Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Stai bloccando le Ads!!!

Ciao, un po’ di pubblicità a te non costa nulla, a noi consente di ammortizzare almeno in parte i costi di Bloooog! e mantenerlo attivo. Per favore disattiva l’estensione che blocca gli annunci e poi ricarica la pagina.
Grazie da Bloooog!, il tuo Bar Sport.

SERIE A, 26a GIORNATA – ⚽ -Allegri ha stabilito un traguardo virtuale per la JSERIE A, 26a GIORNATA – ⚽ – Il Milan ha due facce, in Champions League riscopre i suoi geni di grandissimo storico club, in Italia si è già dimenticato di aver vinto lo scudetto ed è di fatto un Milan dimezzato. Pioli ammette: “Se soffriamo i contraccolpi della Champions vuol dire che c’è molto da lavorare”. – ⚽  –  Allegri ha stabilito un traguardo virtuale per la Juventus e ignora la penalizzazione di 15 punti. Dunque oggi la Juve è seconda in solitario a 53 punti. Cosa volete di più? Ecco dunque il fine: se criticate e attaccate la Juventus, cosa dovreste dire di tutte le altre (tranne il Napoli, ovviamente)? La Juve ha perso per strada Vlahovic e Pogba, ma in compenso ci ha fatto capire che Rabiot non è il bidone che credevamo. – ⚽ – Nervi a fior di pelle e cartellini rossi: la Roma ha proprio l’imprinting di Mourinho. E così dopo gli schiaffi di Cremona, e l’intermezzo trionfale della vittoria sulla Juve, ecco l’incredibile bis col ko contro il Sassuolo. Una pentola in ebollizione. – ⚽ – Kvaratskhelia ormai fa spettacolari gol alla Maradona. Il Napoli deve solo gestire l’esuberante energia dei suoi giocatori in vista di scudetto e Champions League. E comunque quando si distrae, gli altri gli restituiscono tutto subito con gli interessi. Insomma un trionfo indisturbato. – ⚽ –  Che cosa sta succedendo all’Inter? La squadra di Inzaghi ha inanellato la sua ottava sconfitta in campionato, Lautaro, Lukaku e Dzeko non riescono a fare abbastanza gol allo Spezia e Inzaghi continua a perdere colpi. La squadra è sospesa sulla qualificazione Champions League e sulla semifinale di Coppa Italia, e intanto dalle ambizioni scudetto dell’estate scorsa si è passati al rischio di non centrare nemmeno il quarto posto se la squadra continua a perdere colpi così. Morale: penso che Inzaghi la panchina ormai se la sia già giocata e non gli resti che tentare disperatamente di recuperarla. Ma in TV questo progressivo spegnimento nerazzurro non passa e si fa a gare a offrire giustificazioni a buon mercato. 

SERIE A 2022-2023

GIORNATA N. 26

Venerdì 10 marzo 2023

Spezia – Inter 2-1

(55′ D. Maldini S, 83′ Lukaku rig. I, 87′ Nzola rig. S)

Sabato 11 marzo 2023

Empoli – Udinese 0-1

(54′ Becão U)

Napoli – Atalanta 2-0

(60′ Kvaratskhelia N, 77′ Rrahmani N)

Bologna – Lazio 0-0

Domenica 12 marzo 2023

Lecce – Torino 0-2

(20′ Singo T, 23′ Sanabria T)

Cremonese – Fiorentina  0-2

(27′ Mandragora F, 50′ Cabral F)

Verona – Monza 1-1

(51′ Verdi V, 55′ Sensi M)

Roma – Sassuolo 3-4

(13′ Laurienté S, 18′ Laurienté S, 26′ Zelewski R, 45’+4 Berardi rig. S, 50′ Dybala R, 75′ Pinamonti S, 90’+4′ Wijnaldum R)

Juventus – Sampdoria 3-2

(11′ Bremer J, 26′ Rabiot J, 31′ Augello S, 32′ Đuričić S, 64′ Rabiot J, 90’+4′ Soulé J)

Lunedì 13 marzo 2023

Milan – Salernitana 1-1

(45’+1 Giroud M, 61′ Boulaye Dia S)

***

CLASSIFICA

Napoli 68 (26), Inter 50 (26), Lazio 49 (26), Milan 48 (26), Roma 47 (26), Atalanta 42 (26), Torino 37 (26), Bologna 36 (26), Juventus 38 (26)*, Udinese 35 (26), Fiorentina 34 (26), Sassuolo 33 (26), Monza 33 (26), Empoli 28 (26),  Lecce 27 (26), Salernitana 26 (26), Spezia 24 (26), Verona 19 (26), Cremonese 12 (26), Sampdoria 12 (26).  * Juve 15 punti di penalizzazione

PROSSIMO TURNO

GIORNATA N. 27

Venerdì 17 marzo 2023

Sassuolo – Spezia 18.30

Atalanta – Empoli 20.45

Sabato 18 marzo 2023

Monza – Cremonese 15.00

Salernitana – Bologna 18.00

Udinese – Milan 20.45

Domenica 19 marzo 2023

Sampdoria – Verona 12.30

Torino – Napoli 15.00

Fiorentina – Lecce 15.00

Lazio – Roma 18.00

Inter – Juventus 20.45

***

Lunedì 13 marzo 2023

Il Milan bifronte

Ognuno ha i suoi problemi, non c’è una squadra, tranne il Napoli, che macini calcio e punti senza problemi. Il Milan in Champions League ha ritrovato l’orgoglio e un po’ della grandeur di un tempo. In campionato si è perduto dentro se stesso, non è più la squadra dello scudetto, e i colpevoli, se colpevoli vogliamo scovare, sono più o meno sempre gli stessi. Giroud è un punto di riferimento sicuro, tutti gli altri o hanno avuto problemi di forma o hanno tradito le attese, a cominciare da De Ketelare. Ma rimane pur sempre lo stupore del Milan bifronte. Morale in Italia la squadra di Pioli avanza a singhiozzo, senza grande entusiasmo. Alla sconfitta di Firenze ha risposto modestamente  con un pareggio contro la Salerniitana, felicissima di essersi portata via un punto inaspettato da San Siro. Si va avanti così, senza nessuna certezza. “Se davvero scontiamo in campionato quello che facciamo in Champions League, vuol dire che bisogna ancora crescere molto” ha ammesso Pioli, osservando un po’ sconsolato il suo Milan dimezzato.

Domenica 12 marzo 2023

La Juve e quel secondo posto virtuale. Nonostante Vlahovic e Pogba…

Una lenta risalita verso la luce, e non senza qualche speranza. La Juventus macina dubbi e incertezze insieme ai  gol che pure stavolta è riuscita a segnare in maniera abbondante. Anche se Stankovic si lamenterà molto del secondo gol di Rabiot, viziato da un tocco di braccio sinistro che però il Var non ha considerato. Il problema dei gol casomai sono quelli che prende. Difficile capire a fondo l’origine dei suoi black out, perché dia alla Sampdoria la possibilità di pareggiare dopo esser andata sotto di due gol, perché il black out di Vlahovic sia ormai continuo e nemmeno più intermittente, perché Pogba sia completamente sparito ormai dal pianeta Juve e si registrino appena 32 minuti di presenza in questa stagione.

  In compenso c’è la conferma che Rabiot è un giocatore diverso e ben più determinante di quello inconsistente del suo primo anno bianconero. Procedimenti penali e sportivi a parte, la Juve ha seriamente in testa l’idea di riprendersi sul campo quel posto in Champions League da cui è stata drasticamente allontanata. Siccome ormai Allegri, per fare il bilancio, conta solo i punti totali senza penalizzazione, siamo a quota 53 e a un secondo posto virtuale in solitario. Morale, la Juve quest’anno non sta facendo bene, ma insomma tranne il Napoli tutti gli altri stanno facendo peggio.

 

La Roma e i nervi scoperti come Mourinho

La Roma ko in casa contro il Sassuolo. La squadra di Mourinho – in tribuna per essere stato squalificato due turni dopo la nota vicenda dello scontro col quarto uomo Serra in Cremonese-Roma – che ha scelto un sostanziale turn over con Dybala in panchina pensando al ritorno di Europa League e al derby di domenica prossima, sbaglia tutto subito: Sassuolo avanti di due gol con doppietta di Laurienté, accorcia Zelenski, ma poi c’è la follia di Kumbulla che fa rigore e colpisce pure Berardi a terra con un calcione. Espulsione e rigore. Tutto questo nello nello stile di una squadra che gioca sempre con i nervi a fior di pelle, del resto è quello il profilo di condotta che Mourinho tiene abitualmente.  Dall’espulsione di Kumbulla la partita è compromessa anche se Dybala e Wijnaldum danno più dignità al risultato. Ma quattro gol presi in casa e comunque i nervi fuori controllo, sia in panchina che in campo, sono da una parte una colpa e dall’altra soprattutto un forte limite.

Sabato 11 marzo 2023

Spalletti, Kvaradona e l’esuberanza del Napoli

Il Napoli riprende il suo cammino tranquillamente, nei rari casi in cui manca l’occasione o si distrae gli altri collaborano distraendosi a loro volta, e lasciando che possa gestire il suo delicato finale di stagione. Kvaratskhelia, in stile Maradona, fa uno straordinario gol in slalom lasciando imbambolati i difensori dell’ Atalanta, Osimhen esce protestando dal campo perché vuol fare gol a tutti i costi. A Spalletti non resta che convogliare tante energie verso lo scudetto e verso anche la Champions League, per altro messa già discretamente bene. Pubblico dello Stadio Maradona in visibilio. Insomma un trionfo indisturbato, la favola continua.

Venerdì 10 marzo 2023

La crisi dell’Inter nascosta dai telecommentatori del pallone

La cosa che mi colpisce di più? I commentatori televisivi, da Stramaccioni a Borja Valero: non ce ne è uno che maltratti l’Inter come potrebbe benissimo starci, fanno tutti a gara a offrire spiegazioni, alibi, giustificazioni. E quel che serve ad addolcire il doloroso schiaffo inferto dallo Spezia. Non certo una big, anzi una big dovrebbe essere l’Inter. Dovrebbe… Partono persino elogi incontrollati, clamorosamente inadeguati ed esagerati. Ma non credo che agli addetti ai lavori chiamati ad esprimere commenti interessi il giudizio e lo sbigottimento di chi è davanti alla tv, l’importante è non offendere chi conta. Il mondo si chiude tutto dalla stessa parte dello schermo. Autoreferenzialità pura.

   E dunque l’Inter ha giocato bene, ha avuto tante occasioni – secondo Simone Inzaghi addirittura 30! – e ha perso perché banalmente gli ha detto male. Nessuno vuole essere coinvolto in un intericidio, cui per altro ha già provveduto spietatamente lo Spezia.

  Rivendico la brutale legge del risultato, unica cosa certa in un calcio dove tutto è ormai opinabile, se non addirittura deformabile. L’Inter a un certo punto aveva in campo tutto l’arsenale disponibile – Lautaro, Lukaku e pure Dzeko – e nonostante questo ha sparacchiato malamente dei tiri e sbagliato addirittura dei rigori. L’Inter ha perso perché Dragowski ha fatto i miracoli o molto più semplicemente perché non è stata all’altezza del compito? Se le cose già erano messe male per Inzaghi prima – la Gazzetta ha già tolto la fiducia all’allenatore da tempo – figuriamoci adesso che si registra l’ottava sconfitta nerazzurra in campionato.

  Per il resto siamo alle solite, gli eventi sono in corso: la Champions League e la Coppa Italia fanno da scudo, ma se dai progetti scudetto dell’estate dovessimo passare anche a fallire il quarto posto, saremmo addirittura ben oltre la crisi. Diciamo che Inzaghi la panchina se l’è già giocata e adesso non gli resta solo che recuperarla disperatamente in qualche modo.

  Nel frattempo non si può toccare oggettivamente nulla. Si può solo osservare l’Inter smarrirsi progressivamente. Basta riconoscerlo e non nasconderlo. Non è certo un dramma.

 

***

Ciao a tutti, invito caldamente ognuno a iscriversi ai canali social di Bloooog! e ai miei personali, così da facilitare i contatti interpersonali e poter anche guardate video, ascoltare audio, leggere notizie e commenti, poter meglio parlare anche di altri temi nel nostro Bar Sport.

  Un caro saluto Fabrizio Bocca

SOCIAL BLOOOOG!

WHATSAPP BLOOOOG! (numero dedicato)

+39 351 7262156

Facebook logo per sito Bloooog!

FACEBOOK / BLOOOOG!

https://www.facebook.com/www.bloooog.it

FACEBOOK / FABRIZIO BOCCA

https://www.facebook.com/fabrizio.bocca.33

Instagram per Bloooog! il Bar Sport di Fabrizio Bocca

INSTRAGRAM/ bloooog_barsport

https://www.instagram.com/bloooog_barsport/

INSTRAGRAM/ FABRIZIO BOCCA

https://www.instagram.com/f.bocca/

Twitter per Bloooog!

TWITTER/ FABRIZIO BOCCA

https://twitter.com/fabriziobocca1

Youtube logo per Bloooog!

CANALE YOUTUBE/ FABRIZIO BOCCA

https://www.youtube.com/channel/UCOIa8A0H4LBfnkYyzQuZsHw

Bloooog! il Podcast su Sprekaer

BLOOOOG! IL PODCAST SU SPREAKER

***

SINTESI

 

SERIE A, 26a GIORNATA – ⚽ – Il Milan ha due facce, in Champions League riscopre i suoi geni di grandissimo storico club, in Italia si è già dimenticato di aver vinto lo scudetto ed è di fatto un Milan dimezzato. Pioli ammette: “Se soffriamo i contraccolpi della Champions vuol dire che c’è molto da lavorare”. – ⚽  –  Allegri ha stabilito un traguardo virtuale per la Juventus e ignora la penalizzazione di 15 punti. Dunque oggi la Juve è seconda in solitario a 53 punti. Cosa volete di più? Ecco dunque il fine: se criticate e attaccate la Juventus, cosa dovreste dire di tutte le altre (tranne il Napoli, ovviamente)? La Juve ha perso per strada Vlahovic e Pogba, ma in compenso ci ha fatto capire che Rabiot non è il bidone che credevamo. – ⚽ – Nervi a fior di pelle e cartellini rossi: la Roma ha proprio l’imprinting di Mourinho. E così dopo gli schiaffi di Cremona, e l’intermezzo trionfale della vittoria sulla Juve, ecco l’incredibile bis col ko contro il Sassuolo. Una pentola in ebollizione. – ⚽ – Kvaratskhelia ormai fa spettacolari gol alla Maradona. Il Napoli deve solo gestire l’esuberante energia dei suoi giocatori in vista di scudetto e Champions League. E comunque quando si distrae, gli altri gli restituiscono tutto subito con gli interessi. Insomma un trionfo indisturbato. – ⚽ –  Che cosa sta succedendo all’Inter? La squadra di Inzaghi ha inanellato la sua ottava sconfitta in campionato, Lautaro, Lukaku e Dzeko non riescono a fare abbastanza gol allo Spezia e Inzaghi continua a perdere colpi. La squadra è sospesa sulla qualificazione Champions League e sulla semifinale di Coppa Italia, e intanto dalle ambizioni scudetto dell’estate scorsa si è passati al rischio di non centrare nemmeno il quarto posto se la squadra continua a perdere colpi così. Morale: penso che Inzaghi la panchina ormai se la sia già giocata e non gli resti che tentare disperatamente di recuperarla. Ma in TV questo progressivo spegnimento nerazzurro non passa e si fa a gare a offrire giustificazioni a buon mercato. 

Giornalista sportivo, a La Repubblica dal 1983 al 2022, sono stato per 12 anni capo dello Sport. Prima e dopo sempre sport e calcio, dai campi di periferia fino ai Mondiali, da Gianni Brera fino a Internet, da San Siro a New York, da Wembley all'Olimpico, dalla carta alla TV. Autore di Bloooog!, il Bar Sport, per 14 anni dentro Repubblica.it. Ora in maniera assolutamente libera, autonoma, indipendente, senza filtri.

Iscriviti
Notificami
guest
203 Commenti
Nuovi
Vecchi Piu' votati
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti

Trebaffetti

A proposito di traguardi virtuali di Allegri: la Juve ha fatto finora circa 2 punti a partita, quindi continuando così dovrebbe arrivare intorno ai 62 (38 attuali + 2*12 giornate mancanti).

Roma, Milan, Lazio e Inter hanno fatto circa 1,8 punti a partita quindi continuando così potrebbero circa farne altri 22 e arrivare intorno ai 71.

Certo ci sono gli scontri diretti, e si può pensare che la Juve migliori un po’ le prestazioni avendo qualche giocatore in più rispetto alla prima parte della stagione, ma vedendo i numeri la qualificazione in Champions nonostante il -15 sarebbe un’impresa notevole.

Sergiod

Padre Pioli, con le sue trovate ORIGInali, giustifica le prestazioni largamente insufficienti dei suoi chierichetti ( Diaz, Hernandez e Leao) e ringrazia Providence Maignan e Cardinal Giroud per avergli evitato la sconfitta.
Siamo tornati normali ed è come sempre colpa di CDK, il resto è tutto sotto controllo, molto
sotto🙈

il ghiro

MILAN – SALERNITANA 1 – 1
Pioli sceglie Saelemaekers e Bennacer, fuori Messias e Tonali, P. Sousa inserisce Bohinen e Dia, fuori Crnigoj e Piatek. Arbitro il romano La Penna, al VAR il livornese Banti.
In tutta la prima parte della partita l’unica perla è la splendida rovesciata volante di Giroud appena sopra la traversa di Ochoa; Kastanos si divora il gol, Leao tira ancora una volta a lato, Giroud alto di testa, Maignan salva alla disperata con un intervento al limite su Dia, tiraccio di Bennacer, che poi va a battere il corner, cross per la testa di Giroud che buca Ochoa, 1-0.
Ripresa: assist da Bennacer a Leao che tira fuori, entra Piatek per Kastanos, tiretto di Candreva, azione granata da sx, assist di Bradaric per Dia che la sbatte dentro, 1-1. Entrano Ibra, Origi e CdK per Giroud, Leao e Diaz, tiro appena alto di Bennacer, entrano Lovato e Bonazzoli per Pirola e Candreva, fallo di Bradaric su Bennacer ma per il VAR non è rigore, salva Ochoa su Origi, entrano Florenzi per Saelemaekers, Crnigoj e Sambia per Bohinen e Mazzocchi, poi Tonali per Bennacer, mischia in area granata, crossa Theo, para Ochoa poi salva Gyomber sulla linea, giallo a Coulibaly e a Dia. Il risultato rimane bloccato fino alla fine sul pareggio, anche per don Pioli una brusca frenata, anche se per il Diavolo si possono invocare le attenuanti per gli impegni di Champions. Bene Maignan, Bennacer e Giroud, insufficienza per tutti gli altri, tra i granata il solito Ochoa, Gyomber, Mazzocchi, Dia e l’eterno inossidabile Candreva, migliora con l’età come il vino.

Milan solo con te

Come volevasi dimostrare…

Avevo scritto: “Di questi tempi, passare un turno ad eliminazione diretta di Champions contro una inglese (seppur storicamente ”sfigata” come il Tottenham) è tantissima roba, lasciamo stare il fatto di aver dovuto soffrire fino all’ultimo per l’inconcludenza sotto porta dei nostri e prendiamoci l’avanzamento. Adesso testa bassa e pensare esclusivamente al campionato, perché un posto tra le prime quattro (tutto da conquistare!) è determinante per continuare il nostro processo di crescita. Quel che d’altro verrà in Champions, se verrà, sarà grasso che cola.” 

Prestazione supponente e scialba, va bene che giocano tutti al ciapa-nò, ma se non ci si sveglia per tempo, può finire male…

TomCAT

Già detto più volte, il prossimo anno si rischia di giocare di giovedì.
Ma che c’importa del campionato quando siamo tra le prime 8 in Europa… Mentalità ancorata al trentennio che non tornerà più.

alberto_ol

La 26 esima giornata si conclude con il pareggio del Milan.
L’inter rimane da sola al secondo posto*.
Simone Inzaghi non sarà un grandissimo allenatore, ma gli altri non stanno facendo meglio di lui (Napoli a parte ovviamente).

*terza sul campo.

Modifica il 1 anno fa da alberto_ol
abbasso la maggioranza

Inzaghino rimane comunque una pippa perché non puoi perdere a Bologna e La Spezia qualunque risultato facciano le altre.

Lorenzo

Il Napoli si è fatto buttare fuori dalla cremonese in coppa Italia (unico scivolone di un anno strepitoso finora).
La Lazio ha perso con Lecce e Salernitana.
Il Milan con Lecce, Fiorentina, Torino (x2)
La Juve ha perso due volte col Monza.
In che modo queste sconfitte sono diverse?

Modifica il 1 anno fa da Lorenzo
Pavipollo

Cos’è sta ennesima buffonata della Supercoppa italiana formato “final four”? Già tra i “final two” interessa giusto agli arabi… Non sanno proprio più come cavare (altro) sangue dalle rape…

Ianmisugi

Oibò, sto lontano qualche mese e quando torno cosa scopro? Che Rosario sta cercando di strappare a Leo il record per il numero di post, approfittando che fatto che Leo sarebbe impegnato a battere i record di Antuofermo… chi l’avrebbe detto? e del resto, chi avrebbe detto che un magnifico Napoli avrebbe dominato il campionato? Non mi pare fosse tra gli scenari più gettonati…

Rosario Frattini

Il fatto è che detesto la tv. Anche dopo le mia quotidiana oretta e mezza di attività fisica, lettura dei giornali,studio e libri, un po’ di musica e mettici pure che non cucino e non scrivo quasi più , e che mia nipote la vedo se va bene la domenica è capisci che tempo me ne rimane.Tutto qui. Quanto basta per godermi il Napoli più bello mai visto.

Eric Dolphy

visto che si gioca poco lorsignori hanno pensato bene di assegnare la supercoppetta in un minitorneo con quattro squadre;

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Dopo una giornata da leoni ,le romane sono tornate a rallentare insieme ad Inter e Atalanta, come dei ciclisti che aspettano correttamente l’avversario che ha bucato, vedremo che farà il Milan . Domani tocca all’Inter, a sentire Italia uno, sembra che il Porto sia uno squadrone, io ricordo che la Lazio (sic ) l’anno scorso si è quasi eliminata da sola, infatti al turno successivo bastò nientedimeno che il Lione per mandare a casa i lusitani, se l’Inter ,come il Milan non fa errori dietro, e magari ne fa meno dei cugini davanti, credo possa farcela benissimo .

Rosario Frattini

Buon compleanno a Giancarlo De Sisti che raggiunge la soglia egli 80 anni. Uno dei migliori centrocampisti della sua generazione, niente affatto avara di buoni, a volte grandi, interpreti del ruolo. Era dotato più che di fantasia di un grande senso euclideo del gioco e non era certo alieno alla fase difensiva.
Più regista che mezzala in definitiva , e comunque un ottimo calciatore che a Firenze, dove approdò dalla natìa Roma e rimase profondamente Romano , fece la storia calcistica della città essendo anche protagonista in Nazionale dove fu titolare inamovibile per parecchi anni.

il ghiro

Grande Picchio, mi era pure molto simpatico, come il grandissimo DiBa, era tra i pochi giallorossi che non se la tirava. Non come il Principe o il Capitano, non parliamo poi del viceCapitano, lo squallido DDR.

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Bravo giocatore e brava persona .

Mordechai

Bravo marito, bravo padre, bravo nonno e cittadino morigerato.
Una rarità, insomma.

Mark Renton

Guardando alla lotta Champions mi ritorna in mente un vecchio episodio della serie tv I Jeffersons.
Il protagonista, George Jefferson, per vendicarsi di un torto subito, aveva sfidato un tale a un incontro di pugilato; la moglie di George, preoccupata dal fatto che il marito potesse uscirne malridotto aveva provato a corrompere il rivale pagandolo per finire al tappeto al primo pugno. D’altro canto, anche George Jefferson, resosi conto che non avrebbe potuto vincere, aveva convenuto che sarebbe stato meglio finire KO al primo pugno onde evitare una sonora legnata.
Quindi i due si affrontarono per tutto il match aspettando che l’altro colpisse per primo tra la noia dei pochi presenti al match.

Ecco, l’Inter, la Roma, la Lazio, sembra quasi che lo facciano apposta a perdere o a non vincere per chissà quale oscura ragione. Non mi stupirei se stasera la Salernitana strappasse un pari a San Siro.

Archivista

Per Milan – Salernitana, metti pure un due fisso.
La lingua troppo di fuori e il naso troppo all’insù non promettono mai bene…

Giorgio Bianchi

Tutti a scrivere e dire di un Napoli stellare e chi più ne ha più ne metta, intanto in una trasmissione dove era ospite Ghoulam hanno ricordato che nel 17/18 alla 26°, come ora quel Napoli aveva un punto in più ed aveva dietro la Juve ad 1 punto ,le altre a 17 e più punti come ora.
E come ora, i bianconeri sono secondi, la differenza è che i punti di differenza tra noi e la Juve ora sono 15 e nello scontro diretto gliene abbiamo offerti 5.
Non sono affatto sicuro che basteranno per il primo posto, vedremo,ma se questo Napoli viene definito stellare, quello che aveva un punto in più di questo come si sarebbe dovuto definire?
Ps Ghoulam in quella trasmissione si è lamentato che si parlava più della lotta per la CL che della cavalcata del Napoli. Che ingenuo, ignora la legge del mercato e dei bacini di utenza( per dirla alla Costantino Rozzi)😎

Modifica il 1 anno fa da Giorgio Bianchi
Totonno58

“…ma se questo Napoli viene definito stellare, quello che aveva un punto in più di questo come si sarebbe dovuto definire?”…lo definivamo “miracoloso”, visto che disponeva di 13 giocatori e la paura che si squagliasse c’era(infatti, se ben ricordo, alla 27ma giornata si verificò la prima sòla, a cui ne seguirono altre, tutte fatali…rimase comunque straordinario arrivare a 91 punti con quella rosa ridotta e prosciugata totalmente di energie, fisiche e mentali.

Eric Dolphy

sì, è proprio ingenuo: il cane che morde l’uomo non fa notizia;
se davvero ci tenete provate a perdere tre o quattro partite di fila e vedrete che titoloni sulla lotta scudetto;

Anti chiagnoni

Sta scaramanzia ha rotto e’palle…tutto pe nun t’accattà na bannera….😉

Giorgio Bianchi

Amico mio, conservo ancora gelosamente quelle dell’87, 89 e 90.
Quella dell’88 invece m’è rimasta sul gozzo.
Ps chi sei?

Anti chiagnoni

Risposta chiagnona e a cavolo. Non c’è mai stata nella storia del calcio una squadra con un simile vantaggio. Se vuoi continua a piangere e a scrivere quelle cose, non rendendoti conto che somigli a chi, potendo godere tutti i giorni, rimanda il godimento ad una sola data.
Per me e per la parte sveglia del tifo napolista lo scudetto è già vinto.
Sono felice tutti i giorni e non ho bisogno di aspettare l’ineluttabile.

Giorgio Bianchi

Amico bello, la calma e la pazienza sono le virtù dei forti, poi ci sono i fanfaroni ed i quaquaraqua.
A quanto pare hai fatto la tua scelta. Buon per te.

tom

Vlahovic deve soltanto sbloccarsi, e da qui a fine campionato quelle 5/6 reti riuscirà a farle.
Per farne di più serve un altro allenatore che lo metta in mezzo a un tridente, o comunque con un centrocampo che recupera palla in alto e lo serva sulla corsa.
Miretti invece è ridiventato un normale buon giocatore di 19 anni. Devo dire che, anche quando gioca maluccio, come ieri, sembra sul punto di poter dare molto di più. Anche lui mi sembra uno di quelli buoni per un centrocampo dinamico e che gioca alto, dove ognuno sappia quello che deve fare e non ci si abbandoni troppo all’improvvisazione.
Barrenenchea mi sembra ancora troppo timido. Con quel fisico dovrebbe imporsi un po’ di più nei contrasti. Mi sembra sappia giocare di prima sul corto, per il resto non ha fatto vedere granché.
Sono contento per Soulé, finalmente concreto. In tutte le sue precedenti apparizioni m’era sembrato fin troppo leggero e inconcludente. Tra l’altro mi sembra abbia messo anche qualche chilo in più.
Fagioli per me non si discute, e anche la partita di ieri la giudico ampiamente sufficiente. È vero, commette qualche errore di misura, ma la Juve mi sembra venga allenata poco sulla
precisione.
Cuadrado può rappresentare ancora una risorsa, se be gestito. Ieri migliore in campo.
Buono l’ingresso di Locatelli. Kostic una sicurezza.
Bonucci è un ex giocatore. De Sciglio un non giocatore.
Pogba un mistero, e mi fermo qui per carità di patria.
Tanto per cambiare ad ogni partita qualcuno si fa male. Andremo avanti così fino al prossimo cambio di staff.

Detto questo, una Juventus (questa Juventus) potenzialmente seconda la dice lunga sulla qualità di questo campionato, dove il Napoli gioca praticamente da solo. Pioli e Inzaghi sembrerebbero ai titoli di coda. Lazio e Roma sono quello che sono: due squadre da EL che al massimo potrebbero puntare a un quarto posto fortunato.
La vedo male in ottica nazionale.

Modifica il 1 anno fa da tom
Pavipollo

Che Pioli sia ai titoli di coda ne dubito, anzi io personalmente spero di no. Nella tua disamina mi manca un parere su Di Maria: di lui che ne pensi?

tom

Di Maria non c’è perché contro la Samp non ha giocato. Detto questo, io lo considero un fenomeno, e pensavo lo stesso anche prima del mondiale, quando i troppi l’avevano già definito un mezzo bidone, senza considerare l’infortunio, la squalifica e il fisiologico adattamento a un nuovo ambiente.

guido

A Vlahovic per sbloccarsi, più che un nuovo allenatore servirebbe: imparare a stoppare la palla, capire la regola del fuorigioco, riuscire a fare un passaggio di più di due metri e, soprattutto, metterla in porta da cinquanta centimetri (o da undici metri, il risultato non cambia).
E i cross di Kostic sono inutili se lui in area non c’è mai (meno male ogni tanto passa di lì Di Maria)

monica

Francamente queste cose le aveva già imparate a Firenze,gli ci è voluto il suo tempo ma alla fine ce l’aveva fatta,era migliorato molto. Al di là delle battute su quanto possiamo essere contenti noi viola,non so davvero cosa gli sia successo a questo ragazzo. Io pensavo sul serio che andando in una squadra più forte avrebbe fatto sfraceli e noi ci saremmo mangiati le mani

Modifica il 1 anno fa da monica
La lista del penalizzatore

Ah, è pure colpa sua se non c’è mai in area…?! Che poi non è nemmeno vero, il problema è che spessissimo c’è solo lui in area. La sua involuzione (impressionante) è tutta sulle spalle del Penalizzatore. Gli arrivano legnate da quaranta metri che lui non è minimamente capace di gestire, ogni tanto gli riesce una torsione meccanicissima, ma solo per servire palla sulla sinistra, a destra non ci riesce mai. Non è certo uno che sa fare la boa (se dovevi giocare così ti prendevi Giroud), se non lo servi già voltato verso la porta e sulla corsa, diventa un giocatore normale. E invece noi lo abbiamo pagato per fare la differenza. E può farla, ma solo giocando in un modo completamente differente. L’idea di calcio di giocarsela con qualche chance perché tanto poi il gol lo si fa, non è più un’opzione credibile. Basta, via i dinosauri. Ci vuole un nuovo corso che creda nella doti migliori dei nostri calciatori. Che muoiono dalla voglia di far calcio, ma non gli viene permesso. Lo stesso discorso vale per Bremer: se lo prendi per farlo difendere basso o comunque uscire sul loro centravanti, ma senza potersi giocare l’anticipo perché il resto della linea difensiva è troppo bassa, lui diventa un difensore inutile, se non deleterio.

guido

io non voglio convincere nessuno, ci mancherebbe e spero di sbagliarmi e dovermi rimangiare tutte queste critiche, ma leggendo quello scrivi non mi rassereno molto. Riassumendo:

  • non sa fare la boa (domenica l’unica cosa buona che ha fatto è stata proprio una sponda in area)
  • non sa fare uno stop (la palla bisogna passargliela piano);
  • non sa fare un passaggio verso destra (perchè a sinistra sì?);
  • in area non entra, non ho capito chi glielo impedisce e soprattutto non ho capito perchè gli altri ci entrano indisturbati;
  • quando è solo davanti al portiere, che sia un rigore o un passaggio perfetto la tira sul palo;
  • quando lo lanciano è sempre in fuorigioco.

Tutta colpa di Allegri? Anche ai Mondiali non mi pare che abbia fatto meraviglie.
Comunque mi è simpatico, quello sì e gli auguro di riprendersi

tom

Concordo. Su Bremer aggiungerei: soprattutto se lo affianchi a Bonucci.

tom

E pensa che senza saper fare tutte queste cose, quando giocava nella Fiorentina di gol ne segnava a decine.

ConteOliver

per Vlahovic non baste neppure Lourdes, ci vuole l’esorcista 😉

esor, pensaci tu!
😆

cipralex

Visti gli ailait.
Il celebfratissimo gol di Kvaratskhelia mi ha impressionato poco,anzi direi per nulla.
Meglio quello di Dybala.
Indegna sceneggiata di Berardi che per quanto mi riguarda meriterebbe l’esclusione dalle convocazioni in azzurro.

ConteOliver

anche io ho finalmente visto questo tanto decantato gol…

sinceramente, un paio di dribbling in area e tiro sotto la traversa non mi sembra una roba per cui intonare peana

bel gol ma nulla più

ricordo molti gol di Baggio o Zidane, ma anche Del Piero o Totti, nettamente più strabilianti

ma quest’anno si porta il ciuco, e quindi va celebrato in lungo e in largo

PS: adesso arriva la cavalleria 😆

Quattroquattronovetredue

Stavolta concordo con te: Kumbulla un imbecille, Berardi il solito verme. Forse sto esagerando, però il centrale già ci aveva fatto uscire dalla Coppa Italia, si vede che non bastava. Il gol di Paolino: una perla nel fango.

Cuore ross-azzurro

Davvero un intenditore. Di ippica, suppongo.

Modifica il 1 anno fa da Cuore ross-azzurro
comevolevasidimostrare

uterque et utraque

Giorgio Bianchi

Suvvia cerca di essere sincero del tutto, il più bello della domenica direi che per te è quello con la mano di Rabiot..👻

Modifica il 1 anno fa da Giorgio Bianchi
Eric Dolphy

mica ha segnato con la mano come quello esaltato in saecula saeculorum;
a quanto dicono nel stoppare la palla una porzione di essa gli è andata sulla parte alta del braccio;
tutto qui, ma immagino che rimarrà nella storia come ha fatto er gol de Turone;

Giorgio Bianchi

Vabbuo’,pingui’…….🤣🤣🤣

Nathan

Kvara slalom 🎳

335097678_2361580110668468_1465832232553610551_n.jpg
alberto_ol

in effetti i difensori erano mobili come birilli

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Avrebbero dovuto fare fallo ? .

Giorgio Bianchi

Era meglio conv avrebbe avuto il rigore che poi avrebbe sbagliato.😈🤓
Ma poi che può interessare se bello o brutto sempre un punto vale.😎

Modifica il 1 anno fa da Giorgio Bianchi
Expo

Non penso neanche lontanamente a commentare nell’altro post-vespaio, fatto apposta per incrementare il count dei post, però tutti inutili, in quanto non è un tema (anzi 2) di giustizia, ma di procedure seguite o non seguite.
Pertanto, commento sul calcio giocato, che mi interessa di più.
La Juve affronta una Samp dimessa con una squadra di giovinotti di belle speranze, e l’inesperienza la dimostra tutta, nonostante Nonno Bonucci. O forse, è proprio per colpa sua.
Infatti, dopo aver segnato 2 gol di testa su calcio piazzato (l’unico schema che forse allena Allegri, o si allenano gli stessi giocatori), la squadra si disunisce e, mentre spinge per un terzo gol, subisce due contropiedi in velocità ben gestiti dai blucerchiati, che pareggiano.
Secondo tempo, Allegri finalmente toglie lo scempio della difesa a 3 sghemba, togliendo Nonno Bonucci sempre scherzato dalle finte punte della Samp. Difesa a 4, maggiore dominio del campo, e infatti dopo pressione per tutto il secondo tempo vengono fuori altri 2 gol, oltre a vari pali e traverse. Incluso il rigore di Vlahovic, che non segna neanche a porta vuota o su rigore. Sembra veramente corroso dalla depressione Allegriana.
Note positive: Rabiot (2 goal), Kostic (presenza costante sulla fascia), Fagioli (anche se deve imparare a vedere la porta). Sufficienza per tutti gli altri (ad eccezione di Nonno Bonucci). Bremer impreciso ma compensa con il goal.
Buona la prestazione di Barrenechea, che a 21 anni gioca da volante centrale e fa un’onesta partita (di 45′). Lo sostituisce Locatelli, ma in realtà quest’ultimo non gioca meglio.
Insomma, la Juventus ha difetti lampanti, non ha un allenatore, ha giocatori in vena negativa, non dispone di Chiesa, DiMaria, Pogba, Milik (oltre a Alex Sandro o Kaio Jorge), ma ha fatto 53 punti, che la pone solitaria seconda, dietro ad un Napoli stellare.
Ma sul campo parla la “Giustizia Sportiva”. Dopo “38 sul campo”, questa stagione dobbiamo inaugurare un “+15 sul campo”?

guido

in realtà ieri Allegri ha fatto pure troppo per Vlahovic (tipo lasciargli tirare il rigore, ma forse sul 2-2 non l’avrebbe fatto)

cipralex

Ma Rabiot chi lo allena?
Chiedo per un amico.

Expo

Mama Veronique.
Infatti, sta giocando ad alt(r)i livelli quest’anno, che gli finisce il contratto.

Claudio Mastino 62

Ancora con questa storiella che Allegri sia la causa principale delle pessime prestazioni di Vlahovic ?
Ho visto giocare diverse volte il centravanti serbo nella Fiorentina ed all’inizio aveva quel fenomeno di Ribèry che gli serviva spesso degli assist al bacio ma nonostante tutto
ciò lui regolarmente si mangiava diversi goal. Di conseguenza non è certo colpa di Allegri la mediocrità di Vlahovic, fatevene una ragione.
Intanto Acciughina ha portato la Juve a 53 punti sul campo, seconda solo a un Napulè stellare,
agli ottavi di Champions con buone possibilità di approdare ai quarti, in
semifinale di Coppa Italia e tutto questo dovendo fare i conti con le varie indisponibilità di diversi giocatori importanti.
Inoltre ha sempre insistito con Rabiot anche quando molti juventini lo consideravano un giocatore mediocre e a quanto pare sembrerebbe che i fatti gli stiano dando ragione, anche ieri sera il giocatore francese ha fornito
un’ottima prestazione , è stato probabilmente il migliore in campo.
A calcio contano i risultati, se volete divertirvi potete tranquillamente andare al circo o in
alternativa a teatro a vedere Rodolfo Laganà.

Mordechai

Claudio, in CL siamo arrivati penultimi in qualificazione, alle nostre spalle (di poco) solo i kibbutzim …

monica

Alt. I gol se li mangiava i primi tempi. Poi è migliorato molto anche come gioco ed ha cominciato a fare gol a raffica.
…santoddio,era anche molto giovane!

Modifica il 1 anno fa da monica
alberto_ol

l’anno scorso nel girone di andata Vlahovic ha fatto 20 gol di cui 17 in campionato e Ribery giocava già nella Salernitana

monica

Ecco,appunto,io non me lo ricordavo nemmeno! Senza contare che Ribéry non è che sia stato un titolarissimo,purtroppo per lui la carta d’identità non gli permetteva ciò!!

Expo

Allegri non è un allenatore da schemi, che mettono in condizione gli attaccanti di segnare con i movimenti.
Alla Juve ha sempre avuto centravanti che i gol li facevano da soli (Tevez, Morata, Higuain, CR7) o grazie al “gioco libero” dei fantasisti dalla trequarti in avanti.
Quest’anno, tolto DiMaria, non ci sono fantasisti e se non gli passi la palla bene, il serbo (a 23 anni) non è di quelli che i gol se li inventano da soli.

guido

invece se gliela passi bene …

Claudio Mastino 62

Tevez , Higuain e Cristiano Ronaldo erano proprio di un altro
pianeta, ma anche Morata , pur molto meno forte di loro era superiore a Vlahovic , tecnicamente e come velocità c’è un abisso tra lo spagnolo ed il
serbo. Vlahovic non sa stoppare
la palla, si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, non riesce a fare un passaggio che sia più lungo di tre o quattro metri, non ha il senso della posizione in area di rigore avversaria, caratteristica che dovrebbero avere i centravanti degni di questo nome, non ha ancora capito la regola del fuorigioco, ha un piede solo il sinistro , con l’altro riesce a malapena a camminarci,
neanche a correrci bene vista la sua goffaggine. Il Barone Nils Liedhom purtroppo è passato a miglior vita, forse lui avrebbe potuto migliorarlo tecnicamente
considerando che ha insegnato
la tecnica a molti giocatori da lui allenati, l’ex romanista Scarnecchia ne è un fulgido esempio.

Expo

Non vorrei entrare in una difesa sperticata di Vlahovic, ma da come ne parli sarebbe un pippone che non sa fare nulla. Però…
Però, le statistiche dicono un’altra realtà. Il serbo ha segnato in Serie A 68 gol in 155 partite (media gol 0.44), a 23 anni da poco compiuti.
Lo stellare Osimhen, che nessuno si sognerebbe di denigrare, ha segnato in carriera 87 gol in 179 partite (media 0.48).
L’eroe del momento in Premier, Rashford, a 25 anni ha segnato 119 gol in 345 partite (media 0.34).
Lautaro Martinez a 25 anni ha segnato in carriera 118 gol in 280 partite (0.42).
Mmm… non sembrerebbe tutta sta pippa…
Se vuoi, le statistiche raccontano le difficoltà che sta avendo questa stagione, con la pubalgia, la Juve che gioca da schifo (e Allegri) con una media che scende a 0.38. Ma non sia mai che si dica che la squadra non l’aiuta…

Mark Renton

Ottavi di Champions?

guido

ci sono coppe uefe che valgono come cempions (semi cit)

Giorgio Bianchi

Confesso che per essere un tifoso laziale ne sai un sacco delle cose juventiste.😂
Si fa per scherzare eh…..

Cuore ross-azzurro

Partita “forte” del Napoli contro una squadra sempre spigolosa, con un meraviglioso gol di Kvara su perfetto assist di Sì e con una bella i zu cara di Rahma i sił secondi palo. Prestazione sontuosa di Kim, Lobotka e come sempre di Di Lorenzo, anche se si sentiva la mancanza di Mario Rui sulla fascia .La stizza mostrata da Victor per la sostituzione però non la vedo assolutamente come un buon segno, perché potrebbe portargli molto nervosismo in campo e se si incaponisce a voler segnare sempre, diventa controproducente nonché pericoloso per il prosieguo della stagione, visto che la sua irruenza lo ha già portato ad infortunarsi per un anno. Mi auguro che Spalletti ristabilisca tranquillità nello spogliatoio. Un Osimhen che si diverte a giocare è decisamente più utile di uno che s’incazza. Ancora non mi spiego come sia stato possibile perdere contro due squadre che stanno rispettivamente a 18 e19 punti di distanza…. Anche lì mancava Mario Rui.😁 Saluti

Modifica il 1 anno fa da Cuore ross-azzurro
Cuore ross-azzurro

Scusate i refusi di swype. “Osi”, non”si”, “inzuccata”, non”si zu cara”, “Rahmani sul”, non “Rahma i sil”🙈

il ghiro

La Matrona ko, la Vecchia Signora ok.
Roma-Sassuolo 3 – 4
In panchina Fortunello Foti, in tribuna Sfortunello Mou, Roma senza Belotti, Cristante e Pellegrini, Mancini e Dybala in panca, nel Sassuolo rientra Berardi. Arbitra il romagnolo Fabbri, al VAR il torinese Pairetto.
Para Consigli su Wijnaldum, Abraham tira appena fuori, giallo a Smalling, al 12’ passa il Sassuolo, tira Pinamonti, R.P. devia la palla ma Laurienté è pronto ad appoggiarla beffardo in rete, 0-1. Tiretto di Berardi, che poi sbeffeggia sulla dx i difensori giallorossi, tiri e rimpalli, poi la palla finisce a sx a Laurienté, che a parabola beffa di nuovo R.P., 0-2. Testata appena fuori del Faraone, poi cross da sx di Spina per il tiro strozzato di Zalewski, palla che rimbalza beffarda nella rete di Consigli, 1-2.  Bella azione della Roma, cross di Zalewski, ma Wijnaldum di testa spedisce fuori, tiracci di Pinamonti e di Laurienté, tiro ancora di Pinamonti deviato da R.P., scontro in area tra Berardi e R.P., interviene Kumbulla a proteggere il portiere, calcetto di Berardi e calcione di Kumbulla, VAR, rosso e rigore di Berardi, 1-3.
Ripresa: entrano Dybala e Karsdorp per Bove e Spina, giallo a Lopez, Dybala spara una gran botta nel sette, 2-3. Traversa di Berardi, giallo a Matic, entra Camara, giallo a Ruan, entrano Erlic e Obiang, para Consigli su Zalewski, giallo a Ibanez, assist di Laurienté a Pinamonti che piazza il lob su R.P., 2-4. Entrano Defrel e Bajrami, Volpato e Majchrzak, Consigli salva su Dybala, tiraccio di Karsdorp, giallo a Camara, para R.P. su Bajrami, Smalling non molla e serve un assist a Wijnaldum che non può sbagliare, 3-4. Ma ormai è tardi e in dieci di più non si poteva fare. Ora testa alla Coppa e al Derby.
*****   
Juventus-Sampdoria 4 – 2
Allegri schiera Perin, Bonucci, De Sciglio, e i ragazzi Barrenechea, Miretti e Fagioli. Stankovic senza Audero, mancano in tanti, deve arrangiarsi. Arbitra il bolognese Prontera, al VAR il pugliese Di Bello.
Nel primo tempo al centro dell’area della Samp c’è un buco, che Nuytinck non riesce a coprire e la Juve passa due volte con due capocciate senza contrasto di Bremer e Rabiot, 2-0. Poi la Samp assesta un tremendo uno-due con Augello e Djuricic, 2-2, e va all’assalto della Juve. Giallo a Rincon, Leris canna l’assist al Gabbia.
Ripresa: entrano Locatelli e Cuadrado, Danilo salva su Djuricic, giallo a Fagioli, poi arriva la svolta: assist di Fagioli per Rabiot che si aggiusta la palla col braccio sx, poi spara in rete, il VAR non fiata e Prontera “prontamente” convalida, 3-2. Non solo ma anche poco dopo il tocco di Augello a Cuadrado porta a un “rigoretto”, che il piatto di Vlahovic spara sul palo, un altro bianconero la spara alta. Entrano Soulè, Jesè, Murru e Paoletti, il giovane Turk salva su Soulè e su Vlahovic, poi anche su Cuadrado con l’aiuto del palo, entrano Malagrida, Rugani e Gatti. E la Juve la chiude al 94’ con Turk che salva ancora su Vlahovic, ma Soulè di testa la ribatte in rete. Stankovic “signorilmente” abbozza….

Eric Dolphy

il braccino del diino;

Eric Dolphy

ma che cavolo di legno hanno usato per le porte?
mi sa che è rododentro malmatista, urge cambiarlo;

Nicola Romano

Come volevasi dimostrare , per ora anche la Roma gioca per la Lazio .

comevolevasidimostrare

non ricordo quando lo dissi

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Se lo sapessi ti aiutassi .

Eric Dolphy

visto che fortunatamente da un po’ mancano link a metallo arrugginito vi regalo Ein Musikalisches Opfer:

la batteria di herr Liebezeit e il canto di Suzuki sama anche dopo lustri continuano a mandarmi in estasi;

Giorgio Bianchi

Pingui’, ma sei tu quello in foto?

Eric Dolphy

siamo nati lo stesso giorno e mese, forse ne sono la reincarnazione;
o forse lo era lui di me;

Giorgio Bianchi

😄😄

grillo afono

I

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Dopo l’espluà di Napoli, la Lazio torna nei ranghi anche in campionato, con una partita insignificante giusto lo 0-0 , e forse un pizzico meglio il Bologna, in vecchiaia si diventa monotoni e io mi ripeto, i biancazzurri stanno in zona Champions più che per loro meriti, per i demeriti degli avversari, per ora Inter e Atalanta e per la penalizzazione della Juve, per me non ce la facciamo, se dobbiamo andare a fare la comparsa è meglio recitare una parte, ovviamente minore , in Europa League.

mnar53

Per dirla à la Caressa: ma che giocatore è Kvaratskhelia?

Se lanciato in velocità, o se servito ai limiti dell’area di rigore, più che un calciatore è una sentenza: gol o assist.

Kvara ce lo godremo ancora a lungo, ma è moolto probabile che Osimhen vada via, 140-150 ML in premier oal PSG. Tuttavia l’incazzatura di Osimhen per non aver segnato, prima di tutti rivolta a se stesso, fa ben sperare da qui a fine stagione….

Rosario Frattini

Un giorno all’ improvviso…

90D0C8E7-C8FE-46A8-84BF-9C1BA320C30D.jpeg
Rosario Frattini

Negli occhi, com’è ovvio è naturale, rimane la prodezza di Kvara, ed io ci aggiungo la rovesciata , bellissima stilisticamente, di Victor nel primo tempo. Ma il secondo tempo del Napoli , ieri, è stato da grandissima squadra, ed il Napoli è una grandissima squadra, anche oltre il valore dei suoi magnifici giocatori

unclemarvo

Era nel secondo tempo, no? Peccato centrale, stilisticamente era perfetta pareva la copertina degli album panini

Giorgio Bianchi

Siamo ormai alla 26°, quindi ne mancano solo dodici per finire questo campionato con ,pertanto, ancora 36 punti a disposizione per tutti.
Considerando che, al momento, il Napoli ha 15 punti di vantaggio sulla seconda e 18 e 19 sulle altre, mi sembra scontato arrivare ad un largo 60% di probabilità di qualificazione alla prossima CL traguardo fondamentale per la sopravvivenza.
Se poi consideriamo che, avendo vinto in Germania per 2-0 all’andata, il passaggio per la prima volta nella sua storia ai “quarti” della CL sembra a portata di mano e, qualora si realizzasse, sarebbe da considerare questa un’annata davvero strepitosa.😊

Modifica il 1 anno fa da Giorgio Bianchi
Bob Aka Utente11880

I napoletani li facevo più scaramantici, sbagliavo.

Modifica il 1 anno fa da Bob Aka Utente11880
Giorgio Bianchi

Infatti, trattasi di semplice calcolo probabilistico.😁

Bob Aka Utente11880

Appunto

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

E’ c’è di piu’ abbiamo il 90% di probabilità di andare in E.L. e il 99% di andare in C.L. , ovviamente se venisse tolta la penalizzazione alla Juve , le probabilità diminuirebbero in una percentuale stimabile tra il 10 % e il 13,56 % .

Giorgio Bianchi

Sei molto ottimista il 99% di andare in CL mi sembra una esagerazione, così come il 90% per la EL. Anche perché io do per certo che alla Juve venga tolta l’iniqua penalizzazione.😊

Nicola Romano

Per C.L. io intendo la Conference League .

Giorgio Bianchi

Ah…Vabbuo’, allora direi 88%😎

ROS

…ripeto…ammiscàmm e squadre.
AVANTI NAPOLI!

Eric Dolphy

datti una calmata: se non aveste vinto 22 partite e non ci avessero dato la penalizzazione avreste il fiato della Domina sul collo, se non la coda sul muso;
quando un asino incontra una zebra l’asino è un asino morto [pseudoleone];

Archivista

Questa battuta del “se non aveste vinto 22 partite” potrebbe essere la migliore dell’anno – se non ci fosse già quell’altra del tuo collega, che la vittoria del Napoli era discutibile perché i cinque gol erano tutti bruttini…

Eric Dolphy

al contrario di Cuore l’hai capita, meno male che c’è qualcuno che non pensa che il sense of humour si limiti a fare le corna in una foto di gruppo;

Cuore ross-azzurro

15 punti di distanza li chiami fiato sul collo… E quanto aglio devi aver mangiato???

Archivista

Non è aglio, è sangue.

Eric Dolphy

pari al fosforo che non hai ingerito, credo;

Cuore ross-azzurro

Ah, quindi tu mangi fiammiferi. Ecco spiegato il fiato sul collo.

Bob Aka Utente11880

No, non sono d’accordo che non si possa toccare oggettivamente nulla.
Se non passa col Porto Inzaghi va accompagnato alla porta con tanti grazie per le due (2) partite che ha vinto i due (2) anni ovvero le finali della SC. Il resto è fuffa. La squadra va data alla qualunque, anche al mister della Primavera (che non so chi sia), e poi si cerchi un allenatore.

2010 nessuno

Se t’ha fatto incazzare così anche a te BoB, allora ,e purtroppo ,ma è ora che vada

Bob Aka Utente11880

#iovotoperMou

Eric Dolphy

ohibò, come i malmatisti anche i romanisti vanno di piagnucolada;

antonio@ammendola

Dopo aver perso in casa con la Lazio, ieri nel tardo pomeriggio ancora al Maradona, la squadra di Luciano Spalletti affrontava la Dea del Gasp. Nel tempo l’Atalanta svolge il suo compito, fa ciò che doveva fare ovvero: braccare a tutto campo gli azzurri, chiuderli tatticamente, e ripartire. Il Napoli, nonostante abbia a disposizione una squadra di grosse individualità, non è riuscito ad imporre il suo mood, i meccanismi collaudati del suo gioco. E le squadre vanno all’intervallo sullo 0-0. Nella ripresa i partenopei ci danno dentro, e dopo il gol del fenomeno georgiano, al 60°, che spacca la gara, il Napoli fa finalmente il Napoli: sale in cattedra, raddoppia e gestisce la partita chiudendola dunque sul due a zero. I bergamaschi calano nel secondo tempo ma non demordono, creando qualche noia a Gollini; sfiniti cedono: troppa verve, nella seconda frazione di gioco, ha cacciato fuori la squadra di Spalletti!! Vittorie come questa di ieri all’ex San Paolo sono fondamentali; questo straordinario percorso azzurro che allo stesso tempo è pazzesco, soprattutto per il divario ampio con le altre, procede.NO WAR! Punto.     

Rosario Frattini

Soldato , mi senti?
Chi mi manderete contro, ora?

283B4E17-7C93-4268-85F1-E4009B8A9A89.png
malandragem

Sarebbe interessante capire da cosa derivi questa vostra necessità inguaribile di rifugiarsi sempre in un immaginario di buoni VS cattivi e noi VS tutto il mondo e che sarebbe imbarazzante anche per un adolescente…

Rosario Frattini

Forse come reazione alla necessità vostra di sentirvi sempre e comunque superiori., belli ed ammirati. Che sarebbe, ed è , imbarazzante anche per un narcisista patologico che, per definizione, non può essere un adulto.

malandragem

Risposta ancora più adolescenziale del post originale e che ha però il pregio di evidenziare tutto il vittimismo e tutti quei complessacci di inferiorità da cui proprio non riuscite a liberarvi.

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

Effettivamente la risposta estrinseca progressivamente il rivelarsi patologico di un nappo di esorbitanti essenze .

Bob Aka Utente11880

con scappellamento a dx o sx ?

Eric Dolphy

visto la fine che farà non mi sembra una citazione azzeccata;

Rosario Frattini

Va be’, ho esagerato. Era solo uno contro otto.

37D02A20-DC7C-4CE1-8033-86C0694D4A75.jpeg
Rosario Frattini

Ma l’impresa eccezionale, dammi retta
È essere normale

0811B31A-756A-419D-B494-B3621242A417.jpeg
Tiziano

alberto_ol

Sai che ormai Repice non lo sopporto più?
Non è possibile che per qualsiasi partita usi un’enfasi come se stesse raccantondando la finale dei mondiali e questo già dalla presentazione della partita anche se è una semplice partita di campionato.

Purtroppo questo stile urlato e in certi casi quasi isterico in occasione dei gol (fosse pure quello del 4 a 0) sta diventando normale.

L’unico che si salvi dei radiocronisti radio1 mi sembra Codignoni.

Rimpiango lo stile più sobrio di Ameri e Ciotti.

convenevole da prato al secolo Nicola Romano

E’ vero ad ogni minima occasione strillano che sembra abbiano fatto gol .

Tiziano

Gli esagitati delle telecronache non li sopporto nemmeno io ma Repice ha il fattore spontaneità che compensa tutti i suoi difetti (tra questi l’eccessiva retorica).
Cosa mica da niente rispetto ai “sudamericani pezzotti” che popolano sky e dazn.

Comunque questa condivisione delle sue telecronache sui goal di Kvara è un rito scaramantico nato un po’ per la sua passione della prima ora per il georgiano, un po’ dal fatto che non ho mai perso l’abitudine di tenere radiouno accesa con le immagini video mutate.

Modifica il 1 anno fa da Tiziano
Pisa United

Riesci a sincronizzarle alla perfezione? A me scappa una delle due sempre qualche attimo avanti…

Tiziano

Mai riuscito intenzionalmente a sincronizzarle alla perfezione se non un paio di volte e anche in quel caso il flusso streaming di uno o l’altro tende dopo un po’ a sfasare durante la riproduzione.
Se ho il tempo di guardarla do la precedenza al video, limitando il delay al massimo di un paio di secondi, altrimenti la radio compensa la mia vista puntata sul lavoro.

Modifica il 1 anno fa da Tiziano
Giorgio Bianchi

Continua mi raccomando😉

Zenyatta Panatta

Prendiamoci questi 3 punti, ma quando si incontrano squadre ampiamente alla propria portata, non è possibile lasciare sempre loro il controllo del gioco, concedere innumerevoli occasioni da gol, e sperare di cavarsela con un guizzo dei singoli o qualche episodio fortunato.
Alla fine, la classifica si muove. Vincere è sempre importante, speriamo solo di riuscire a vincere anche contro una grande, prima o poi.

Nicola Romano

?.

Eric Dolphy

le ragazze battono la malmata e vanno in finale di coppitaglia, riusciranno i mascoli ad imitarle?

L'ESORCISTA

Summit in casa nerazzurra

IMG_20230311_173452.jpg
Il mattino ha loro in Bocca

😂 😂 😂 😂 😂 😂 😂 😂 😂 😂 ..

Rosario Frattinj

La cosa che mi colpisce di più? I commentatori televisivi, da StramaccioniBorja Valero: non ce ne è uno che maltratti l’Inter come potrebbe benissimo starci, fanno tutti a gara a offrire spiegazioni, alibi, giustificazioni. E quel che serve ad addolcire il doloroso schiaffo inferto dallo Spezia. Non certo una big, anzi una big dovrebbe essere l’Inter. Dovrebbe… Partono persino elogi incontrollati, clamorosamente inadeguati ed esagerati. Ma non credo che agli addetti ai lavori chiamati ad esprimere commenti interessi il giudizio e lo sbigottimento di chi è davanti alla tv, l’importante è non offendere chi conta. Il mondo si chiude tutto dalla stessa parte dello schermo. Autoreferenzialità pura.

Grandissimo incipit del tuo intervento, Fabrizio. Da sottoscrivere parola per parola.

ConteOliver

Vabbè, sta partita non fa testo
sembrava la partita della legge di Murphy
se al termine il risultato fosse stato 0-3 non ci sarebbe stato nulla da dire
lo Spezia fa due contropiede, due tiri in porta e due gol
chissà che direbbe er bombetta a proposito di sculate

Curva Sud Milan

Tornando alle considerazioni (vabbè…) di sulla nuova mappa dei piangina, su Facebook si trovano perfino i FidoFede tanto sfigati che, nome e cognome, mettendoci la faccia 🤦‍♂️🤣 …riescono a recriminare per i rigori…🤣🤦‍♂️

Sono veramente un mondo a parte, Terrapiattisti del Fuoco…🔥🤣🤦‍♂️🤣🔥

20230311_121006.jpg
Modifica il 1 anno fa da Curva Sud Milan
Lazio Caput Mundi

…ho visto che tra le faccette sfigate ce sta pure ‘n clown…

20230311_122326.jpg
comevolevasidimostrare

Se le 4 strisciate d’Oltrepo son ridotte in questo stato, non meravigliamoci se un Catanzaro ,magari allenato da un Capello, vinca il campionato. Successe anche ad inizio millennio.

Giorgio Bianchi

Confesso che ieri sera ho visto la partita con la speranza, non dico certezza, che l’Inter desse una discreta legnata allo Spezia che amerei tornasse nelle serie minori da dove inopinatamente ed immeritatamente è uscito ormai tre anni fa.
L’inizio dell’Inter mi è sembrato ottimo ed aspettavo il gol da un momento all’altro, visto come giocavano, infatti, dopo circa dieci minuti ecco un netto rigore, che Lautaro si faceva parare inopinatamente. Poco male, ho pensato, gliene fanno almeno tre.
Invece è successo che nonostante le occasioni create il tempo finisse pari senza reti.
Nella ripresa è successo di tutto prima addirittura il gol del nipote di Maldini, poi dopo un altro rigore per l’Inter, questo segnato da Lukaku, molto generoso, dopo due minuti un terzo rigore, stavolta allo Spezia, anch’esso molto generoso, i liguri hanno addirittura vinto.
E così l’Inter è riuscita a perdere una gara nella quale ha avuto due rigori a favore. Roba che Fantozzi sarebbe invidiosissimo.😅
Ma lo Spezia non è nuovo a sculate del genere. Rammento che nelle 2 gare a Napoli prima di quest’anno ha vinto e l’anno scorso addirittura con una autorete di Juan Jesus pur senza aver mai tirato nella porta del Napoli. Una gara molto simile a quella di ieri sera dove fu dominato in lungo ed in largo proprio come ieri sera.
Come dicevo tempo fa questo è il fascino del calcio che lo rende lo sport più seguito. Anche se queste cose fanno incazzare chi le subisce.
Alla fine però va bene così.😊

Modifica il 1 anno fa da Giorgio Bianchi
Leo 62

Sicuramente Daniel è il nipote di Cesare, ma direi che è di più il figlio di Paolo…

Giorgio Bianchi

Vero Leo, ma il capostipite resta sempre Cesare, quindi ” nipote “😉

unclemarvo

Concordo sui rigori generosi (non ne avrei dato uno, figuriamoci tre), e sulla speranza di vedere lo spezia in lega pro.

Cuore ross-azzurro

Io preferisco vedere in lega pro il Ver(g)o(g)na. Per fortuna la società gialloblu sta cercando di farmi felice. Che anno meraviglioso! Sempre calcisticamente parlando.

Modifica il 1 anno fa da Cuore ross-azzurro
Zenyatta Panatta

Nostalgia degli scontri diretti? Fate prima ad arrivare in serie A anche voi. Prendetevela pure comoda, siamo abituati alle lunghe attese.

comevolevasidimostrare

TdC

Pirogov

Trofeo della Champions?

Bob Aka Utente11880

Realmente, con un allenatore loffio, una società decotta, il campion prodigo sderenato, 9/11 della squadra in scadenza, con pure il vecchietto Dzeko che alza la voce per il rinnovo, con tutto questo ci poniamo ancora delle domande ?
Non per evitare il confronto, la sana maschia dialettica che caratterizza il blooog, ma proprio perchè mi pare non ci sia nulla di strano nè di nuovo.
Discorso diverso il perculamento, che sempre tiene viva la discussione, e svia i perculatori dal grattarsi le proprie …,: ben venga colleghi.

ConteOliver

Sullo Spezia in B, o magari C, sono con te
sul resto, direi che tutto quello che poteva girare a sfiga è girato a sfiga

due tiri due gol

mi sembra la classica partita stregata, col portiere avversario baciato da Artemide

Maurizio

…e quindi, secondo te, Marotta si è impovvisamente trasformato in una gossa pippa.
per quanto riguarda poi i perculamenti, quelli vanno e vengono basta non trasformarli in aggressioni da bulletti tanto care ai soliti quattro gobbi al bar.

Bob Aka Utente11880

Ma no povero Marotta, senza dane’ ghe nient de fa’

gmr61

É un piacere avere un “ avversario “ come te….

Bob Aka Utente11880

Grazie caro collega

Luc10 Dalla

…che si percula da solo intendi?
Non è questa la vera essenza dell’interismo militante? 😘

Bob Aka Utente11880

No è comunque gli agnolotti sono meglio dei tortellini

2010 nessuno

Ma non dei cappelletti, ehh questo era da puntualizzare 😋😂😂😂

Luc10 Dalla

I tortellini sono meglio e punto.
Intendevo dire che per essere tifosu di una scuadra che si autodefinisce “pazza” una sana dose di autoironia non guasta

Bob Aka Utente11880

Esatto. Vogliamo parlare dei “plin”?

Quattroquattronovetredue

Siccome in questo blog tutti i tifosi di qualunque squadra si lamentano a prescindere, mi ci metto pure io, e vediamo che succede.
L’odiato Mourinho viene apertamente provocato dal quarto uomo, ovviamente reagisce male e giustamente viene espulso. Lui come sempre si incazza, ma stavolta si incazza pure la Società, che in precedenza ha sempre tenuto toni bassi, e per la prima volta inoltra ricorso contro la squalifica: il sottotesto dice in sintesi che sappiamo bene che il nostro tecnico rompe le palle di continuo, ma stavolta delle ragioni ce le ha e merita rispetto, giusto? Pare che chi comanda la giostra recepisca il messaggio, la pena è sospesa e si apre un’indagine sul viscido Serra, che nega perfino di essere stato quel giorno allo stadio, ma non è possibile salvarlo, e la logica suggerirebbe di salvare capra e cavoli dimezzando la squalifica, come a dire: avevi ragione però hai sbagliato a reagire, perciò un turno lo sconti e noialtri mazzoleremo il Serra. Solo che intanto la Roma, con Mourinho in panca, ha battuto niente meno che la Juve, che a sentire alcuni senza il portoghese a bordo campo avrebbe vinto passeggiando; e non è finita, perché interviene anche quel simpaticone di Sarri, che per attinenza semantica con Serra si lamenta a prescindere per un eventuale sconto di pena, hai visto mai. Insomma, nelle mani degli avvocati l’affare si è ingrossato parecchio, e allora i padroni del vapore decidono di darci un taglio netto (ahia!), e perciò squalifica confermata, e stavolta il sottotesto dice che la Roma, non Mourinho, nota bene, non conta un cazzo, e questo i Friedkin farebbero bene a tenerlo sempre a mente. Si ricordassero, ad esempio, che alla loro squadra fu data partita persa appena due anni fa per una svista formale in una lista di gioco, altro che banali contratti fantasma o plusvalenze farlocche, ma Il Regolamento è sacro, perciò pigliatevela in quel posto e così sia.
Commento personale: la Roma può vincere o perdere qualunque partita indipendentemente dal fatto che le terga lusitane poggino materialmente sulla panca, per cui l’impatto pratico di tutto questo casino è pari a zero; però il significato trascendente è invece ben diverso, e se io fossi un imprenditore zeppo di quattrini mi andrei a comprare il Sunderland, o il Villarreal, o qualunque altra squadra a condizione che non giochi in Italia, soprattutto in serie A.
E buon divertimento.

Zioric

D’accordo su tutto. Mi rimane da capire perché gli altri allenatori, l’associazione allenatori, se ancora esiste, non siano rimasti indignati e non abbiano preso posizione. Sarri avrebbe reagito in maniera differente?

ConteOliver

Perdonami, ma quale juventino del bloggo si è lamentato della non squalifica?

a me sembra proprio nessuno, e lo stesso Allegri si è detto ben felice di salutare il collega domenica

se poi 4 sfigati sui social o sui commenti dei giornaletti sportivi ha fatto delle ironie, direi che ci si può anche stare

ti inviterei a leggerle come amenità e nulla più, senza fare discorsi troppo ampi

fatti un giro su qualche forum del Napoli o dell’Inter e guarda cosa son capaci di partorire…

qui chi si attacca alle mancate squalifiche non è certo bianconero….semmai nerazzurro, alcuni di loro peraltro e non certo tutti

il ghiro

SPEZIA – INTER 2 – 1
Il buon Simone fa le sue scelte, Handanovic, D’Ambrosio, Darmian, Gosens, Lukaku, mentre Semplici schiera una squadra coraggiosa, senza catenaccio, sperando di strappare punti all’Inter.  Arbitro il tiburtino Marinelli, al VAR l’abruzzese Di Paolo.
Giallo a Gyasi, duro Caldara su D’Ambrosio, giallo per lui, VAR e netto rigore, ma il Drago devia in corner la botta di Lautaro, Drago para ancora in bagher su Lautaro, Miki tira appena fuori, si libera a dx Agudelo, il suo tiro contrato spiove sulla traversa, contropiede di Lautaro, Drago gli devia il tiro in angolo.
Ripresa; un gol annullato da Marinelli per f.g., qualche scaramuccia, attacchi Inter, poi in contropiede Nzola tocca per Maldini e succede quello che non dovrebbe mai succedere, il superbaby milanista prestato allo Spezia buca il povero Handa, aria di derby al Picco, 1-0. Entrano Dimarco, Calha, Dumfries e Dzeko, Inzaghi entra a gamba tesa, invadendo il campo, Marinelli fischia il fallo. Poi arriva il grottesco finale, prima il rigore per l’Inter per fallo su Dumfries, segnato da Lukaku, poi il ‘rigoretto’ per lo Spezia per fallo di Dumfries, segnato da Nzola. E la partita finisce così 2-1, con l’ennesimo tiro a lato di Lukaku e l’ennesima crisi isterica di Inzaghi.   

tom

In uno dei peggiori campionati di sempre, dove soltanto il Napoli offre uno spettacolo degno, ma in perfetta solitudine, la FIGC si preoccupa di fare ricorso per continuare a tenere nascosta una carta segreta che potrebbe (ma non si ancora) scagionare la Juventus nella sentenza sulle plusvalenze… Perché si vuole tenere nascosta una carta segreta? Qualcuno lo sa?
Io un sospetto ce l’ho. Staremo a vedere.
Ah, a proposito: a Mourinho hanno confermato la squalifica, con comodo.

EroAdAtene

Continuo a pensare che le plusvalenze siano solo un reato fiscale e che con il campionato c’entrino una cippa lippa.

ConteOliver

Il problema, così come per gli stipendi, è valutarne l’incidenza sul bilancio e vedere se ed in che misura hanno reso possibile l’iscrizione

in entrambi i casi la risposta, già prodotta dalla Juventus, e da chiunque abbia fatto due conti facili facili, è che no, né le plusvalenze, né gli stipendi differiti hanno inciso in quel senso.

ergo è tutta una ridicola caccia alle streghe, sul piano meramente sportivo.

sul penale si vedrà, ma anche lì sospetto che sarà un buco nell’acqua, viste le ampie anticipazioni della Procura ai media compiacenti (per esperienza ti dico che quando filtrano le indiscrezioni e le intercettazioni, vuol dire che i PM già sanno che il processo andrà male, quindi puntano ad un po’ di notorietà sui media, giusto per soddisfare il loro ego ipertrofico), vista la prima pronuncia del GIP (che già ha ben chiarito come ci sia poco o nulla), e – nel complesso – la sostanziale inconsistenza dell’intero castello accusatorio, suggestivo e nulla più.

vedremo

tanto il danno è ormai fatto e nessuno ti renderà quel che ti hanno tolto, sia a livello sportivo, sia a livello emotivo

è la giustizia italiana, bellezza!

rigorosamente con la g minuscola

Modifica il 1 anno fa da ConteOliver
commentanonimo

Ho guardato solo gli highlights. Il rigore dello Spezia in Europa secondo me non lo fischiano mai, il gol annullato per fuorigioco all’Inter fa parte di quelle regole che non capisco, non ha senso allineare il corpo o le mani e non i piedi visto che la proiezione del corpo sul campo non può essere precisa come la posizione del piede che tocca il campo e comunque un giocatore si dovrebbe disporre come vuole col corpo, mi pare nel basket conti dove sta il piede sulle palle che escono ed è molto più logico (non gioco a baket da 30 anni magari ho detto una caxxata). Lautaro rimane per me superiore a Lukaku anche se sbaglia il rigore, ed uno dei pochi attaccanti della A che è uno spettacolo da guardare anche senza palla, carisma, dribbling, e secondo me ci sta anche che decida lui se tirarlo e comunque il portiere gioca pure lui e ieri ha fatto una parata strepitosa. OT piangina-juventina (come ci definisce Waters, a proposito dove è il desaparecido oggi?) ma neanche tanto: ma se a Mou confermano la squalifica giusto dopo la partita contro noi gobbi, è poi tanto sbagliato pensare che le regole per noi siano sempre un pò diverse? Tornando all’Inter conta di pià Porto-Inter che Spezia-Inter.

Quattroquattronovetredue

Sul rigore nel finale a favore dell’Inter anche a me è sembrato che ci fosse un piede sulle palle che escono: quelle di Dumfries.

Luc 68

Siete degli ingiusti, l’Inter e il suo allenatore hanno fatto tutto ciò che si poteva fare … per vincerla … la colpa é della Juve che ruba … è lampante.
Aspettate che la Juve vada in serie B e vedrete come giocheranno meglio i ragazzi …. è l’ansia da prestazione il problema.
🤣🤣🤣🤣
Intanto si è ristabilito quello che avevo detto. Se Lazio Roma e Milano non steccano di nuovo …. sono guai grossi per inzaghino.
Water dove seiiii🤣🤣🤣

Modifica il 1 anno fa da Luc 68
2010 nessuno

Inzaghino è già nei guai, ma voi non cantate ancora vittoria

mikecas

Waters se ne è andato preventivamente in Patagonia… sapeva quello che stava per succedere… 😛 😛 😛

Quattroquattronovetredue

Pare che dopo aver degustato un pulcino di albatross a scottadito su purea di lumache selvagge antartiche non sia riuscito a sintonizzarsi su Dazn. Capita.

Germano

Inzaghi ha detto che i rigoristi sono due, non aveva evidentemente avvisato Lukaku vista la reazione.E siccome perseverare è diabolico e tafazziano, nel dopo partita ha aggiunto che continueranno ad essere due…il primo che prende la palla tira..😎

Leo 62

Beh Danielino che infila la porta dei cuginetti ha un suo fascino, non c’è che dire… il secondo rigore dell’Inter mi è sembrato inesistente, ma il punto non è quello. Quest’anno tranne il Napoli sono tutte discontinue, ma l’Inter riesce ad esserlo anche di più… l’impressione è che, vada come vada, Inzaghino sia al capolinea, vedo bene uno scambio sull’asse Milano-Bologna con Thiago Motta.

gmr61

Che dici, se ci capitassero i cugini in CL ce lo riprendiamo Danielino? Casomai solo per un paio di partite…..😂😂😂

Leo 62

Eh si, si potrebbe fare 🙂 😉

Lorenzo

Ma… E tenere le zampette nel vostro (loro, lo so che sei dell’altra sponda) grembiulino? Che con gli allenatori nemmeno possiamo fare plusvalenze…