scritto una riga;
tu sei riuscito a superarlo;

R.T.

Anche per te l’emoij che di solito dedico al mortaretto, vale più di tante parole…🖕 ( cit. Marcia Longa degli Squallor)

Mordechai

Definirti ossessivo/compulsivo è farti un complimento.
Dio mio.

2010nessuno

ugo lascia perdere, non è cattivo ma è un caso disperato….come quei tre là …

Mordechai

Davvero, ti dirò che pure con qualche confratello di tifo non credo che prenderei manco un caffè.

a-hum

signor Bocca, ma davvero non ha afferrato cosa auspica Inox?
o forse la sua è sottile ironia, forse il sottinteso è “anch’io cazzeggio per ingannare il tempo”;

Trebaffetti

Un po’ come la Juve l’anno scorso, scrive Bocca, il City è sotto inchiesta da Febbraio e inizierà un procedimento legale a Ottobre 2024.
Immagino che un po’ come la Juve intanto sia stata già penalizzata qualche minuto prima di una partita importante, poi depenalizzata, poi avvisata che comunque avrebbe avuto una penalizzazione giusta giusta per non farle giocare la Champions, e poi comunque esclusa anche dalle altre coppe. Ah, dimenticavo, il tutto con un giudice sportivo che ha dichiarato di odiare il City.

Questo ovviamente a stagione in corso e prima che la giustizia ordinaria si esprima.
Volevo solo conferma che la giustizia inglese si stia muovendo proprio come quella italiana, è così?

tom

E magari ti aspetti una risposta da chi ha scritto: “se ce l’hanno tutti con lei, qualcosa avrà fatto…”

Mordechai

Mettigli fra le mani la Fiorentina o il Bologna e vediamo ‘sto genio che riesce a combinare.

Lorenzo

Eh, tu parla per te che io sto già cucendo la stella per la stagione 27-28.

Nicola Romano

Bravissimo , ma il discorso vale pure per Ancelotti ( lo abbiamo visto con Napoli ed Everton ) ed altri .

Mordechai

Vale per tutti, ovvio.

a-hum

sì, ma Inzaghi con la squadra più forte è riuscito a non vincere gli ultimi due campionati;

inox

Buongiorno Fabrizio

E’ un pò come i poveri mangiano meglio detto dal parente della Meloni e nostro mantenuto. Può sempre tornare al Brescia. Oppure, visto che non è poi così lontano, allo Spezia. Con la proprietà che trova capirebbe che i soldi non sono tutto ma vallo a dire a chi non ne ha (cit. Luca Carboni). Ciao Waters.

a-hum

guarda che rischi grosso: si potrebbe capire che stai insinuando che il gourmet del bloggo non ha soldi;

cipralex

Guardiola è sicuramente un bravo allenatore, non fosse altro per l’esperienza accumulata, che, per quanto mi riguarda, propone spesso un calcio noioso (a differenza di Klopp) nobilitato a volte dalla grande qualità degli interpreti.

Tra questi manca da tempo De Bruyne e non è poca cosa.

Certamente abituato com’è via dal City può solo cambiare mestiere.

a-hum

la povera Coppia Italia non merita manco un piccolo thread?

41
0
Cosa ne pensi? Lasciami un commentox
()
x