Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Stai bloccando le Ads!!!

Ciao, un po’ di pubblicità a te non costa nulla, a noi consente di ammortizzare almeno in parte i costi di Bloooog! e mantenerlo attivo. Per favore disattiva l’estensione che blocca gli annunci e poi ricarica la pagina.
Grazie da Bloooog!, il tuo Bar Sport.

Il caso Juventus non finisce mai, torna a galla l’imbarazzante e pericolosa questione Superlega, fallita sul nascere ma ancora bollente sotto la cenere. Stavolta per cercare di sbarazzarsene definitivamente il prima possibile, visto che l’Uefa non ha dimenticato e tiene la Juventus nel mirino a causa della vicenda plusvalenze e manovre stipendi. Fatti già sanzionati sportivamente in Italia con la penalizzazione e una semplice multa, ma non in Europa. La Juventus ha scritto una lettera a Real Madrid e Barcellona per iniziare le manovre di uscita da quell’operazione architettata due anni fa da Andrea Agnelli. E’ un chiaro segnale di distensione all’Uefa per evitare il peggio e la vendetta di Ceferin. Ma soprattutto per cominciare a ricostruire il futuro.

Una lettera per chiudere la storia della Superlega. Un passo indietro non ancora ufficiale quello della Juventus, ma quasi. In  ogni caso la comunicazione a Real Madrid e Barcellona della volontà di voler iniziare trattative per uscire da quel che resta della Superlega. E prenderne le distanze, visto che la vicenda pende ancora inquietantemente sul capo della Juventus.

  Già, perché circa 26 mesi  fa, nella notte del 19 aprile del 2021, venne tentato il golpe, poi fallito, della Superlega. 12 superclub europei fondatori (Juventus, Inter, Milan, Real Madrid, Barcellona, Atletico Madrid, Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester United, Manchester City, Tottenham) ufficializzarono il progetto di un campionato europeo per 20 club, di cui 15 qualificate di diritto. Già la partenza pare stranamente zoppa: mancano i club tedeschi e soprattutto il Psg. E’ chiaro l’intento di forzare la mano e prendere il potere del calcio internazionale.

  Due gironi da 10 squadre con partite di andata e ritorno e una seconda fase a eliminazione diretta per dieci squadre. Banca JP Morgan alle spalle per finanziare il progetto con 3,5 miliardi di euro, 4 miliardi di fatturato previsto al primo anno, ai club grosso modo quote varie tra i 55 e i 250 milioni a stagione. Tutto scritto nella mente e nei piani dei manager secessionisti, ma è tutto un nuovo mondo virtuale, teorico. Le cifre altissime fanno da specchietto delle allodole per aderire convintamente al golpe e prendere il potere: la SuperLeague infatti è alternativa alla Champions League organizzata dall’ Uefa che all’improvviso si trova di fatto defenestrata ed espropriata della sua principale competizione. Possiamo immaginare la reazione, la discesa in campo di avvocati e tribunali…

  Il progetto non tiene conto della forza dell’ Uefa, non tanto come organismo politico del calcio internazionale, e del potere effettivamente enorme del suo presidente Aleksander Ceferin, ma come insieme di centinaia di club che di fatto sono tagliati fuori dall’oligarchia della SuperLega, in cui 15 club si ritengono “eletti”, si sono autoscelti e addirittura sono partecipanti di diritto. A prescindere dai risultati.

  E così l’usurpazione del potere viene immediatamente sconfitta dal basso, dal popolo stesso. Il tempo di arrivare all’alba di quel 19 aprile 2021 e già la SuperLega vacilla pesantemente, i tifosi scendono subito in piazza, in Inghilterra i tradizionalisti si indignano e Boris Johnson convoca i club ribelli inglesi per farli rientrare rapidamente nei ranghi. Minacciandoli senza mezzi termini, probabilmente ne aveva già abbastanza della folle e disgraziatissima Brexit.

  Un cartello di un tifoso del Chelsea“We want our cold nights in Stoke”, “Vogliamo le nostre gelide notti in Stoke” – diventa il simbolo della rivolta. Esprime tutta la poesia, la storia e la tradizione del football anglosassone, che va proprio dai grandi ai piccoli campi di periferia. Non vogliamo quel nuovo e freddo calcio autarchico, che segue solo gli indirizzi dell’alta finanza, vogliamo che ci lasciate la nostra passione, la nostra gioia e la nostra sofferenza, il nostro caro, vecchio, amatissimo football.

  Se un’icona del calcio come Pep Guardiola, manager del Manchester City secessionista, dice “Non è sport se non c’è rapporto tra fatica e risultato, se la vittoria è garantita e la sconfitta non conta”; se un totem come Paolo Maldini, manager del Milan, afferma “Non ne sapevo nulla, chiedo scusa ai tifosi, non si possono superare certi limiti come quello della sacralità della meritocrazia”, è chiaro che il progetto della Superlega è destinato ad autoimplodere dall’interno e infrangersi malamente del giro di una mattinata. Un colossale, gigantesco, grottesco flop. Uno a uno la maggior parte dei club secessionisti si staccano, rientrano subito all’ovile, si dissociano e rinnegano seduta stante il progetto Superlega. Un botto clamoroso, perfino ridicolo, sembra il film “Vogliamo i Colonnelli” di Mario Monicelli in cui un buffo sergente golpista attende in un bar di Fiumicino di poter dare il segnale della rivolta con un telefono a gettoni però occupato da una prostituta in conversazione che mastica la gomma.

  Sulla questione Uefa e Superlega è attesa anche una prossima sentenza della Corte di Giustizia Europea, su ricorso degli stessi club secessionisti superstiti circa il presunto monopolio illegale dell’ Uefa. Ma questo fa parte di quell’ immenso corto circuito tra sport e alta finanza cui è ormai sottoposto il football. Ci sono cause e ricorsi di ogni tipo ovunque. Intanto di quel gruppo di club alla fine ne sono rimasti tre: Real Madrid, Barcellona e Juventus. Ma, ormai, visti gli ultimi sviluppi, praticamente due. Anche se la Juve coltiva forse sotto sotto l’idea di un’uscita comune dal progetto. In ogni caso siamo agli irriducibili soldati giapponesi dispersi nella giungla che ancora combattevano decenni dopo la fine della seconda guerra mondiale.

  Non più tardi di poche settimane fa Andrea Agnelli, pur ormai estraneo alla Juventus, si diceva ancora fiducioso nella validità del progetto. Nell’ombra, ma neanche tanto, la società A22 Sportsmanagement  che promuove la SuperLega ancora pochi mesi fa, avviava contatti e faceva progetti di modifica del piano originario. L‘Uefa ha visto l’affermazione di Andrea Agnelli come fumo negli occhi, un inquietante segno di continuità tra passato e presente, considerato che la Juve di quel ristrettissimo ormai pool di comando faceva ancora ufficialmente parte. Un pericoloso tizzone acceso sotto la cenere. Il centro di comando del calcio europeo voleva invece esattamente il contrario, un taglio netto col passato: sia dal punto di vita della governance che soprattutto della strategia politica. Insomma, cosa aveva ancora a che fare la Juventus con quella roba lì?

  Il tutto mentre l’ Uefa alzava contemporaneamente le antenne sull’inchiesta Prisma della Juve, le sentenze della giustizia sportiva del calcio italiano, e anche gli oscuri pagamenti del Barcellona all’ex vicepresidente degli arbitri spagnoli Negreira.

  La dissoluzione della Superlega è ormai praticamente totale, con la lettera della Juve viene segato via anche uno degli ultimi pilastri fondatori. Dall’ Uefa stessa però sono anche arrivati chiari segnali di ammonimento proprio perché la vicenda Superlega non è del tutto chiusa ed esaurita. E si intreccia ormai con le vicende giudiziarie, sportive e non, della Juve, con tanto di ipotesi di esclusione dalle Coppe. Già ma come e per quanti anni?

  Nel comunicato successivo alla lettera la Juve esclude le ipotesi più fosche e le minacce dell’ Uefa, che invece vengono denunciate dalla Spagna. La lettera della Juve fa parte di una complessa operazione diplomatica, potremmo anche chiamarla trattativa, per rimettere sui binari una Juventus fatta follemente deragliare dalla precedente dirigenza. Operazione avviatasi, tramite la Federcalcio e il suo presidente Gravina, soprattutto dopo gli scontri e le batoste della giustizia sportiva su plusvalenze e inchiesta stipendi che hanno già escluso la Juve da Champions ed Europa League. Appena 718.000 euro di multa è vero, ma anche un danno reale di 50/60 milioni, causato dall’esclusione dalla più importante delle Coppe internazionali. Quella che Juve & C volevano sovvertire e sostituire col loro stesso nuovo torneo.

  Tutto quanto sta accadendo adesso fa parte, in fin dei conti, dello stesso disegno: chiudere un’ingloriosa e antisportiva parentesi, evitare la vendetta di Ceferin, salvare il futuro della Juve. 

***

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

SOCIAL BLOOOOG!

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTRAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTRAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

Twitter per Bloooog!

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

***

SINTESI

Il caso Juventus non finisce mai, torna a galla l’imbarazzante e pericolosa questione Superlega, fallita sul nascere ma ancora bollente sotto la cenere. Stavolta per cercare di sbarazzarsene definitivamente il prima possibile, visto che l’Uefa non ha dimenticato e tiene la Juventus nel mirino a causa della vicenda plusvalenze e manovre stipendi. Fatti già sanzionati sportivamente in Italia con la penalizzazione e una semplice multa, ma non in Europa. La Juventus ha scritto una lettera a Real Madrid e Barcellona per iniziare le manovre di uscita da quell’operazione architettata due anni fa da Andrea Agnelli. E’ un chiaro segnale di distensione all’Uefa per evitare il peggio e la vendetta di Ceferin. Ma soprattutto per cominciare a ricostruire il futuro.

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
127 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

malandragem

Uno dei migliori romanzi degli ultimi cinquant’anni

molonlave

Colpirne 1, ma senza educarne 100.
Ancora non me ne faccio una ragione pragmatica e giudiziale, prima ancora che emozionale e sportiva.
Volete massacrare di multe ed anni di squalifica la dirigenza: bene fatelo.
Vi va di spingervi sino a depennare dall’albo dello sport i dirigenti che hanno commesso illeciti bene: (sacrosantamente) fatelo.
Ma perchè punire un terzino che s’invola sulla fascia e crossa al centro?
Perche, vi chiedo, punire il sacrificio di un centrattacco?
Perchè mortificare l’impegno di un mediano a sostegno o peggio ancora di un incontrista?
Che male vi hanno fatto loro?
A loro la punizione gliel’hanno già inflitta: sono stati allenati dalla disgrazia livornese!!!
Perchè infierire oltremodo togliendogli il matutato sul campo?
Non vi è bastato quello che gli avete tolto contro la Salernitana?.
Se l’intenzione era quella del titolo d’apertura, beh credetemi, vi si è inceppata la P38.

Giorgio Bianchi

E che due……🤣

nirula's

Il pargolo del commento precedente é Kaio Jorge, naturalmente.

nirula's

Leggo dal sito “Juve news” che, mentre il pargolo si trovava in Brasile, dei malviventi gli hanno sottratto una Range Rover con all’interni strumentazione per fisioterapia del valore di circa 120 mila euro.
In casa, sono stati sottratti vestiario, borse, gioielli, orologi e gadget tecnologici per un bottino da diverse centinaia di migliaia di euro.
Tenuto conto che il Nostro ha partecipato a nove gare in due anni, segnando in serie A zero gol benchè attaccante, che considerazioni si possono fare?

Mozilla

Direi che sia un po’ sfigato. Certo che nove gare in due anni e zero gol segnati non mi sembra sia un record da sottolineare, ci sono attaccanti, magari anche non della Juve, che giocano una stagione intera da titolari e ne mettono dentro due o tre…vedi tè.

Bob Aka Utente11880

Detto che la Juve ha diritto di giocarsi almeno la Conference, mi chiedo: ma ne vale la pena ?
Innanzitutto può solo vincerla, altrimenti sono pernacchie, e se la vince sono comunque pernacchie tipo la Roma lo scorso anno.
Per vincerla dovrà giocare non so quante volte, anche in posti scomodissimi, con gran dispendio di energie.
Dato che il prossimo dovrebbe essere l’anno della rifondazione-ripartenza, non sarebbe meglio concentrare tutte le energie sul campionato, giocarlo al meglio, riprendere fiducia, e quindi giocare meglio ecc. ?

Ardingo

Giocare meglio? con Allegri in panchina?

2010 nessuno

Ma come diavolo parli Igor? (cit. Dott. Frankestin) 😂😂😂😂😂

Bob Aka Utente11880

Rigore c’è quando arbitro fischia

Bob Aka Utente11880

OT – Ma quindi era vero che Messi voleva andare all’Inter

Archivista

Sì sì, bastava spostare l’Inter.

Bob Aka Utente11880

E che ci vuole ?

TomCAT

Vi racconto una storia.

E comincio col farvi una domanda: quando viaggiate per strada rispettate i limiti di velocità?
Risposta ovvia: certo!!
Ripongo la domanda: ma li rispettate sempre? non è che quando c’è il limite di 50 vi capita di andare a 60 o con il limite di 70 andare a 90?
Risposta: beh si può capitare, a chi non capita…!
Bene, così facendo avete infranto il codice della strada ma non vi hanno fatto sempre la multa, anzi quasi mai, perché poche sono le volte in cui capita di essere colti dagli autovelox.
Ora ipotizziamo che la polizia vi tenga d’occhio per un periodo perché ritiene che voi siate soliti correre al di sopra dei limiti (potrei dire che il vosto vicino di casa ha fatto una segnalazione ma non lo dico).
Una mattina vi fermano e vi dicono: Lei caro signore ha infranto non una bensì molte volte il codice della strada perché in diverse occasioni ha superato il limite di velocità (e vi documentano i fatti).
Anzi: Lei ha messo in atto un sistema atto a guadagnare tempo in quanto correndo più del dovuto è potuto partire più tardi del necessario e così facendo ha dormito 5 minuti in più al giorno e quindi ne ha tratto un complessivo vantaggio rispetto ai suoi cocorrenti giungendo al lavoro più riposato e di conseguenza guadagnando di più e… bla bla bla.
Per questo motivo le comminiamo una decurtazione dei punti della patente in misura tale da farle perdere la patente: se ne ha 20 gliene diamo 21, se ne ha 16 allora 17.
Così facendo dovrà recarsi al lavoro in bicicletta, partendo almeno mezz’ora prima e di conseguenza dormendo di meno, lavorerà di meno, guadagnerà di meno, ed i suoi concorrenti otterranno indiretti vantaggi.

Ecco, questo è quanto avvenuto con la Juventus, con la differenza che l’eccesso di velocità è un’infrazione normata. E a chi più e chi meno (e che lo ammettano o meno), a tutti capita di superare i limiti.

Trebaffetti

Bella metafora, ma purtroppo non è una questione di logica, di legge o giustizia né tantomeno di “lealtà sportiva”, ma esclusivamente una cosa di potere. Chi doveva capire (la dirigenza Juve) infatti l’ha capito. Non ha senso continuare a far finta che sia un’altra cosa.

Luc 68

Caro Tom
Io sono al 100% d’accordo con te.
Una sola cosa mi chiedo.
Perché quando parli dell’ipotesi di infrazione dici che più o meno tutti la fanno e quando parli di prendersela in saccoccia é solo uno …. guarda caso sempre lo stesso? Chiedo cosi per un amico 😂😂😂😂😂😂
A scusa mi era sfuggita la figura del delatore 😂😂😂😂

Modifica il 8 mesi fa da Luc 68
RM28

No, mi spiace, ma l’esempio non è calzante.
Tu sei un fumatore, come altri, ma tu fumi dieci sigarette al giorno, quindi vieni punito perché, a causa del fumo passivo, hai acquisito un vantaggio indebito verso i tuoi concorrenti 🤦‍♂️

Luc10 Dalla

Sì ma la segnalazione non l’ha fatta il tuo vicino di casa, ma il cugino per cui lavori che si è rotto le balle di vederti dormire 😅

Expo

Bella analogia (o metafora), con una importante differenza: l’eccesso di velocità è una infrazione normata, mentre le plusvalenze non sono una infrazione e non hanno multe definite. Non solo, se eccedi la velocità, hai una multa di un valore definito. Se fai una plusvalenza, la Giustizia Sportiva a volte ti da una multa, a volte ti assolve, a volte ti toglie punti. Senza un criterio definito, ma d’accordo agli interessi politici del momento.
Peraltro, alcune osservazioni:

  • per documentare l’eccesso di velocità, servono prove certe (le intercettazioni non sono prove certe, ma equivalgono a testimonianza)
  • il “sistema” non è un reato – eventualmente sarebbe “reato” se la Juventus si fosse avvantaggiata delle plusvalenze per poter raggiungere l’iscrizione al campionato (caso Chievo) ma così non è, perché l’effetto delle plusvalenze sul bilancio della Juventus è minimo
  • Chi è il vicino di casa che ha fatto la segnalazione (ha per caso uno smoking bianco o si stressa in albergo)? Si può fare lo stesso per altri vicini?

Quante questioni aperte…

tom

Da incorniciare. Probabilmente te la ruberò…

Waters

Di certo non vai in galera😂😂

Salud.

tom

Non è detto: magari dopo aver appurato che sono Juventino mi condanneranno per slealtà social. Nel caso cercherò di tirarti in ballo, in qualche modo, ma vedrai che ti salverà la prescrizione.

Modifica il 8 mesi fa da tom
Trebaffetti

ma infatti, forza Fiorentina per stasera!

Bombaatomica

Bando alle ciance: se gioca!!!!

Non ci sono più alibi, scuse, giustificazioni.

Stasera, a Praha, davanti al gotha delle contrade toscane, Fiorentina e Uest Em, la crem de la crem del calcio mondiale 🤭🤭 si affronteranno per stabilire la vincitrice di quel ridicolo, patetico, assurdo trofeo chiamato Mortadella Cup. Una sfida, in pratica, tra caciottari e cotechinari 😂😂

Il trofeo 🏆 voluto fortemente per dare un contentino agli sfigati classificatesi tra il 14esimo e il 32esimo posto nei rispettivi campionati, fa un po’ il paio con la classica sfida tra scapoli e ammogliati a cui abbiamo tutti noi partecipato 🤭🤭

Aho, nonostante tutto, l’Italia confida in voi, grulli. Il Paese ve guarda e ve tifa!!! Non fate i soliti hoglioni bischeri, imbecilli!!!!
😂😂😂

unclemarvo

Ma anche no….
Come on, you irons

Waters

Sembra che siamo ai ai dettagli per Kim – non Samuel o Nesta – al Manchester che pagherebbe l’intera clausola rescissioria udite udite di 60 milioni…oggi ho capito che il Napoli non è un fuoco di paglia e continuerà a vincere.

Salud.

Nicola Romano

Sara’ ma dopo Spalletti , anche Kim , cominciamo bene.

Maxx

Scusi Bocca, ma un Daje Viola Daje no?!?!?

comevolevasidimostrare

💜

Luc 68

Cari tutti
Non volevo scrivere ma scrivo.
Come molti hanno fatto notare, se tutta la serie A si fosse unita e avesse difeso la Juve (lo so a i più la cosa fa sganasciare) adesso tutta la serie A sarebbe più forte e avrebbe più peso politico. Vedete cosa hanno fatto alla Roma. Spero sinceramente che alle altre due vada meglio. Fino a che l’Italia avrà come ideale di vittoria la speranza che il nemico vada male …. non si andrà da nessuna parte. Una società forte si vede anche in questi frangenti. Quando uno ragiona “meglio lui che a me” non si va da nessuna parte, prima o poi tocca a tutti e non é bello rimanere soli. La Juve ha vinto per nove anni di seguito non perché era la più forte ma perché gli altri non erano organizzati. Bisognerebbe puntare all’eccellenza. Comunque vediamo cosa combineranno ancora alla Juve. Io ormai mi aspetto di tutto. L’importante sarà ripartire perchè non è importante quante volte si cade … l’importante é rialzarsi una volta di più 😎

Modifica il 8 mesi fa da Luc 68
2010 nessuno

” Non volevo scrivere ma scrivo”
Scusa, non te la prendere se ci scherzo un po’ sopra, ma questo è uno di quei paradossi troppo forti per lasciarlo perdere: in pratica stai dicendo che non volevi ma vuoi visto che ogni azione, perlomeno di questo tipo, per essere attuata comporta una volontà….

Tiziano

Se la Uefa è una mafia lo era pure quando Agnelli ricopriva l’incarico di presidente dell’ECA e Ceferin faceva da padrino a suo figlio (minchia, pare una trama alla Scorsese) o quando Florentino Perez e compagnia bella si arricchivano schifosamente grazie ai parametri iniqui del Fair Play finanziario, altra sciagura che ha contribuito a scavare un baratro economico incolmabile tra i vari club d’europa e che puntualmente chiudeva gli occhi sulle manovre dei club spagnoli.
Mi spiace, ma la narrativa delle vittime da parte di personaggi che sono stati (o ancora lo sono) organici allo stesso potere che millantano di “combattere” a me non intenerisce manco un po’, tuttalpiù che basandoci sulle loro pretese la Uefa (per quanto corrotta, monopolistica, etc., etc) dovrebbe suicidarsi e accettare che dei club facciano concorrenza alle sue competizioni dal suo interno, una roba illogica.
Nessuno impedisce ai club scissionisti (ora ridotti a due) di fondare una Lega al di fuori di essa andando in quel posto a Ceferin come del resto è già stato decretato dagli organi europei.
Tutto ‘sto chiagni e fotti poteva essere divertente all’inizio, ma dopo due anni di menate e dietrofront fallimentari comincia a essere grottesco tanto quanto il sito dell’A22 composto di una sola pagina e che la dice lunga sulla serietà delle loro intenzioni (https://a22sports.com/it/home-2/).
Persino il sito del mio dentista è realizzato meglio.

Modifica il 8 mesi fa da Tiziano
Antonio Trilussa

Quindi come l’Eurolega di basket non si può fare. Hai deciso tu.

Tiziano

Non ho deciso un bel niente. All’epoca della scissione la ULEB era in superiorità rispetto alla FIBA e dettava lei le condizioni.
Se proprio dobbiamo fare ‘sto paragone a cazzum, oggi nel calcio la UEFA è in netta superiorità rispetto alla A22.
E se non ti è bastata questa Caporetto per capirlo…

Modifica il 8 mesi fa da Tiziano
commentanonimo

Ciò che dici ha una indubbia logica. In effetti se ci pensi nel pugilato è capitata questa scissione. E ti potrei anche dare ragione sul fatto che se non sei contento te ne vai e basta. Quindi hai ragione sulla ipocrisia e assurdità e schifezza di certe cose.

Ciò che però rimane sbagliato è che si condanna per plusvalenze una società a fronte di fatti che dicono che non è l’unica ad averle fatte, e non le ha fatte da sola, per non farla andare in una competizione. In un mondo normale si dice in maniera trasparente vuoi la Superlega? Vattene. E’ li’ che cade tutta la tua argomentazione, nell’accettare un comportamento scorretto solo perchè fatto contro qualcuno che ti sta sulle balle.

Dopo di che la UEFA o la FIA o la FIGC…beh, hai mai giocato a calcio da giovane? Io ho fatto tornei amatoriali e non ti dico quanto la FIGC ci metteva i bastoni nelle ruote quando ad esempio volevamo organizzare un campionato a Torino con fior di squadre pronte ed arbitri, 40 anni fa. Volevano radiare appunto i giocator della Promozione che avrebbero partecipato a questo campionato torinese con premi e cotillon, esattamente con le tue argomentazioni. Giusto? Boh. Ai tempi ci fecero saltare tutto. Però sarebbe stata una figata te lo assicuro. E quindi torniamo al punto è così giusta la unicità o è solo un retaggio di una organizzazione monopolista? Che poi il vero problema secondo me è solo quello del modello che passa da retrocessioni a diritto acquisito. Boh. Io personalmente tornerei addirittura alla vecchiacoppa dei campioni pensa te.

Tiziano

Ci ritornerei di corsa pure io alla vecchia formula. La champions ormai è il buco nero del calcio europeo (segreto di pulcinella).

Expo

Altra confusione “ideologica”: la Uefa (e la FIFA) non sono associazioni tra club di calcio, ma tra Federazioni nazionali.
Tutte di matrice “politica” e non “sportiva”. Ceferin non è eletto dai club, ma dalle Federazioni.
L’ECA è una associazione tra club europei con obiettivi di “lobbying” ma non ha nessun peso decisionale (“Lo scopo della ECA è quello di proteggere e di promuovere il calcio dei club europei”).
Peraltro, i club della SuperLega sono usciti dall’ECA (Juve, RM e Barcellona non sono più dentro dell’ECA)

Tiziano

Eppure l’esempio dell’Eca è esplicitato nel testo. Non diventa presidente dell’associazione un personaggio inviso alla Fifa e alla Uefa e in quel caso parliamo di uno che si vantava di essere amico fraterno del presidente Uefa a tal punto da farlo diventare padrino del proprio figlio e rivendicarlo pure dopo ‘sto casino.

Immagino che avrai notato chi è succeduto al posto di Agnelli.
Nel caso ti rinfresco la memoria:
https://www.eurosport.it/calcio/psg-il-nyt-attacca-conflitto-interessi-al-khelaifi-uefa_sto9100591/story.shtml

Modifica il 8 mesi fa da Tiziano
Expo

Cioè il retropensiero delle tue affermazioni è che, siccome la Uefa è una mafia, quando Agnelli era Presidente dell’ECA godeva dei vantaggi mafiosi di essere amico del Padrino?
Cioè tu pensi che la Juve negli “anni meravigliosi” ha goduto di vantaggi in Europa? Arbitraggi favorevoli?
Tu pensi che la Juve abbia approfittato delle “metodologie alternative” di finanziamento di Barcellona, City, PSG e Real Madrid?
Oppure pensi che i vantaggi mafiosi si realizzavano nella Lega Italiana, a danno del Napoli?

Tiziano

Perché elenchi fantasie a caso che non mai digitato?
Ma è così difficile fermarsi a quello che ho scritto?
Il riassunto è “non provo simpatia e non vedo nessuna vittima (tifosi a parte) in uno scontro tra personaggi di potere guidati dalla propria arroganz dove uno dei due ha perso perché più debole e megalomane dell’altro”.
Ce la facciamo a capirci?

Expo

Fantasie? Hai digitato: “personaggi che sono stati (o ancora lo sono) organici allo stesso potere che millantano di combattere”. Organico è un aggettivo che si usa per indicare chi appartiene a una organizzazione (cfr. definizione Treccani). Pertanto, hai digitato che i personaggi della Juventus fanno parte della mafia della Uefa della quale si farebbero “vittime”.
Riguardo al tuo nuovo “riassunto”: parli di scontro di potere e arroganza, ma non ho mai viste nelle tue posizioni tali qualificazioni per la Uefa.
Comunque, a risentirci quando saranno altri a fare “chiagni e fotti” quando pensano di essere “vittime del sistema”.

Tiziano

Ok, fingiiamo pure che Agnelli, Perez e compagnia bella non facevano parte di quel potere e non ne hanno tratto vantaggio politici negli anni ’10 come i vari Al-Khelaïfi o Al Nahyan.

“Riguardo al tuo nuovo “riassunto”: parli di scontro di potere e arroganza, ma non ho mai viste nelle tue posizioni tali qualificazioni per la Uefa.”

a parte che è evidente che la frase includeva tutte le parti in causa ma nelle precedenti risposte ti ho linkato un articolo che parla dei conflitti d’interesse e della corruzione di Ceferin e della UEFA, quindi desumo che per scrivere questa baggianata nemmeno lo hai aperto.

Modifica il 8 mesi fa da Tiziano
scotland16

bravo Tiziano! Finche’ la UEFA era alleata tutto ok poi una mafia…come al solito si commenta a seconda del momento storico…come quando si parla della dittatura della premier…negli anni 80-90 la serie A spadroneggiava come giocatori e vittorie nelle coppe…

malandragem

Ma alleata de che e di chi?!?
Quando mai hai visto una UEFA “alleata della Juve?

2010 nessuno

“minchia, pare una trama alla Scorsese”
No Tiziano, sembra più un cinepanettone…..

Tiziano

e pansare che DeLa sarebbe pure favorevole alla superlega.
mi vengono i brividi al pensiero…

Modifica il 8 mesi fa da Tiziano
RM28

Non capisco cosa c’entri l’ECA, che è una associazione fra club di calcio.
La UEFA è sempre stata una mafia, e quando qualcuno ha pensato di riorganizzare le attività per ricavare più soldi dal business calcio, il che significava togliere potere alla mafia, questa si è rivoltata.
Risultato: gli sceicchi sanno che hanno tutto da guadagnare a restare sotto Ceferin, in GB il primo ministro ha minacciato di togliere i visti ai giocatori stranieri dei club aderenti alla Superlega, il Barcellona è sotto indagine per aver pagato un arbitro, in Italia l’unica società che era rimasta è stata penalizzata per illeciti inesistenti (finché qualcuno non mi chiarirà la stronzata del “sistema” continuerò a pensare che le plusvalenze sono lecite).
Si salva solo il Real, che è troppo potente perfino per Ceferin, anche perché in Spagna hanno fatto quadrato verso i loro club, questo è il motivo per cui dell’indagine sul Barcellona non parla più nessuno.
E voi parlate di vittimismo.
Avete il prosciutto sugli occhi.

Tiziano

Infatti all’Eca non ci vanno gli amici (ed ex amici) di Ceferin e Infantino. No, no.

RM28

Boris Johnson ha minacciato di togliere il visto ai giocatori stranieri dei club aderenti alla Superlega.
A te questo sembra normale, anzi pensi pure che ci sia del vittimismo.
Ok

Tiziano

Quando avrò scritto qualcosa di buono su Boris Johnson tu tiferai Inter.
Non capisco dove l’hai letto questo assunto.
Argomentare su quello che ho scritto era chiedere troppo?

Modifica il 8 mesi fa da Tiziano
RM28

Ho argomentato esattamente su quello che hai scritto, dal momento che la UEFA ha visto minacciato il suo dominio, ha messo in campo l’artiglieria pesante, ossia la giustizia sportiva e il potere politico.
Chi segue Ceferin può invece tranquillamente continuare a fregarsene del FPP (vedi sceicchi), gli altri sono condannati in partenza.
Questi sono metodi mafiosi, e tu parli di vittimismo.

Tiziano

Ancora mi attribusici cose che non ho scritto.
Non ho mai parlato di giustizia sportiva (cosa c’entra con la superlega lo sai solo tu) e sul potere politico mi sembra chiaro il discorso.
Con Ceferin Agnelli aveva creato un asse politico e umano ampiamente srotolato con risentimento da entrambi dopo il tradimento.
Lamentarsi perché il primo minaccia di punirti dopo che il secondo ha provato a fregarlo in maniera spettacolare cos’è se non vittimismo?

Modifica il 8 mesi fa da Tiziano
RM28

Io sinceramente non capisco se ci sei o ci fai. Che la vicenda superlega e le penalizzazioni alla Juve siano legate a filo doppio ormai l’hanno capito anche i sassi.
Riassumendo: un tot di club decidono di fondare una Superlega, in concorrenza con la UEFA, con l’obiettivo di guadagnare più soldi con il prodotto calcio.
Appena la UEFA dice “bah” un certo numero di società si sfila, evidentemente per paura.
Di quelle che rimangono:
– una viene condannata dalla giustizia sportiva non si capisce per quale motivo
– alcune vengono minacciate dal proprio governo di annullamento dei permessi di soggiorno per i giocatori stranieri
– una viene indagata per aver pagato un arbitro, attenzione, fatti risalenti a VENTUNO ANNI FA
– una viene minacciata pesantemente dal capo della UEFA che dice “vediamo se anche per loro troviamo qualcosa”
Leggiti questa intervista a Ceferin e dimmi se è tollerabile una gestione mafiosa come questa
https://www.esquire.com/it/sport/calcio/a12162759/ceferin-juve-barcellona-real-madrid/
E’ come se tu fregassi la moglie a un giudice e questo ti mettesse in galera.
Vittimismo???

Modifica il 8 mesi fa da RM28
Tiziano

questa è la tua visione. io proprendo più per la faida interna nella famiglia agnelli.
la pensiamo diversamente ma sono entrambe teorie condivise dai più.

PS: il caso dei versamenti a Negreira risale al 2018-2019. Per questa storia il Real Madrid si è costiutito parte civile CONTRO il Barcellona. Questo per dire come sono messe in termini di rapporti le due sorelle della superlega e che pagliacciata è la A22.

PPS: non difendo la UEFA, sostengo solo che questa è una battaglia tra poteri arrogganti e monopolisti. E non venirmi a raccontare che Perez è la faccia pulita del calcio che mi partono le bestemmie.

Modifica il 8 mesi fa da Tiziano
Tiziano

*arroganti

Quattroquattronovetredue

La Uefa è probabilmente una schifezza, ma è comunque un’associazione di squadre che condividono delle regole: a me sembra che l’assurdità della Superlega consistesse nella pretesa di giocare il nuovo torneo senza peraltro lasciare la Champions, ed è questo che trovo inaccettabile. Se crei una nuova lega con un proprio torneo sei libero di includere chi vuoi e creare nuove regole, ma non puoi pretendere di tenere il piede in due staffe se le regole Uefa, che tu hai accettato e condiviso, non lo consentono. Su questo, e solo su questo, mi sembra che Ceferin sia inattaccabile. Se poi ho capito male io, come non detto.

Xavier

Concordo con 44932: i piedi in due staffe e fare concorrenza da dentro sono una pretesa eccessiva.

malandragem

Ma questa argomentazione potevb essere al limite accoglibile se riferita alla UEFA, non al campionato nazionale…

Tiziano

è esattamente come ha scritto.

scotland16

perfettamente d’accordo

RM28

Veramente la UEFA è una associazione tra federazioni calcistiche, non fra squadre di club.
In ogni caso le regole possono benissimo essere illegittime, anche se accettate, come ad esempio quelle che limitano la concorrenza (ed è questo il caso). Il problema non è tanto il fatto che alle squadre del progetto Superlega è stata minacciata l’esclusione dalle competizioni UEFA, ma addirittura si voleva escluderle dai campionati NAZIONALI, un vero e proprio assurdo. Addirittura in GB era stata ventilata l’ipotesi di negare il visto di ingresso ai calciatori stranieri di club che aderivano al progetto.
Una cosa totalmente fuori dal diritto europeo, che considera principi fondamentali la concorrenza e la libertà di circolazione e di stabilimento.
Vedremo come si esprimerà la Corte di Giustizia, intanto il tribunale di Madrid si è già espresso in maniera piuttosto chiara sul tema.
Qui da noi la proposta è stata utilizzata come arma di vendetta.

unclemarvo

Senti, nessuno vieta di averci moglie e amante/i; certo non puoi sposarti con più persone allo stesso tempo, anche se però puoi divorziare e andare avanti per un’altra via: ma la bigamia di certo non è ancora ammessa.
Ma ti dirò di più: fosse anche ammessa e legalizzata di certo non puoi obbligare la moglie ad accettare una decisione del genere se a lei non va bene. Te Juve sei sposata alla UEFA e alla figc e hai trovato una nuova amante? Anche fosse ammessa la bigamia, se alla UEFA il nuovo ménage non sta bene, ha tutto il diritto di cacciarti di casa comunque.

RM28

Certo che la UEFA ha diritto a cacciarmi di casa (o almeno di provarci).
Quello che non ha diritto di fare è mobilitare la giustizia sportiva e il potere politico per farmi fuori.
Questi sono metodi mafiosi.

scotland16

ma le squadre sono iscritte alla federazione…e quindi devono seguire la Federazione…altrimenti ognuna fa come vuole…le leghe sono sottoposte alla federazione che io sappia

malandragem

E come mai altre Federazioni hanno difeso le proprie squadre e la nostra no?

unclemarvo

Ma quali? La Spagna forse. In Inghilterra erano pronti a scioglierli, i clubs ribelli, di quale difesa parli?

inox

Buongiorno Fabrizio

Ti pisciano in testa e poi ti dicono che ti pisciano in testa. Crimine di guerra Nato-Ucraina tale è il bombardare una diga. Gli americani sono fatti così. Si sentono impuniti e padroni a casa degli altri e fanno e disfanno con la vita degli altri. Come fanno e disfanno per il calcio, in Italia. Hanno fretta. D’altronde hanno il werstling che più falso non si può come sono falsi e bugiardi e porci. Uno fra i più grandi difensori di sempre, bandiera del Milan, cacciato. Maldini ha fatto cose buonissime e cose meno buone. Vero. L’unico errore, De e come si scrive comunque, si può dire questo: la proprietà, l’anno scorso, mette in mano a Paolo 40 mln. Sono tanti? Tantissimi, pochi per un acquisto. A quelle cifre, spesso, ci compri una scommessa vedi Correa, 30 mlm, Scamacca al West Ham (da domani solo West gnamgnam  magnato dalla Fiorentina. Merda merda Viola). Poi Adli, mai impiegato, Origgi, quelle poche volte che si è visto, gioca alto a sx mentre in realtà è un centrale di attacco. Pobega impiegato poco e male. Sempre in mediana basso quando invece da il meglio di se dietro le punte. Sanno una sega gli americani cosa è il Milan e cosa sono i milinasti. Interessa solo il marchio, lo compro e lo rivendo. Ma non è così o meglio: così fa schifo e prima op poi vi mandiamo tutti a cagare. Intanto si libera anche Massara. Attenzione, battaglione! Gira che ti rigira, e te pareva! Massara mi va alla Iuventus con Allegri. I due si conoscono, puntano sui giovani, Massara se ne intende e senza nulla chiedere per la prossima stagione il bianconero ritorna a rompere le scatole. Stai a vedere. Ora cercano di ritirare la zampetta dal lardo e vi riusciranno. Hanno il brand, lo capite? Il brand! Un abbraccio Maldini. Speriamo di incontrarti e scontrarti presto.

scotland16

Guarda che la diga in Ucraina, ormai e’ chiaro..e’ stata “aperta” da coloro che dal 24 febbraio 2022 la occupavano…i tuoi amici russi. Sul resto abbastanza d’accordo; manifesto alcuni dubbi sull’uso della lingua italiana ma questo ormai e’ un problema generale….

Leo 62

Era stato chiaro pure che i russi avevano bombardato il Nord Stream… adesso gli americani dicono che sono stati gli ucraini…

RM28

Ma a qualcuno sembra normale che una società di calcio debba fare qualcosa per “evitare la vendetta di Ceferin” per la questione superlega?
Questa è roba da denuncia per estorsione, altro che storie.
E qui dentro c’è chi fa finta di niente, a partire dal padrone di casa.
Il quale, fra parentesi, si è ben guardato dal commentare le indagini in corso sui rapporti Lazio-Salernitana.
È davvero uno schifo

Maxx

Guarda, davvero, io non ci dormo la notte.

Antonio Trilussa

Speriamo…

2010 nessuno

Cazzo hai ragione, bisognerebbe che gli inquirenti sentissero, come persona informata sui fatti, il nostro blogmaster, assieme a te naturalmente, per tutte le informazioni che potrebbero venire fuori……..

RM28

Non serve, basterebbe leggere i giornali.
Certo, uno dovrebbe aver voglia di capire cosa succede, invece che limitarsi a dire “eh, se sono finiti sotto processo un motivo ci sarà”…
Per esempio, mi spieghi come mai la Procura Federale non si è ancora attivata a seguito dell’indagine verso Lazio, Roma e Salernitana, che è iniziata due anni fa? Oppure riesci a spiegarmi con parole semplici per quali illeciti la Juventus è stata penalizzata?
Ci sono un paio di tifosi di altre squadre, evidentemente esperti di diritto (ad esempio “Milan solo con te”), che in questo blog si sono già espressi molto chiaramente sul tema.
Prova a ragionare, e ricordati che anche Tortora è stato in carcere per due anni.

Giorgio Bianchi

Leggere i giornali, alcuni in particolare poi è il modo migliore per essere disinformati!😝🤭

RM28

Ok, allora tu che non leggi i giornali e sei informatissimo, puoi rispondere alle mie domande?
Come mai la Procura Federale non si è ancora attivata a seguito dell’indagine verso Lazio, Roma e Salernitana, che è iniziata due anni fa? Oppure riesci a spiegarmi con parole semplici per quali illeciti la Juventus è stata penalizzata?

commentanonimo

Grazie Bocca per l’articolo. A Torino abbiamo pagato per la Superlega, non esiste il caso plusvalenze come lealtà sportiva, è una Vergogna. Ma in Italia è difficile vedere un sistema, per cui si è preferito attaccare la Juve (non sto dicendo che a Torino siano dei santi) e non ragionare sul problema sostenibilità. In Spagna, si sono compattati dietro a Barca e Real ed il giochino di Ceferin non è stato possibile. Esattamente come quando nei Boards europei non ho mai sentito sparlare di un progetto spagnolo da uno spagnolo, ma sento sempre l’italiano che butta “bip” sul collega italiano. Una minoranza di italiani, va detto, ma sufficienti a mandare a ramengo intere strategie per portare più soldi EC in Italia, perchè quello che quelli come Chinè e molti soci (e blogger) qua dentro non capiscono è che per portare a casa qualosa bisogna essere uniti, mentre per distruggere basta una “testa di legno” su dieci. Questa è la storia, storia che ha obbligato la Juve ad andare a Canossa. Dopo di che secondo fatto. Ci sono due modelli di sport professionistico, quello USA (senza retrocessioni) e quello europeo (retrocessioni). Io amo il secondo solo perchè sono nato in Italia, ma in USA mi trovavo benissimo a vedere NJ Nets (ora Brooklin) arrivare ultimi senza retrocedere. Come diceva Huxley “i problemi non cessano di esistere se li ignoriamo”. Il carrozzone UEFA, il sopracarrozzone FIFA ed il sotocarrozzone FIGC oggi faticano a gestire quel business che è il calcio. Cosa va cambiato io non lo so. Gli ultimi 4 anni in Italia sono stati buoni, con 4 squadre che hanno vinto, è come dovrebbe essere, i precedenti venti hanno fatto abbastanza schifo, farsopoli ha distrutto un prodotto che funzionava bene, con 8 squadre che hanno vinto lo scudetto in 20 anni in pre-farsopoli e 2 in 15 anni in post-farsopoli. Vedete voi. Le società faticano a gestire procuratori, calciatori. Qualcosa va cambiato. La Superlega era un tentativo maldestro di soluzione ad un problema che esiste. Vogliamo uno scudetto ogni 5 anni e godercelo tutti da tifosi, raccontarlo come un impresa e non come una cavalcata nel deserto. O si torna ad un calcio più artigianale, genuino o si va verso un modello superlega di spettacolo. Quello che non si può fare è rimanere fermi come baccalà e fare finta che le cose vadano bene.

Modifica il 8 mesi fa da commentanonimo
scotland16

quindi Juve vittima del sistema; ogni giorno se ne sente una nuova, sara’ l’estate in arrivo…

tom

Con un po’ di onestà intellettuale si riesce a accettare anche delle verità che fanno fatica ad emergere dietro la coltre del tifo.

Giorgio Bianchi

Il tifo degli altri ovviamente, perché il nostro è vergine🤣🤣🤣

tom

Mai detto. Semmai un po’ tutti fanno i verginelli col… pardon, con la virtù degli altri

Nicola Romano

Che vuoi fare? Ci tocca portare pazienza .

RM28

Mi spieghi come mai la Procura Federale non si è ancora attivata a seguito dell’indagine verso Lazio, Roma e Salernitana, che è iniziata due anni fa? Oppure riesci a spiegarmi con parole semplici per quali illeciti la Juventus è stata penalizzata?
Ho provato a chiederlo in un altro post ma NESSUNO è stato in grado di darmi una risposta

tom

E vedrai che le tue domande rimarranno senza risposta anche questa volta.

Luc10 Dalla

Secondo me Ceferin si fermerà qui, Gravina ha lavorato ottimamente e Elkann si è inchinato: la Juve in conference è già abbastanza “agghiaggiante”! 🥶🤪😘

scotland16

probabile, cosi Allegri , forse, vincera’ una coppa europea..ahahah

malandragem

Mi sa che non hai ancora superato la delusione dello scudetto che speravi di vincere con Garcia… E anche tu a sfogarti su Allegri, siete in tanti…

Mordechai

Hola, solo per un rapidissimo OT (c’è Leo in giro?) : visto ieri Alcaraz smantellare, non mi viene in mente altro termine, un supertosto come Tsitsipas. Smantellare e ridicolizzare. Con una disinvoltura disarmante. E davanti aveva uno dei primissimi del ranking, mica un qualunque. Sto ragazzino farà storia, facile prevedere una supercarriera per lui, non gli manca nulla.
Vi lascio ai vostri cortesi scambi di opinione pallonara; tema del giorno, a quanto leggo, la Juve (ancora?) e la sua rinuncia alla Superlega.
Per l’amour de Dieu. Adieu.
🙂

guido

Carlito impressionante. Adesso vediamo con Djoko.
In compenso Giannino mi ha fatto soffrire, spero nel riscatto sull’erba (olandese, tedesca e inglese)

2010 nessuno

Ecco, e buone vacanze Mordechai

Obizzo da Montegarullo

Alcaraz, dopo la figura barbina di Roma, parte subito a razzo annichilendo letteralmente chi gli sta di fronte. Domenica Musetti non ha giocato neanche male, ma se ogni volta per fare un punto lo devi fare minimo due volte e spesso tre e se ad ogni soluzione che provi lui ne ha una migliore… Un uragano, letteralmente, ora vediamo contro l’unico che potrebbe fare qualcosa in più dei suoi recenti sparring come andrà.

scotland16

ma questi fenomeni italiani quando faranno veramente i “fenomeni”??

Bombaatomica

Nel mondo esistono tanti misteri inspiegabili, più o meno famosi: l’Area 51, le linee di Nazca, le piramidi di Giza, l’assassinio di Kennedy, lo scudetto al Napoli 😂😂
Ma ce ne è uno in particolare che è impossibile svelare: perché er Sor Bocca mi cassa i post? 😂😂😂 Aho, non c’è una spiegazione logica, razionale, che possa accreditare, abbozzare un’ipotesi di risposta. Nooooooo, nada de nada!!!
Secondo me Bocca è juventino o romanista 😂😂😂

Stamane (me piace parla’ difficile per darmi un certo contegno 😂) avevo scritto un bellissimo post sulla Juventus che cercherò or ora di riscrivere. Aho’, vado a memoria, eh? Ringraziate er Sor Bocca 😂
Vediamo un po’…. uhm…. dunque…

“Eran 300 giovani e forti e sono morti”.
Così possiamo sintetizzare vita, opere e miracoli del gruppo SuperLega.
Dei “trecento”, ne sono rimasti 3, Real Madrid, Barcellona e Juventus, lo zoccolo duro, gli irriducibili, che ancora intignano, insistono con questa boiata assurda che fa della meritocrazia una mera chimera. La formula della competizione, infatti, si basa sul censo, cioè sulla legittimazione del Re per volontà’ divina. “Deus vult,” dicevano i crociati prima di massacrare Jerusalem.

Nella fattispecie, delle 3 di cui sopra, la Juventus rappresenta il vaso di coccio, l’anello debole, il mulo da soma, lo scemo del villaggio, insomma 😂😂😂
Infatti , mentre la Serie A è – dati alla mano – il campo d’azione della Juventus per rubare, truffare, sequestrate, rapinare, squartare, in Europa questo non se lo può permettere perché non conta una mazza 🤭🤭🤭

Tornate a Canossa, come giustamente dice quel juven-romanista di Bocca 😂😂

Mozilla

Bocca è intimamente laziale ma si vergogna un po’ e fa finta di non essere d’accordo con te.

Pietro

Sarà che utilizzi un numero spropositato di emoticons…
Dovrebbero aumentare il livello di ironia e/o sarcasmo???
Non credo, ma contento tu…

scoperto (presumo per i ;) e subito bloccato da Bocca il censore

via, sono la parte più interessante dei post di mortaretto comico;

ConteOliver

Più che un segnale di distensione (quello c’era già stato da subito, imponendo le dimissioni in blocco del vecchio CDA, da AA a scendere), mi sembra l’ennesima esplicita conferma di presa di distanza da AA e dalla sua gestione.

Un messaggio, l’ennesimo, lanciato dalla proprietà, attraverso la nuova dirigenza di “liquidatori”, a quelle sacche di resistenza ancora presenti in casa Juve (che stanno lì come i famosi giapponesi nelle isolette del Pacifico dopo la fine della II GM).

Quel che mi sembra non venga capito da molti, addetti ai lavori e tifosi, è che la direzione oramai presa dal calcio, in maniera ineluttabile, è quella di un evento sempre più vicino allo “spettacolo” e sempre meno somigliante ad uno “sport”.

E che, in quanto tale, necessita di essere adeguatamente finanziato, per sostenerne i costi, sempre crescenti e difficilmente sostenibili attraverso gli incassi (da TV e stadio) di partite di minor appeal.

Può piacere o meno, ma questo è.

La Superlega era un tentativo, tanto maldestro quanto perfettibile, di intervenire tenendo conto di questa evoluzione del gioco un tempo più amato.

Ne sono plastica dimostrazione i mondiali assegnati a nazioni improbabili, nonché le formule che favoriscono la qualificazione alle fasi finali di nazionali calcisticamente insignificanti, ma provenienti da continenti popolosi (e che dunque costituiscono mercati estremamente rilevanti: basti pensare alla sperequazione, in danno dell’Europa, a beneficio di Americhe, Asia ed Africa).

Quel che quelli della Superlega avevano capito, ed Agnelli lo aveva dichiarato in tempi non sospetti, è che le giovani generazioni si stavano sempre più allontanando dal “prodotto calcio” in senso classico, a beneficio di e-sports ed altri eventi pseudosportivi, più legati allo spettacolo che ad un tifo di tipo fideistico/classico per la squadra della propria città, a prescindere dal campionato disputato.
Al dodicenne spezzino interessa di più vedersi Chelsea-Manchester in TV, o un bell’incontro di MMA o Wrestling da Las Vegas, piuttosto che la sfida salvezza col Verona in quel di Sassuolo.
Fra 10/15 anni non ci saranno più, in un numero sufficiente a finanziare il giocattolo, tifosi disposti a farsi la trasferta da La Spezia a Sassuolo per vedersi la sfida salvezza col Verona.

A questo, prima o poi, qualcuno dovrà pensare

Non è che mettendo la testa sotto la sabbia, magicamente, il problema scompare

tom

Alla generazione dei miei figli del calcio non frega nulla, salvo rare eccezioni. I miei si dichiarano genericamente Juventini, ma più che altro per lealtà nei miei confronti (lealtà che io non ho avuto con mio padre, tifoso di Inter e Cagliari in egual misura), e se gli chiedi di nominare un giocatore qualsiasi della rosa, non te ne sanno indicare neanche uno, ora che CR7 e Dybala non fanno più parte della compagine.
Ai miei tempi il calcio faceva parte della triade (insieme ai motori e a quell’altra cosa). Ora non più.

Modifica il 8 mesi fa da tom
scotland16

vero assai , idem i miei nipoti…genericamente laziali e romanisti ma senza particolare entusiasmo; 2/3 volte l’anno vanno/andiamo allo stadio ma le partite la sera ne vedono pochissime, preferiscono uscire o chattare o vedere netflix…per loro una cosa che dura 2 ore di filato e’ troppo da sopportare…specie quando si tratta di brutte partite..non c’e piu’ il “dovere” e la “sofferenza” di seguire la squadra del cuore; ma forse e’ meglio cosi

Bel-Ami

Sarà pure che la nostra generazione giocava in strada, usciva. A pallone si cercava di emulare le gesta dei campioni noti, ci si sporcava, ci si sbucciava le ginocchia e i gomiti, si rovinavano calzoni. Si era meno irreggimentati: ora per imparare a giocare a palla (ops, calcio, se no si viene cassati) si paga, ci sono allenatori o pseudo tali che ti imbrigliano in schemi fin dai sei anni. E, soprattutto come avete icasticamente notato, i giovani si rinchiudono, il loro mondo non è più oratorio, campetto, garage sotto casa, Villa Ada, ma il tablet, il mondo, la virtualità, l’immaginare che un simile di Kioto, Mumbay, Toronto o Buenos Aires chatti con loro.
Cosa può più interessare ad un adolescente mediamente stabile un Roma-Verona, quando se mai lo spettacolo è Denver/Miami?
La pandemia ha solo accelerato il fenomeno, tant’è vero che in epoca kindle mi sorprende che nel 2022 si sia incrementata la vendita dei libri (oddio, tra i libri sono annoverate anche le barzellette di Totti …).

tom

Si ma guarda che benché quasi cinquantenne ai videogiochi ci giocavo anch’io, per ore. E per ore me ne stavo ad ascoltare musica su cassette e vinili, quasi sempre in solitaria, o a leggere fumetti. Vero, si usciva di più, ma anche il calcio aveva una valenza diversa. Io sono di quelli che si è innamorato del calcio (che da piccolissimo odiavo, visto che quelle poche volte che passava in TV interrompeva i miei adorati cartoni animati) grazie all’Italia campione del mondo nell’ottantadue, quando avevo nove anni. Da li in poi è stato amore per Platini, Maradona, Zico, Falcao, e poi gli italiani Zoff, Cabrini, Tardelli, Conti, Rossi…

Ardingo

Aggiungo che forse rispetto ad allora i ragazzi oggi non si innamorano più semplicemente perchè il calcio fa schifo, la qualità tecnica è vomitevole ed una generazione è cresciuta vedendo il Campionato preda di una sola squadra. Personalmente proprio stamattina con colleghi al bar commentavo che forse quel che è successo è che hanno semplicemente rotto il giocattolo. Domandona: ma voi esultate ancora per un gol? O aspettate i canonici 5 minuti di ripensamenti del guardialinee, VAR, strane telefonate, Tifosi in campo che spiegano se si può ancora giocare o no? Io mi strappavo le corde vocali per un gol, mi rifacevo un ginocchio buttandomi a terra, adesso mi alzo e vado a prendere qualcosa da bere per vedere quando torno se il Gol c’è ancora. E stupiamoci che i ragazzi guardino altro…

Ardingo

Ho riletto tre volte il nome dell’autore perchè pensavo di essermi dimenticato di aver scritto io questo commento. Caspita sottoscrivo parola per parola, dall’ostilità pre 82 (novenne pure io) a tutto quanto è seguito.

Antonio Trilussa

La vicenda della Juventus è imbarazzante quanto emblematica del metodo criminale di governo del calcio. Una governance mafiosa (con al suo vertice un sedicente manager con discutibili relazioni) minaccia federazioni vassalle e o compiacenti verso i nuovi padroni arabi con il favore di un capitalismo aggressivo (lo so, è una tautologia), ipocrita e classista che, non a caso, in Inghilterra trova il suo humus ideale.
La Juve paga la marginalità della sua proprietà e cede agli interessi particolari delle società italiane che la vogliono morta per raccoglierne pur minimi benefici.

scotland16

ma se Agnelli e Ceferin erano pappa e ciccia!! che paroloni poi..ma quando Moratti spendeva come gli arabi (per quei tempi) andava bene? e quando negli anni 80-90 una Udinese si comprava Zico e un Pescara Junior!!….non era capitalismo selvaggio?…sembra che solo quando non ci va bene (in generale) allora tutto e’ mafia e marcio, ma che modo di ragionare e’?

scoperto (presumo per i ;) e subito bloccato da Bocca il censore

fa ridere il “niente minacce dall’Uefa”;
ritirarsi è l’unica opzione, contrariamente alle spagnole la Juve non ha il sostegno della lega e del governo nazionali;

cipralex

Mah, al di la delle chiacchiere utili per farsi belli, il problema dei soldi nel calcio dovrà essere affrontato , più prima che poi.

La “soluzione” Superlega (presentata malissimo e gestita peggio) non faceva che ispirarsi ad un modello esistente (NBA) e perfettamente funzionante e accettato ( in USA).

In Europa viaggiamo da sempre e su tutto con una decina d’anni di ritardo , ma poi arriviamo…….

P.S.
sono preoccupato per il prossimo cenone a casa Agnelli\Elkan

scotland16

in realta’ la NBA e’ ben differente; intanto 30 clubs (non 12/15), poi il sistema scelte (che comprende anche le universita’), poi il tetto salariale (con massimi che non si possono sforare) e la gestione del Commissioner molto forte e indipendente. Tutto cio’ evita che le squadre si indebitino e possano fallire e garantisce la competitivita’ generale. Ma il sistema sportivo americano e’ ben differente. In America non esistono squadre storiche che sarebbero escluse (Ajax, Benfica, Porto, Celtic, Rangers, Marsiglia, Anderlecht, Borussia , Stella Rossa, e altre). Anche perche’ l’Europa non e’ un paese solo come gli USA (che a livello professionistico inglobano un solo altro paese, il Canada). Nel calcio, sport con sue peculiarita’, gli USA infatti hanno un normale campionato (senza retrocessioni) e con , guarda caso il tetto salariale (e il marquee player) e non inglobano squadre messicane (la Liga Mexico e’ migliore qualitativamente e come pubblico allo stadio peraltro).

cipralex

Dicevo, per l’appunto, “ispirarsi” non “ricopiare”

Expo

Ho risposto in basso al tuo commento e non è come dici tu:

  • i “club” sono “fissi” e decisi dalla NBA che vende le franchigie
  • il salary cap si può tranquillamente sforare (se hai i soldi e paghi la luxury tax)
  • il Commissioner non è un politico, ma è eletto dai club (cosa che non succede nella Uefa o Fifa)
comevolevasidimostrare

👍

Massimo

Una lega di qualsiasi sport non può prevedere un accesso blindato senza retrocessioni o ammissioni senza merito sportivo, ma la maggior parte della stampa ha calcato la mano sulla lega dei ricchi, dimenticando che i grandi club sono anni che tentano di mediare con l’UEFA che a fronte di circa 5 miliardi all’anno di introiti, distribuisce al vincitore della Champions League circa 130 milioni, che se va bene riesce, forse, a pagarci gli stipendi di mezza squadra, vedi gli sceicco team. Ora se la stampa in primis spinge sempre per vendere un prodotto che non riesce ad autofinanziarsi da anni, e aspetta solo che intervengano le magistrature ordinarie insieme agli organi tributari per dichiarare il fallimento che è già in atto, allora poi non sorprendiamoci se da qui a qualche anno ci saranno rivoluzioni più o meno obbligate. Intanto registro che anche il nostro ospite parla di vendetta di Ceferin, come se fosse normale che un signore a capo di un’organizzazione possa essere libero di decidere le sorti dei club a seconda dei suoi personali umori (leggi interessi). Non è né più né meno che un Putin in versione sportiva e lo scrivo ora, non attendendo faccia la fine del suo mentore Blatter. Quello che avrebbe dovuto fare il suddetto vendicatore già da anni, riguardava il tetto ai trasferimenti e agli stipendi, oltre a una più equa redistribuzione degli introiti dai diritti TV. Invece si fanno entrare miliardari che pompano soldi con sponsorizzazioni farlocche e si permette agli stessi di possedere più squadre che partecipano o parteciperanno alla stessa competizione, creando un pantano dal quale è impossibile districarsi. Che Eupalla li fulmini tutti, compresi quelli che per le plusvalenze vengono multati con 90.000 € e poi vanno in Champions perché per le stesse plusvalenze ad altri vengono dati 15 punti di penalizzazione, che poi diventano 10, che poi ritornano 15, che poi ti escludono anche dalle coppe europee, che poi ti fanno rientrare magari in quella minore. Che cialtroni…

il ghiro

La Stagione degli Addii
1)    la Juve alla SuperLega, non è mai troppo tardi per un ravvedimento operoso
2)    Ibra al calcio, 41 e non dimostrarli, vedi poesiola dedicata dal Ghiro all’evento
3)    M&M al Milan, Paolino e Ricky dimostreranno che è un grosso errore
4)    Irrati e Valeri al fischietto, peccato, in pensione forse troppo presto
5)    La Samp alla Serie A, una maglia gloriosa, ma che aveva già assaggiato la B
6)    Ferrero alla Samp, il gruppo R&M non può che fare meglio del Viperetta
7)    Spezia-Verona alla Dacia Arena, quando la Lega dà il peggio di sé, OK al Mapei
8)    Tare alla Lazio, grazie di tutto, era tempo di aprire le finestre, aria nuova e fresca
9)    Binance alle maglie biancocelesti, era l’ora, basta con ‘sti ka**o di Bitcoin.

Modifica il 8 mesi fa da il ghiro
Bombaatomica

Ghiro, se cacciano i soldi, per me possiamo mettere pure Topo Gigio sulla maglia della LAZIO 😂😂
Binance, Trinance, Quadrinance.
Ma che ce frega!!!

Conta solo la LAZIO 😄👍❤️🦅⚽️

L’Avvocato (della Signora)

ma quale calcio “dal basso”? quello dei fondi sovrani di Manchester City e PSG o quello degli oligarchi del Chelsea? o il calcio del popolo MONOPOLIZZATO da un’azienda privata come l’UEFA?
sinceramente non m’interessa guardare Inter vs Viktoria Plzen o Juventus vs Spezia o Milan vs Cremonese o Barça vs Valladolid, m’interessano le partite con le grandi squadre (Inter vs Milan o Roma vs Siviglia), quindi una modifica deve essere fatta, e l’UEFA non può agire in monopolio come fa. secondo me la Superlega non era una cosa sbagliata e prima o poi ci si arriverà o si arriverà a qualcosa di simile…

scotland16

cmq soprattutto il City , ma anche Chelsea e PSG un po’ di storia l’avevano anche prima; per esempio tutte e 3 avevano gia’ vinto 1 coppa europea (sempre la coppa delle coppe, il PSG aveva Djorkaeff), e il campionato; il City 2 titoli e 4 coppe per esempio e aveva gia’ uno storico stadio , il Maine Road (circa 50.000 posti); negli anni 70 elimino’ nettamente il Milan dalla Coppa Uefa (2-2 a San Siro e 3-0 a Manchester). Quindi non parvenu assoluti….diciamo …relativi

scotland16

il calcio non sono solo i grandi match….quando avrai inter vs milan 8 volte a stagione, rimpiangerai gli Spezia-Inter con la curva ferrovia che “alita” sul campo….tra l’altro una giusta redistribuzione delle risorse (come in NBA) permette a citta’ medio-piccole (Denver, San Antonio e soprattutto Oklahoma, Charlotte e altre

Expo

Tutti usano come esempio la NBA e il salary cap, ma la NBA è esattamente lo stesso della SuperLega:

  • franchigie gestita dalla stessa NBA e vendute a proprietari in base al valore del “mercato” (la franchigia di Denver è meno cara che di Los Angeles);
  • non esistono retrocessioni;
  • la NBA è una associazione gestita e eletta dagli stessi proprietari, non da impiegati “politici” (vedi Gravina o Blatter);
  • il salary cap esiste ma chi ha i soldi se ne può fregare e paga la luxury tax.

E’ questo lo sport “dal basso”?

tom

Premesso che a me il progetto Superlega non ha mai entusiasmato particolarmente, ritengo che “inglorioso e antisportivo” sia anche il comportamento ricattatorio e monopolista dell’UEFA, associazione non sempre ispirata (nei suoi uomini chiave) da criteri di onestà, giustizia e solidarietà. E certamente antisportivo e inglorioso è stato il prostrarsi, da parte della FIGC, a richieste penalizzanti nei confronti di chi non ha infranto nessuna regola specificamente normata, ma che nell’interpretazione di chi inquisisce diventa “slealtà sportiva”.
Se l’UEFA riteneva di essere nel giusto, poteva semplicemente escludere la Juventus e le due spagnole dalla Champions, senza chiedere penalizzazioni farlocche, per poi vedersela in tribunale. Si è preferito giocare sporco, è questo è vergognoso. Nulla da ridire?

malandragem

“E certamente antisportivo e inglorioso è stato il prostrarsi, da parte della FIGC, a richieste penalizzanti nei confronti di chi non ha infranto nessuna regola”

La definizione calzante del comportamento della FIGC sarebbe vessatorio e mafioso

Non mi paghi il pizzo? Ti brucio il negozio.

Ed è così che ti trovi a patteggiare

tom

Ho usato gli stessi termini spesi da Bocca contro l’iniziativa Superlega.

malandragem

Non ci avevo fatto caso e volevo rafforzare ciò che comunque percepivo nel tuo commento, con il quale mi trovo d’accordo

mario rossi

Bocca non è in discussione se la superlega si farà ma solo chi la gestirà, se la uefa o altre realtà. Ci si arriverà gradualmente ma molto prima di quanto si pensi

ConteOliver

perfetta sintesi

Bombaatomica

In ginocchio da teeeeeeee 🎶🎵
Non ti merito piuuuuuuu 🎵🎶

Chissà perchè stamattina mi sono svegliato canticchiando questo motivetto… 😁😁😁

127
0
Cosa ne pensi? Lasciami un commentox
()
x